Saggi

“LA RICCHEZZA DI POCHI AVVANTAGGIA TUTTI” FALSO!

Bauman Zygmunt

Descrizione: In quasi tutto il mondo la disuguaglianza sta aumentando, e ciò significa che i ricchi, e soprattutto i molto ricchi, diventano più ricchi, mentre i poveri, e soprattutto i molto poveri, diventano più poveri. Questa è la conseguenza ultima dell’aver sostituito la competizione e la rivalità alla cooperazione amichevole, alla condivisione, alla fiducia, al rispetto. Ma non c’è vantaggio nell’avidità. Nessun vantaggio per nessuno. Eppure abbiamo creduto che l’arricchimento di pochi fosse la via maestra per il benessere di tutti.

Categoria: Saggi

Editore: Laterza

Collana: Idòla Laterza

Anno: 2013

ISBN: 9788858106525

Trama

Le Vostre recensioni

Bauman in questo volume non espone idee e considerazioni che derivino dalla sua personale ricerca, ma piuttosto si fa megafono della ricerca di geografi ed epidemiologi come Danny Dorling (il cui libro “Injustice: Why social inequality persists” meriterebbe traduzione e pubblicità in Italia), Richard Wilkinson e Kate Pickett (il cui importantissimo “The spirit level”, che significa “la livella”, è stato tradotto da Feltrinelli col titolo insulso e fuorviante “La misura dell’anima”). La novità di questo nuovo approccio al tema della diseguaglianza, rispecchiato nel libro di Bauman così come in larga parte della letteratura da lui citata e discussa, è la natura a-ideologica e pragmatica dell’argomentazione. Bauman osserva nel primo capitolo come le diseguaglianze economiche nell’occidente, dopo una lunga e trionfale tendenza alla riduzione dal secondo dopoguerra, siano tornate negli ultimi trent’anni a crescere a tal punto che gli Stati Uniti e il Regno Unito sfiorano oggi livelli vittoriani di diseguaglianza. L’Italia segue a poca distanza, e ha visto negli ultimi anni il divario tra il 10% più ricco e il rimanente 90% (e tra l’1% più ricco e il rimanente 99%) allargarsi enormemente. Nel secondo capitolo Bauman riassume varia ricerca che ha dimostrato senza possibilità di equivoco: 1) come la crescita economica di per sé, oltre una certa soglia di sviluppo, non porti con sé alcun rilevante miglioramento nelle condizioni di vita di una società, rispecchiate nella salute media dei suoi membri, nell’incidenza di malattie cardiache, nelle proiezioni di vita, nell’incidenza di malattie e disturbi mentali, nei numeri delle maternità adolescenziali, nelle cifre relative alla criminalità e alla popolazione carceraria, nella fiducia reciproca etc.; 2) come nelle società sviluppate esista al contrario una forte correlazione tra l’incidenza di questi mali sociali e i livelli di diseguaglianza relativa, a prescindere dal PIL, dalla ricchezza assoluta di un dato paese e dalla povertà assoluta delle classi più basse; 3) come le enormi e crescenti differenze di status tra individui, causate in larga parte dalle differenze di reddito e ricchezza siano un fattore chiave nell’incidenza di questi mali sociali e abbiano correlazioni statistiche molto forti con la diffusione di malattie fisiche e mentali. I cittadini dei paesi più eguali, qualunque sia il loro modello economico (social-democratico nei paesi scandinavi, liberista ma temperato da un’etica fortemente egualitaria che condiziona stipendi e compensi in Giappone), sono in generale più sani, più felici, più fiduciosi, spendono meno in prevenzione della criminalità e per la detenzione dei criminali, ottengono di più con minore investimento educativo, insomma, funzionano meglio. Nei successivi capitoli Bauman affronta poi analiticamente alcuni assunti chiave portati a giustificazione della diseguaglianza e contro l’opportunità di intervenire per ridurla: i mantra della crescita economica e del consumo crescente, la “naturalità” della diseguaglianza, la rivalità come chiave per la giustizia, e propone alternative e soluzioni per una società più eguale e più felice.

Il pamphlet di Bauman è una utile introduzione ad una crescente letteratura sulla diseguaglianza. Una moltitudine di studi sta infine dimostrando che su questo tema molti degli assunti chiave del pensiero economico e sociale dell’ultimo trentennio non reggono alla prova dei fatti. Si spera poi che il lettore voglia approfondire ricorrendo ai volumi di Wilkinson e Pickett e di Dorling. Per un contraltare più familiare (e più economicamente ortodosso) a questo approccio fondato sulla definizione di vari parametri di benessere (chi può dubitare che minore incidenza delle malattie cardiache e mentali sia un obiettivo desiderabile?), il lettore potrà volgersi, se ancora non convinto, al recente volume di Joseph Stiglitz (“Il prezzo della disuguaglianza. Come la società divisa di oggi minaccia il nostro futuro”, Einaudi). Stiglitz mostra come la diseguaglianza sia un freno alla crescita, mini alle fondamenta la competitività di un’economia e svuoti il processo democratico. Insomma, che l’obiettivo sia essere più sani, più fiduciosi, più integrati, più felici, oppure avere più successo, crescere di più ed essere più competitivi, la via sembra una: politiche che consapevolmente e inesorabilmente puntino a ridurre le diseguaglianze economiche nella nostra società. Di fronte a questo crescente consenso nella comunità scientifica, il silenzio della politica è assordante. Imbalsamate nel perpetuamento di convinzioni vecchie di trent’anni, ormai assurte a ideologia, destre e sinistre dell’occidente ignorano un problema che dovrebbe essere, ancora una volta, il primo punto di ogni programma di sinistra, e che ogni destra matura dovrebbe, sotto il peso di una mole di prove ormai schiacciante, accettare di fare proprio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Zygmunt

