Narrativa

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo

Descrizione: “Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2010

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Non sopporto quelli che scartano un libro perché sulla copertina c’è uno scarafaggio. E – per inciso – non sopporto neanche quelli che “L’apparenza non conta”.

Non sopporto che in Italia se sei un bravo regista, allora fai film. Se sei uno che scrive – tutto sommato – bene, allora fai il giornalista e lo scrittore. Se sai fare degnamente entrambe le cose, scrittura e regia, allora bè sì… è un po’ troppo, mica vorrai fare tutto tu che poi qualcosa ti esce male; e calmati un attimo! e fai bene O l’uno O l’altro. Sempre per piacere, però. – L’Italia è il Paese del galateo e della disgiunzione categorica, ora che ci penso. L’inclusione dev’essere retaggio di pochi misteriosi sconosciuti o di una Repubblica ancora da venire.

Non sopporto che se un libro non straripa di avvenimenti, non straborda di fatti che manco Superman se vivesse due vite, allora: la narrativa è morta. Tanto per dire: la narrativa non è solo giallo, thriller psicologico o intrighi d’amore.

Non sopporto quelli che “Il libro di Sorrentino è solo una chiacchiera filosofica”. Non capisco difatti cosa c’è di riduttivo nella chiacchiera. O nella filosofia. – Che poi, in secoli forse meno bui di questo, mi pare che l’invettiva filosofica fosse un genere di “discreto successo”.

E poi non reggo tante altre robe, come Mimmo Repetto che, «all’aurora del giorno in cui ha compiuto cento anni», dà un nome a tutto ciò che non sopporta e lo mette per iscritto nella prefazione di questo libro. E non sopporta niente e nessuno il maestro Repetto, incluso se stesso e con un’unica eccezione: la sfumatura. La sfumatura. Il passaggio graduale di un colore da un tono a un altro. Qualcosa di non definito, di non assoluto. E che per questo non implica giudizio, NON SI PUÒ giudicare. A mio parere: la sfumatura come possibile chiave di lettura del libro (ci torno).

Poi la parola passa a Tony Pagoda, alias Tony P, discepolo di Mimmo nonché cantante melodico napoletano. «Quarantaquattro anni carichi e feroci», che a contarli è una sofferenza «perché uno per tutta la vita vorrebbe essere ragazzo, mica uno scherzo invecchiare». Così Tony ci dice di come si è barcamenato nella sua turbolenta pratica dell’esistenza, diviso tra tournée intercontinentali, cocaina, donne, responsabilità beffate, sensi di colpa più o meno sottaciuti, esilio volontario a Manaus tra scarafaggi enormi e puzzolenti e rientro prezzolato in Italia, sempre fuggendo la paura di invecchiare. Dalle sue parole emergono la merda dei bassifondi e le limousine, la donna bambola femmina e madonna e le prostitute, il mafioso e il ragazzino che vuol diventare torero, la baronessa Eleonora Fonseca e la popolana Rita Formisano, il traffichino Alberto Ratto e il ricco imprenditore Fabietto… un’umanità brulicante, variegata, che si arrabatta come può o che finge di spassarsela. Che in tutti loro serpeggia un’eterna, più o meno latente, insoddisfazione. E Tony la porta a galla, insieme alla propria. Tony, che ci si racconta come un novello messia, come un filosofo truffaldino o come un semplice uomo davanti al confessore il giorno prima dell’apocalisse. Tony, che non sai se ti irrita, a sentirlo, o se appassionarti alla sua franchezza politicamente scorretta. La sfumatura: non puoi decidere se compatire quel cantantucolo e i personaggi di cui parla, se biasimarli dal primo all’ultimo, se sono diversi e distanti da te o se in ciascuno di loro c’è qualcosa della tua fragilità:


«ogni uomo ha il suo dolore. Tutti, anche l’ultimo merdoso foruncolo al crepuscolo di uomo ha il suo dolore e ci sarebbe materiale sufficiente per rispettarlo. Ti verrebbe voglia di rispettarli tutti quanti gli uomini […]. Ma poi non ci riesci. Perché, perlopiù, la cattiveria ti assale negli angoli sempre liberi, […] ti tende agguati notturni al cuore […] e si porta via i soprammobili del tuo corpo lasciandoti con un altro po’ di vuoto, […], questa volta, contaminato con i sensi di colpa».

