Romanzo storico

Romolo

Forte Franco

Descrizione: In una terra selvaggia e primordiale, ammantata di storia e superstizione, un vomere traccia il solco di una città: nessuno immagina che è appena nata Roma, la Città Eterna. La storia dietro quell'attimo fatale è però molto diversa dalla leggenda che tutti conosciamo, perché avviene in un tempo di fame, freddo e carestie, dove la sopravvivenza è spesso sinonimo di sopraffazione. E la lupa non è affatto quella che i miti ci hanno tramandato. Perché la fondazione di Roma è un'avventura cruda e disperata, un'epopea di resilienza, un solco di sangue tracciato nel nostro passato che racconta la sfida primordiale fra due gemelli consacrati dagli dèi, e il suo doloroso esito, che ne ha proclamato il vincitore: Romolo, il bambino sopravvissuto alla morte, il ragazzo che ha combattuto nel fango e nel dolore, l'uomo che per realizzare il suo sogno ha piegato un mondo ostile, brutale e dominato dalla violenza, dando così inizio alla più gloriosa potenza antica che la storia ricordi. Romolo, il primo re.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus italiani

Anno: 2019

ISBN: 9788804713333

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Romolo di Franco Forte e Guido Anselmi giunge nelle librerie mentre sul grande schermo approda “Il primo re” di Matteo Rovere.

A distanza di ben 2772 anni dalla fondazione di Roma, i fari della cultura letteraria e cinematografica sono dunque ancora puntati sulla figura leggendaria dei mitici gemelli Romolo e Remo: le loro radici affondano nel terreno di confine tra la mitologia e la storia; le loro origini sono indicate nei genitori naturali – la vestale Rea Silvia (“Sei la figlia di Numitore, una principessa albana!”) e Terazio, schiavo di Amulio, tiranno di Alba Longa – e nei genitori adottivi: il pastore Faustolo e la moglie Acca Larenzia. La nascita dei gemelli è avvolta in un alone di mistero divino (vengono attribuiti alla paternità di  Marte, visto che quella dello schiavo è innominabile) e primordiale (vengono ritrovati da “una donna di una trentina d’anni, sporca e denutrita… Lupa”… “in una grotta qui vicino… Quella con la grossa pianta di fico, che chiamano il Lupercale”):
Credo siano stati nutriti da una lupa. Quando li ho trovati, l’animale li stava allattando”.

Ed è proprio questo il grande merito del romanzo Romolo di Franco Forte e Guido Anselmi: quello di ricondurre le leggende a razionalità (così, la lupa non sarebbe un animale, ma una donna), quello di creare connessioni logiche (“E così li hai trovati attaccati alle rumae di una lupa… Allora questo lo chiameremo Romolo… E quest’altro Remo”), nel passato oscuro e lontanissimo, tribale e pastorale, dal quale emergono una città e una civiltà destinate a essere tanto grandi e diuturne.

In questa chiave di ricostruzione storico-romanzesca, anche l’analisi e la fenomenologia del rapporto tra i due gemelli assegnano al fratricidio commesso da Romolo una valenza tragica che la mitologia nega o liquida frettolosamente: la dialettica tra Caino e Abele rivive in una fratellanza che registra molti momenti di vita comune (la formazione nella scuola di Gabi: “Le lezioni di Erasto presero infatti una direzione nuova: al posto delle interminabili esercitazioni di aritmetica e ortografia, il maestro iniziò a raccontare loro le gesta di antichi eroi. Romolo rimase incantato…”), interessi divergenti (“Romolo avvertiva con dispiacere crescente come la separazione dal fratello divenisse sempre più profonda”) e differenze caratteriali (dice Remo, a proposito di Eulalia: “Chi vuole una cosa, se la deve prendere. Così fanno gli uomini veri…”; gli risponde Romolo: “Nostro padre… vuole che diventiamo uomini diversi. Giusti e generosi, non solo prepotenti”), che gli stessi genitori adottivi ben conoscono:
Faustolo: “Ho visto come Remo ha conquistato il consenso di molti. E ho visto quale furia lo domina.”
Acca Larenzia: “Remo è debole, influenzabile, impulsivo.”

Dopo l’incursione ad Alba Longa (“Quel cane di Amulio ha ucciso mio padre e mia madre… e tiene prigioniero mio fratello. È tempo che lo affronti”) i tempi sono maturi per l’evento che la storia attende (“Numitore diventerà re di Alba Longa, ma darà a me e a mio fratello la possibilità di fondare un’altra città…”).

Il capitolo della fondazione (“Hai scelto dove tracciare il pomerium della nostra capitale?”) è tra i più avvincenti del romanzo: superstizione, mito e umanità s’intrecciano (“Stabiliamo un giorno in cui i gemelli scrutino il cielo. Colui che vedrà un numero maggiore di auspici favorevoli sarà il fondatore”), i gemelli hanno “lo sguardo verso il proprio templum in aere, l’area d’osservazione in cielo”, la tragedia del fratricidio è forse un passaggio necessario per partorire Roma, città eterna.

