A volte ritorno

Niven John

Descrizione: Dopo una vacanza di qualche secolo Dio è tornato in ufficio, in Paradiso, e per prima cosa chiede al suo staff un brief sugli ultimi avvenimenti. I suoi gli fanno un quadro talmente catastrofico - preti che molestano i bambini, enormità di cibo sprecato e popolazioni che muoiono di fame... - che Dio si vede costretto a rimandare giù il figlio per dare una sistemata. JC (Jesus Christ) gli dice: "Sei sicuro sia una buona idea? Non ti ricordi cosa è successo l'altra volta?" Ma Dio è irremovibile. Così JC piomba a NY, dove vive con alcuni drop-out e ha modo di rendersi conto in prima persona dell'assurdità del mondo degli uomini. E cerca, come può, di dare una mano. Il ragazzo non sa fare niente, eccetto suonare la chitarra. E riesce a finire in un programma di talenti alla tv. Un gran bel modo per fare arrivare il suo messaggio a un sacco di gente. Ma, come già in passato, anche oggi chi sta dalla parte dei marginali non è propriamente ben visto dalle autorità.

Categoria:

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi - Stile libero big

Anno: 2015

Traduttore: Marco Rossari

ISBN: 9788806225803

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Metti che Dio, in pieno Rinascimento, decida di andare a farsi una vacanza. Quando ritorna, dopo una settimana per lui, ma 400 anni per gli uomini, è successo di tutto. Guerre, genocidi, terrorismo e fanatismi vari. Grazie al libero arbitrio che sembrava il dono più grande che Dio potesse farci, gli umani sono alla deriva e non resta che trovare al più presto una soluzione.

E così a Gesù, figlio capellone e sballato, non resta che tornare sulla terra a rifare tutto il lavoro già fatto secoli prima che, come ben sappiamo, non era finito bene. Solo che stavolta si ritrova negli USA, è un musicista scapestrato e bravissimo, dal grande cuore, che passa le giornate ad aiutare le persone più deboli e gli sfigati, a fumare marijuana a più non posso e a suonare, che è praticamente l’unica cosa che sa fare. Cerca in ogni modo di diffondere il suo messaggio, cioè l’unico vero comandamento che Dio avrebbe voluto trasmettere agli uomini (se Mosè non avesse fatto di testa sua.): “Fate i bravi”. Viene arrestato, picchiato, molestato in continuazione. Fino a quando a uno dei suoi ‘discepoli’ viene un’idea: far partecipare Gesù a un talent. Il più famoso e seguito talent d’America. Un modo moderno per trasmettere il messaggio di Gesù. E fare anche un bel po’ di soldi. A quel punto succede di tutto: un viaggio on the road da New York a Los Angeles, la musica, la gara, i soldi. Eventi che ci sbattono in faccia tutti i modi che abbiamo usato per deviare da quel semplicissimo “fate i bravi”.

John Niven in A volte ritorno” non risparmia nessuno. Ridiamo tantissimo, certo, ma non ne usciamo affatto bene. Santi, profeti, preti e predicatori, autorità varie, tutti vengono attaccati e rivoltati come calzini. Nel mondo ideale che vorrebbero Dio e Gesù le armi vengono confiscate, ognuno collabora come può, si aiutano i più deboli, tutti sono i benvenuti, non si predica niente e nessuno è a capo di niente. Niente immagini sacre, niente chiese, nessuna discriminazione. Le persone possono avere dubbi e le debolezze vengono sempre perdonate. Ma, appunto, si tratta di un mondo ideale.

Un libro provocatorio che ci rinfaccia tutte i misfatti umani. Ma anche un libro divertentissimo, acuto e profondo. Dal linguaggio diretto, senza scrupoli, chiaro. Come la storia che racconta. Un libro che offende i bigotti e forse anche qualche cristiano non troppo bigotto. Ma che potrebbe piacere a chi non si prende troppo sul serio, nonostante la fede. Un libro moderno, che prende un concetto un po’ impolverato e appesantito da pregiudizi, bugie e cattiverie, e lo racconta come dovrebbe essere raccontato oggi. Senza troppa retorica e con razionalità. Perché, parliamoci chiaro, le armi, l’omofobia, il razzismo e i fanatismi (e anche i talent, sì) fanno parte del nostro presente, della società in cui viviamo ora. Proprio in questi giorni. E se Gesù dovesse tornare, si troverebbe ad affrontare davvero tutto questo. E l’idea di un Gesù capellone, con le converse sbrindellate, che suona come un dio, che impegna la sua chitarra per comprare da mangiare agli amici non è poi così terribile, no?

