Narrativa

La riva del silenzio

Yoon Paul

Descrizione: Un giovane prigioniero di guerra nordcoreano, ribattezzato Yohan dagli americani, viene mandato via mare in Brasile perché si ricostruisca una vita dopo gli orrori di un conflitto che ha finora poco interessato la letteratura. Grazie all'abilità manuale che ha dimostrato al campo, viene assegnato come aiutante nella bottega di un sarto giapponese, a sua volta emigrato, a sua volta spaesato nel nuovo continente. Unico legame con l'altro capo del mondo, uno dei marinai giapponesi della nave che fa scalo a intervalli regolari nel porto. E unico interlocutore l'uomo di mezza età che taglia e cuce pazientemente nella piccola, spartana bottega. Interlocutore silenzioso, e non solo per problemi linguistici, il sarto trasmette a Yohan, insieme alla sua arte, anche la malinconica serenità raggiunta negli anni. I due tacciono su un passato drammatico: il lettore viene a conoscere quello del ragazzo tramite una serie di flashback che rivelano con parole scarne le vicende spaventose della guerra, dello sradicamento e della prigionia mitigata solo dalla compagnia di un amico più sfortunato. Ed è grazie al silenzio leggero, colmo di gentilezza, saggezza ed empatia del sarto, e all'incontro con due straordinari ragazzi di strada brasiliani, che Yohan a poco a poco comincia a rinascere, a creare legami di affetto, e perfino a sognare.

Categoria: Narrativa

Editore: Bollati Boringhieri

Collana: Varianti

Anno: 2014

ISBN: 9788833924328

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La riva del silenzio” di Paul Yoon è quella sulla quale approda Yohan, giovane nord-coreano che, dopo l’esperienza della guerra e della prigionia in un campo americano, viene trasportato via nave in Brasile.
Difficile ricostruirsi una vita dopo gli orrori di un conflitto sanguinoso, ma – nonostante le premesse – Yohan ha un buon impatto con la nuova realtà, grazie a un sarto giapponese che con il giovane profugo instaura un rapporto silenzioso: “Da questa reticenza scaturì una sorta di intimità. Kiyoshi, che passava tutto il giorno dietro le vetrine del negozio con le spalle curve, intento a orlare un paio di calzoni o a sostituire i bottoni di una camicia. E dall’altra parte Yohan, anche lui assorto nel lavoro.”

Paul Yoon intreccia tre piani narrativi: quello della nuova vita in Brasile, con il sarto Kiyoshi che sembra parimenti nascondere un passato di dolore e con Bia e Santi (“Yohan sentì l’odore dei ragazzi, dei loro vestiti, dei capelli, del fiato. Sapevano di vernice e di spiaggia”) che “in città… chiamavano i medicanti bambini…”, quello dei ricordi del campo di prigionia con il compagno cieco Peng (“Come se per un breve istante la vita in quel campo di prigionia, vicino al confine meridionale del paese e in tempo di guerra, fosse diventata una sorta di prodigio”), quello del rapporto con il padre nella fattoria, interrotto dall’esplosione  del conflitto (“Pupazzi di neve, era così che chiamavano Yohan e Peng… Li avevano trovati sui monti, sepolti sotto la neve poco lontano dal punto in cui era esplosa una bomba. Li avevano trovati perché il naso di Yohan spuntava fuori dal terreno innevato”).

La bellezza di questo romanzo risiede in una narrazione che è fatta di immagini semplici ed efficaci, attraverso sentimenti elementari e percezioni essenziali che sostituiscono la parola in relazioni ove il linguaggio è  barriera piuttosto che un mezzo di comunicazione.
La riva del silenzio” è un romanzo nel quale la storia deve essere intuita dal lettore, perché è nascosta sotto la coltre del silenzio che si fa rappresentazione: nel passeggiare sopra i tetti, nel sapore della luce del mattino, negli arrivi cadenzati della nave, unico legame con il passato, nell’osservazione reciproca di gesti e pianti, in una flotta di canoe che solcano il mare…

Io non so se il paragone che viene riportato nella quarta di copertina sia appropriato (The Boston Globe: “Una scrittura essenziale e bellissima, che a tratti ricorda la sincerità di Hemingway”), tuttavia riconosco che finalmente ho letto un libro ove la trama non prevale sull’espressione artistica della storia, perché l’autore non cede alle sirene del sensazionalismo e così, con garbata allusività, racconta tragedie umane e storiche (Ann Patchett, l’autrice di “Corri”: “Dietro ogni minimo tocco da miniaturista, in questo romanzo risplende una storia profonda e complessa. Una commovente meditazione sulla vita trascorsa in solitudine”) incantando il lettore.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paul

Yoon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yoon Paul


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando fa il suo ingresso nell’aula di tribunale in cui verrà giudicata per l’omicidio del suo giovanissimo amante, Gladys Eysenach viene accolta dai mormorii di un pubblico sovreccitato, impaziente di conoscere ogni più sordido dettaglio di quello che promette di essere l’affaire più succulento di quanti il bel mondo parigino abbia visto da anni. Nel suo pallore, Gladys evoca davvero l’ombra di Jezabel, quell’ombra che nell’Athalie di Racine compare in sogno alla figlia, che così la descrive: «Non ne aveva, il dolore, smorzato la fierezza; / aveva anzi, ancora, quella finta bellezza / mantenuta con cure, con espedienti labili, / per riparar degli anni le sfide irreparabili». Sì, è ancora molto, molto bella, Gladys Eysenach: il tempo sembra averla «sfiorata come a malincuore, con mano cauta e gentile», quasi si fosse limitato ad accarezzarla teneramente, e le donne presenti nell’aula si sussurrano con invidia i nomi dei suoi innumerevoli amanti. Ma pochi giorni dopo, allorché vengono pronunciate le arringhe, tutta la sua bellezza pare averla abbandonata, e Gladys è ormai soltanto una donna vecchia e sfinita, che a mani giunte supplica i giudici di infliggerle la pena che merita. La condanna sarà lieve, invece, solo cinque anni: il movente passionale ha fatto sì che le venissero concesse le attenuanti previste dalla legge. Ma qual è la verità – quella verità che Gladys Eysenach ha cercato ad ogni costo di occultare? Qual è il vero movente dell’omicidio da lei commesso? Capace come pochi altri scrittori di scavare nel cuore femminile con implacabile, chirurgica precisione, Irène Némirovsky ci svela a poco a poco il segreto di questa donna che ha desiderato più di ogni altra cosa di sconfiggere il tempo, di rimanere immutabilmente bella, di essere amata per sempre – e che per questo è arrivata a uccidere.

Jezabel

Némirovsky Irene

Vent'anni fa, un'estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno "l'ospite dell'estate, l'ennesima scocciatura": uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all'estasi. "Chiamami col tuo nome" è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che "questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta".

Chiamami col tuo nome

Aciman André

Le voci di Nike

Silvia M. Damiani

Avvolti in atmosfere sinistre e inquietanti, popolati da creature sospese tra la vita e la morte, assetate di sangue e portatrici di sciagure, questi 15 racconti di Joseph Sheridan Le Fanu hanno profondamente influenzato la narrativa fantastica e dell'orrore. La fantasia di Le Fanu risveglia invincibili paure ancestrali, creando un uniiverso oscuro e sconvolgente.

CARMILLA – di J. Sheridan Le Fanu

Le Fanu Joseph Sheridan