 

La chiacchiera di Toni, che si lascia infiltrare a ogni piè sospinto dal vernacolo napoletano (seppure opportunamente distillato), può apparire in superficie scherzosa e irridente, scanzonata e pure in grado di farci ridere – di noi stessi, però. I periodi brevi seguono il ritmo dei pensieri e conferiscono alla prosa di Sorrentino un ritmo veloce e sferzante, interrotto qua e là da periodi più ampollosi, talvolta barocchi. In entrambi i casi, il flusso di coscienza che si materializza sulla pagina esclude ogni possibilità di redenzione: la parlantina di Tony ci trascina, diventa asfissiante, ridonda di male di vivere. Forse questo può sembrare il limite – ma veramente stiamo facendo? –  di “Hanno tutti ragione”: manca la speranza, lo spiraglio, il buco nella rete o qualcosa a cui ci si possa aggrappare. «Lo dimentichiamo sempre e poi lo ricordiamo di nuovo […] che questa cazzo di vita fa sempre, ininterrottamente, ottusamente, sempre, lo stesso giochetto del cazzo. Ti dà un po’ di gioia e subito dopo te la toglie». Ma se non lo avevamo capito con Leopardi, non possiamo farne una colpa a Sorrentino.

Un’ultima osservazione: se il racconto di Tony era stato inaugurato dalla prefazione di Mimmo Repetto, allo stesso modo, nel finale, la voce di Pagoda si impasta, per qualche momento, alla loquacità farneticante di due comparse eccentriche: il grandissimo estetista Tonino Paziente e lo scrittore ottantatreenne Gegè Raja. Mimmo, Tonino, Gegè e Tony P: quattro vite diverse ma, credo, una sola filosofia. La filosofia dell’hanno tutti ragione perché UNA ragione non esiste. La filosofia della sfumatura perché tutti ci abbiamo il nostro dolore da sopportare e allora meglio non giudicare nessuno, o giudicare tutti sapendo di essere giudicati a nostra volta (e da chiunque, non da Dio o chi per lui). Solo che «ci vuole la morte negli zigomi», la vecchiaia, per capire tutto questo, uscire consapevoli di indossare una maschera e coscienti che gli altri intorno ne indossano, a loro volta, una. E smettere di rincorrere il fantasma di un sé ragazzo che se n’è già andato da un pezzo. E sopportare il peso di questa pantomima generale comunemente detta vita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

"Hanno tutti ragione": Sorrentino e la società del disincanto – Libero Pensiero News

[…] Tony Pagoda, allo stesso tempo impietoso e gentile, meschino e generoso, narcisista ed altruista non è altro che l’antieroe per eccellenza: un antieroe che sfugge dai consueti canoni e che, al contrario, diventa l’icona di una società viziosa, opportunista e cinica, seppure se ne distacca. […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Sorrentino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sorrentino Paolo

Gli Implaccabili sono stati - e sono - così tanti che hanno costretto a un sequel. Dicono sia il sintomo di un successo iniziale e tutto sommato è stato proprio così. Forse non sarà l’unico perché il pianeta ovale è più grande di Giove, più misterioso di Marte, più ammantato di nebbie da squarciare di Mercurio, più fascinoso del Parnaso dipinto da Mantegna. E così, se il professor Umberto Eco si è lanciato nella classificazione delle terre e dei luoghi leggendari, è venuto naturale proseguire su questa strada di uomini e fatti che leggendari non sono, ma che il trascorrer del tempo sta mutando in ruvidi semidei, in momenti che val la pena tornare a accarezzare. La nostalgia non è tristezza, è solo l’amo per ripescare dentro di noi Nelson Mandela che diventa Springbok, Jean Prat che smonta gli All Blacks, Danie Craven che, come lo zio Sam, invita ad arruolarsi, i Natives che giocano una partita lunga un anno e mezzo. Tra gli attori di Implaccabili 2 ci sono anche loro e non solo loro.

