Narrativa

RITRATTO DI GRUPPO CON ASSENZA

Sepùlveda Luis

Descrizione: Una raccolta che prende il via dai ricordi, dal vissuto recente e passato, dal mondo di oggi e da quello scomparso. Un Sepulveda al suo meglio, con 1a sua consueta e straordinaria capacità di convertire ogni riflessione, ogni denuncia in un racconto affascinante. Come nel brano che dà il titolo alla raccolta. Nel 1990 torna per la prima volta in Cile, dopo quattordici anni di esilio,con una fotografa, che otto anni prima ha catturato un'immagine in cui si vedono cinque bambini. Lo scopo del viaggio è ritrovare quei cinque bambini e fotografarli. Uno di loro, però, non c'è più... La sua storia è il pretesto per raccontare che cos'è successo al Cile, e com'è il paese dopo diciassette anni di dittatura...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2010

ISBN:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Anna Peterson ha fotografato un gruppo di bambini che vivevano in un quartiere povero di Santiago, La Victoria.

Dopo il suo esilio durato quattordici anni, Sepùlveda, che ha conservato gelosamente il ritratto di quei volti sorridenti, decide di tornare in Cile anche per cercare quei bambini e scoprire quanto sia rimasto della purezza che animava i loro sguardi.
Tra viuzze sterrate e case diseguali, una dirigente locale, Alicia, li accompagna da don Antonio, il Loco Garrito, parente di alcuni dei ragazzi della foto.

Don Antonio, che è stato un grande pugile cileno, campione sudamericano dei pesi welter negli anni Sessanta, sembra molto più vecchio della sua età, ma il volto solcato da rughe profonde passa subito in subordine rispetto alle sue robuste mani da combattente, a ricordare una dignità e un orgoglio contro cui nulla hanno potuto le umiliazioni subite.

Il primo ad arrivare è Henry, che ha una decina di anni ed indossa un paio di logore scarpette da ginnastica. É diretto a scuola, ma non ha con sé né libri né quaderni. «Va a scuola a mangiare. É l’unico pasto caldo che riceve in tutto il giorno», spiega il Loco Garrido.

Henry dopo un po’ torna insieme agli altri ragazzi per disporsi nello stesso punto in cui Anna aveva scattato la prima fotografia, uno dei muri della chiesa cattolica di La Victoria. Da sinistra a destra, pronti per un nuovo scatto, ci sono Cecilia, Pablo, Jorge e il piccolo Henry. Manca invece Marcos.
Mancherà sempre Marcos. Scopro che non possiamo parlare del tempo trascorso tra una fotografia e l’altra perché quella distanza, quegli otto anni, stanno lì sul muro nudo, nello spazio lasciato vuoto da Marcos, assassinato a quindici anni per aver rubato da mangiare, sul viso di quella ragazzina che non sogna più né vuol sognare, di quel ragazzino che non vuole vivere, di quell’altro che è ansioso di andarsene il più lontano possibile, e del piccolo Henry che si vede chissà dove in uno stadio a correre dietro a un pallone indossando una maglietta straniera“.

Il vuoto lasciato da Marcos rappresenta proprio quella purezza che Sepùlveda stava cercando…

“Ritratto di gruppo con assenza” è il primo e forse il più significativo dei venticinque racconti di questa raccolta dolorosa e nostalgica: in esso ci sono tutta la ferocia del regime di Pinochet, la sofferenza della gente cilena e la speranza della rinascita. Ma Sepùlveda non si ferma ai ricordi: esprime la propria indignazione di fronte ai mutamenti climatici e i progetti energetici “che non brillano per la loro attenzione all’ambiente”, si rammarica per la crisi della professione giornalistica (“Sono anch’io un giornalista, dico, e mi sento come don Chisciotte della Mancia, sconfitto infine, quando vede nel cortile di casa l’ignoranza che balla felice accanto al falò in cui bruciano i suoi libri“) e non risparmia le critiche nei confronti della Chiesa Cattolica nel racconto sulla “Rapina a mano santa”. Descrive con ironia amara la vicenda di Miss Tanga 2008, che “muore con il nuovo posteriore ancora da completare“, e, tramite le parole dell’amico Miguel Rojo, ci mostra quanto sia semplice prendersi gioco dei cosiddetti intellettuali.

Tra le pagine più riuscite, sono senz’altro da annoverare quelle dedicate a “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore“, suo primo romanzo, e al tremendo temporale amazzonico che lo sorprese quando ormai da quattro mesi viveva in un villaggio shuar. Qualcuno, invece, potrebbe storcere il naso leggendo di un altro “vecchio” per il quale Sepùlveda non mostra di avere grande stima… “Il vecchietto ha una villa in Sardegna, stupefacente per quanto è kitsch, che è frequentata da gruppi di veline trasportate su aerei dell’Aeronautica italiana, per rallegrare altri vecchietti che vanno ad attestare lì il loro europeismo. In mezzo alle ragazze che fanno il bagno con poca roba addosso, grazie alla perizia di un paparazzo, abbiamo visto un uomo di governo profondamente euroscettico che sfoggiava un’erezione a carico dell’erario pubblico italiano…“.

