Romanzo storico

Romolo

Forte Franco

Descrizione: In una terra selvaggia e primordiale, ammantata di storia e superstizione, un vomere traccia il solco di una città: nessuno immagina che è appena nata Roma, la Città Eterna. La storia dietro quell'attimo fatale è però molto diversa dalla leggenda che tutti conosciamo, perché avviene in un tempo di fame, freddo e carestie, dove la sopravvivenza è spesso sinonimo di sopraffazione. E la lupa non è affatto quella che i miti ci hanno tramandato. Perché la fondazione di Roma è un'avventura cruda e disperata, un'epopea di resilienza, un solco di sangue tracciato nel nostro passato che racconta la sfida primordiale fra due gemelli consacrati dagli dèi, e il suo doloroso esito, che ne ha proclamato il vincitore: Romolo, il bambino sopravvissuto alla morte, il ragazzo che ha combattuto nel fango e nel dolore, l'uomo che per realizzare il suo sogno ha piegato un mondo ostile, brutale e dominato dalla violenza, dando così inizio alla più gloriosa potenza antica che la storia ricordi. Romolo, il primo re.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus italiani

Anno: 2019

ISBN: 9788804713333

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Romolo di Franco Forte e Guido Anselmi giunge nelle librerie mentre sul grande schermo approda “Il primo re” di Matteo Rovere.

A distanza di ben 2772 anni dalla fondazione di Roma, i fari della cultura letteraria e cinematografica sono dunque ancora puntati sulla figura leggendaria dei mitici gemelli Romolo e Remo: le loro radici affondano nel terreno di confine tra la mitologia e la storia; le loro origini sono indicate nei genitori naturali – la vestale Rea Silvia (“Sei la figlia di Numitore, una principessa albana!”) e Terazio, schiavo di Amulio, tiranno di Alba Longa – e nei genitori adottivi: il pastore Faustolo e la moglie Acca Larenzia. La nascita dei gemelli è avvolta in un alone di mistero divino (vengono attribuiti alla paternità di  Marte, visto che quella dello schiavo è innominabile) e primordiale (vengono ritrovati da “una donna di una trentina d’anni, sporca e denutrita… Lupa”… “in una grotta qui vicino… Quella con la grossa pianta di fico, che chiamano il Lupercale”):
Credo siano stati nutriti da una lupa. Quando li ho trovati, l’animale li stava allattando”.

Ed è proprio questo il grande merito del romanzo Romolo di Franco Forte e Guido Anselmi: quello di ricondurre le leggende a razionalità (così, la lupa non sarebbe un animale, ma una donna), quello di creare connessioni logiche (“E così li hai trovati attaccati alle rumae di una lupa… Allora questo lo chiameremo Romolo… E quest’altro Remo”), nel passato oscuro e lontanissimo, tribale e pastorale, dal quale emergono una città e una civiltà destinate a essere tanto grandi e diuturne.

In questa chiave di ricostruzione storico-romanzesca, anche l’analisi e la fenomenologia del rapporto tra i due gemelli assegnano al fratricidio commesso da Romolo una valenza tragica che la mitologia nega o liquida frettolosamente: la dialettica tra Caino e Abele rivive in una fratellanza che registra molti momenti di vita comune (la formazione nella scuola di Gabi: “Le lezioni di Erasto presero infatti una direzione nuova: al posto delle interminabili esercitazioni di aritmetica e ortografia, il maestro iniziò a raccontare loro le gesta di antichi eroi. Romolo rimase incantato…”), interessi divergenti (“Romolo avvertiva con dispiacere crescente come la separazione dal fratello divenisse sempre più profonda”) e differenze caratteriali (dice Remo, a proposito di Eulalia: “Chi vuole una cosa, se la deve prendere. Così fanno gli uomini veri…”; gli risponde Romolo: “Nostro padre… vuole che diventiamo uomini diversi. Giusti e generosi, non solo prepotenti”), che gli stessi genitori adottivi ben conoscono:
Faustolo: “Ho visto come Remo ha conquistato il consenso di molti. E ho visto quale furia lo domina.”
Acca Larenzia: “Remo è debole, influenzabile, impulsivo.”

Dopo l’incursione ad Alba Longa (“Quel cane di Amulio ha ucciso mio padre e mia madre… e tiene prigioniero mio fratello. È tempo che lo affronti”) i tempi sono maturi per l’evento che la storia attende (“Numitore diventerà re di Alba Longa, ma darà a me e a mio fratello la possibilità di fondare un’altra città…”).

Il capitolo della fondazione (“Hai scelto dove tracciare il pomerium della nostra capitale?”) è tra i più avvincenti del romanzo: superstizione, mito e umanità s’intrecciano (“Stabiliamo un giorno in cui i gemelli scrutino il cielo. Colui che vedrà un numero maggiore di auspici favorevoli sarà il fondatore”), i gemelli hanno “lo sguardo verso il proprio templum in aere, l’area d’osservazione in cielo”, la tragedia del fratricidio è forse un passaggio necessario per partorire Roma, città eterna.

L’ultima parte del romanzo è dedicata alle fasi bellicose del radicamento dell’urbe: dal ratto delle Sabine alla fondazione delle colonie albane sino alla sanguinosa guerra con i sabini. Le imprese militari sono basate più sull’astuzia che sulla perizia. C’è tuttavia spazio per i sentimenti del re, combattuto tra l’amicizia per la figlia di un senatore traditore e l’attrazione per la magnetica Ersilia, sabina andata in sposa al fido Osto. E, nelle vicende amorose, s’intravede quell’Ostilio che succederà al trono…

La narrazione è sapiente e intonata alla rudezza della cultura protolatina e all’essenzialità brutale di rapporti spesso basati sulla forza: con grande efficacia si delineano gli abbozzi delle istituzioni che faranno di Roma paradigma assoluto di regno, repubblica (“Sarete chiamati senatores, i più sapienti e rispettati fra tutti i romani”) e impero, e l’embrione dell’efficienza militare (“Quasi quattrocento… un terzo armato di spada, ma gli altri possono essere letali anche solo con bastoni e pietre. Quanti sanno maneggiare una fionda?”) che sarà il motore della conquista del mondo allora conosciuto.

