Narrativa

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo

Descrizione: “Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2010

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Non sopporto quelli che scartano un libro perché sulla copertina c’è uno scarafaggio. E – per inciso – non sopporto neanche quelli che “L’apparenza non conta”.

Non sopporto che in Italia se sei un bravo regista, allora fai film. Se sei uno che scrive – tutto sommato – bene, allora fai il giornalista e lo scrittore. Se sai fare degnamente entrambe le cose, scrittura e regia, allora bè sì… è un po’ troppo, mica vorrai fare tutto tu che poi qualcosa ti esce male; e calmati un attimo! e fai bene O l’uno O l’altro. Sempre per piacere, però. – L’Italia è il Paese del galateo e della disgiunzione categorica, ora che ci penso. L’inclusione dev’essere retaggio di pochi misteriosi sconosciuti o di una Repubblica ancora da venire.

Non sopporto che se un libro non straripa di avvenimenti, non straborda di fatti che manco Superman se vivesse due vite, allora: la narrativa è morta. Tanto per dire: la narrativa non è solo giallo, thriller psicologico o intrighi d’amore.

Non sopporto quelli che “Il libro di Sorrentino è solo una chiacchiera filosofica”. Non capisco difatti cosa c’è di riduttivo nella chiacchiera. O nella filosofia. – Che poi, in secoli forse meno bui di questo, mi pare che l’invettiva filosofica fosse un genere di “discreto successo”.

E poi non reggo tante altre robe, come Mimmo Repetto che, «all’aurora del giorno in cui ha compiuto cento anni», dà un nome a tutto ciò che non sopporta e lo mette per iscritto nella prefazione di questo libro. E non sopporta niente e nessuno il maestro Repetto, incluso se stesso e con un’unica eccezione: la sfumatura. La sfumatura. Il passaggio graduale di un colore da un tono a un altro. Qualcosa di non definito, di non assoluto. E che per questo non implica giudizio, NON SI PUÒ giudicare. A mio parere: la sfumatura come possibile chiave di lettura del libro (ci torno).

Poi la parola passa a Tony Pagoda, alias Tony P, discepolo di Mimmo nonché cantante melodico napoletano. «Quarantaquattro anni carichi e feroci», che a contarli è una sofferenza «perché uno per tutta la vita vorrebbe essere ragazzo, mica uno scherzo invecchiare». Così Tony ci dice di come si è barcamenato nella sua turbolenta pratica dell’esistenza, diviso tra tournée intercontinentali, cocaina, donne, responsabilità beffate, sensi di colpa più o meno sottaciuti, esilio volontario a Manaus tra scarafaggi enormi e puzzolenti e rientro prezzolato in Italia, sempre fuggendo la paura di invecchiare. Dalle sue parole emergono la merda dei bassifondi e le limousine, la donna bambola femmina e madonna e le prostitute, il mafioso e il ragazzino che vuol diventare torero, la baronessa Eleonora Fonseca e la popolana Rita Formisano, il traffichino Alberto Ratto e il ricco imprenditore Fabietto… un’umanità brulicante, variegata, che si arrabatta come può o che finge di spassarsela. Che in tutti loro serpeggia un’eterna, più o meno latente, insoddisfazione. E Tony la porta a galla, insieme alla propria. Tony, che ci si racconta come un novello messia, come un filosofo truffaldino o come un semplice uomo davanti al confessore il giorno prima dell’apocalisse. Tony, che non sai se ti irrita, a sentirlo, o se appassionarti alla sua franchezza politicamente scorretta. La sfumatura: non puoi decidere se compatire quel cantantucolo e i personaggi di cui parla, se biasimarli dal primo all’ultimo, se sono diversi e distanti da te o se in ciascuno di loro c’è qualcosa della tua fragilità:


«ogni uomo ha il suo dolore. Tutti, anche l’ultimo merdoso foruncolo al crepuscolo di uomo ha il suo dolore e ci sarebbe materiale sufficiente per rispettarlo. Ti verrebbe voglia di rispettarli tutti quanti gli uomini […]. Ma poi non ci riesci. Perché, perlopiù, la cattiveria ti assale negli angoli sempre liberi, […] ti tende agguati notturni al cuore […] e si porta via i soprammobili del tuo corpo lasciandoti con un altro po’ di vuoto, […], questa volta, contaminato con i sensi di colpa».

 

La chiacchiera di Toni, che si lascia infiltrare a ogni piè sospinto dal vernacolo napoletano (seppure opportunamente distillato), può apparire in superficie scherzosa e irridente, scanzonata e pure in grado di farci ridere – di noi stessi, però. I periodi brevi seguono il ritmo dei pensieri e conferiscono alla prosa di Sorrentino un ritmo veloce e sferzante, interrotto qua e là da periodi più ampollosi, talvolta barocchi. In entrambi i casi, il flusso di coscienza che si materializza sulla pagina esclude ogni possibilità di redenzione: la parlantina di Tony ci trascina, diventa asfissiante, ridonda di male di vivere. Forse questo può sembrare il limite – ma veramente stiamo facendo? –  di “Hanno tutti ragione”: manca la speranza, lo spiraglio, il buco nella rete o qualcosa a cui ci si possa aggrappare. «Lo dimentichiamo sempre e poi lo ricordiamo di nuovo […] che questa cazzo di vita fa sempre, ininterrottamente, ottusamente, sempre, lo stesso giochetto del cazzo. Ti dà un po’ di gioia e subito dopo te la toglie». Ma se non lo avevamo capito con Leopardi, non possiamo farne una colpa a Sorrentino.

