Giallo - thriller - noir

La regola dell’equilibrio

Carofiglio Gianrico

Descrizione: È una primavera strana, indecisa, come l’umore di Guido Guerrieri. Messo all’angolo da una vicenda personale che lo spinge a riflettere sulla propria esistenza, Guido pare chiudersi in sé stesso. Come interlocutore preferito ha il sacco da boxe che pende dal soffitto del suo soggiorno. A smuovere la situazione arriva un cliente fuori del comune: un giudice nel pieno di una folgorante carriera, suo ex compagno di università, sempre primo negli studi e nei concorsi. Si rivolge a lui perché lo difenda dall’accusa di corruzione, la peggiore che possa ricadere su un magistrato. Quasi suo malgrado, Guerrieri si lascia coinvolgere dal caso e a poco a poco perde lucidità, lacerato dalla tensione fra regole formali e coscienza individuale. In un susseguirsi di accadimenti drammatici e squarci comici, ad aiutarlo saranno l’amico poliziotto, Carmelo Tancredi, e un investigatore privato, un personaggio difficile da decifrare: se non altro perché è donna, è bella, è ambigua, e gira con una mazza da baseball.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero big

Anno: 2014

ISBN: 9788806218126

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Recensire “La regola dell’equilibrio”, l’ultima fatica di Gianrico Carofiglio, non è cosa semplice. Trattandosi di un autore di successo, molto è già stato scritto o diffuso dai media e pertanto si rischia di risultare noiosi, ripetitivi e banali esprimendo concetti già illustrati.

In ogni caso, sicuramente vale la pena soffermarsi su alcuni aspetti centrali che rimandano al rapporto sussistente tra etica e responsabilità. Si tratta di elementi ben presenti in questo ennesimo romanzo con protagonista l’avvocato Guido Guerrieri, che descrive una storia forse meno coinvolgente dal punto di vista strettamente narrativo secondo lo schema del legal-thriller italiano, ma più interessante per gli spunti e le riflessioni che possono scaturire. Guerrieri infatti, accettando di difendere un giudice accusato di corruzione per avere intascato denaro al fine di favorire un pregiudicato, scoprirà solo in un secondo momento di trovarsi di fronte a un pericoloso bivio e dovrà scegliere come comportarsi: se assumersi la responsabilità di compiere il proprio dovere professionale fino in fondo, oppure decidere di rinunciarvi a causa di un conflitto di interesse che nasce dal desiderio di ottenere giustizia e pretendere il rispetto della legge, in quanto prima di essere avvocato è innanzitutto un cittadino.

La vicenda dunque, così attuale nei suoi contenuti, ruota attorno alla questione morale, all’onestà individuale e al rispetto delle regole, soprattutto quando si rivestono ruoli di potere e si esercitano funzioni pubbliche come nel caso di un magistrato al servizio dello Stato. Il tema però è più subdolo di quanto possa apparentemente sembrare, perché il conflitto si manifesta non soltanto quando la legge viene palesemente violata. Ė sufficiente infatti semplicemente “adattare” le norme ai propri scopi oppure applicarle in modo da ottemperare anche a un interesse personale, perché diventi plausibile giustificarsi senza sentirsi colpevoli, arrivando perfino a costruirsi una realtà parallela nella quale si confonde ciò che è etico e giusto e ciò che non lo è. La conseguenza di tale comportamento è ben descritta ne I fratelli Karamazov di Dostoevskij, con una riflessione ripresa e citata molto ragionevolmente nel testo di Carofiglio: “Chi mente a se stesso e presta ascolto alle proprie menzogne, arriva al punto di non distinguere più la verità, né in se stesso, né intorno a sé”.

In definitiva questo libro, anche se più particolare rispetto ai precedenti tanto per il contenuto quanto per il linguaggio scelto dall’autore (abbondano le espressioni giuridiche e le citazioni di articoli del codice penale), rappresenta comunque un piacevole ritorno per tutti gli appassionati dell’avvocato Guerrieri. Si ritrovano infatti alcuni tratti caratteristici quali le immancabili riflessioni e digressioni del protagonista, le confessioni fatte all’amico “sacco da boxe” con cui si sfoga, le passeggiate notturne per Bari, vecchi e nuovi personaggi maschili e femminili.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianrico

Carofiglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carofiglio Gianrico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una volta Ella era una ragazza spensierata, aperta, sempre pronta a sorridere e a infrangere le regole per provare nuove emozioni. Lei e Micha erano grandi amici, e insieme formavano una splendida coppia. Ma una notte accadde qualcosa di terribile, che sconvolse le loro vite e distrusse irrimediabilmente la loro amicizia. Poi Ella andò al college, lasciandosi tutto alle spalle, chiudendosi in se stessa. Nascose il suo segreto al mondo e si trasformò in una ragazza ligia, riservata, senza sogni e senza desideri. Ora però sono iniziate le vacanze estive ed Ella sta per tornare a casa. Ma non immagina che Micha la sta aspettando. Micha sa tutto di lei, conosce i suoi più intimi segreti, ed è deciso a disseppellire i fantasmi del passato e a far sì che Ella ritorni la ragazza vivace e allegra che era un tempo, la ragazza che lui ama e amerà per sempre.

NON LASCIARMI ANDARE

Sorensen Jessica

Quest'opera è valida per le dimensioni di teatro che, una volta di più, lo straordinario talento inventivo di Ionesco. La metamorfosi a vista del personaggio Jean, dentro e fuori la stanza da bagno, ogni volta sempre meno uomo e sempre più rinoceronte, sotto gli occhi atterriti di Berenger, è un modello di teatro antipsicologico, ridotto a puro gesto, che la parola accompagna con una semplice funzione indicativa. E'il ritorno alla pantomima, ai valori didascalici e parodistici della pantomima e qui Ionesco - sembra impossibile - si incontra con Brecht'. Dalla Prefazione di Roberto De Monticelli

Il rinoceronte

Ionesco Eugène

“Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo

Flavio, dopo un mese in giro per l'Europa, è arrivato a Parigi. Non sta fuggendo da nessuno, ma non ha mai smesso di provare a levarsi di dosso il peso di una famiglia ingombrante. Il padre è un avvocato di fama, suo fratello Filiberto ne segue le orme. Lui invece vuole fare il fotografo. E potrebbe aspirare a essere felice, se non venisse richiamato all'improvviso a Milano. Filiberto è scomparso. Bisogna ritrovarlo. Inizia così la discesa in un abisso dove Flavio non riesce a distinguere chi sta dalla sua parte e chi è contro di lui, mentre serpeggia l'inquietudine più grande: di essere passato dalla parte del male. Perché sullo sfondo della Milano delle escort e dei club privé, delle perversioni sessuali e della violenza più scabrosa, tornano a galla indicibili segreti. Il libro racconta una regola ineludibile: il male è contagioso.

Il vizio di Caino

Pastori Ferdinando