Giallo - thriller - noir

La regola dell’equilibrio

Carofiglio Gianrico

Descrizione: È una primavera strana, indecisa, come l’umore di Guido Guerrieri. Messo all’angolo da una vicenda personale che lo spinge a riflettere sulla propria esistenza, Guido pare chiudersi in sé stesso. Come interlocutore preferito ha il sacco da boxe che pende dal soffitto del suo soggiorno. A smuovere la situazione arriva un cliente fuori del comune: un giudice nel pieno di una folgorante carriera, suo ex compagno di università, sempre primo negli studi e nei concorsi. Si rivolge a lui perché lo difenda dall’accusa di corruzione, la peggiore che possa ricadere su un magistrato. Quasi suo malgrado, Guerrieri si lascia coinvolgere dal caso e a poco a poco perde lucidità, lacerato dalla tensione fra regole formali e coscienza individuale. In un susseguirsi di accadimenti drammatici e squarci comici, ad aiutarlo saranno l’amico poliziotto, Carmelo Tancredi, e un investigatore privato, un personaggio difficile da decifrare: se non altro perché è donna, è bella, è ambigua, e gira con una mazza da baseball.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero big

Anno: 2014

ISBN: 9788806218126

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Recensire “La regola dell’equilibrio”, l’ultima fatica di Gianrico Carofiglio, non è cosa semplice. Trattandosi di un autore di successo, molto è già stato scritto o diffuso dai media e pertanto si rischia di risultare noiosi, ripetitivi e banali esprimendo concetti già illustrati.

In ogni caso, sicuramente vale la pena soffermarsi su alcuni aspetti centrali che rimandano al rapporto sussistente tra etica e responsabilità. Si tratta di elementi ben presenti in questo ennesimo romanzo con protagonista l’avvocato Guido Guerrieri, che descrive una storia forse meno coinvolgente dal punto di vista strettamente narrativo secondo lo schema del legal-thriller italiano, ma più interessante per gli spunti e le riflessioni che possono scaturire. Guerrieri infatti, accettando di difendere un giudice accusato di corruzione per avere intascato denaro al fine di favorire un pregiudicato, scoprirà solo in un secondo momento di trovarsi di fronte a un pericoloso bivio e dovrà scegliere come comportarsi: se assumersi la responsabilità di compiere il proprio dovere professionale fino in fondo, oppure decidere di rinunciarvi a causa di un conflitto di interesse che nasce dal desiderio di ottenere giustizia e pretendere il rispetto della legge, in quanto prima di essere avvocato è innanzitutto un cittadino.

La vicenda dunque, così attuale nei suoi contenuti, ruota attorno alla questione morale, all’onestà individuale e al rispetto delle regole, soprattutto quando si rivestono ruoli di potere e si esercitano funzioni pubbliche come nel caso di un magistrato al servizio dello Stato. Il tema però è più subdolo di quanto possa apparentemente sembrare, perché il conflitto si manifesta non soltanto quando la legge viene palesemente violata. Ė sufficiente infatti semplicemente “adattare” le norme ai propri scopi oppure applicarle in modo da ottemperare anche a un interesse personale, perché diventi plausibile giustificarsi senza sentirsi colpevoli, arrivando perfino a costruirsi una realtà parallela nella quale si confonde ciò che è etico e giusto e ciò che non lo è. La conseguenza di tale comportamento è ben descritta ne I fratelli Karamazov di Dostoevskij, con una riflessione ripresa e citata molto ragionevolmente nel testo di Carofiglio: “Chi mente a se stesso e presta ascolto alle proprie menzogne, arriva al punto di non distinguere più la verità, né in se stesso, né intorno a sé”.

