Narrativa

RITRATTO IN PIEDI

Manzini Gianna

Descrizione: Avrebbe voluto, per la sua sepoltura, e lo disse, non fiori; bensì piccole ciotole col miglio per gli uccelli... Premio Campiello 1971.

Categoria: Narrativa

Editore: Ortica Editrice

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788897011057

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Disse accarezzandomi: – Hai un bel chiudere la finestra: luce, spazio, voci, esisteranno oltre la tua stanza. Non li avrai aboliti […] E’ al popolo, invece, che io miro. E’ verso la grande speranza di questa unità che io mi getto, attingendo una forza che è anche garanzia di salute. L’unità che io dico, contiene il seme di una splendida, progressiva continuità, […] ossia un divenire, una sopravvivenza ben lontana dalla vita eterna che ti promettono se sarai buona. Capisci? Perdersi nella polvere e sentirsi guardati da centinaia di anni futuri. Umanità indissociabile, come una colata di lava. Non si può frantumarla. E appartarsi è un delitto”.

Gianna Manzini ricorda suo padre e ce lo racconta con straordinaria bravura. La sua scrittura è naturalmente poetica, scorre veloce ed infiammata verso una direzione necessaria. E’ difficile non rimanerne da subito affascinati. Insolita nella sua forma, ricercata ma non pretenziosa, la stesura del romanzo sembra riprodurre fedelmente un flusso di pensieri emozionati.

L’oggetto del suo amore viscerale è il padre scomparso, un personalissimo ritratto che Gianna Manzini prova finalmente a riprodurre su carta solo all’età di settantacinque anni. Lei che sa scrivere di ogni cosa, tarderà a farlo perché difficile è ripercorrere i ricordi e i luoghi di un passato ancora dolorosamente vivo dentro di lei.

Ritorna a Pistoia con la memoria, a quando era solo una bambina ed il padre sfilava orgoglioso tra gli anarchici, mentre la gente chiudeva le finestre al loro passaggio. Giuseppe Manzini è per sua figlia un esempio straordinario di coraggio e dignità: un uomo che ha saputo vivere in nome dei propri ideali un’esistenza autentica, coerente e libera, rifiutando la tranquillità e l’agiatezza di una vita borghese.

La sua esistenza viene ripercorsa dalla scrittrice attraverso le parole, le azioni e i silenzi del padre, da cui lei, come donna, ha saputo trarre la convinzione che “non basta averlo un ideale; bisogna esserne degni: capaci cioè di sacrificargli qualsiasi cosa, a cominciare da se stessi”.

L’autrice sente il dolore di quel padre – che lei si rimprovera di aver abbandonato – quando, mandato al confino da Mussolini sull’Appenino Pistoiese, troverà nel 1925 la morte lontano dai suoi cari.

Quello di Gianna Manzini è un viaggio fondamentale dentro se stessa, ricordo dopo ricordo fino ai giorni in cui visse e amò quell’uomo ormai lontano.

Ritratto in piedi non è un romanzo semplice ma il lettore ne apprezzerà – oltre alla scrittura evocatrice – la descrizione appassionata di un periodo storico controverso e di un’esistenza straordinaria.

Felice di essere abbracciata, tenevo i ginocchi piegati, buttando indietro le gambe, perché le scarpe infangate non gli sporcassero il vestito. I suoi capelli castano chiari erano mossi dal vento. Li vedo. In cielo, un accavallarsi di nuvole […] Mi mise giù. – Tu – disse infine – sei come me. Pensava: non ti tireresti indietro, tu”.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianna

Manzini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Manzini Gianna


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Guidata dal vecchio giardiniere che curava in Persia le terre della sua casa d’infanzia, Marjan Aminpour ha imparato sin da bambina a coltivare le piante. A Ballinacroagh, il villaggio dell’Irlanda occidentale dove, dopo essere scappata dall’Iran khomeinista, si è stabilita assieme a Bahar e Layla, le sue sorelle più piccole, Marjan ha aperto il Caffè Babilonia, un locale ricavato dall’ex panetteria di Estelle Delmonico, la vedova di un fornaio italiano. Col cardamomo e l’acqua di rose, il basmati, il dragoncello e la santoreggia, Marjan prepara le sue speziate ricette persiane, e la gente di Ballinacroagh accorre ogni giorno numerosa al Caffè Babilonia, attratta dalle pareti vermiglie, dalle zuppe di melagrana e dal samovar del tè sempre pronto. Marjan potrebbe finalmente godere dei suoi meritati piccoli trionfi se un perfido scherzo del destino non si fosse preso la briga di turbarla profondamente: Layla, la sorellina che si è conquistata subito la simpatia dell’intera Ballinacroagh, si è innamorata, ricambiata, di Malachy McGuire, uno dei figli di Thomas McGuire, il boss del villaggio che possiede un’infinità di pub e ambirebbe volentieri a mettere le mani sul Caffè Babilonia...

CAFFE’ BABILONIA

Mehran Marsha

La giustizia dei martiri

Pasini Giuliano

Nadia Motta ha ventiquattro anni, nessun sogno e un'unica ambizione: il denaro. La sua vita da studentessa è solo una farsa, e i lavori occasionali piú disparati le permettono di tirare avanti. Perché preoccuparsi? Il futuro prima o poi le «verrà incontro da solo». E per quanto riguarda gli uomini? Faccende di poco conto. Se sua madre Stefi si definisce una «femminista storica» e crede di poterne fare a meno, lei è una «postfemminista»: inutile prenderli troppo sul serio, meglio puntare su un fidanzato con un bel lato «b» (babbeo), come Eros, che pensa di essere un grand'uomo ma gliela dà sempre vinta. Solo una cosa conta davvero, su questo Nadia non ha dubbi: i soldi, quella corrente che nasce chissà dove e spinge le nostre vicende in una direzione o nell'altra. E i soldi arrivano: Nadia vince ventuno milioni a una super lotteria, ritrovandosi da un giorno all'altro a dover maneggiare una cifra a sei zeri che solleverà le sue certezze come palloncini, fino a farle scoppiare in un mondo di traffici e avvocati, conti all'estero, misteri della finanza e amici dal lato «i» (quello intelligente) e dal lato «s» (quello stronzo) fin troppo sviluppati. Sola, e abbandonata a se stessa, Nadia sogna una città metafisica dove tutto è in svendita, piena di manichini sorridenti, castelli in aria e ruote panoramiche, e dove il Signore dei Saldi e dei Soldi sta in agguato appeso a un'enorme ragnatela... Comprare il sole è una commedia sul denaro crudele e attualissima, un balletto vertiginoso sul nostro mondo fatto di apparenze, su una «società di poveri ricchi» che ha perso il senso delle cose.

COMPRARE IL SOLE

Vassalli Sebastiano

2 novembre 1965: sulla spiaggia dell’Idroscalo di Ostia, il corpo massacrato di Pier Paolo Pasolini viene trovato da una donna alle sei e trenta del mattino. Un omicidio, come si sa, che la giustizia ha attribuito a un “ragazzo di vita”, Pino Pelosi detto “la Rana”, ma intorno al quale ruotano ancora dubbi e teorie complottistiche. Ma come si arriva a quella morte? Cos’è successo a Pasolini nelle ultime ore di vita? A questa domanda Lucarelli cerca di rispondere con testimonianze inedite e indagini personali, ma anche attraverso ricordi privati e riflessioni, incontri, storie, frammenti di un mosaico in cui alla fine troveremo rappresentati noi italiani e cosa siamo diventati dopo quella tragica notte.

PPP Pasolini, un segreto italiano

Lucarelli Carlo