Narrativa

La riva del silenzio

Yoon Paul

Descrizione: Un giovane prigioniero di guerra nordcoreano, ribattezzato Yohan dagli americani, viene mandato via mare in Brasile perché si ricostruisca una vita dopo gli orrori di un conflitto che ha finora poco interessato la letteratura. Grazie all'abilità manuale che ha dimostrato al campo, viene assegnato come aiutante nella bottega di un sarto giapponese, a sua volta emigrato, a sua volta spaesato nel nuovo continente. Unico legame con l'altro capo del mondo, uno dei marinai giapponesi della nave che fa scalo a intervalli regolari nel porto. E unico interlocutore l'uomo di mezza età che taglia e cuce pazientemente nella piccola, spartana bottega. Interlocutore silenzioso, e non solo per problemi linguistici, il sarto trasmette a Yohan, insieme alla sua arte, anche la malinconica serenità raggiunta negli anni. I due tacciono su un passato drammatico: il lettore viene a conoscere quello del ragazzo tramite una serie di flashback che rivelano con parole scarne le vicende spaventose della guerra, dello sradicamento e della prigionia mitigata solo dalla compagnia di un amico più sfortunato. Ed è grazie al silenzio leggero, colmo di gentilezza, saggezza ed empatia del sarto, e all'incontro con due straordinari ragazzi di strada brasiliani, che Yohan a poco a poco comincia a rinascere, a creare legami di affetto, e perfino a sognare.

Categoria: Narrativa

Editore: Bollati Boringhieri

Collana: Varianti

Anno: 2014

ISBN: 9788833924328

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La riva del silenzio” di Paul Yoon è quella sulla quale approda Yohan, giovane nord-coreano che, dopo l’esperienza della guerra e della prigionia in un campo americano, viene trasportato via nave in Brasile.
Difficile ricostruirsi una vita dopo gli orrori di un conflitto sanguinoso, ma – nonostante le premesse – Yohan ha un buon impatto con la nuova realtà, grazie a un sarto giapponese che con il giovane profugo instaura un rapporto silenzioso: “Da questa reticenza scaturì una sorta di intimità. Kiyoshi, che passava tutto il giorno dietro le vetrine del negozio con le spalle curve, intento a orlare un paio di calzoni o a sostituire i bottoni di una camicia. E dall’altra parte Yohan, anche lui assorto nel lavoro.”

Paul Yoon intreccia tre piani narrativi: quello della nuova vita in Brasile, con il sarto Kiyoshi che sembra parimenti nascondere un passato di dolore e con Bia e Santi (“Yohan sentì l’odore dei ragazzi, dei loro vestiti, dei capelli, del fiato. Sapevano di vernice e di spiaggia”) che “in città… chiamavano i medicanti bambini…”, quello dei ricordi del campo di prigionia con il compagno cieco Peng (“Come se per un breve istante la vita in quel campo di prigionia, vicino al confine meridionale del paese e in tempo di guerra, fosse diventata una sorta di prodigio”), quello del rapporto con il padre nella fattoria, interrotto dall’esplosione  del conflitto (“Pupazzi di neve, era così che chiamavano Yohan e Peng… Li avevano trovati sui monti, sepolti sotto la neve poco lontano dal punto in cui era esplosa una bomba. Li avevano trovati perché il naso di Yohan spuntava fuori dal terreno innevato”).

La bellezza di questo romanzo risiede in una narrazione che è fatta di immagini semplici ed efficaci, attraverso sentimenti elementari e percezioni essenziali che sostituiscono la parola in relazioni ove il linguaggio è  barriera piuttosto che un mezzo di comunicazione.
La riva del silenzio” è un romanzo nel quale la storia deve essere intuita dal lettore, perché è nascosta sotto la coltre del silenzio che si fa rappresentazione: nel passeggiare sopra i tetti, nel sapore della luce del mattino, negli arrivi cadenzati della nave, unico legame con il passato, nell’osservazione reciproca di gesti e pianti, in una flotta di canoe che solcano il mare…

Io non so se il paragone che viene riportato nella quarta di copertina sia appropriato (The Boston Globe: “Una scrittura essenziale e bellissima, che a tratti ricorda la sincerità di Hemingway”), tuttavia riconosco che finalmente ho letto un libro ove la trama non prevale sull’espressione artistica della storia, perché l’autore non cede alle sirene del sensazionalismo e così, con garbata allusività, racconta tragedie umane e storiche (Ann Patchett, l’autrice di “Corri”: “Dietro ogni minimo tocco da miniaturista, in questo romanzo risplende una storia profonda e complessa. Una commovente meditazione sulla vita trascorsa in solitudine”) incantando il lettore.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paul