In definitiva questo libro, anche se più particolare rispetto ai precedenti tanto per il contenuto quanto per il linguaggio scelto dall’autore (abbondano le espressioni giuridiche e le citazioni di articoli del codice penale), rappresenta comunque un piacevole ritorno per tutti gli appassionati dell’avvocato Guerrieri. Si ritrovano infatti alcuni tratti caratteristici quali le immancabili riflessioni e digressioni del protagonista, le confessioni fatte all’amico “sacco da boxe” con cui si sfoga, le passeggiate notturne per Bari, vecchi e nuovi personaggi maschili e femminili.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianrico

Carofiglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carofiglio Gianrico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Kaitlyn Fairchild è una ragazza speciale. I suoi occhi possono vedere delle cose che nessun altro vede. Ben presto Kaitlyn scopre che le visioni in realtà sono profezie: tutti gli eventi che le vengono mostrati dal suo straordinario dono si realizzano puntualmente. Il suo potere la spaventa e le impedisce di avere una vita normale, costringendola a richiudersi in un triste mondo solitario. Un giorno però la sua amica Lidya le parla di un istituto in California, dove potrà conoscere ragazzi simili a lei. Kaitlyn si trasferisce così allo Zetes Institute, e per un breve periodo tutti i suoi sogni diventano realtà. Conosce quattro ragazzi “speciali” come lei – Rob, Gabriel, Anna e Luis – e tra loro nasce un’amicizia così profonda da trasformarsi in un indissolubile legame psichico. Per la prima volta nella sua vita Kaitlyn è felice, si sente compresa e protetta, ha tutto quello che può desiderare. Ma l’istituto in realtà non è pacifico e tranquillo come potrebbe sembrare. E il signor Zetes, l’uomo che è riuscito a radunare tutti i ragazzi, nasconde dei terribili segreti. La sua ambizione non ha confini. Dopo averli attirati a sé, Zetes vuole ridurli in suo potere, sottomettere le loro menti e i loro corpi. Per i ragazzi dello Zetes Institute la battaglia ha inizio.

DARK VISIONS

Smith Lisa Jane

Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Un finale perfetto

Katzenbach John

"... La noia implica un'analisi sconsolata dei danni causati all'uomo dalla tecnologia e, sembra, insanabili politicamente e clinicamente..." (dall'introduzione di Michel David) Considerato come il cardine di una ideale trilogia iniziatasi con i memorabili Indifferenti e conclusa con La vita interiore, La noia (1960) ci offre un ritratto profondo e spietato di un individuo senza strutture, senza appoggi, alienato dalla vita sociale. E' una storia di crisi, di fallimenti, di delusioni. Analizzato nei suoi tre aspetti, di artista, di uomo, di amante, il protagonista finisce per scontrarsi inevitabilmente con la realtà; una realtà che in modo tautologico si nega, perche a conclusione di ogni tentativo (ad esempio di raggiungere la donna amata) si erge sempre lo stesso assioma: la realtà è la realtà.

La noia

Moravia Alberto

Al centro del romanzo troviamo Milo, un'anima davvero antica: ha già vissuto 9.995 volte e non ha nessuna intenzione di smettere. Anziché cercare di raggiungere la perfezione, il nirvana, che gli sembra una cosa piuttosto noiosa, egli preferisce infatti continuare a vivere una vita dopo l'altra rimanendo nel ciclo della reincarnazione, così da poter continuare la sua relazione con la Morte (o "Suzie", come preferisce essere chiamata). Ciò che ancora Milo non sa è che le anime non sono eterne: si sta rapidamente avvicinando il momento in cui il suo ciclo si esaurirà e lui sarà cancellato per sempre se non raggiungerà la perfezione. Avrà solo altre cinque vite per provarci, e gli serviranno tutte per riuscire a salvare se stesso e, forse, l'intero genere umano. Reincarnation Blues ci porta ovunque, dall'antica India a una colonia penale posta su una lontana galassia del futuro, con soste a Vienna, sul Sole e nell'Ohio. Vivendo ogni tipo di esistenza immaginabile, Milo avrà la possibilità di scoprire cosa renda perfetta una persona. Neil Gaiman incontra Kurt Vonnegut in questa dark comedy profondamente fantasiosa sui segreti della vita, della morte e dell'amore.

Reincarnation blues

Poore Michael