Letteratura femminile

RISVEGLIO

Rice Anna

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2013

ISBN: 9788850234479

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Risveglio può piacere e non piacere. Ma una cosa è certa: in questo romanzo non vi è traccia di erotismo. Sarebbe più adeguato parlare di pornografia, per l’assenza totale di una storia che abbia un senso o che possa giustificare in qualsiasi modo – sempre che si possa fare – la quantità di volgarità e banalità racchiuse in essa.

L’autrice, partendo dal risveglio fiabesco – noto a tutti – della Bella addormentata, costruisce senza alcuna fantasia una storia morbosa dove il sesso ossessivo, perverso e fortemente disturbato farcisce ogni pagina, trascinando il lettore in un abisso di disgusto e noia che difficilmente induce a terminare la lettura delle 236 pagine.

La schiavitù in cui principi e principesse di regni lontani vengono trascinati dalla spietata Regina e dal suo unico figlio – bello sì, ma pietosamente succube di sua madre – è del tutto incomprensibile. Ridotti a giullari e oggetti di piacere, i giovinetti sono sottoposti ad abusi fisici e psicologici per la gioia e il divertimento dell’intera corte di nobili annoiati, di perversi paggetti e di servitù depravata.  Bella – la principessa con un nome ben poco originale svegliata dal sonno non da un bacio ma, ovviamente, dalla  penetrazione con contestuale deflorazione da parte del prestante Principe azzurro – è la quindicenne che viene strappata ai genitori ancora assonnati, e al suo regno ingiallito, per essere condotta nuda sino alla reggia del Principe e della Regina madre e unirsi allo spettacolo.

Qui verrà  addestrata al dolore, all’umiliazione e ad ogni sorta di prevaricazione e violenza finalizzate ad annullarne la volontà ed eliminare ogni barlume di ribellione e amor proprio. Per quale ragione? Non si sa.

Sculacciate di natiche, pizzicotti ai seni e agli organi genitali si ripetono con una frequenza ossessiva in tutto il libro. Per non parlare delle continue penetrazioni e della fellatio nevrotica come forma di tormento misto a piacere inflitte ad ogni ora del giorno e della notte. Tanto che tra botte continue, torture indicibili e privazioni del sonno ci si chiede come possano questi schiavi di sangue blu non stramazzare al suolo e continuare ad essere rosei e belli.

A parte qualche lacrima e gemito strozzato, i principi e le principesse rivelano una resistenza e un controllo degni dei più valorosi soldati. Ammirevole, se non fosse per l’ilarità che certe immagini suscitano in chi legge.

Ho trovato poi che la sottomissione psicologica a cui le vittime sono sottoposte, oltre all’inspiegabile violenza fisica che arriva fino a stupri ripetuti, siano raccontati con incomprensibile leggerezza, un’ingenuità in cui anche un testo che si propone di essere un esempio di letteratura erotica non dovrebbe mai sconfinare, per non parlare dell’attaccamento e dell’amore che gli schiavi arrivano a provare per i propri aguzzini, uno stato psicologico paragonabile alla ben nota sindrome di Stoccolma. 

Forse l’autrice ha letto Historie d’O di Pauline Réage, ma è evidente la distanza anche da quel tipo di scrittura.

Risveglio, scritto nel 1983, arriva in Italia solo nel 2013, ma  la prima edizione risale al 1995, anno in cui viene pubblicato dalla casa editrice Sperling & Kupfer con il titolo, guarda caso,  La bella addormentata . Un testo che precede quindi il caso letterario “Cinquanta sfumature di grigio“, ma che non aggiunge nulla al genere. L’autrice americana, divenuta famosa come autrice di culto della narrativa horror grazie al romanzo Intervista col vampiro, pare abbia sconvolto lo stesso mercato americano e inglese con questa rivisitazione in chiave pseudoerotica della fiaba per bambini. 

Un libro di cui, a mio parere, si poteva continuare a fare a meno e, soprattutto, l’autrice poteva evitare di scomodare il precedente fiabesco per una simile trasposizione.

Mi viene da dire: peccato che sia solo il primo di una trilogia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anna

Rice

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rice Anna


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

La passeggera

Frascati Daniela

Rebecca è nata irreparabilmente brutta. Sua madre l’ha rifiutata dopo il parto, suo padre è un inetto. A prendersi cura di lei, la zia Erminia, il cui affetto però nasconde qualcosa di terribile, e la tata Maddalena, affettuosa e piangente. Ma Rebecca ha mani bellissime e talento per il piano. Grazie all’anziana signora De Lellis, Rebecca recupera un rapporto con la complessa figura della madre, scoprendo i meccanismi perversi della sua famiglia. E nella musica trova un suo modo singolare di riscatto, una vita forse possibile. La Veladiano racconta senza sconti l’ipocrisia, l’intolleranza, la crudeltà della natura, la prevaricazione degli uomini sulle donne, l’incapacità di accettare e di accettarsi, la potenza delle passioni e del talento. E lo fa con una scrittura limpida, godibilissima, con personaggi buffi, comici, memorabili, e con la sapiente leggerezza di una favola.

La vita accanto

Veladiano Mariapia

Marta ha solo sedici anni, ma dietro i suoi begli occhi si nascondono le incisioni di segreti inconfessati, orribili ferite dall'odore nauseabondo. Gli uomini sono delle bestie, Marta è costretta a ripeterselo. L'ha imparato a sue spese, sulla sua pelle, e pagherà fino in fondo. Eppure, gli uomini sono l'unico approdo che resta, quando tutti i sogni si spengono nelle ristrettezze di una vita che offre solo la copia sbiadita di ciò che sembra luccicare nell'Occidente, così lontano eppure appena dietro l'angolo. Salvo avere la fortuna di scovarlo, l'uomo giusto. Un uomo da amare. Sempre che l'amore esista davvero. Chisinau, Moldavia... La gioventù finisce presto, da quelle parti. La spensieratezza non c'è. La vita è dura, violenta, i miti si schiantano nella realtà di tutti i giorni. Si vive border line, e si finisce sopraffatti, se si è donne, giovani, carine. Come Marta, violabile e violata, colpevole senza colpe, eroina al contrario di una storia senza speranza. E in cambio c'è solo vendetta, morte, e altra sopraffazione. Esiste una giustizia? Se esiste, è la giustizia più ingiusta che si possa meritare. La "Frivolezza" è quella dei sogni rincorsi. Ma la storia è densa, proprio come "il cristallo liquido" che nel titolo annulla e trasforma gli anni teneri di una gioventù bruciata dagli altri. Irina Turcanu scrive questa sua cronaca dell'infanzia con mano intenerita e partecipe, eppure senza fronzoli, senza mediare con l'asprezza delle tematiche scelte, con mano dura laddove la storia si fa dura. Il romanzo di una giovanissima scrittrice rumena, oggi italiana. Tenetelo di conto, ne sentirete ancora parlare.

LA FRIVOLEZZA DEL CRISTALLO LIQUIDO

Turcanu Irina

Marianna Scamardella giovanissima giallista