Bauman

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bauman Zygmunt


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Montag fa il pompiere in un mondo dove gli incendi, anziché essere spenti, vengono appiccati. Armati di lunghi lanciafiamme, i militi irrompono nelle case dei sovversivi che conservano libri o altra carta stampata e li bruciano: così vuole la legge. Ma Montag non è felice della sua esistenza alienata, fra giganteschi schermi televisivi e slogan, con una moglie indifferente e passiva e un lavoro che svolge per pura e semplice routine. Finché un giorno, dall'incontro con una donna sconosciuta, nasce un sentimento impensabile, e per Montag il pompiere inizia la scoperta di un mondo diverso da quello in cui è sempre vissuto, un universo di luce non ancora offuscato dalle tenebre della società tecnologica imperante. Scritto nel lontano 1953, Fahrenheit 451, romanzo prediletto di artisti del calibro di Aldous Huxley e Francois Truffaut, attesta ancora oggi Bradbury tra i massimi scrittori di fantascienza di tutti i tempi.

FAHRENHEIT 451

Bradbury Ray

Paul Léautaud, piccolo classico del Novecento e mito discreto, aveva fatto nella sua vita ciò che ognuno almeno una volta ha vagheggiato: aveva trasformato una gelosa, ermetica solitudine in un osservatorio sulle assurdità e le bassezze del tempo. Ed anche questi tre rari racconti non concedono nulla di prevedibile al lettore: buoni sentimenti, riferimenti ideologici, appartenenze letterarie, perfino l’inevitabile speranza, di ciò tutto è estraneo a una scrittura che odia ogni preziosismo e resta elegantissima e crudele mentre affonda nelle lacerazioni di una vita: «Nessuno mi avrà conosciuto. Sono stato, sotto il mio riso, il disincanto, la disperazione assoluta. Non l’ho mai mostrato per pudore, nel timore del ridicolo». Il primo dei tre, Il piccolo amico, considerato da molti il suo capolavoro, è una cronaca-confessione di straziante distacco, pur nell’immagine che vuol offrire di quasi gaio cinismo, del suo rapporto con la madre eterna assente: Léautaud, abbandonato a pochi giorni dalla nascita, la rivide solo dopo vent’anni (tranne per brevi incontri occasionali) e ne fu appassionato così intensamente da turbarla e spingerla ad allontanarsi per sempre. La storia procede in due tempi: nel primo, la madre appare e scompare in tutte le figure di «amiche» che popolano l’infanzia e la prima giovinezza, e tutto è immerso nel luccicante incanto del tempo sfuggente, dell’infanzia e dei luoghi di Parigi; il secondo tempo è «un bel romanzo d’amore con la madre»: romanticamente, il protagonista cerca di rivivere la voluttà di un ricordo di bambino, quando, tra profumi e abbracci, poté la seconda volta incontrare la madre. Gli altri due racconti si riconnettono in realtà a quel travolgente amore: In memoriam ricorda la morte del padre (uomo di spettacolo e persona non meno evanescente), e Amori, ancora una storia di abbandono, racconta della prima esperienza erotica e del primo innamoramento per una «amica» che poi dovette sposare il suo protettore.

AMORI

Léautaud Paul

Alice ha lavorato sodo per raggiungere i suoi obiettivi e ora, a quasi cinquant'anni, sente di avercela finalmente fatta. Dopo anni di studio, di notti a base di caffè e libri di psicologia, ha coronato il suo sogno, è una scienziata di grido, insegna ad Harvard e viene chiamata dalle più prestigiose università per tenere conferenze. E poi c'è il suo più grande orgoglio, la famiglia: il marito John, un brillante esperto di chimica, che non riesce a trovare gli occhiali neppure quando li indossa, e i loro figli, Anna, Tom e Lydia, tutti e tre realizzati, anche se ognuno a modo suo. All'improvviso, però, tutto cambia. All'inizio sono solo piccole dimenticanze: una parola sulla punta della lingua che non riesce a ricordare, gli orari delle lezioni, il numero di uova nella ricetta del pudding natalizio, quello che prepara da più di vent'anni. E poi un giorno, dopo il giro di jogging quotidiano, Alice si ritrova in una piazza che è sicura di conoscere ma che non sa dove si trovi. Si è persa, a pochi metri da casa. Qui comincia il suo viaggio tra le corsie d'ospedale, a caccia del male che sta cancellando i suoi ricordi. Quando le viene diagnosticato l'Alzheimer precoce, tutto ciò in cui Alice ha sempre creduto pare sgretolarsi, il mondo intorno a lei sembra sfuggirle ogni giorno di più.

PERDERSI

Genova Lisa

Beija-flor