GLI IMPLACCABILI

Cimbrico Giorgio

Il protagonista di questo libro è un signore che ha cinquantacinque anni però anche lui è stato giovane, e quando era giovane ha fatto l'editore, poi ha fatto lo scrittore, adesso fa il giornalista e pratica una forma di giornalismo che lui chiama Giornalismo disinformato, e la insegna, anche. E' un tipo di giornalismo, il giornalismo disinformato, che dice che delle cose che si scrivono non bisogna saper niente. "Ragazzi" gli dice a quelli che partecipano ai suoi corsi "se non sapete cosa scrivere, scrivetelo. Scrivete così: Non so cosa scrivere". E delle regole classiche del giornalismo, delle cinque doppie vu, "when" "what" "where" "who" "why", che sarebbero le cinque cose da dire secondo le regole classiche del giornalismo informato, ecco, lui, nei pezzi che scrive lui, cerca di non rispondere a nessuna di queste domande, ma si sforza di rispondere a un'altra, domanda: "how". Bisogna concentrarsi sul "come", secondo lui, e se ci si concentra sul "come" si risponde anche alle altre domande. Bisogna cioè farsi guidare, in un certo senso, non dal proprio cervello, non dalla propria sapienza, dai propri occhi, bisogna mettersi per strada e cominciare a guardare. Allora lì, in un certo senso, è un'avventura; può saltar fuori qualsiasi cosa, può andare a finire che uno diventa testimone dì un omicidio, oppure che uno torna a casa, si mette al computer e scrive "Non so cosa scrivere". Ecco. Ermanno Baistrocchi, all'inizio di questo romanzo, diventa testimone di un omicidio, e la sua esistenza di giornalista disinformato, che era già abbastanza complicata per conto suo, diventa, da un giorno all'altro, complicatissima.

Manuale pratico di giornalismo disnformato

Nori Paolo

Loro ci sono. Loro sono di là. O forse sono altrove. Se li chiami, c'è anche il rischio che rispondano. Ma con che risultato? Loro sono riconoscibilissimi - ma chi li ha visti crescere teme sempre che possano essere stati sostituiti. Inquietanti o inquieti? Loro passano gran parte del tempo in una posizione orizzontale che non è necessariamente quella del sonno. Ma certamente dormono quando gran parte del mondo è sveglia. Loro sono gli adolescenti, anzi i figli adolescenti. Così se li immagina Michele Serra: sdraiati. Gli sdraiati fanno paura, fanno tenerezza, fanno incazzare. Eppure se interrogati a volte sorprendono per intelligenza, buon senso, pertinenza. E allora? Bisogna raccontarli, guardarli, spiarli. Cosa che Michele Serra fa con l'ansia del padre, con lo spirito del moralista, con l'acutezza del comico. Gli sdraiati è un romanzo, un saggio, un'avventura. Ed è anche il "monumento" a una lunga generazione che si è allungata orizzontalmente nel mondo, nella società, e forse da quella posizione sta riuscendo a vedere cose che gli "eretti" non vedono più, non vedono ancora, hanno smesso di vedere.

Gli sdraiati

Serra Michele

Delfina è una ragazza in coma a seguito di un incidente, chiusa in quello stato che i medici definiscono minimal responsive. Attorno a lei i personaggi che fanno parte della sua esistenza: la madre, donna ingombrante e perfezionista; un padre lontano, mite e un po' egoista; un fidanzato inconsistente che nasconde una colpa terribile; la fisioterapista; le amiche. Una girandola di amici e parenti che si affolla sul guscio apparentemente vuoto della protagonista e, nel bene e nel male, porta avanti la sua vita. Eppure ognuno di loro è prima di tutto a se stesso che parla, mettendo a nudo le meschinerie e le paure che stanno a fondamento di ogni relazione, in una rappresentazione della normalità che sconfina pericolosamente con il suo opposto, quella sottile e banale follia del quotidiano in cui è immersa la nostra vita. Fuori Delfina, un succedersi di storie e di colpi di scena. Dentro, l'inquieto vaneggiare di Delfina in attesa del risveglio. Ma se fosse proprio lei a non voler aprire gli occhi?

NUDA VITA

Frascati Daniela