Letteratura femminile

RISVEGLIO

Rice Anna

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2013

ISBN: 9788850234479

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Risveglio può piacere e non piacere. Ma una cosa è certa: in questo romanzo non vi è traccia di erotismo. Sarebbe più adeguato parlare di pornografia, per l’assenza totale di una storia che abbia un senso o che possa giustificare in qualsiasi modo – sempre che si possa fare – la quantità di volgarità e banalità racchiuse in essa.

L’autrice, partendo dal risveglio fiabesco – noto a tutti – della Bella addormentata, costruisce senza alcuna fantasia una storia morbosa dove il sesso ossessivo, perverso e fortemente disturbato farcisce ogni pagina, trascinando il lettore in un abisso di disgusto e noia che difficilmente induce a terminare la lettura delle 236 pagine.

La schiavitù in cui principi e principesse di regni lontani vengono trascinati dalla spietata Regina e dal suo unico figlio – bello sì, ma pietosamente succube di sua madre – è del tutto incomprensibile. Ridotti a giullari e oggetti di piacere, i giovinetti sono sottoposti ad abusi fisici e psicologici per la gioia e il divertimento dell’intera corte di nobili annoiati, di perversi paggetti e di servitù depravata.  Bella – la principessa con un nome ben poco originale svegliata dal sonno non da un bacio ma, ovviamente, dalla  penetrazione con contestuale deflorazione da parte del prestante Principe azzurro – è la quindicenne che viene strappata ai genitori ancora assonnati, e al suo regno ingiallito, per essere condotta nuda sino alla reggia del Principe e della Regina madre e unirsi allo spettacolo.

Qui verrà  addestrata al dolore, all’umiliazione e ad ogni sorta di prevaricazione e violenza finalizzate ad annullarne la volontà ed eliminare ogni barlume di ribellione e amor proprio. Per quale ragione? Non si sa.

Sculacciate di natiche, pizzicotti ai seni e agli organi genitali si ripetono con una frequenza ossessiva in tutto il libro. Per non parlare delle continue penetrazioni e della fellatio nevrotica come forma di tormento misto a piacere inflitte ad ogni ora del giorno e della notte. Tanto che tra botte continue, torture indicibili e privazioni del sonno ci si chiede come possano questi schiavi di sangue blu non stramazzare al suolo e continuare ad essere rosei e belli.

A parte qualche lacrima e gemito strozzato, i principi e le principesse rivelano una resistenza e un controllo degni dei più valorosi soldati. Ammirevole, se non fosse per l’ilarità che certe immagini suscitano in chi legge.

Ho trovato poi che la sottomissione psicologica a cui le vittime sono sottoposte, oltre all’inspiegabile violenza fisica che arriva fino a stupri ripetuti, siano raccontati con incomprensibile leggerezza, un’ingenuità in cui anche un testo che si propone di essere un esempio di letteratura erotica non dovrebbe mai sconfinare, per non parlare dell’attaccamento e dell’amore che gli schiavi arrivano a provare per i propri aguzzini, uno stato psicologico paragonabile alla ben nota sindrome di Stoccolma. 

Forse l’autrice ha letto Historie d’O di Pauline Réage, ma è evidente la distanza anche da quel tipo di scrittura.

Risveglio, scritto nel 1983, arriva in Italia solo nel 2013, ma  la prima edizione risale al 1995, anno in cui viene pubblicato dalla casa editrice Sperling & Kupfer con il titolo, guarda caso,  La bella addormentata . Un testo che precede quindi il caso letterario “Cinquanta sfumature di grigio“, ma che non aggiunge nulla al genere. L’autrice americana, divenuta famosa come autrice di culto della narrativa horror grazie al romanzo Intervista col vampiro, pare abbia sconvolto lo stesso mercato americano e inglese con questa rivisitazione in chiave pseudoerotica della fiaba per bambini. 

Un libro di cui, a mio parere, si poteva continuare a fare a meno e, soprattutto, l’autrice poteva evitare di scomodare il precedente fiabesco per una simile trasposizione.

Mi viene da dire: peccato che sia solo il primo di una trilogia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anna

Rice

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rice Anna


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La sera in cui a Liliana viene detto che non potrà più andare a scuola, lei non sa nemmeno di essere ebrea. In poco tempo i giochi, le corse coi cavalli e i regali di suo papà diventano un ricordo e Liliana si ritrova prima emarginata, poi senza una casa, infine in fuga e arrestata. A tredici anni viene deportata ad Auschwitz. Parte il 30 gennaio 1944 dal binario 21 della stazione Centrale di Milano e sarà l'unica bambina di quel treno a tornare indietro. Ogni sera nel campo cercava in cielo la sua stella. Poi ripeteva dentro di sé: finché io sarò viva, tu continuerai a brillare. Età di lettura: da 11 anni.

Fino a quando la mia stella brillerà

Segre Liliana

Apparve nel 1964 suscitando un enorme scandalo e dividendo critica e pubblico. Il libro non ha perso nulla della sua forza e può essere considerato un piccolo classico, oltre che un'audace anticipazione della fioritura della letteratura erotica femminile di questi ultimi anni.

LA RAGAZZA DI NOME GIULIO

Milani Milena

Entrato in un negozio per comprare una borsa alla fidanzata, Kemal Basmaci, trentenne rampollo di una famiglia altolocata di Istanbul, si imbatte in una commessa di straordinaria bellezza: la diciottenne Füsun, sua lontana cugina. Fra i due ha ben presto inizio un rapporto anche eroticamente molto intenso. Kemal tuttavia non si decide a lasciare Sibel, la fidanzata: per quanto di mentalità aperta e moderna, in lui sono comunque radicati i valori tradizionali (e anche un certo opportunismo). Così si fidanza e perde tutto: sconvolta dal suo comportamento, Füsun scompare, mentre Kemal, preda di una passione che non gli dà tregua, trascura gli affari e alla fine scioglie il fidanzamento. Quando, dopo atroci patimenti, i due amanti si ritrovano, nella vita di Füsun tutto è cambiato. Kemal però non si dà per vinto. In assoluta castità, continua a frequentarla per otto lunghi anni, durante i quali via via raccoglie un'infinità di oggetti che la riguardano: cagnolini di porcellana, apriscatole, righelli, orecchini... Poterli guardare, assaggiare, toccare è spesso la sua unica fonte di conforto. E quando la sua esistenza subisce una nuova dolorosa svolta, quegli stessi oggetti confluiranno nel Museo dell'innocenza, destinato a rendere testimonianza del suo amore per Füsun nei secoli futuri. La storia di un'incontenibile passione, ma allo stesso tempo uno sguardo ora severo, ora ironico, ma certamente non privo di profondo affetto sulla Istanbul di quegli anni e sulla sua contraddittoria borghesia.

Il museo dell’innocenza

Pamuk Orhan

Un romanzo basato su fatti e personaggi assolutamente veri che racconta in modo completo la storia della guerra sporca della dittatura argentina: la metodologia della "desaparicion", i campi di concentramento clandestini, i bambini trattati come bottino di guerra, la persecuzione degli ebrei argentini, un incubo nell'incubo, la verità sul ruolo della chiesa cattolica, le connessioni e le coperture internazionali. E racconta anche la battaglia delle nonne e delle madri di Plaza de Mayo: una storia al femminile, fatta di amore, dolore e coraggio.

Le irregolari

Carlotto Massimo