Narrativa

La riva del silenzio

Yoon Paul

Descrizione: Un giovane prigioniero di guerra nordcoreano, ribattezzato Yohan dagli americani, viene mandato via mare in Brasile perché si ricostruisca una vita dopo gli orrori di un conflitto che ha finora poco interessato la letteratura. Grazie all'abilità manuale che ha dimostrato al campo, viene assegnato come aiutante nella bottega di un sarto giapponese, a sua volta emigrato, a sua volta spaesato nel nuovo continente. Unico legame con l'altro capo del mondo, uno dei marinai giapponesi della nave che fa scalo a intervalli regolari nel porto. E unico interlocutore l'uomo di mezza età che taglia e cuce pazientemente nella piccola, spartana bottega. Interlocutore silenzioso, e non solo per problemi linguistici, il sarto trasmette a Yohan, insieme alla sua arte, anche la malinconica serenità raggiunta negli anni. I due tacciono su un passato drammatico: il lettore viene a conoscere quello del ragazzo tramite una serie di flashback che rivelano con parole scarne le vicende spaventose della guerra, dello sradicamento e della prigionia mitigata solo dalla compagnia di un amico più sfortunato. Ed è grazie al silenzio leggero, colmo di gentilezza, saggezza ed empatia del sarto, e all'incontro con due straordinari ragazzi di strada brasiliani, che Yohan a poco a poco comincia a rinascere, a creare legami di affetto, e perfino a sognare.

Categoria: Narrativa

Editore: Bollati Boringhieri

Collana: Varianti

Anno: 2014

ISBN: 9788833924328

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La riva del silenzio” di Paul Yoon è quella sulla quale approda Yohan, giovane nord-coreano che, dopo l’esperienza della guerra e della prigionia in un campo americano, viene trasportato via nave in Brasile.
Difficile ricostruirsi una vita dopo gli orrori di un conflitto sanguinoso, ma – nonostante le premesse – Yohan ha un buon impatto con la nuova realtà, grazie a un sarto giapponese che con il giovane profugo instaura un rapporto silenzioso: “Da questa reticenza scaturì una sorta di intimità. Kiyoshi, che passava tutto il giorno dietro le vetrine del negozio con le spalle curve, intento a orlare un paio di calzoni o a sostituire i bottoni di una camicia. E dall’altra parte Yohan, anche lui assorto nel lavoro.”

Paul Yoon intreccia tre piani narrativi: quello della nuova vita in Brasile, con il sarto Kiyoshi che sembra parimenti nascondere un passato di dolore e con Bia e Santi (“Yohan sentì l’odore dei ragazzi, dei loro vestiti, dei capelli, del fiato. Sapevano di vernice e di spiaggia”) che “in città… chiamavano i medicanti bambini…”, quello dei ricordi del campo di prigionia con il compagno cieco Peng (“Come se per un breve istante la vita in quel campo di prigionia, vicino al confine meridionale del paese e in tempo di guerra, fosse diventata una sorta di prodigio”), quello del rapporto con il padre nella fattoria, interrotto dall’esplosione  del conflitto (“Pupazzi di neve, era così che chiamavano Yohan e Peng… Li avevano trovati sui monti, sepolti sotto la neve poco lontano dal punto in cui era esplosa una bomba. Li avevano trovati perché il naso di Yohan spuntava fuori dal terreno innevato”).

La bellezza di questo romanzo risiede in una narrazione che è fatta di immagini semplici ed efficaci, attraverso sentimenti elementari e percezioni essenziali che sostituiscono la parola in relazioni ove il linguaggio è  barriera piuttosto che un mezzo di comunicazione.
La riva del silenzio” è un romanzo nel quale la storia deve essere intuita dal lettore, perché è nascosta sotto la coltre del silenzio che si fa rappresentazione: nel passeggiare sopra i tetti, nel sapore della luce del mattino, negli arrivi cadenzati della nave, unico legame con il passato, nell’osservazione reciproca di gesti e pianti, in una flotta di canoe che solcano il mare…

Io non so se il paragone che viene riportato nella quarta di copertina sia appropriato (The Boston Globe: “Una scrittura essenziale e bellissima, che a tratti ricorda la sincerità di Hemingway”), tuttavia riconosco che finalmente ho letto un libro ove la trama non prevale sull’espressione artistica della storia, perché l’autore non cede alle sirene del sensazionalismo e così, con garbata allusività, racconta tragedie umane e storiche (Ann Patchett, l’autrice di “Corri”: “Dietro ogni minimo tocco da miniaturista, in questo romanzo risplende una storia profonda e complessa. Una commovente meditazione sulla vita trascorsa in solitudine”) incantando il lettore.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paul

Yoon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yoon Paul


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Chi nasce il 29 febbraio vive il tempo in un modo davvero strano: salta da 4 a 8, da 8 a 12, e così via». Hassinu, il protagonista del romanzo, è un impiegato alle poste di Algeri. Ha 40 anni ma non lo sa, perché è nato il 29 febbraio: senza preavviso passa da 36 a 40 anni e si sente in qualche modo scippato della propria vita, come molti della sua generazione cui hanno rubato gli anni migliori. Amara Lakhous racconta una generazione, un paese che ha anticipato, in qualche modo, quello che sta succedendo oggi in tutto il mondo arabo. Hassinu vuole il pane e la libertà, come i giovani arabi di oggi che si stanno ribellando alle dittature.

UN PIRATA PICCOLO PICCOLO

Lakhous Amara

Sulle spiagge dell'Adriatico un uomo giace sulla sabbia con la gola squarciata. Segue a breve un altro omicidio. L'assassino attende con pazienza che passi la tempesta ma non sa che il proprio nome è stato scritto sulla sabbia.

LA SABBIA NON RICORDA

Scerbanenco Giorgio

Enrico IV

Un libro sui giovani, perché i giovani, anche se non sempre lo sanno, stanno male. E non per le solite crisi esistenziali che costellano la giovinezza, ma perché un ospite inquietante, il nichilismo, si aggira tra loro, penetra nei loro sentimenti, confonde i loro pensieri, cancella prospettive e orizzonti, fiacca la loro anima, intristisce le passioni rendendole esangui. Le famiglie si allarmano, la scuola non sa più cosa fare. Solo il mercato si interessa di loro per condurli sulle vie del divertimento e del consumo, dove ciò che si consuma è la loro stessa vita, che più non riesce a proiettarsi in un futuro capace di far intravedere una qualche promessa. Va da sé che, se il disagio non è del singolo individuo, l'origine non è psicologica ma culturale. Perciò inefficaci appaiono i rimedi elaborati dalla nostra cultura, sia in versione religiosa perché Dio è davvero morto, sia nella versione illuminista perché non sembra che la ragione sia oggi il regolatore dei rapporti tra gli uomini. Resta solo la 'ragione strumentale' che garantisce il progresso tecnico, ma non un ampliamento dell'orizzonte di senso per la latitanza del pensiero e l'aridità del sentimento. C'è una via d'uscita? Si può mettere alla porta l'ospite inquietante? Sì, se sapremo insegnare ai giovani l'arte del vivere, come dicevano i Greci, che consiste nel riconoscere le proprie capacità e nell'esplicitare e vederle fiorire secondo misura. Se proprio attraverso il nichilismo i giovani, adeguatamente sostenuti, sapessero compiere questo primo passo capace di farli incuriosire e innamorare di sé, l'ospite inquietante non sarebbe passato invano.

L’ospite inquietante

Galimberti Umberto