Narrativa

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo

Descrizione: “Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2010

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Non sopporto quelli che scartano un libro perché sulla copertina c’è uno scarafaggio. E – per inciso – non sopporto neanche quelli che “L’apparenza non conta”.

Non sopporto che in Italia se sei un bravo regista, allora fai film. Se sei uno che scrive – tutto sommato – bene, allora fai il giornalista e lo scrittore. Se sai fare degnamente entrambe le cose, scrittura e regia, allora bè sì… è un po’ troppo, mica vorrai fare tutto tu che poi qualcosa ti esce male; e calmati un attimo! e fai bene O l’uno O l’altro. Sempre per piacere, però. – L’Italia è il Paese del galateo e della disgiunzione categorica, ora che ci penso. L’inclusione dev’essere retaggio di pochi misteriosi sconosciuti o di una Repubblica ancora da venire.

Non sopporto che se un libro non straripa di avvenimenti, non straborda di fatti che manco Superman se vivesse due vite, allora: la narrativa è morta. Tanto per dire: la narrativa non è solo giallo, thriller psicologico o intrighi d’amore.

Non sopporto quelli che “Il libro di Sorrentino è solo una chiacchiera filosofica”. Non capisco difatti cosa c’è di riduttivo nella chiacchiera. O nella filosofia. – Che poi, in secoli forse meno bui di questo, mi pare che l’invettiva filosofica fosse un genere di “discreto successo”.

E poi non reggo tante altre robe, come Mimmo Repetto che, «all’aurora del giorno in cui ha compiuto cento anni», dà un nome a tutto ciò che non sopporta e lo mette per iscritto nella prefazione di questo libro. E non sopporta niente e nessuno il maestro Repetto, incluso se stesso e con un’unica eccezione: la sfumatura. La sfumatura. Il passaggio graduale di un colore da un tono a un altro. Qualcosa di non definito, di non assoluto. E che per questo non implica giudizio, NON SI PUÒ giudicare. A mio parere: la sfumatura come possibile chiave di lettura del libro (ci torno).

Poi la parola passa a Tony Pagoda, alias Tony P, discepolo di Mimmo nonché cantante melodico napoletano. «Quarantaquattro anni carichi e feroci», che a contarli è una sofferenza «perché uno per tutta la vita vorrebbe essere ragazzo, mica uno scherzo invecchiare». Così Tony ci dice di come si è barcamenato nella sua turbolenta pratica dell’esistenza, diviso tra tournée intercontinentali, cocaina, donne, responsabilità beffate, sensi di colpa più o meno sottaciuti, esilio volontario a Manaus tra scarafaggi enormi e puzzolenti e rientro prezzolato in Italia, sempre fuggendo la paura di invecchiare. Dalle sue parole emergono la merda dei bassifondi e le limousine, la donna bambola femmina e madonna e le prostitute, il mafioso e il ragazzino che vuol diventare torero, la baronessa Eleonora Fonseca e la popolana Rita Formisano, il traffichino Alberto Ratto e il ricco imprenditore Fabietto… un’umanità brulicante, variegata, che si arrabatta come può o che finge di spassarsela. Che in tutti loro serpeggia un’eterna, più o meno latente, insoddisfazione. E Tony la porta a galla, insieme alla propria. Tony, che ci si racconta come un novello messia, come un filosofo truffaldino o come un semplice uomo davanti al confessore il giorno prima dell’apocalisse. Tony, che non sai se ti irrita, a sentirlo, o se appassionarti alla sua franchezza politicamente scorretta. La sfumatura: non puoi decidere se compatire quel cantantucolo e i personaggi di cui parla, se biasimarli dal primo all’ultimo, se sono diversi e distanti da te o se in ciascuno di loro c’è qualcosa della tua fragilità:


«ogni uomo ha il suo dolore. Tutti, anche l’ultimo merdoso foruncolo al crepuscolo di uomo ha il suo dolore e ci sarebbe materiale sufficiente per rispettarlo. Ti verrebbe voglia di rispettarli tutti quanti gli uomini […]. Ma poi non ci riesci. Perché, perlopiù, la cattiveria ti assale negli angoli sempre liberi, […] ti tende agguati notturni al cuore […] e si porta via i soprammobili del tuo corpo lasciandoti con un altro po’ di vuoto, […], questa volta, contaminato con i sensi di colpa».

