Narrativa

La riva del silenzio

Yoon Paul

Descrizione: Un giovane prigioniero di guerra nordcoreano, ribattezzato Yohan dagli americani, viene mandato via mare in Brasile perché si ricostruisca una vita dopo gli orrori di un conflitto che ha finora poco interessato la letteratura. Grazie all'abilità manuale che ha dimostrato al campo, viene assegnato come aiutante nella bottega di un sarto giapponese, a sua volta emigrato, a sua volta spaesato nel nuovo continente. Unico legame con l'altro capo del mondo, uno dei marinai giapponesi della nave che fa scalo a intervalli regolari nel porto. E unico interlocutore l'uomo di mezza età che taglia e cuce pazientemente nella piccola, spartana bottega. Interlocutore silenzioso, e non solo per problemi linguistici, il sarto trasmette a Yohan, insieme alla sua arte, anche la malinconica serenità raggiunta negli anni. I due tacciono su un passato drammatico: il lettore viene a conoscere quello del ragazzo tramite una serie di flashback che rivelano con parole scarne le vicende spaventose della guerra, dello sradicamento e della prigionia mitigata solo dalla compagnia di un amico più sfortunato. Ed è grazie al silenzio leggero, colmo di gentilezza, saggezza ed empatia del sarto, e all'incontro con due straordinari ragazzi di strada brasiliani, che Yohan a poco a poco comincia a rinascere, a creare legami di affetto, e perfino a sognare.

Categoria: Narrativa

Editore: Bollati Boringhieri

Collana: Varianti

Anno: 2014

ISBN: 9788833924328

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La riva del silenzio” di Paul Yoon è quella sulla quale approda Yohan, giovane nord-coreano che, dopo l’esperienza della guerra e della prigionia in un campo americano, viene trasportato via nave in Brasile.
Difficile ricostruirsi una vita dopo gli orrori di un conflitto sanguinoso, ma – nonostante le premesse – Yohan ha un buon impatto con la nuova realtà, grazie a un sarto giapponese che con il giovane profugo instaura un rapporto silenzioso: “Da questa reticenza scaturì una sorta di intimità. Kiyoshi, che passava tutto il giorno dietro le vetrine del negozio con le spalle curve, intento a orlare un paio di calzoni o a sostituire i bottoni di una camicia. E dall’altra parte Yohan, anche lui assorto nel lavoro.”

Paul Yoon intreccia tre piani narrativi: quello della nuova vita in Brasile, con il sarto Kiyoshi che sembra parimenti nascondere un passato di dolore e con Bia e Santi (“Yohan sentì l’odore dei ragazzi, dei loro vestiti, dei capelli, del fiato. Sapevano di vernice e di spiaggia”) che “in città… chiamavano i medicanti bambini…”, quello dei ricordi del campo di prigionia con il compagno cieco Peng (“Come se per un breve istante la vita in quel campo di prigionia, vicino al confine meridionale del paese e in tempo di guerra, fosse diventata una sorta di prodigio”), quello del rapporto con il padre nella fattoria, interrotto dall’esplosione  del conflitto (“Pupazzi di neve, era così che chiamavano Yohan e Peng… Li avevano trovati sui monti, sepolti sotto la neve poco lontano dal punto in cui era esplosa una bomba. Li avevano trovati perché il naso di Yohan spuntava fuori dal terreno innevato”).

La bellezza di questo romanzo risiede in una narrazione che è fatta di immagini semplici ed efficaci, attraverso sentimenti elementari e percezioni essenziali che sostituiscono la parola in relazioni ove il linguaggio è  barriera piuttosto che un mezzo di comunicazione.
La riva del silenzio” è un romanzo nel quale la storia deve essere intuita dal lettore, perché è nascosta sotto la coltre del silenzio che si fa rappresentazione: nel passeggiare sopra i tetti, nel sapore della luce del mattino, negli arrivi cadenzati della nave, unico legame con il passato, nell’osservazione reciproca di gesti e pianti, in una flotta di canoe che solcano il mare…

Io non so se il paragone che viene riportato nella quarta di copertina sia appropriato (The Boston Globe: “Una scrittura essenziale e bellissima, che a tratti ricorda la sincerità di Hemingway”), tuttavia riconosco che finalmente ho letto un libro ove la trama non prevale sull’espressione artistica della storia, perché l’autore non cede alle sirene del sensazionalismo e così, con garbata allusività, racconta tragedie umane e storiche (Ann Patchett, l’autrice di “Corri”: “Dietro ogni minimo tocco da miniaturista, in questo romanzo risplende una storia profonda e complessa. Una commovente meditazione sulla vita trascorsa in solitudine”) incantando il lettore.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paul