Yoon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yoon Paul


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un pianista che fa il portiere di notte. Un albergo e le sue stanze, perfette per nascondere i segreti. Un'enigmatica receptionist, con «un sorriso negli occhi» al quale è impossibile resistere. Un gioco di presenze e fughe, di sguardi e tradimenti. Un romanzo conturbante sul potere invincibile di chi sa dire al mondo - semplicemente - sí. Con una scrittura che intrappola il lettore nella medesima veglia forzata vissuta dal protagonista, Luca Ricci ci consegna il ritratto indimenticabile di una donna disposta a mettere da parte «quell'illusione di unicità che anche il legame piú abietto non è disposto a negoziare».

MABEL DICE SI’

Ricci Luca

Non basta la verità giudiziaria. Nel mare di accuse e veleni che continuano a inquinare i processi in corso sulla trattativa Stato-mafia, con particolare riferimento alle morti di Falcone e Borsellino, e che hanno addirittura coinvolto indirettamente il presidente della Repubblica, è necessario provare a spostare il nostro angolo visuale e fare un passo indietro. La storia ci viene in aiuto per capire che cosa sta succedendo. La partita è troppo grossa perché possa rimanere nelle aule di un tribunale. In gioco è la Repubblica italiana, il nostro Stato. Entrambi nati con l'appoggio fondamentale della mafia. L'autore spiega come e perché. Dalla vittoriosa cavalcata di Garibaldi aiutato dai picciotti siciliani durante la spedizione del 1860 agli omicidi impuniti d'inizio secolo che contaminano il tessuto economico-finanziario, all'alleanza col fascismo che si limitò a contrastare la manovalanza armata. Poi il patto di sangue con gli angloamericani nel 1943 per indirizzare la pace, seguito dagli omicidi e dalle stragi del dopoguerra perché la sinistra non avesse il sopravvento al Sud, fino alle tragiche vicende oggetto degli attuali processi. Difficile ammetterlo, però è così: la mafia è stata una risorsa decisiva per lo Stato italiano sin dai suoi albori unitari offrendo appoggio anche militare a chi vigilava sul controllo "democratico" del paese e talora a chi sosteneva veri e propri disegni eversivi. La magistratura non ce la può fare da sola a spaccare questa crosta spessa di bugie e inganni...

Una lunga trattativa

Fasanella Giovanni

Carolina, una ragazza nel tunnel della droga, e Giorgio, suo padre, editor di una piccola casa editrice romana. Un centro di recupero dal quale la figlia è uscita senza una vera guarigione. La vita che ricomincia come prima, attirata a ogni passo nei vicoli della dipendenza, verso un destino cui niente e nessuno sembra potersi opporre. Solo, impotente, smarrito, Giorgio tenta ogni strada per salvare sua figlia, e in ogni strada, dissestata, sconnessa da una crescente follia, la sua solitudine si fa più profonda, il suo smarrimento più vasto, la sua impotenza più fatale. Cerca rifugio nella fede, e una via di salvezza comincia ad affacciarsi, un'idea di fede oscura, un patto col diavolo...

Sacrificio

Carraro Andrea

Il conte Neville, aristocratico belga decaduto, è costretto a vendere il suo magnifico castello nelle Ardenne. Prima di uscire di scena, per celebrare l'onore della famiglia, decide di organizzare una lussuosissima festa di addio. Ma nei giorni che precedono l'evento Sérieuse, la sua figlia più giovane, fugge di casa e si nasconde nella foresta. A trovarla è una misteriosa chiaroveggente e sarà costei, dopo aver avvertito il conte del ritrovamento della ragazza, a fargli una spaventosa profezia: "Durante il ricevimento, lei ucciderà un invitato." Il conte Neville, ossessionato da queste parole, dovrà trovare un modo per sfuggire al suo tragico destino. Riprendendo Oscar Wilde e la tragedia greca Amélie Nothomb gioca con la letteratura e con l'intelligenza dei lettori, fornendo come al solito una sua personale versione dei miti.

Il delitto del conte Neville

Nothomb Amèlie