Letteratura tedesca

RED

Gier Kerstin

Descrizione: Chi sono i guardiani del tempo? A cosa serve al giorno d’oggi un antico cronografo con 12 gemme incastonate? Qual è il ruolo della sedicenne Gwendolyn e della avvenente cugina Charlotte? E Gideon, il bello, inavvicinabile Gideon, che parte avrà nella ricerca del mistero che si tramanda da generazioni nella famiglia di Gwendolyn? Mistero, avventura, amore, in un’altalena di colpi di scena mozzafiato per un romanzo di grandissimo successo.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2011

ISBN: 9788863801927

Trama

Le Vostre recensioni

Corbaccio pubblica il primo capitolo della storia di Kerstin Gier, campione di vendite in Germania e ora alla conquista del mondo:  un romanzo d’avventura, adatto anche ai più giovani, che piacerà agli amanti del genere fantasy di tutte le età.

Gwendolyn è cresciuta in una famiglia alquanto originale, che da sempre si prepara nell’attesa della nascita e rivelazione tra i suoi membri di un discendente che abbia ereditato il gene dei viaggiatori nel tempo.

Quando inizia la storia, in questo romanzo, tutti si aspettano che la prescelta sia la cugina della protagonista, Charlotte, ma come nella migliore tradizione urban fantasy, non tutto va come previsto.

Con uno stile molto pulito, l’autrice ci trasporta con ironia e freschezza alla scoperta del mondo di una sedicenne dotata di poteri particolari e soprannaturali, che si troverà coinvolta in avvincenti avventure a spasso nel tempo e finirà per incontrare l’amore dove meno se lo aspetta.

E se per il lettore più accorto appare abbastanza chiaro, fin dal primo incontro tra i personaggi, che tra i due possa nascere qualcosa, il filo narrativo resta efficacemente intrecciato sui temi della nascita dell’amicizia e dell’attrazione tra i due ragazzi, guidando tutta la vicenda senza far calare la tensione fino all’ultima pagina.

Qui, un vero e proprio colpo di scena vi farà attendere con trepidazione l’uscita del secondo capitolo di questa saga, che sta conquistando a macchia d’olio le adolescenti di tutto il mondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kerstin

Gier

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gier Kerstin


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"'Come un'Odissea' ha come sottotitolo "appunti di viaggio", non un viaggio vero e proprio ma le impressioni di esso scolpite nella mente della protagonista, che è però poeta e sceglie le parole come mezzo per fissare le sue immagini non una macchina fotografica né una cinepresa: è soggetto, mezzo e scopo. Il riferimento è chiaro: Itaca è la meta che dà senso al viaggio, ma dopo non sarà più uguale, non sarai più uguale." (dalla prefazione di Angela Lo Passo)

Come un’Odissea

Crisafulli Mariapia L.

Quattro amiche di lunga data decidono di fare una vacanza insieme. Lontano dai mariti, dai figli, dal lavoro, circondate dal paesaggio del Cile del Sud, si raccontano, senza inibizioni, le proprie personali esperienze.

Noi che ci vogliamo così bene

Serrano Marcela

Vorrei poter scrivere un libro che fosse solo un incipit, che mantenesse per tutta la sua durata la potenzialità dell'inizio, l'attesa ancora senza oggetto. (Italo Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore)".Questo è un libro "solo di incipit": i più significativi della letteratura mondiale (da Omero alla letteratura contemporanea) narrati, con "svolgimenti molteplici, inesauribili", da una ventina di scrittori, a cui si aggiungono le testimonianze sulla "potenzialità" e difficoltà dell'inizio" di Raffaele La Capria, Dacia Maraini, Melania Mazzucco, raccolte dallo scrittore e magnifico "conversatore" Paolo Di Paolo.

Cronache dal Big-Bang

AA.VV.

Presentazione dell'autore. La storia si ispira a un film cult della tensione in bianco e nero: “La scala a chiocciola”, una vicenda nella quale l’assassino elimina persone affette da difetti fisici. In questo romanzo l’omicida seriale uccide donne che soffrono di fobie, con una particolarità sorprendente: “firma” i delitti depositando una maschera sul viso della vittima. Secondo la criminologia, quando un assassino copre – generalmente con un lenzuolo – la sua vittima, nell’atto esprime pietà tardiva o un legame affettivo con il cadavere. Se l’omicida seriale de “Il carnevale dei delitti” nasconde i suoi misfatti non con un lenzuolo, ma con una maschera, cioè con un oggetto altamente simbolico, ecco che allora la Bautta, la maschera d’oro di Tutankhamon, il Quetzalcoatl azteco o Brighella costituiscono indizi da interpretare, all’interno di una follia criminale che serpeggia tra le fiabe e la psicanalisi. Gli omicidi vengono compiuti sullo sfondo di situazioni torbide o di manifestazioni evocative: una villa ove si pratica lo scambismo, il carnevale di Venezia, la spettacolare spiaggia delle uova di Ventimiglia … L’indagine si svolge nell’atmosfera magica del lago di Como

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno