Saggi

La lingua geniale

Marcolongo Andrea

Descrizione: Virginia Woolf scrisse che il greco antico è una lingua «che ci tiene schiavi, che ci seduce e ci attira» pur nella sua irreparabile incomprensione. Sì, perché il greco oggi non lo comprendiamo più: la sua unicità è scomparsa per sempre. La lingua greca era, innanzitutto, un modo di vedere il mondo: un mondo in cui non esisteva il tempo delle cose, ma il come, l’aspetto. In cui i numeri delle parole erano tre, singolare plurale e duale – due per gli occhi, due per gli amanti –, ed esisteva un modo verbale per esprimere il desiderio, l’ottativo. Non esisteva il futuro, il greco moderno ha dovuto inventarlo. Il nostro modo di pensare è così diverso che il greco antico non è più parte di noi – linguisticamente siamo orfani. O meglio, diseredati. Queste Lezioni di greco nascono dalla cocciutaggine di chi ha a lungo studiato la lingua greca per rintracciarne il significato profondo – e per dare, nel 2016, significato a chi a questa lingua si avvicina. Nascono soprattutto dalla volontà di mettere fine a ogni paura, soggezione, separazione tra gli italiani moderni e i greci antichi. Si tratta quindi di un viaggio intimo del lettore nelle particolarità del greco antico, con la convinzione che solo l’immaginazione, la fantasia e l’ironia, supportate dalla conoscenza, ci possano liberare dalla schiavitù di una lingua che da millenni ci seduce senza capirla – e trasformarla in amore.

Categoria: Saggi

Editore: Laterza

Collana: I Robinson

Anno: 2016

ISBN: 9788858125250

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Andrea Marcolongo, La lingua geniale

“Capire il greco non è questione di talento, ma di militanza – come la vita.”

Immersione infinita. Fiato sospeso. Il cuore, stretto, si fa sentire ancora di più. Ne La lingua geniale non è importante aver studiato il greco, conoscerlo o saperlo tradurre: l’importante è saper entrare, a cuore totalmente aperto, in un mondo, anzi, in un universo a noi così lontano ma che sa avvicinarsi a tal punto da inondare i nostri cuori. Sì perché in questo libro non c’è solo la storia di una lingua deceduta e compianta nei secoli dei secoli, ma c’è la voglia, il coraggio di mostrare a tutti la profonda umanità di un popolo che viveva, guardava, amava, capiva, si interrogava e cercava di afferrare la vita in un modo unico ed irripetibile. Un popolo con una risonanza tale, una potenza di filosofia, nel significato etimologico del termine, da ammaliare, affascinare, sedurre tutti i popoli del mondo antico, compreso l’imponente e feroce impero romano. Culla del concetto di democrazia, del sentimento di popolo prima ancora della definizione di nazione, “tutto ciò che di bello e di insuperabile è stato detto o fatto al mondo, l’hanno detto o fatto per la prima volta gli antichi Greci. E quindi in greco antico.” E allora è mai possibile esprimersi utilizzando verbi non schiavi del tempo ma che indichino l’aspetto, il come dell’azione? Come fare per distinguere un noi generico (da due a infinito) con un’entità fatta da due sole persone unite indissolubilmente? E come è possibile far capire ad una persona, tramite il solo utilizzo di un verbo, che si sta ardendo di desiderio incondizionato? Per un Greco tutto ciò era possibile grazie ad una lingua che sapeva e poteva raccontare ogni angolo dell’animo umano.

In un libro di circa 150 pagine, insieme delizioso e brillante, sensuale ed accattivante, leggero ma ricco, Andrea Marcolongo ci trascina mano nella mano in un itinerario fra i Greci che sa essere stimolante, facendo più volte tappa nella sua intimità di studente, negli anni del liceo, e di donna, oggi. Anche per chi come me non ha mai studiato davvero il greco, il messaggio è chiaro, limpido: non basta studiare il greco per capirlo fino in fondo: serve capire, amare, sentire, essere come un Greco; solo allora il fascino che ha conquistato mezzo mondo ci avvolgerà davvero, e, forse, per sempre. Μακάριε

Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La lingua geniale – Luigi's book

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Marcolongo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marcolongo Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Estate 1975. Nello scenario di una Puglia misteriosa, tra la campagna e il mare, quattro ragazzi vivono un'esperienza che segnerà per sempre le loro esistenze. Matteo Leoni, un tredicenne timido e riservato con la passione per la scrittura e la cugina Valentina, sua coetanea bella e intelligente, gli altri amici. L'estate scivola tra escursioni avventurose, corse in bicicletta, presenze inquietanti, bagni notturni, rocambolesche vicende familiari, amori sotterranei, risse e scoperte stupefacenti. Sullo sfondo la traccia misteriosa della foresta, compatta e scura, disegnata a rilievo sulla campagna. Come un cane nero, che corre. Poi arriva settembre, e segnerà la linea di confine, imprevedibile, che dividerà le loro vite.

L’ESTATE DEL CANE NERO

Carofiglio Francesco

Il volume contiene il ciclo completo inaugurato dalla "Guida galattica per gli autostoppisti", che comprende "Il ristorante al termine dell'universo", "La vita, l'universo e tutto quanto", "Addio e grazie per tutto il pesce" più un racconto inedito. Una gigantesca autostrada cosmica sta per essere costruita dalle parti del sistema solare. E una banale diramazione deve essere aperta proprio dove ora c'è la terra. Di conseguenza quel vecchio e inutile pianeta va rimosso. Lo viene a sapere Ford Perfect, redattore extraterrestre in incognito che deve aggiornare la monumentale "Guida galattica per gli autostoppisti", il manuale che insegna ai turisti come destreggiarsi in un cosmo selvaggio, di multinazionali e viaggi organizzati.

Guida galattica per autostoppisti

Adams Douglas

Le donne sono come farfalle che un giorno, nonostante tutto, spiccheranno il volo. Alcune tacciono e accettano quel che la società impone loro, come la madre di Nadia, la protagonista del romanzo, o come Aisha, che tace e obbedisce ai fratelli, ma alla fine si suicida. Nadia invece non tace, non vuole tacere. Figlia di un kuwaitiano e di una siriana, per un breve periodo sembra subire anche lei la volontà altrui, ma sarà per poco. La famiglia la obbliga a sposarsi con un uomo molto più vecchio, un kuwaitiano con un matrimonio alle spalle e dei figli a carico, che le rovina i giorni migliori della vita. Ma Nadia non vuole soccombere al dolore e alle sofferenze, anzi, vuole liberarsene. Alla morte del vecchio eredita le sue ricchezze e riprende possesso della sua vita. Si iscrive all'università e conosce il professor Gawad, sposato con un'americana che continua a vivere negli Stati Uniti. Lui la corteggia, ma Nadia rifiuta di avere una relazione segreta...

Il messaggio segreto delle farfalle

Al-'Uthman Layla

Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola : la mamma insiste e quel banale tragitto tra la casa e il negozio si rivelerà fatale. In coma,tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un rapporto speciale fatto di empatia e sensazioni che superano l’apparenza si formerà fra il medico e il ragazzino. Eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire i rapporti umani; l’altro è immobile sul un letto, in condizioni disperate.

MANI CALDE

Zucca Giovanna