Giallo - thriller - noir

Rosso bastardo

Pastori Ferdinando

Descrizione: I clienti di Fabio Paleari, controverso antieroe, sono usurai, protettori, spacciatori, mariti e padri brutali. Rintracciare persone scomparse la sua specialità. È pagato per rovistare nel fango, per ficcare il naso nel culo sporco della città. Non gli piace, ma non conosce modo migliore per tirare avanti. Così, ricondotta una prostituta armena in fuga dal suo protettore, è pronto ad accettare un nuovo incarico: qualcuno ha rapito la figlia di un noto criminale, che lo assume per ritrovarla ed evitare di pagare il riscatto. Le indagini rivelano che la ragazzina era solita sfogare il suo istinto autolesionista in un locale per amanti delle pratiche sadomaso. Mentre ne segue le tracce, una tragica scoperta porta l'investigatore a riavvicinarsi a quei valori morali che credeva di aver per sempre cancellato, provocando in lui un rigurgito di coscienza che chiede vendetta: la prostituta armena riconsegnata al protettore, violentata, torturata e picchiata, giace in coma all'ospedale. Paleari si ritrova così, suo malgrado, coinvolto in due indagini parallele, che lo porteranno l'una verso dolorose verità nascoste, l'altra verso la riscoperta di una parte di se stesso, che credeva irrimediabilmente danneggiata.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Edizioni Clandestine

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788865965658

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Con “Rosso bastardoFerdinando Pastori torna e propone un’altra avventura di Fabio Paleari in un noir dinamico e incalzante.

Fabio Paleari è un investigatore sui generis. Narcolettico (“Il tuo armadietto dei medicinali non è mai vuoto. Provigil per tenere sotto controllo la sonnolenza diurna ed Effexor contro la cataplessia e le allucinazioni ipnagogiche”), ha un passato di poliziotto, una rete di informatori borderline (“Il Fantino… Gambe arcuate, camminata sghemba… L’hai conosciuto quand’eri ancora in polizia…”), si avvale di collaboratori prezzolati come Theo e Laurent. Riceve ingaggi da committenti equivoci: i protagonisti della “mala”.

In questo romanzo Fabio Paleari rintraccia una prostituta armena (“Il suo nome è Maïranouche”) e la riconsegna al suo protettore, salvo pentirsene. Un altro incarico lo raggiunge (“Il lavoro tiene la mente occupata e sono passati due giorni dal tuo ultimo incarico”), anch’esso commissionato da un malavitoso (“Salvatore Delicato. Lo zoppo”) al quale è stata sequestrata la giovane figlia, Costanza (“Primo piano intenso di una ragazza. Non più di diciotto anni. I capelli rossi e le labbra carnose, Le guance spolverate di lentiggini e gli occhi grandi color nocciola che guardano dritti nell’obiettivo. Come a sfidarlo. Specchio, specchio delle mie brame…”). I rapitori inviano messaggi minacciosi e odiosi, stabiliscono un termine stringente per il pagamento del riscatto  (“Cinque giorni per pagare il riscatto”) e dettano condizioni estreme (“Vogliono che io mi ammazzi subito dopo aver pagato il riscatto. Solo così lasceranno libera mia figlia”). Ben presto dalle indagini affiora un dubbio: “Non credo che dietro il rapimento ci sia esclusivamente il riscatto…”

Ma lasciamo allo stesso Ferdinando il compito di riassumere le concitate fasi nelle quali si snoda la vicenda.
“Il rapimento, le richieste dei rapitori e il video. Adele. L’Euthanasia e l’attrazione morbosa di Costanza nei confronti del dolore. Il rapporto con Raul. Divina e la morte sospetta del Master.”
E ancora:
“Costanza e l’Euthanasia. Divina, la sua voce dolce, ipnotica. Maïranouche immobile nel suo letto d’ospedale. Il pestaggio che hai subito e il cinese che ti cuce la fronte o aggiusta il naso.”

La narrazione è vivacemente sostenuta e inframmezzata da divagazioni (“Non hai a che fare con una scienza esatta, ma le api riconoscono il profumo dei fiori a chilometri di distanza e gli opossum della Virginia fingono di morire quando sentono il pericolo”). Il ritmo viene esasperato e troncato da un uso insolito della punteggiatura (“… Il silenzio… Pensi che. Non è quello buono e rassicurante che scende nelle case quando tutti vanno a dormire”).
Capitoli dai titoli classicheggianti (Timeo Danaos et dona ferentes), ossimorici (Buona morte), immaginifici (L’acqua non ha forma), situazionali (Omakase. Mi fido di te) e metafisici (I fiocchi di neve sono diversi uno dall’altro) alternano il tu narrativo del racconto all’io soggettivo del protagonista.