Bruno Elpis

Visita il sito web di Franco Forte

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Forte

Libri dallo stesso autore

Intervista a Forte Franco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Con questo romanzo, scritto nel 1904, Pirandello scrisse la prima grande "metamorfosi" della letteratura contemporanea. Mattia, bibliotecario ligure, detestato dalla moglie e dalla suocera, casualmente diventa ricco e, grazie a uno scambio di persona, inizia un viaggio che lo condurrà alla follia in una stanza dove un misterioso affittacamere, Anselmo Paleari, favorirà i suoi sdoppiamenti e le sue vertigini esoteriche in una spirale senza uscita, per molti versi simile a quella di Gregorio Samsa nella "Metamorfosi" di Kafka.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

Pietro è un ragazzino di città. La madre lavora in un consultorio di periferia, farsi carico degli altri è il suo talento. Il padre è un chimico, un solitario, e torna a casa ogni sera carico di rabbia. Ma sono uniti da una passione comune, fondativa: in montagna si sono conosciuti, innamorati, si sono addirittura sposati ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo. La montagna li ha uniti da sempre, anche nella tragedia, e l'orizzonte lineare di Milano li riempie ora di rimpianto e nostalgia. Quando scoprono il paesino di Graines sentono di aver trovato il posto giusto: Pietro trascorrerà tutte le estati in quella Val d'Ayas "chiusa a monte da creste grigio ferro e a valle da una rupe che ne ostacola l'accesso" ma attraversata da un torrente che lo incanta dal primo momento. E lì, ad aspettarlo, c'è Bruno, capelli biondo canapa e collo bruciato dal sole: ha la sua stessa età ma si occupa del pascolo delle vacche. Sono estati di esplorazioni e scoperte, tra le case abbandonate, il mulino e i sentieri più aspri. Sono gli anni in cui Pietro inizia a camminare con suo padre, "la cosa più simile a un'educazione che io abbia ricevuto da lui". La montagna è un sapere, un modo di respirare, il suo vero lascito: "Eccola lì, la mia eredità: una parete di roccia, neve, un mucchio di sassi squadrati, un pino". Paolo Cognetti esordisce nel romanzo con un libro sui rapporti che possono essere accidentati ma granitici, sulla possibilità di imparare e sulla ricerca del nostro posto nel mondo.

Le otto montagne

Cognetti Paolo

Un’enorme dimora, rivestita di assicelle bianche e avvolta da glicini in fiore: così la casa del capitano James Pyke appare allo sguardo infantile di Lavinia McCarten, la mattina d’aprile del 1791 in cui la piccola irlandese mette per la prima volta piede in Virginia. Pyke, un uomo dalla corporatura imponente, i capelli grigi legati dietro la nuca e rughe profonde che gli solcano il viso segnato dal sole, ha raccolto la bambina dalla sua nave, appena approdata in America dopo la lunga traversata oceanica, e l’ha portata con sé per destinarla alle cucine della sua piantagione. Un modo come un altro per passare all’incasso del debito per la traversata, che i genitori di Lavinia, morti durante la navigazione, non hanno avuto la buona sorte di saldare. Stremata e debilitata, la bambina viene accolta nelle cucine della piantagione dalla famiglia di schiavi neri che vi lavorano: una piccola, operosa comunità composta da Mamma Mae, una donna dalla stazza possente che, con una pipa perennemente tra i denti, le concede subito la benedizione del suo sorriso; Papà George, un gigantesco orso bruno; Dory, Fanny e Beattie, le figlie; Ben, il figlio maschio, più grosso ancora del padre e dalla risata irresistibile e cristallina. Un mondo guidato da una responsabile delle cucine dai grandi occhi verdi e dai capelli neri e lucidi: Belle, un’attraente ragazza di diciotto anni. Frutto di un capriccio clandestino del capitano con una delle sue schiave nere, Belle è stata allontanata dalla casa padronale, finendo nelle cucine, il giorno in cui il capitano si è presentato nella piantagione con Martha, una moglie più giovane di lui di venti anni. Adottata dalla famiglia di Mamma Mae e maternamente accudita da Belle, Lavinia cresce come una servetta bianca ignara dell’abisso che separa la casa padronale dall’universo delle cucine. Finché è una bambina, Belle le cela opportunamente le verità del suo mondo: l’ambiguo rapporto che la lega al capitano padre-padrone, la dipendenza di Martha dal laudano, le punizioni inferte da Rankin, il sorvegliante violento e razzista, l’odio che il fratellastro Marshall nutre per lei. Le tace opportunamente che in Virginia chiunque abbia la pelle nera può essere picchiato, violentato, venduto e torturato nello stesso tempo. Non può fare nulla, tuttavia, quando Lavinia, cresciuta, si allontana dal suo mondo per ricongiungersi al mondo dei bianchi cui appartiene e per fare poi ritorno nella grande casa in compagnia di Marshall, il nuovo padrone divenuto nel frattempo un giovane bello e affascinante. Allora i vecchi legami sembrano distrutti, e le verità a lungo nascoste messe pericolosamente a nudo. Magnifica storia di segreti e inganni, di amore e tradimento, di violenza e riscatto, Il mondo di Belle è un romanzo che colpisce al cuore come pochi.

IL MONDO DI BELLE

Grissom Kathleen

Enrico IV