Narrativa

RITRATTO IN PIEDI

Manzini Gianna

Descrizione: Avrebbe voluto, per la sua sepoltura, e lo disse, non fiori; bensì piccole ciotole col miglio per gli uccelli... Premio Campiello 1971.

Categoria: Narrativa

Editore: Ortica Editrice

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788897011057

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Disse accarezzandomi: – Hai un bel chiudere la finestra: luce, spazio, voci, esisteranno oltre la tua stanza. Non li avrai aboliti […] E’ al popolo, invece, che io miro. E’ verso la grande speranza di questa unità che io mi getto, attingendo una forza che è anche garanzia di salute. L’unità che io dico, contiene il seme di una splendida, progressiva continuità, […] ossia un divenire, una sopravvivenza ben lontana dalla vita eterna che ti promettono se sarai buona. Capisci? Perdersi nella polvere e sentirsi guardati da centinaia di anni futuri. Umanità indissociabile, come una colata di lava. Non si può frantumarla. E appartarsi è un delitto”.

Gianna Manzini ricorda suo padre e ce lo racconta con straordinaria bravura. La sua scrittura è naturalmente poetica, scorre veloce ed infiammata verso una direzione necessaria. E’ difficile non rimanerne da subito affascinati. Insolita nella sua forma, ricercata ma non pretenziosa, la stesura del romanzo sembra riprodurre fedelmente un flusso di pensieri emozionati.

L’oggetto del suo amore viscerale è il padre scomparso, un personalissimo ritratto che Gianna Manzini prova finalmente a riprodurre su carta solo all’età di settantacinque anni. Lei che sa scrivere di ogni cosa, tarderà a farlo perché difficile è ripercorrere i ricordi e i luoghi di un passato ancora dolorosamente vivo dentro di lei.

Ritorna a Pistoia con la memoria, a quando era solo una bambina ed il padre sfilava orgoglioso tra gli anarchici, mentre la gente chiudeva le finestre al loro passaggio. Giuseppe Manzini è per sua figlia un esempio straordinario di coraggio e dignità: un uomo che ha saputo vivere in nome dei propri ideali un’esistenza autentica, coerente e libera, rifiutando la tranquillità e l’agiatezza di una vita borghese.

La sua esistenza viene ripercorsa dalla scrittrice attraverso le parole, le azioni e i silenzi del padre, da cui lei, come donna, ha saputo trarre la convinzione che “non basta averlo un ideale; bisogna esserne degni: capaci cioè di sacrificargli qualsiasi cosa, a cominciare da se stessi”.

L’autrice sente il dolore di quel padre – che lei si rimprovera di aver abbandonato – quando, mandato al confino da Mussolini sull’Appenino Pistoiese, troverà nel 1925 la morte lontano dai suoi cari.

Quello di Gianna Manzini è un viaggio fondamentale dentro se stessa, ricordo dopo ricordo fino ai giorni in cui visse e amò quell’uomo ormai lontano.

Ritratto in piedi non è un romanzo semplice ma il lettore ne apprezzerà – oltre alla scrittura evocatrice – la descrizione appassionata di un periodo storico controverso e di un’esistenza straordinaria.

Felice di essere abbracciata, tenevo i ginocchi piegati, buttando indietro le gambe, perché le scarpe infangate non gli sporcassero il vestito. I suoi capelli castano chiari erano mossi dal vento. Li vedo. In cielo, un accavallarsi di nuvole […] Mi mise giù. – Tu – disse infine – sei come me. Pensava: non ti tireresti indietro, tu”.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianna

Manzini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Manzini Gianna


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ci sono due tipi di passione. Una non mi piace, l'altra non m'interessa. Cosa hanno in comune la vita di Elsina Marone, miliardaria, impareggiabile ancheggiatrice e una breve esperienza da pilota di Formula 1, e quella di Salvatore Varriale detto (dai nemici) 'a Libellula, boss della camorra nascosto (dagli amici) in uno scantinato del casertano? E quelle di Peppino Valletta, romantico cantante di piano-bar, che vive per il figlio disabile, e di Linda Giugiù, imbattibile, o quasi, al tavolo da poker? O ancora quelle di Aristide Perrella, inesorabile e mostruosa forza della natura, di Donna Emma, perfida viceportiera in un signorile stabile sulla panoramica di Napoli, di Girolamo Santagata, "avvocato romano e misantropo internazionale", di Enza Condé, scienziata di fama planetaria, di Marco Valle, bolognese e taciturno, e di Settimio Valori, "infaticabile patrocinatore di se stesso e uomo di sconcertante banalità"? Hanno in comune che sono, appunto, vite. E come ogni vita sono composte di tutte le cose che ci sembrano decisive e non lo sono, di sparuti momenti di felicità e abissi di dolore, di una apparente monotonia rotta da squarci di luce e grazia, da illuminazioni improvvise, da migliaia di aspetti forse irrilevanti ma non per questo secondari. Partendo dai ritratti del fotografo Jacopo Benassi, Paolo Sorrentino immagina l'esistenza delle persone immortalate, senza conoscere i loro nomi, le loro generalità, che cosa facciano o abbiano fatto.

Gli aspetti irrilevanti

Sorrentino Paolo

In un'aula del Tribunale di Milano, Alessandro Correnti è pronto per discutere il processo più importante della sua carriera. Ha abbandonato i panni di Deus, uno degli hacker più famosi al mondo, e ha indossato di nuovo la toga per difendere la sua cliente Lara da un'incredibile accusa di omicidio. Al momento della sentenza, però, irrompe in aula Nemesys, il più noto e inafferrabile ladro d'identità cinese, che gli consegna una busta e uno strano rotore e poi scompare di nuovo nel nulla. Mentre Deus e il suo nuovo collaboratore, Massimo Foresta, cercano di comprendere un enigma che li porterà nella parte più buia e pericolosa della rete, uno stalker vendicativo e di grande esperienza li prende di mira. Fra droni che volano sui tetti di Milano e hacker cinesi in fuga, spie straniere e criminali senza scrupoli, poliziotti dal cuore buono e ricercatori di virus informatici, ex agenti del Mossad, visionarie studiose di diritto internazionale e affascinanti criminologhe, Correnti deve sfuggire a minacce mortali e proteggere a ogni costo informazioni che potrebbero cambiare il destino del mondo. Innescherà una guerra elettronica che colpirà senza pietà tutta la città e le sue infrastrutture critiche: la metropoli diventerà ben presto terreno di caccia per i più spietati hacker del pianeta. Questa volta Deus avrà bisogno di tutta la sua abilità di hacker per sopravvivere. Soprattutto, dovrà chiedere aiuto a personaggi che riteneva sepolti per sempre nel suo oscuro passato.

La rete ombra

Ziccardi Giovanni

Platone, avaro e pomposo aristocratico, avido di popolarità, vuole sbancare con un best-seller, e , costi quel che costi, concretizzare la propria idea di Stato giusto. Socrate è un beone geniale e alla moda, non manca un solo banchetto, ma ha il vizio di rubacchiare qua e là monili e statuette con cui rimpingua la bottega di antiquariato della moglie, la bionda Santippe. Platone decide di sfruttare la situazione, ricatta Socrate e gli offre denaro in cambio dei dialoghi che solitamente getta al vento. Alla celebre coppa di cicuta Socrate giunge per motivi diversi da quelli tradizionalmente noti: snocciolando i lati oscuri di quegli antichi geni, il demiurgo Durrenmatt intavola un dibattito sul rapporto fra concreto e astratto, pubblicità e vero sapere, ambizione e qualità. Lucido e sorprendente, abile nel giocare con i grandi pensieri e la storia come fossero biglie di vetro, Durrenmatt chiama alla riflessione, anche con poche battute.

La morte di Socrate

Tutto ha inizio quando la protagonista regala ad un mendicante un diario al posto della solita moneta. E qui si apre l'universo di una ragazza che potrebbe essere definita una "giovane Werther del XXI secolo", ma molto innamorata della vita al punto da volerla afferrare nella sua pienezza. "L'uomo ha infinitamente bisogno dell'uomo". Questo è il messaggio forte che Meri ci vuole dare, ed è il messaggio che tutti dovrebbero avere bene in mente, senza finire per dividere ciò che va unito.

IL MENDICANTE DI PENSIERI

Nigro Meri