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

A volte ritorno - John Niven - righevaghe

[…] John Niven in “A volte ritorno” non risparmia nessuno. Continua qui! […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Niven

Libri dallo stesso autore

Intervista a Niven John

"'Qui sono proprio io', scrive Roberto Vecchioni: e questo è davvero il suo libro piú intimo, piú autobiografico e urgente. Il libro in cui l'idea stessa della vita e della felicità, il senso del rotolare dei giorni, trova forma di racconto. Perché i momenti piú belli o piú intensi della nostra esistenza brillano nella memoria: sono luci che abbiamo dentro e che a un tratto sentiamo il bisogno di portare fuori. Magari per i nostri figli, e per tutti quelli che hanno voglia di ascoltare".

La vita che si ama

Vecchioni Roberto

La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel?

La ragazza del treno

Hawkins Paula

Benvenuti a teatro. Dove tutto è finto ma niente è falso…

È come se portasse il destino nel nome, Signorina: suo padre, capostazione in un piccolo paese di provincia, l'ha chiamata così ispirandosi al soprannome di una locomotiva di straordinaria eleganza. E creare eleganza, grazia, bellezza è il suo talento. Un giorno dal treno sbuca un omino con gli occhi a mandorla e, con pochi semplici gesti, crea un vestitino di carta per la sua bambola. L'omino scompare, ma le lascia un dono, un dono che lei scoprirà di possedere solo quando una sarta assisterà a una delle sue creazioni. Potrebbe essere l'atto di nascita di una grande stilista, ma ci sono il fascismo, la povertà e gli scontri in famiglia, le responsabilità, i divieti e poi la guerra... e Signorina poco a poco rinuncia a parti di se stessa, a desideri e aspirazioni, soffocando anche la propria femminilità, con una generosità istintiva e assoluta. E quando infine anche lei, quasi all'improvviso, si scopre donna e conosce l'amore, il sogno dura comunque troppo poco, sopraffatto da nuovi doveri e nuove fatiche, e dalla prova più difficile: un figlio nato troppo presto e nato malato, costretto a "succhiare aria" intorno a sé come un ciclista in salita. Nonostante i binari della ferrovia siano ormai lontani e la giovinezza lasci il posto a una maturità venata di nostalgia, ancora una volta Signorina sfodera il suo coraggio e la sua determinazione al bene e lotta per far nascere suo figlio una seconda volta, forte e capace di respirare da solo. Solo alla fine, nell'attimo esatto in cui la lotta cede il passo alla quiete, quel figlio nato due volte si renderà conto che l'amore coraggioso, quello di una donna e di una madre come Signorina, porta nel suo stesso corpo le ferite e i graffi del tempo... L'amore graffia il mondo è il ritratto appassionante di una donna più forte delle proprie fragilità e del vento della storia: una figura indimenticabile, unica, eppure sorella delle tante donne che ogni giorno come guerriere silenziose rinunciano a se stesse per abnegazione e per amore. Ma - come Il dolore perfetto, con cui Riccarelli ha vinto il premio Strega nel 2004 - questo romanzo è anche la saga di una grande famiglia, con una galleria di personaggi severi o meschini, inermi o tenaci che rimangono incisi nella memoria perché appartengono a un tempo perduto. È la storia dell'amore più assoluto e viscerale, quello tra madre e figlio, e della speranza più visionaria. Ed è la celebrazione della forza dell'immaginazione: quella di una donna capace di trarre un abito dalle pieghe di un foglio di carta, perché bastano pochi semplici gesti per vestire di bellezza il mondo.

L’AMORE GRAFFIA IL MONDO

Riccarelli Ugo