Un’ultima osservazione: se il racconto di Tony era stato inaugurato dalla prefazione di Mimmo Repetto, allo stesso modo, nel finale, la voce di Pagoda si impasta, per qualche momento, alla loquacità farneticante di due comparse eccentriche: il grandissimo estetista Tonino Paziente e lo scrittore ottantatreenne Gegè Raja. Mimmo, Tonino, Gegè e Tony P: quattro vite diverse ma, credo, una sola filosofia. La filosofia dell’hanno tutti ragione perché UNA ragione non esiste. La filosofia della sfumatura perché tutti ci abbiamo il nostro dolore da sopportare e allora meglio non giudicare nessuno, o giudicare tutti sapendo di essere giudicati a nostra volta (e da chiunque, non da Dio o chi per lui). Solo che «ci vuole la morte negli zigomi», la vecchiaia, per capire tutto questo, uscire consapevoli di indossare una maschera e coscienti che gli altri intorno ne indossano, a loro volta, una. E smettere di rincorrere il fantasma di un sé ragazzo che se n’è già andato da un pezzo. E sopportare il peso di questa pantomima generale comunemente detta vita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

"Hanno tutti ragione": Sorrentino e la società del disincanto – Libero Pensiero News

[…] Tony Pagoda, allo stesso tempo impietoso e gentile, meschino e generoso, narcisista ed altruista non è altro che l’antieroe per eccellenza: un antieroe che sfugge dai consueti canoni e che, al contrario, diventa l’icona di una società viziosa, opportunista e cinica, seppure se ne distacca. […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Sorrentino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sorrentino Paolo

Dorian Gray, un giovane di straordinaria bellezza, si è fatto fare un ritratto da un pittore. Ossessionato dalla paura della vecchiaia, ottiene, con un sortilegio, che ogni segno che il tempo dovrebbe lasciare sul suo viso, compaia invece solo sul ritratto. Avido di piacere, si abbandona agli eccessi più sfrenati, mantenendo intatta la freschezza e la perfezione del suo viso. Poiché Hallward, il pittore, gli rimprovera tanta vergogna, lo uccide. A questo punto il ritratto diventa per Dorian un atto d'accusa e in un impeto di disperazione lo squarcia con una pugnalata. Ma è lui a cadere morto: il ritratto torna a raffigurare il giovane bello e puro di un tempo e a terra giace un vecchio segnato dal vizio.

Il ritratto di Dorian Gray

Wilde Oscar

Buffo, vitale, appassionato. Superstizioso, paziente ascoltatore, imbranato. È Jeremy Davenant, l'ultimo dei cavalieri di ventura. La sua forza? La sua normalità. La capacità di convivere con le proprie debolezze, di accogliere quelle altrui. Il fatto è che Jeremy è completamente andato, partito, per quella che ritiene la donna del destino, e sembra invece l'incarnazione della donna di picche: Milena. Metà indiana, metà zingara, intelligente e sovversiva, Milena appare selvatica e irraggiungibile. Irraggiungibile? Jeremy è convinto che la loro unione sia predestinata, profondamente voluta dal fato. Lo dice anche la Pagina magica! Un foglio strappato da un'enciclopedia, ragalatogli molti anni prima da zio Gerard durante un gioco a mosca cieca.

UNA CATENA DI ROSE

Moore Jeffrey

All'era dei pirati della finanza e dell'industria, degli imperi economici costruiti sui campi di battaglia è succeduto lo scenario desolante degli anni Trenta: la borsa in caduta libera, la crisi, la disoccupazione, e "tutti quegli scandali ignobili, quei processi, quei tracolli privi di grandezza"... Come molti della sua generazione, Christophe Bohun non ha né ambizioni, né speranze, né desideri, né nostalgie. È un modesto impiegato nell'azienda che suo padre, il Bohun dell'acciaio, il Bohun del petrolio, è stato costretto, dopo un clamoroso fallimento, ad abbandonare nelle mani del socio. Si lascia svogliatamente amare da una moglie di irritante perfezione e da una cugina da sempre innamorata di lui. "È la pedina" annota la Némirovsky sulla minuta del romanzo "che viene manovrata sulla scacchiera, che per due o tremila franchi al mese sacrifica il suo tempo, la sua salute, la sua anima, la sua vita". Alla morte del padre, però, Christophe trova in un cassetto, bene in evidenza, una busta sigillata: dentro, un elenco di parlamentari, giornalisti, banchieri a cui, nel tentativo di evitare il crac, il vecchio Bohun aveva elargito somme ingenti affinché spingessero il governo ad accelerare i preparativi bellici. Riuscirà questo bruciante retaggio, questa potenziale arma di ricatto, e di riscatto, a scuotere Christophe dal suo "cupo torpore"? Difficile trovare un romanzo così puntualmente applicabile a temi e fatti di ottant'anni dopo.

Una pedina sulla scacchiera

Némirovsky Irène

La sfinge nell'abisso. Pier Paolo Pasolini: il mito, il rito e l'antico - A cura di Maura Locantore

La sfinge nell’abisso

Locantore Maura - Autori vari