Yoon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yoon Paul


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Giovanni ha diciotto anni, trascorsi quasi tutti a Verona, dove è nato. Una vita tranquilla, qualche amico e, ogni giorno, i lunghi allenamenti in piscina per prepararsi alle gare. Anche a casa regna la quiete: Giovanni vive solo con suo padre, notaio, in quel genere di grande appartamento abitato da due uomini che ogni donna può immaginarsi. Selvaggia ha diciotto anni, molte amiche e diversi spasimanti, vive sul mare e assapora l'estate appena iniziata quando sua madre le sconvolge la vita: si trasferiranno per ragioni di lavoro. Selvaggia cambierà scuola, dovrà ricominciare tutto da capo e lo dovrà fare a Verona, la città dove è nata e da cui proprio la mamma, tanti anni prima, l'aveva portata via, separandola dal padre e dal fratello gemello. Quando Selvaggia varca per la prima volta la soglia della nuova casa, Giovanni è rintanato in camera sua. Gli basta la voce di lei per capire che nulla sarà più come prima. Giovanni scopre quella voce come un regalo, ma al tempo stesso la riconosce, è un suono che vive da sempre dentro di lui: Selvaggia, la sorella perduta, è tornata nella sua vita, per sempre. Lei a Verona non conosce nessuno: solo Johnny - come lo ha subito ribattezzato - può farle da guida e tenerle compagnia nei tre lunghi mesi che devono trascorrere prima della ripresa scolastica. Selvaggia è bellissima, piena di fascino ma anche capricciosa fino allo sfinimento, croce e delizia per il fratello ritrovato. Presto tra i due si sprigiona un'elettricità, un magnetismo, un'affinità che ha un solo nome, per loro impronunciabile: desiderio. Questo romanzo è la cronaca dell'amore tra due ragazzi che si affacciano alla vita, un amore meraviglioso e impossibile nel modo più crudele, perché non è la diversità a separare i due innamorati - non sono una sirenetta e un principe, un vampiro e una fanciulla - ma, proprio nella terra dei Montecchi e dei Capuleti, è la vicinanza assoluta a condannarli. Densissimo di echi letterari eppure diretto come il diario di un teenager, Le affinità alchemiche ha il candore e l'intensità per rinnovare nel nostro cuore un'emozione senza tempo, per ammaliarci ancora una volta con il miracolo e la tragedia della seduzione. Selvaggia e Johnny: ricordatevi questi nomi, la loro fiamma brucia alta nel cielo

LE AFFINITA’ ALCHEMICHE

Coltorti Gaia

Capuana, Luigi – DELITTO IDEALE (Delitto Ideale, 1902)

Perché, poco prima delle Idi di marzo, il giorno fatidico in cui venne ucciso, Giulio Cesare rinunciò a essere accompagnato dalla scorta? E perché proprio Bruto e Decimo, gli uomini più vicini al dittatore, avrebbero dovuto desiderarne e organizzarne la fine? Perché, mentre si recava alla Curia, il dittatore di Roma ignorò tutti coloro che lo avvertivano che sarebbe stato vittima di un complotto? E infine perché, quando venne portato via dopo essere stato accoltellato a morte, un lembo della tonaca gli copriva il viso? Secondo Cicerone il dittatore avrebbe provato vergogna per le smorfie di dolore che gli contraevano il volto nel momento della morte, e si sarebbe coperto per nasconderle. Ma se la ragione fosse un'altra? Furono gli schiavi dello stesso Cesare a portare via il corpo del padrone, con il viso nascosto dalla toga. E solo dopo un certo tempo il medico Antistione dichiarò che Cesare era stato colpito da diciotto coltellate, di cui una mortale. Ai tanti enigmi che si affollano intorno alla più famosa congiura della storia, Franco Forte dà un'incredibile risposta nelle pagine di questo romanzo: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di marzo? Forse la congiura non aveva la finalità di ucciderlo, ma di sottrarlo allo scomodo e gravoso incarico di padre-padrone di Roma. Offrendogli così la possibilità di tornare a dedicarsi a ciò che nella vita aveva sempre amato: essere alla testa di una legione, la Legio Caesaris, e combattere per la gloria personale e dell'Urbe. Con un ulteriore obiettivo, che solo una mente ambiziosa come quella di Cesare poteva escogitare: raggiungere i confini del mondo alla ricerca della dimora degli dèi, per strappare loro il segreto della vita eterna. Tra colpi di scena strabilianti e gustosissimi cammei di personaggi storici, Franco Forte ci regala la prima epica avventura di Cesare e della sua nuova legione.

Cesare l’immortale

Forte Franco

Michele Gervasini è il tuo vicino di scrivania. Goffo e incolore, sempre a un passo dall'agognato scatto di carriera, dimostra a ogni respiro una solenne verità: l'uomo è quell'animale che, grazie al lavoro, sceglie liberamente di rendersi schiavo per tutta la vita. Ma il giorno in cui i colleghi cominciano a suicidarsi a raffica, il percorso esistenziale casa-ufficio registra un sinistro scricchiolio. E sotto gli occhi stolidi della mucca aziendale in vetroresina salta in aria l'organigramma del mondo. Un romanzo abrasivo, comico e letterario, in cui ridendo degli altri è impossibile non riconoscersi.

NESSUNO E’ INDISPENSABILE

Fiore Peppe