Personalmente, ho trovato più piacevoli le storie di vita vera, quelle in cui l’autore ci ha regalato qualcuno dei suoi ricordi. Le critiche implacabili lasciano il tempo che trovano e rischiano di sconfinare nella banalità.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luis

Sepùlveda

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sepùlveda Luis


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Tanto per cominciare, Zooey era un giovanotto piccolo, dal corpo estremamente esile. Da dietro (soprattutto dove gli si vedevano le vertebre) sarebbe quasi potuto passare per uno di quegli sparuti bambini di citta che ogni estate vengono spediti alle colonie a ingrassarsi e prendere il sole. Visto in primo piano, di faccia o di profilo, era straordinariamente, spettacolosamente bello. La sorella maggiore mi ha pregato di dire che assomigliava all'"esploratore mohicano ebreo-irlandese dagli occhi azzurri che mori tra le vostre braccia al tavolo della roulette di Montecarlo".A salvare in extremis quel volto dall'eccessiva bellezza, se non addirittura dallo splendore, era un orecchio che sporgeva leggermente piu dell'altro. Per conto mio, comunque, non condivido affatto ne l'uno ne l'altro di questi punti di vista. Ammetto che il volto di Zooey fosse un volto bellissimo, quasi perfetto. Come tale, naturalmente, era passibile di quella stessa varieta di giudizi scorrevoli, imperterriti e spesso capziosi cui e soggetta ogni autentica opera d'arte. Penso resti solo da aggiungere che una qualunque delle cento minacce giornaliere - un incidente d'auto, un raffreddore di testa, una bugia prima di colazione - avrebbe potuto deturpare o imbruttire la sua generosa bellezza nel giro di un giorno o di un minuto. Ma quello ch'era deteriorabile, quello che qualcuno ha categoricamente definito una gioia di tipo imperituro, era un autentico esprit impresso su tutto il viso, specie negli occhi, dove attirava l'attenzione come una maschera di Arlecchino, e a volte disorientava".

FRANNY E ZOOEY

Salinger Jerome D.

IL SILENZIO IMPERFETTO

Penna Aldo

La sovrana è sola nei suoi appartamenti. Ha congedato anche le dame di compagnia, contravvenendo a ogni etichetta di corte: l’incontro che sta per avvenire non deve avere testimoni. Perché l’ospite di Caterina de’ Medici, quell’ometto zoppicante dai lunghi capelli grigi, è messer Nostradamus, maestro dell’occulto. A lui Caterina vuol chiedere l’interpretazione dei sogni di morte che la tormentano sin dall’infanzia, a lui vuol chiedere una rassicurazione per il futuro dei propri figli, ma soprattutto da lui vuole una spiegazione sulla trentacinquesima quartina delle Profezie, che, ne è sicura, riguarda suo marito, Enrico II di Francia, destinato a morire giovane «di crudele morte». La risposta dell’astrologo è criptica, come le sue quartine: lui scrive quello che deve, ma non pretende di comprenderne il significato. Dentro di sé però Caterina conosce la verità, chiusa in quella perla insanguinata posata sul suo cuore: il destino non può essere ingannato, e il sangue versato chiama solo altro sangue...

LA REGINA MALEDETTA

Kalogridis Jeanne

Márcia Théophilo, brasiliana, di estro e d'arte poetici dirompenti, oltre che di appassionata cultura etnica ed endemica, ha levato un inno e un grido a questo mondo minacciato di estinzione, ai meninos su cui si accanisce una bieca perversità che giunge fino a una tenebrosa persecuzione. "Questo libro-poema - come dice la Theophilo nell'introduzione - vuole ispirarsi ad un misticismo panteista e rappresenta un intero mondo. I suoi versi sono piccole orazioni sostenute da un ritmo incalzante. Attraverso la poesia si fa emergere la qualità sacra della vita e di quei valori straordinari che stiamo perdendo. Non è una poesia dedicata solo ai cuccioli dell'uomo, ma anche a tutto ciò che germoglia, che nasce, come l'acqua che sgorga limpida da una sorgente, un fiore che sboccia. È una poesia dedicata alla parte più tenera dell'universo, a tutto ciò che è ancora ritenuto inutile allo sviluppo perché nulla ha a che fare con il consumo e che per questo viene disprezzato o semplicemente non considerato". Il lettore trova qui La passione antropologica, l'indignazione ambientalistica, la sofferenza per la terra violata, l'amore veemente e dolcissimo per le creature che la rappresentano.

Amazzonia è poesia

Théophilo Marcia