 

La chiacchiera di Toni, che si lascia infiltrare a ogni piè sospinto dal vernacolo napoletano (seppure opportunamente distillato), può apparire in superficie scherzosa e irridente, scanzonata e pure in grado di farci ridere – di noi stessi, però. I periodi brevi seguono il ritmo dei pensieri e conferiscono alla prosa di Sorrentino un ritmo veloce e sferzante, interrotto qua e là da periodi più ampollosi, talvolta barocchi. In entrambi i casi, il flusso di coscienza che si materializza sulla pagina esclude ogni possibilità di redenzione: la parlantina di Tony ci trascina, diventa asfissiante, ridonda di male di vivere. Forse questo può sembrare il limite – ma veramente stiamo facendo? –  di “Hanno tutti ragione”: manca la speranza, lo spiraglio, il buco nella rete o qualcosa a cui ci si possa aggrappare. «Lo dimentichiamo sempre e poi lo ricordiamo di nuovo […] che questa cazzo di vita fa sempre, ininterrottamente, ottusamente, sempre, lo stesso giochetto del cazzo. Ti dà un po’ di gioia e subito dopo te la toglie». Ma se non lo avevamo capito con Leopardi, non possiamo farne una colpa a Sorrentino.

Un’ultima osservazione: se il racconto di Tony era stato inaugurato dalla prefazione di Mimmo Repetto, allo stesso modo, nel finale, la voce di Pagoda si impasta, per qualche momento, alla loquacità farneticante di due comparse eccentriche: il grandissimo estetista Tonino Paziente e lo scrittore ottantatreenne Gegè Raja. Mimmo, Tonino, Gegè e Tony P: quattro vite diverse ma, credo, una sola filosofia. La filosofia dell’hanno tutti ragione perché UNA ragione non esiste. La filosofia della sfumatura perché tutti ci abbiamo il nostro dolore da sopportare e allora meglio non giudicare nessuno, o giudicare tutti sapendo di essere giudicati a nostra volta (e da chiunque, non da Dio o chi per lui). Solo che «ci vuole la morte negli zigomi», la vecchiaia, per capire tutto questo, uscire consapevoli di indossare una maschera e coscienti che gli altri intorno ne indossano, a loro volta, una. E smettere di rincorrere il fantasma di un sé ragazzo che se n’è già andato da un pezzo. E sopportare il peso di questa pantomima generale comunemente detta vita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

"Hanno tutti ragione": Sorrentino e la società del disincanto – Libero Pensiero News

[…] Tony Pagoda, allo stesso tempo impietoso e gentile, meschino e generoso, narcisista ed altruista non è altro che l’antieroe per eccellenza: un antieroe che sfugge dai consueti canoni e che, al contrario, diventa l’icona di una società viziosa, opportunista e cinica, seppure se ne distacca. […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Sorrentino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sorrentino Paolo

Immersa nel caldo torrido di luglio, la città si appresta a festeggiare una delle sue ricorrenze più popolari, quella della Madonna del Carmine, quando viene sconvolta da una terribile notizia: la tragica fine di un medico, professore universitario di ostetricia e ginecologia, stimato come professionista e molto amato per l'attività gratuita che svolge a favore delle famiglie più povere. Il dottore, caduto da un'impalcatura in circostanze poco chiare, era sposato e aveva un figlio piccolo. Ricciardi è incaricato di indagare sul caso: deve scoprire se qualcuno ha spinto l'uomo nel vuoto, e come al solito "il fatto", l'immagine dell'ultimo istante di dolore del morto, lo perseguita. Ma questa volta il commissario è distratto da uno dei momenti più difficili della propria esistenza; su di lui incombono l'abbandono e il lutto.