L’ultima parte del romanzo è dedicata alle fasi bellicose del radicamento dell’urbe: dal ratto delle Sabine alla fondazione delle colonie albane sino alla sanguinosa guerra con i sabini. Le imprese militari sono basate più sull’astuzia che sulla perizia. C’è tuttavia spazio per i sentimenti del re, combattuto tra l’amicizia per la figlia di un senatore traditore e l’attrazione per la magnetica Ersilia, sabina andata in sposa al fido Osto. E, nelle vicende amorose, s’intravede quell’Ostilio che succederà al trono…

La narrazione è sapiente e intonata alla rudezza della cultura protolatina e all’essenzialità brutale di rapporti spesso basati sulla forza: con grande efficacia si delineano gli abbozzi delle istituzioni che faranno di Roma paradigma assoluto di regno, repubblica (“Sarete chiamati senatores, i più sapienti e rispettati fra tutti i romani”) e impero, e l’embrione dell’efficienza militare (“Quasi quattrocento… un terzo armato di spada, ma gli altri possono essere letali anche solo con bastoni e pietre. Quanti sanno maneggiare una fionda?”) che sarà il motore della conquista del mondo allora conosciuto.

Bruno Elpis

Visita il sito web di Franco Forte

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Forte

Libri dallo stesso autore

Intervista a Forte Franco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

“Una foschia rosso porpora” è la più scrupolosa e dettagliata biografia di Jimi Hendrix mai scritta, uno sterminato mosaico di informazioni e dati che non ha eguali nella letteratura rock. Il volume di Shapiro e Glebbeek si estende dalla musica a immagini rare, ai dischi, a quella labirintica “Discoteca di Babele” che fra opere ufficiali, antologie e bootleg conta centinaia di pezzi, qui sistemati dagli autori con precisione maniacale. A quarant’anni dalla morte di Jimi Hendrix ritorna in libreria l’opera definitiva su un maestro ancora influente e venerato, che con la sua chitarra ha ridisegnato i confini della musica americana del Novecento.

Una foschia rosso porpora

Glebbeek Caesar

Billy Abbott, nato nel 1942, è cresciuto in una cittadina del Vermont senza aver conosciuto il padre, in una famiglia di uomini eccentrici e donne puritane. Si rende conto di essere attratto dalle "persone sbagliate" ragazzi efebici, donne mascoline, travestiti e transgender - e a occuparsi della sua educazione letteraria e sessuale è Miss Frost, la bibliotecaria. Negli anni successivi Billy attraverserà l'oceano, vedrà morire amici e amanti nell'ecatombe dell'Aids, diventerà scrittore, ritroverà suo padre. I grandi temi tipici dei libri di Irving - la ricerca di un padre mai conosciuto per svelare il mistero che lo avvolge, la profonda verità delle passioni che ci abitano, la necessità di non incasellare le persone in uno schema - danno vita a una toccante epopea sul terrore di essere diversi, e sulla felice impossibilità di essere altro da sé.

IN UNA SOLA PERSONA

Irving John

Domande e risposte con Emma Cleave: il PEN come sceglie i libri da supportare?

È la fine del 1906 a Versailles quando un ragazzino di diciassette anni, che ne dimostra tredici e si guadagna da vivere come galoppino, si imbatte in Marcel Proust. Lo scrittore non ha nemmeno quarant'anni e nessuno immagina che diventerà il più celebre autore francese del Novecento, per ora è solo uno scrittore che si è rifugiato al Grand Hotel per stare in pace e dedicarsi ai suoi appunti, almeno fino al momento in cui il suo prezioso taccuino non scompare. Di Nöel, il protagonista di questa storia, non c'è traccia da nessuna parte, non viene mai citato e non esistono testimonianze, lettere o biografie che lo ricordino, eppure per molto tempo fu la compagnia prediletta da Monsieur Proust, il compagno di numerose indagini segrete e l'abile risolutore di enigmi complicati. Soprattutto si deve a lui la ricerca e il fortunato ritrovamento di un prezioso taccuino indispensabile per scrivere un certo romanzo… Tra malintesi, ricerche misteriose, pagine perdute e abilmente ritrovate, Pierre-Yves Leprince costruisce un romanzo che è al tempo stesso una detective story intelligente e pronta a spiazzare il lettore in ogni certezza, la storia di amicizia tra un genio del secolo scorso e un ragazzino che ha letto pochi libri ma ha occhio per i dettagli, e soprattutto è un omaggio appassionato e acuto all'autore della Recherche da parte di uno scrittore che conosce ogni piega dell'opera, della lingua e, come il protagonista di queste pagine, sembra capace di ridere e scherzare con un amico d'eccezione.

Il taccuino perduto. Un’inchiesta di Monsieur Proust

Leprince Pierre-Yves