Narrativa

Ricordi di un’educazione cattolica

McCarthy Mary

Descrizione: Questa è la storia di una bambina che perde entrambi i genitori a sei anni e viene affidata alle «cure» di nonni e prozii troppo bigotti per distinguere il confine tra la pedagogia e il sadismo, e che in seguito viene salvata da una coppia di nonni più affettuosi e bonari ma altrettanto severi nel loro conformismo sociale. È la storia di un’educazione rigida e di infiniti passaggi, da un collegio religioso all’altro, da Minneapolis a Seattle, da una famiglia cattolica a una protestante. Ma è anche una storia di scoperte e innamoramenti, di accesi litigi e comici malintesi: tra discussioni teologiche con i padri gesuiti sull’esistenza di Dio, recite scolastiche ambientate nell’antica Roma repubblicana, gite istruttive ai parchi naturalistici che si tramutano in rocamboleschi tour de force alcolici, vere o presunte iniziazioni sessuali, letture proibite e appuntamenti clandestini, la personalità della bambina lascia gradualmente il posto a quella di un’adolescente ribelle e infine a quella di una giovane donna lucida e coraggiosa, aliena alle convenzioni e a ogni forma di moralismo. Pubblicato originariamente nel 1957, Ricordi di un’educazione cattolica è un memoir appassionante come i migliori romanzi di formazione, che unisce il ritratto di un’epoca e la dolorosa confessione personale.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum fax

Collana: Sotterranei

Anno: 2013

ISBN: 9788875214869

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Pubblicato per la prima volta in Italia da Il Saggiatore nel 1972 (l’edizione è fuori commercio), Ricordi di un’educazione cattolica di Mary McCarthy ci viene (giustamente) riproposto da Minimum fax nella collana Sotterranei, con un’interessante prefazione di Michela Murgia a precedere quella della stessa autrice.

Si tratta di un memoir dal tono amaro e bellicoso che, come suggerisce la McCarthy, non è da considerarsi interamente veritiero: alcune volte la fantasia interviene a colmare i vuoti della memoria, altre volte l’arte di narrare soccorre una realtà che altrimenti non sarebbe sufficientemente suggestiva e affascinante. Da qui le appendici che concludono ogni capitolo, e che contribuiscono a mettere in discussione quanto si è appena letto.

La storia è indubbiamente triste, ma raccontata senza autocommiserazione. L’autrice non concede sconti a chi in qualche modo le ha fatto del male, però al tempo stesso cerca le ragioni di ogni gesto, parola e atteggiamento con lucida, serena severità. Nella sua critica non c’è mai traccia di risentimento.

Morti i genitori per l’epidemia d’influenza del 1918, Mary e i suoi tre fratelli vengono affidati alla prozia Margaret e a suo marito Myers, un personaggio gretto e zotico, armato di coramella.

Noi bambini non eravamo certo responsabili del fatto di essere orfani, eppure ci trattavano come se lo fossimo e come se l’essere orfani fosse un reato che avevamo commesso.

È da qui che inizia il racconto della formazione e della crescita dell’autrice. Episodi che sono tasselli di una personalità, esperienze che diventeranno i pilastri portanti di un’esistenza si susseguono con il ritmo lento della mente che scava nei ricordi di una società e di una famiglia. Al centro naturalmente c’è lei, Mary, brillante e sregolata, ribelle indagatrice di una verità nascosta sotto cumuli di bugie.

Le pagine di Mary McCarthy sono percorse da un fine umorismo, trasudano intelligenza e sono ricche di spunti di riflessione.  Consigliato a chi non crede in una vita in bianco e nero.

Prima ci fu il cattolicesimo che imparai da mia madre, dai semplici preti e suore della parrocchia a Minneapolis; una religione, nel suo complesso, di bellezza e di bontà, anche se imperfettamente realizzate. Poi venne il cattolicesimo praticato nel salotto della nonna McCarthy e nella casa che fu creata per noi orfani in fondo alla stessa strada: una dottrina aspra e funesta nella quale vecchi odi e rancori cuocevano a fuoco lento da generazioni, rimescolati con orgoglio dall’ignoranza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mary

Mccarthy

Libri dallo stesso autore

Intervista a McCarthy Mary


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È una limpida notte di luna piena, una notte di gioia e di festa, quando il Villaggio Alto subisce l'improvviso attacco di un manipolo di spietati cavalieri che portano morte e devastazione. In pochi sopravvivono: tra questi la giovane Ailis, mentre la sua migliore amica Vevisa viene rapita. Seguendo il folle proposito di vendicare la furia distruttrice che ha falcidiato il suo popolo e ritrovare Vevisa, Ailis, che è poco più di una bambina ma ha lo spirito audace e temerario di un guerriero, intraprende la sua lunga e perigliosa ricerca. Attraversando lande sconosciute e meravigliose conoscerà la schiavitù, la battaglia, le illusioni della magia e dell'amore, vedrà le molte facce della morte e capirà che senza questo iniziatico viaggio non avrebbe mai sollevato il velo sulle proprie arcane origini e sul proprio enigmatico destino: da lei potrebbe infatti dipendere l'equilibrio e il futuro stesso delle Terre Occidentali. Il primo volume di una grande saga che mescola fiaba, azione, epica cavalleresca e mito classico, dando nuovo splendore al genere fantasy in Italia.

TERRA IGNOTA

Santoni Vanni

Tutto ha inizio quando la protagonista regala ad un mendicante un diario al posto della solita moneta. E qui si apre l'universo di una ragazza che potrebbe essere definita una "giovane Werther del XXI secolo", ma molto innamorata della vita al punto da volerla afferrare nella sua pienezza. "L'uomo ha infinitamente bisogno dell'uomo". Questo è il messaggio forte che Meri ci vuole dare, ed è il messaggio che tutti dovrebbero avere bene in mente, senza finire per dividere ciò che va unito.

IL MENDICANTE DI PENSIERI

Nigro Meri

1 – Introduzione alla sezione letteratura latina

Due donne vengono trovate morte a Oslo – entrambe annegate nel loro stesso sangue. Quello che confonde la polizia è che le ferite sui volti delle vittime siano state provocate dall’interno delle loro bocche. Kaja Solness della Omicidi è mandata a rintracciare un uomo: l’unico specialista di omicidi seriali del dipartimento di polizia di Oslo. Il detective, alcolista, rude e pronto a fare sempre di testa sua, si è rintanato nella vasta, anonima Hong Kong. È come al solito in fuga ed è perseguitato dal suo caso precedente, e dai creditori. Ma quando scopre che la sua amata ragazza (con cui ha appena litigato) potrebbe cadere nella trappola del serial killer, torna a Oslo. Il suo nome è Harry Hole.

IL LEOPARDO

Nesbø Jo