Letteratura femminile

RISVEGLIO

Rice Anna

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2013

ISBN: 9788850234479

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Risveglio può piacere e non piacere. Ma una cosa è certa: in questo romanzo non vi è traccia di erotismo. Sarebbe più adeguato parlare di pornografia, per l’assenza totale di una storia che abbia un senso o che possa giustificare in qualsiasi modo – sempre che si possa fare – la quantità di volgarità e banalità racchiuse in essa.

L’autrice, partendo dal risveglio fiabesco – noto a tutti – della Bella addormentata, costruisce senza alcuna fantasia una storia morbosa dove il sesso ossessivo, perverso e fortemente disturbato farcisce ogni pagina, trascinando il lettore in un abisso di disgusto e noia che difficilmente induce a terminare la lettura delle 236 pagine.

La schiavitù in cui principi e principesse di regni lontani vengono trascinati dalla spietata Regina e dal suo unico figlio – bello sì, ma pietosamente succube di sua madre – è del tutto incomprensibile. Ridotti a giullari e oggetti di piacere, i giovinetti sono sottoposti ad abusi fisici e psicologici per la gioia e il divertimento dell’intera corte di nobili annoiati, di perversi paggetti e di servitù depravata.  Bella – la principessa con un nome ben poco originale svegliata dal sonno non da un bacio ma, ovviamente, dalla  penetrazione con contestuale deflorazione da parte del prestante Principe azzurro – è la quindicenne che viene strappata ai genitori ancora assonnati, e al suo regno ingiallito, per essere condotta nuda sino alla reggia del Principe e della Regina madre e unirsi allo spettacolo.

Qui verrà  addestrata al dolore, all’umiliazione e ad ogni sorta di prevaricazione e violenza finalizzate ad annullarne la volontà ed eliminare ogni barlume di ribellione e amor proprio. Per quale ragione? Non si sa.

Sculacciate di natiche, pizzicotti ai seni e agli organi genitali si ripetono con una frequenza ossessiva in tutto il libro. Per non parlare delle continue penetrazioni e della fellatio nevrotica come forma di tormento misto a piacere inflitte ad ogni ora del giorno e della notte. Tanto che tra botte continue, torture indicibili e privazioni del sonno ci si chiede come possano questi schiavi di sangue blu non stramazzare al suolo e continuare ad essere rosei e belli.

A parte qualche lacrima e gemito strozzato, i principi e le principesse rivelano una resistenza e un controllo degni dei più valorosi soldati. Ammirevole, se non fosse per l’ilarità che certe immagini suscitano in chi legge.

Ho trovato poi che la sottomissione psicologica a cui le vittime sono sottoposte, oltre all’inspiegabile violenza fisica che arriva fino a stupri ripetuti, siano raccontati con incomprensibile leggerezza, un’ingenuità in cui anche un testo che si propone di essere un esempio di letteratura erotica non dovrebbe mai sconfinare, per non parlare dell’attaccamento e dell’amore che gli schiavi arrivano a provare per i propri aguzzini, uno stato psicologico paragonabile alla ben nota sindrome di Stoccolma. 

Forse l’autrice ha letto Historie d’O di Pauline Réage, ma è evidente la distanza anche da quel tipo di scrittura.

Risveglio, scritto nel 1983, arriva in Italia solo nel 2013, ma  la prima edizione risale al 1995, anno in cui viene pubblicato dalla casa editrice Sperling & Kupfer con il titolo, guarda caso,  La bella addormentata . Un testo che precede quindi il caso letterario “Cinquanta sfumature di grigio“, ma che non aggiunge nulla al genere. L’autrice americana, divenuta famosa come autrice di culto della narrativa horror grazie al romanzo Intervista col vampiro, pare abbia sconvolto lo stesso mercato americano e inglese con questa rivisitazione in chiave pseudoerotica della fiaba per bambini. 

Un libro di cui, a mio parere, si poteva continuare a fare a meno e, soprattutto, l’autrice poteva evitare di scomodare il precedente fiabesco per una simile trasposizione.

Mi viene da dire: peccato che sia solo il primo di una trilogia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anna

Rice

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rice Anna


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Al tenue chiarore della luna, le paludi che circondano la cittadella medievale di Aigues-Mortes restituiscono alle autorità il cadavere di una donna: si tratta di Deanne Bréchet, una giornalista parigina. La polizia concentra subito i sospetti su Fabienne Lacati, una giovane ricercatrice della Sorbona che si trova nel sud della Francia per un convegno sulle crociate. Le due donne, infatti, si conoscevano bene e la sera dell'omicidio molti testimoni le hanno viste litigare furiosamente nella hall dell'albergo. Determinata a provare la propria innocenza, Fabienne scopre che, nelle settimane precedenti, la giornalista era andata spesso in quella enigmatica e affascinante città-fortezza per documentarsi sui Penitenti Grigi, un antico ordine caritatevole che esiste ancora oggi. Ma l'aspetto più inquietante della vicenda è che pure Fabienne è interessata a quella confraternita, e forse non è una coincidenza se, da mesi, le negano il permesso di visitare il luogo dove sono raccolti i registri della congregazione: la Cappella dei Penitenti Grigi. È possibile che Deanne avesse scoperto un segreto scottante, custodito proprio in quella chiesa inaccessibile? La drammatica conferma arriva quando, l'uno dopo l'altro, tutti coloro che Deanne aveva contattato muoiono in circostanze misteriose. Fabienne intuisce quindi di essere in pericolo e, con l'aiuto di Daniele Ferrara, un collega italiano, si convince che l'unico modo per salvarsi la vita è andare a caccia della verità...

La cappella dei penitenti grigi

Luini Lilli

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle

Quentin è innamorato di Margo Roth Spiegelman da sempre. Tra loro c'è un legame speciale da quando, all'età di nove anni, hanno ritrovato insieme in un parco il corpo di un ragazzo morto suicida. Dopo anni di amicizie ed esperienze diverse, poco prima del diploma Margo riappare alla finestra di Quentin e lo trascina in piena notte in un'avventura indimenticabile. Sembra l'inizio di una nuova fase insieme. E invece no. La mattina dopo Margo scompare misteriosamente, come ha già fatto altre volte. Solo che questa è diversa. Questa fuga da Orlando, la sua città di carta, dopo che tutti i fili dentro di lei si sono spezzati, potrebbe essere l'ultima. Età di lettura: da 14 anni.

Città di carta

Green John

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard