Romance

Rashad

Panzacchi Francesca

Descrizione: Bianca, giovane rampolla di una famiglia borghese, scopre per caso di aver suscitato, alcuni anni prima, l’interesse di uno sceicco di nome Rashad. Il loro incontro però non aveva potuto concretizzarsi in quanto l’uomo era rimasto vittima di un attentato che lo aveva lasciato in parte sfigurato. Bianca, incuriosita, rintraccia lo sceicco che la accoglie nel suo sontuoso palazzo in Qatar. Alto e bello, Rashad reca alcune cicatrici ma è rimasto attraente e in forze. Lui però non se ne fa una ragione soffrendo profondamente per la propria condizione. Solo l’amore di Bianca potrà restituirlo alla vita.

Categoria: Romance

Editore: PlaceBook Publishing

Collana:

Anno: 2021

ISBN: 979-8763780215

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Rashad di Francesca Panzacchi

Francesca Panzacchi sceglie una citazione di Tacito per introdurre il suo nuovo romance: Omne ignotum pro magnifico, Tutto ciò che è sconosciuto è sublime. In questo modo promette al lettore una storia piena di fascino esotico, una vicenda ove conquista, scommessa, slancio spericolato nell’assecondare istinto e passione sono la fonte dell’energia vitale che inducono la protagonista – la bellissima e coraggiosa Bianca – ad accettare una sfida difficile (“…per pareggiare i conti col destino”, verrebbe da aggiungere riprendendo un passaggio del racconto) e, per ciò stesso, stimolante.

Sempre in bilico tra il paradigma fiabesco dello sceicco “bello e impossibile” che possiede la formula di Aladino per spalancare la porta su un mondo di ricchezze favolose (“Ancora con questi stereotipi?”), il pericolo rappresentato da una cultura così diversa da quella occidentale (“Da quelle parti, ti chiedono in moglie ancor prima di chiederti di uscire”) e il desiderio di seduzione (“Io avevo rinunciato a vivere, poi è arrivata lei”), l’opera di Francesca Panzacchi asseconda e rispetta le regole più classiche del genere, regalando suggestioni con la sensualità palpitante di un’incipiente e travolgente storia d’amore: gioielli e sapori mediorientali, una reggia fantastica e piena di sorprese, un abito nuziale da sogno, un’incursione nel deserto per assaporare luci suggestive, solitudine e vastità…

In sottofondo, leggendo Rashad, aleggia l’ispirazione in parte dichiarata ed esplicita a vicende – da “La bella e la bestia” a “Il fantasma dell’opera”, da “Il gobbo di Notre Dame” a “King Kong” – nelle quali la potenza della passione trionfa sullo sfregio (“Da quanto tempo non ti specchi?”) e la bellezza dei sentimenti restituisce dignità al brivido o alla ripulsa che s’interpongono nei rapporti umani di fronte alle ferite inferte dalla violenza o dinnanzi alle cicatrici con le quali la vita spesso ci marchia.

Bruno Elpis

iI link per acquistare Rashad sul sito della casa editrice

ll link per acquistare Rashad su Amazon

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesca

Panzacchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Panzacchi Francesca

Milano, 2014. Valerio ha ventisette anni e una vita vuota e vive in un monolocale su cui aleggia la presenza del precedente proprietario: lo zio Willy, morto in odore di satanismo, che si dice avesse accumulato un tesoro mai ritrovato. Per guadagnare qualcosa, Valerio affitta l’appartamento per brevi periodi. Ha però un vizio: entrare in casa di nascosto dai suoi ospiti, per curiosare fra i loro oggetti e immergersi con la fantasia in esistenze diverse dalla sua. Una di loro, la bella ed enigmatica Viola, lo colpisce al cuore. I due si confidano, sembra nascere qualcosa; poi Viola scompare lasciandogli la speranza di tornare da lui, un giorno. Ma Viola è una donna sposata e in fuga dal marito, e forse il suo passaggio dalla casa di Valerio non è stato casuale. Che c’entri in qualche modo la leggenda del tesoro dello zio Willy? Ma com’è possibile? Per Valerio comincia un viaggio alla ricerca della donna, che dalle strade di Milano lo porta al Rio delle Amazzoni, un viaggio in cui fra scoperte dolorose e squarci di inattesa felicità, la sua vita precaria cambierà per sempre. Un libro dove i fondamenti della narrazione romanzesca (il denaro, l’amore, l’avventura, il mistero, la comicità) catturano il lettore e si fondono nel ritratto di un personaggio vero e tenerissimo. E di una generazione derubata del proprio futuro e costretta a inventarsi il presente ogni giorno, con rabbia ma anche con ironia.

Sempre più vicino

Montanari Raul

Vent'anni dopo "Woobinda", Aldo Nove ritorna con "Anteprima mondiale". Vent'anni in cui tutto è cambiato senza tradire le profetiche premesse che infiammarono allora pubblico e critica. Nove racconta un mondo mutato per sempre, giunto oggi a un punto di saturazione, e gioca la carta più difficile: descrivere con ironia e compassione una deriva che non risparmia niente e nessuno, se non un residuale senso di umanesimo a cui possiamo ancorare le nostre speranze per il futuro. "Anteprima mondiale" fa ridere e al tempo stesso tocca le nostre inquietudini più profonde, riuscendo nel paradosso di trasformare, grazie alla letteratura, ciò che ci fa spavento in qualcosa di sorprendentemente comico.

Anteprima mondiale

Nove Aldo

DE PROFUNDIS – di Oscar Wilde

E’ notte e il silenzio avvolge la baia di Salem. Zee Finch è ferma sul molo e fissa il mare. Il tempo sembra essersi fermato. Le stelle brillano nel cielo senza una e si riflettono sulle acque dell’oceano disegnando un sentiero luminoso. Una volta Zee conosceva bene quel sentiero. Aveva tredici anni e passava le notti in mare aperto a guidare barche rubate, ma trovava sempre la strada grazie alle stelle. Eppure, un giorno, aveva perso quella rotta, e aveva giurato a se stessa di non percorrerla più. Perché quel giorno sua madre sia era suicidata, all’improvviso. Zee era fuggita da tutto e da tutti, dedicandosi agli studi in psicologia. Sono passati quindici anni da allora. Ma adesso è venuto il momento di ripercorrere quella rotta perduta. Il suicidio di Lily Braedon, una delle pazienti più difficili di Zee, che ora fa la psicoterapeuta, la costringe a fare ritorno. Le analogie fra il caso della donna e quello della madre sono troppe. Zee è sconvolta, ma non ha altra scelta: l’unico modo per fare luce sulla morte di Lily è capire la verità sul suo passato irrisolto. Un passato pieno di menzogne e segreti che molti, nella chiusa comunità di Salem, hanno cercato di rimuovere. Zee non può fidarsi di nessuno. Forse nemmeno di suo padre, ormai un uomo vecchio e malato. Non le resta che fare affidamento su se stessa, imparare a non dare nulla per scontato, rimettere tutto in discussione, anche quando la fuga sembra l’unica via d’uscita. Ma deve fare in fretta. Perché una nuova spirale di violenza rischia di rendere ogni sforzo vano. La verità corre su un’unica strada, che Zee ha dimenticato per troppo tempo, ma che se troverà il coraggiosi ripercorrere, la porterà a casa. Qui potrà finalmente realizzarsi il destino che l’aspetta.

LA RAGAZZA CHE RUBAVA LE STELLE

Barry Brunonia