In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi

De Giovanni Maurizio

Tutto comincia con "Delitto e castigo", un romanzo che Paolo Nori legge da ragazzo: è una iniziazione e, al contempo, un'avventura. La scoperta è a suo modo violenta: quel romanzo, pubblicato centododici anni prima, a tremila chilometri di distanza, apre una ferita che non smette di sanguinare. "Sanguino ancora. Perché?" si chiede Paolo Nori, e la sua è una risposta altrettanto sanguinosa, anzi è un romanzo che racconta di un uomo che non ha mai smesso di trovarsi tanto spaesato quanto spietatamente esposto al suo tempo. Se da una parte Nori ricostruisce gli eventi capitali della vita di Fëdor M. Dostoevskij, dall'altra lascia emergere ciò che di sé, quasi fraternamente, Dostoevskij gli lascia raccontare. Perché di questa prossimità è fatta la convivenza con lo scrittore che più di ogni altro ci chiede di bruciare la distanza fra la nostra e la sua esperienza di esistere. Ingegnere senza vocazione, genio precoce della letteratura, nuovo Gogol', aspirante rivoluzionario, condannato a morte, confinato in Siberia, cittadino perplesso della "città più astratta e premeditata del globo terracqueo", giocatore incapace e disperato, marito innamorato, padre incredulo ("Abbiate dei figli! Non c'è al mondo felicità più grande", è lui che lo scrive), goffo, calvo, un po' gobbo, vecchio fin da quando è giovane, uomo malato, confuso, contraddittorio, disperato, ridicolo, così simile a noi. Quanto ci chiama, sembra chiedere Paolo Nori, quanto ci chiama a sentire la sua disarmante prossimità, il suo essere ferocemente solo, la sua smagliante unicità? Quanto ci chiama a riconoscere dove la sua ferita continua a sanguinare?

Sanguina ancora

Nori Paolo

L’esordio di un nuovo, straordinario personaggio destinato a restare a lungo nel cuore e nella mente dei lettori: il detective Carl Mørk. «Buon compleanno, Merete. Oggi sono centoventisei giorni che sei qui, e questo è il nostro regalo per te. Lasceremo la luce accesa per un anno, a meno che tu non sia capace di rispondere a una domanda. Perché ti abbiamo rinchiusa?» In una bella giornata d’inverno, la giovane parlamentare Merete Lynggaard scompare senza lasciare tracce. I media si lanciano avidamente sulla storia e le ipotesi si avvicendano nei titoli: dal suicidio all’omicidio, dal tragico incidente al rapimento, fi no alla sparizione volontaria. La polizia mette in campo tutte le forze, ma senza risultato. Merete Lynggaard sembra inghiottita dalla terra. Solo quando Carl Mørk, un poliziotto tenace e polemico, decide anni dopo di impegnarsi nel caso con la sua sezione Q, il reparto speciale per i casi irrisolti, le indagini fanno un decisivo passo in avanti. Carl e il suo misterioso assistente siriano, Assad, si lanciano in una battaglia contro il tempo e contro il disegno delirante di un criminale folle.

LA DONNA IN GABBIA

Adler-Olsen Jussi

In un pittoresco mosaico di stravaganti preghiere si dipanano storie cucite ad arte, tra il sacro ed il profano. Questi racconti sono perle di un rosario, gocce stillanti, e voci fuori dal coro. Un campionario di vicende narrate senza filtri, dove il perbenismo non è ammesso e dove prendono vita in maniera spontanea e bestiale, solipsistiche aberrazioni del sé. Perché la verità condita da bianche bugie è più nera del sole. Profane preghiere scandiscono il tempo dell'incertezza. Qui dove nessuna lezione di vita viene impartita. Racconti diversi a volte per-versi inscenano un carosello di esistenze violate. Dove il sacro è pretesto per riscoprire il corpo e il credo solo un vincolo profano. Non vi è spazio per l'ipocrisia della correttezza in queste pagine sporcate dalle penne di anime originali e controcorrente. Una raccolta di diciotto racconti curata dall'autore Simone Pozzati. Un mix di scrittori in cui spiccano i racconti di autori noti al panorama nazionale come Marilù Manzini, il poeta beat Antonio Veneziani, il regista Livio Galassi, il biografo e poeta Ignazio Gori, lo scrittore Maurizio Valtieri, il commediografo Simone Romano e l'editore Simone Di Matteo.

Del sacro e del profano

Pozzati Simone e autori vari