La particolarità di Ferdinando Pastori?
Ama fondere i topoi del noir classico – l’ambientazione metropolitana (“La zona è quella dell’Ortica, alla periferia est di Milano. Non è più il quartiere cantato da Jannacci…”), le colluttazioni violente, alcune espressioni grevi, la carneficina finale e concetti crudeli come quello della “giustizia a proprio uso e consumo” – a tonalità narrative ora intimistiche (“Certe storie d’amore nascono sotto una cattiva stella e sono destinate a una brutta fine, altre, invece, sono protette dagli dei e non finiranno mai”), ora affidate a un registro ironico (“Lo sai come mi chiamano nel giro?… La bella addormentata? … No, Pisolo…”) che tonifica la tensione e, al tempo stesso, la rende più tollerabile…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Premio Carver 2016: ne parliamo con Ferdinando Pastori – i-LIBRI

[…] Premio Carver 2016: ne parliamo con un autore, Ferdinando Pastori, finalista dell’edizione 2016 con “Rosso Bastardo”, il romanzo che abbiamo commentato a questo link http://www.i-libri.com/libri/rosso-bastardo/  […]

Intervista a Ferdinando Pastori – i-LIBRI

[…] – Ciao Ferdinando. “Rosso bastardo” ((“Il rosso non mi piace… è un colore bastardo” http://www.i-libri.com/libri/rosso-bastardo/ ), “Nero imperfetto”… qual è il tuo colore preferito? R – Proprio il nero, soprattutto […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ferdinando

Pastori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pastori Ferdinando


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Quest'opera è valida per le dimensioni di teatro che, una volta di più, lo straordinario talento inventivo di Ionesco. La metamorfosi a vista del personaggio Jean, dentro e fuori la stanza da bagno, ogni volta sempre meno uomo e sempre più rinoceronte, sotto gli occhi atterriti di Berenger, è un modello di teatro antipsicologico, ridotto a puro gesto, che la parola accompagna con una semplice funzione indicativa. E'il ritorno alla pantomima, ai valori didascalici e parodistici della pantomima e qui Ionesco - sembra impossibile - si incontra con Brecht'. Dalla Prefazione di Roberto De Monticelli

Il rinoceronte

Ionesco Eugène

Ciò che fa di Edgardo Franzosini uno scrittore diverso da qualsiasi altro è la sua capacità di raccontarci storie vere di personaggi che sembrano inventati, per quanto sono fuori del comune. Qui, ancora una volta, con quella visionarietà e quella levità che sono soltanto sue, percorre la breve, singolare esistenza dello scultore Rembrandt Bugatti (fratello del fondatore della casa automobilistica), divenuto celebre negli anni Dieci del Novecento per i suoi bronzi raffiguranti elefanti, pantere e leoni; un uomo che con gli animali visse in una sorta di struggente empatia, tanto da subire un vero trauma quando, allo scoppio della Grande Guerra, tutti quelli ospitati nello zoo di Anversa furono sterminati in via preventiva.

Questa vita tuttavia mi pesa molto

Franzosini Edgardo

In un luogo fatto di polvere, dove ogni cosa ha un soprannome, dove il quartiere in cui sono nati e cresciuti è chiamato «la Fortezza», Beatrice e Alfredo sono per tutti «i gemelli». I due però non hanno in comune il sangue, ma qualcosa di più profondo. A legarli è un’amicizia ruvida come l’intonaco sbrecciato dei palazzi in cui abitano, nata quando erano bambini e sopravvissuta a tutto ciò che di oscuro la vita può regalare. Un’amicizia che cresce con loro fino a diventare un amore selvaggio, graffiante come vetro spezzato, delicato e luminoso come un girasole. Un amore nato nonostante tutto e tutti, nonostante loro stessi per primi. Ma alle soglie dei vent’anni, la voce di Beatrice è stanca e strozzata. E il cuore fragile di Alfredo ha perso i suoi colori. Perché tutto sta per cambiare.

Il rumore dei tuoi passi

D'Urbano Valentina