Racconti

Roma per sempre

Proietti Mancini Marco

Descrizione: In "Roma per sempre" Marco Proietti Mancini riesce a far viaggiare i lettori attraverso tre dimensioni: lo spazio, il tempo e le emozioni. Nelle storie che racconta c'è una descrizione dei luoghi, dei posti e degli spostamenti, c'è il viaggio nel tempo che riporta indietro dai primi ricordi di vita fino ai giorni nostri e ci si immerge pienamente nelle sensazioni. Le emozioni prettamente romane che in quei posti, in quel tempo, i protagonisti delle storie di Marco hanno vissuto. L'autore ci accompagna, ci descrive, ci rivela i particolari, i dettagli, i segreti che Roma ancora nasconde: e noi viaggiamo insieme a lui per le strade e i vicoli di questa metropoli, corridoi di teatro che sfociano nella platea delle piazze, dove la rappresentazione della vita esplode. Ma lo spettacolo vero è dietro le quinte, dove i protagonisti veri sono i popolani, la gente normale che Roma la vive nella quotidianità dei suoi giorni. Un libro che può essere considerato allo stesso tempo un romanzo e una guida emozionale per conoscere ancora meglio la metropoli più bella del mondo.

Categoria: Racconti

Editore: Edizioni della Sera

Collana: Emozioni di carta

Anno: 2013

ISBN: 9788897139409

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Roma per sempre. Storie quotidiane della città eterna

Ė la fotografia di una città raccontata in molte opere. Dall’arte alla storia, dalla letteratura al cinema. Un libro in cui, con originalità, tratto tipico del suo stile, Marco Proietti Mancini regala un qualcosa in più: Roma per sempre diventa una guida emozionale. Non solo un itinerario nei luoghi della capitale, di cui l’autore racconta le origini e gioca con la storia, ma anche un percorso che abbraccia le vite dei personaggi. Sono proprio i protagonisti delle Storie quotidiane della città eterna che dipingono Roma di gioia, passione, dolore. La raccontano nelle sue abitudini e nelle vicende odierne. Sono i tanti volti della semplice e forte quotidianità che tocca le corde di ognuno di noi. Un figlio che ricorda i suoi genitori, un giovane che ha perso la propria compagna, la felicità di quattro amici che si ritrovano dopo anni.

Johann Wolfgang von Goethe scriveva che “solo a Roma è possibile comprendere Roma”. Un’espressione che sposa bene l’essenza di questo libro e di ciò che lo scrittore ha voluto comunicare. Roma è bella e unica perché, se la vivi, anche solo per un giorno, ti accorgi che i suoi panorami ti catturano. “Piazzale Flaminio. Siete mai riusciti a passarci senza guardare, anche solo per un’occhiata veloce Piazza del Popolo?“, si legge nel libro. Io non ci sono mai riuscita.

Roma per sempre non è il solito libro di racconti. E’ un puzzle in cui è bello perdersi. E’ il sodalizio tra parole, luoghi e sensazioni. Provate a leggerlo mentre camminate nei giardini di Villa Borghese o mentre da via Del Corso vedete avvicinarsi l’Altare della Patria.

Una passeggiata a Roma si vestirà di un colore insolito: Trastevere e il brulicare di persone, il via vai nei locali all’aperto nelle serate che preannunciano l’estate. Il panorama di Piazza del Popolo da piazzale Napoleone, sul Pincio: quante meraviglie riuscite a scorgere da quell’altezza?

Un esperimento da fare: a portata di mano Roma per sempre e un week-end da dedicare alla città.

Chiara Amato

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Mancini

Proietti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Proietti Mancini Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il secondo regno dantesco "dove l'umano spirito si purga / e di salire al ciel diventa degno", è, dei tre, quello che porta nella sua struttura, sia fisica sia morale, la maggiore novità d'invenzione, tanto da poter dire che esso è un mondo, nel suo aspetto e nel suo spirito, soltanto dantesco. Circola per tutto il Purgatorio un'atmosfera difficilmente definibile, come di raccolto incanto, che coglie il lettore fin dall'inizio e l'accompagna fino alle soglie del Paradiso: attingere lo spirito di quella delicatissima aura che tutto avvolge è la via per intendere il Purgatorio dantesco nella profonda bellezza che lo distingue.

La divina commedia

Alighieri Dante

Glen Runciter comunica con la moglie defunta per avere i suoi consigli dall’aldilà. Joe Chip scompare dal mondo del 1992 e si ritrova nell’America degli anni Trenta, mentre riceve misteriosi e cupi messaggi. Una trappola mortale sembra aver annientato i migliori precognitivi del sistema solare. È in corso una lotta per scrutare il futuro nel corso di un’impossibile dissoluzione del presente; mondi e tempi diversi vivono e fluiscono contemporaneamente, la vita si scambia con la morte. In Ubik Philip Dick affronta con grande ispirazione alcuni dei suoi temi piú profondi: l’illusione che chiamiamo realtà, la mancanza di un tessuto connettivo e di un principio unificatore al di sotto dell’apparenza delle cose, il mistero di un Dio che tiene i dadi della vita e della morte. Scritto nel 1966 e pubblicato nel 1969, Ubik è una delle opere più sconcertanti e riuscite di Philip K. Dick. per il suo dirompente surrealismo, per l’ironia e la passione con cui analizza la società umana, Ubik è davvero un classico di quella letteratura che sempre si spinge a esplorare i paradossi dell’esistenza con le armi della visione e della fantasia, di uno sguardo anarchico, insaziabile e curioso."Io sono vivo, voi siete morti", scrisse Philip K. Dick in Ubik.

UBIK

Dick Philip K.

Il 13 gennaio 2016 Gloria Rosboch, insegnante di 49 anni, scompare nel nulla. La sua vicenda attira subito l'attenzione dell'opinione pubblica. La sua storia rivela retroscena inaspettati... Alessandra Appiano ricostruisce, in chiave narrativa, la tragica vicenda di cronaca. E lo fa attraverso due voci: quella della vittima e quella del suo alter ego, Cinzia Ghezzi, regista e commentatrice televisiva. Due donne all'apparenza diverse, ma che in realtà sono le due facce della stessa medaglia: quella dell'amore a cinquant'anni.

Ti meriti un amore

Appiano Alessandra

Jocelyn ha passato i cinquanta e come Jane Austen, la sua scrittrice preferita, non si è mai sposata anche se sa tutto dell'amore e del corteggiamento. Per risollevare l'umore di Sylvia, amica del cuore fin da quando era ragazzina, appena separata, la donna ha un'idea geniale: fondare un club del libro, il Jane Austen Book Club. Chiama perciò a raccolta le amiche più care che, come lei, amano la Austen. Unico problema: ognuna di loro ama la grande scrittrice a modo suo...

Jane Austen Book Club

Fowler Karen Joy