Giallo - thriller - noir

Rosso caldo

Rinaldi Patrizia

Descrizione: Anche nel commissariato di Pozzuoli arriva la primavera piovosa e fredda: il commissario Martusciello rimpiange la capacità di memoria degli anni passati, la sovrintendente Blanca vive una crisi amorosa con l’ispettore Liguori, l’agente scelto Carità è tornato nei suoi silenzi. Dovranno dimenticare le loro irrequietezze per occuparsi di due omicidi; le vittime lavoravano nello stesso ufficio postale di zona, ma pare l’unico legame, perché le morti si riferiscono a contesti diversi: spiriti e voyeurismo pseudo artistico da una parte e crimine di rapine e ricatti dall’altra. Intanto Gianni Russo, il padre di Ninì, la figlia adottiva di Blanca, in carcere per aver confessato l’omicidio della moglie, scappa dall’ospedale dove è ricoverato. Cerca Ninì e la fa sprofondare di nuovo nell’incertezza da cui la ragazza si sta liberando. Il rapporto tra Blanca e Ninì si incrina, Russo ferisce gravemente il commissario e le vite di tutti si frantumano. Martusciello ce la farà, i misteri saranno decifrati: gli spiriti sono solo tormento dato dai vivi ai vivi e le relazioni e gli irrisolti di tutti troveranno un nuovo ordine.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2014

ISBN: 9788866324843

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Rosso caldo” di Patrizia Rinaldi è il terzo capitolo della trilogia edita da e/o, dopo “Blanca” e “Tre, numero imperfetto” (quest’ultimo, oggi tradotto anche in inglese e in tedesco, è stato il noir più votato dalla giuria popolare del Premio Scerbanenco 2012).

In “Rosso caldoBlanca, la sovraintendente ipovedente che ha “la percezione vigile dei sensi”, si occupa di un’indagine nel quartiere partenopeo dell’Avvocata, ove due anziane donne (“Mariarca e Alina Rosselli per gli abitanti del quartiere erano le signorine cugine”) vivono il loro rapporto saffico affrontando i pregiudizi e le difficoltà della vita quotidiana. Dall’abitazione delle “cugine” si percepiscono insoliti rumori (“Alina restò sveglia a sentire gli spiriti. Erano tornati…”), che sembrano provenire dal palazzo confinante. “Sussurri e grida” preludono al ritrovamento di un cadavere (“Il corpo di suo marito, Girolamo Sellitto, è stato ritrovato nei sotterranei di Palazzo de Pignatta Valoi di Cancello a Pozzo Vecchio…”) nei sotterranei del palazzo nobiliare; poi seguono altri delitti (“Oreste Bonomo. Gli hanno sparato tre colpi di pistola… sulla banchina del porto di Baia”) ed eventi misteriosi.
Quanto ai sospettati: possibile che la moglie di Girolamo non si preoccupi neppure di celare il suo odio per il defunto marito (“la moglie di Girolamo Sellitto non cercava nemmeno di fingere turbamento per la morte del marito”)?

La sensibilità di Blanca è acuita dall’handicap (“Blanca vedeva solo ombre”) e noi già sappiamo che lei, non potendo contare sulla vista, si affida ad altre acuminate facoltà, come il tatto, l’udito e l’olfatto.
Già durante il primo sopralluogo (“Il sotterraneo e anche i vestiti del morto odoravano di essenze”) il fiuto della detective viene stimolato dagli odori (“Come se qualcuno avesse deposto fiori freschi su una carcassa andata”); poi i profumi si sprigionano dalle pagine (“Un’orzata… essenza di mandorlo…”) e sono piste da seguire (“Il profumo. In anni lontani tornava con addosso un profumo brutto di fiori e macelleria”), indizi da collegare, stimoli per riflessioni liriche (“Sentì l’odore oleoso della pianta e, più nascosti, i profumi della notte, dell’acqua caduta e della terra”) in un mondo femminile del quale Patrizia Rinaldi è palpitante interprete: “L’amore che si dice tale e ferisce non è amore; a volte le donne, soprattutto le donne, credono che sia comunque una forma di affetto. E si sbagliano, e pagano un prezzo altissimo…

I capitoli grazie ai quali l’indagine procede si alternano a quelli scritti per tracciare i profili psicologici dei personaggi e ai sipari che, nella questura flegrea, hanno per protagonisti l’agente scelto Giuseppe Carità, il commissario Martusciello e l’ispettore Liguori, del quale Blanca è innamorata (“C’era negli ultimi tempi sempre qualcosa di più urgente da fare dell’amore..”).

Anche in questa storia, Napoli non è soltanto un affresco: la città vive (“dal terrazzo di casa mia si vede l’inferno della Solfatara. E’ un inferno bellissimo, diverso da quello che ho dovuto attraversare io”) in una serie di istantanee (”L’ufficio postale della zona flegrea si affacciava sul lago vulcanico… Gli impiegati godevano della vista di canne alte, del perimetro circolare del bacino, di volatili…”) scattate con mano abile e occhio vigile, con il mare in sottofondo (“Il mare faceva un lavoro di schiuma contro la scogliera e il vento forte spostava la macchina… ogni spinta del vento capitava come una sorpresa”).

La scrittura di Patrizia Rinaldi è bianca come la protagonista, gialla come il genere che in lei conosce una nuova espressione, rossa e calda come il titolo del romanzo. Insomma: è uno stile nuovo, colorato e colorito.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

L'impronta, un racconto di Patrizia Rinaldi – i-LIBRI

[…] Rosso caldo http://www.i-libri.com/libri/rosso-caldo/ Ma già prima di giugno […]

Ma già prima di giugno (con la partecipazione dell'autrice) – i-LIBRI

[…] Abbiamo lasciato Patrizia Rinaldi (qui trovate l’intervista: http://www.i-libri.com/scrittori/intervista-patrizia-rinaldi/) come autrice della trilogia di Blanca, composta da: Tre, numero imperfetto Blanca Rosso caldo […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrizia

Rinaldi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rinaldi Patrizia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando fa il suo ingresso nell’aula di tribunale in cui verrà giudicata per l’omicidio del suo giovanissimo amante, Gladys Eysenach viene accolta dai mormorii di un pubblico sovreccitato, impaziente di conoscere ogni più sordido dettaglio di quello che promette di essere l’affaire più succulento di quanti il bel mondo parigino abbia visto da anni. Nel suo pallore, Gladys evoca davvero l’ombra di Jezabel, quell’ombra che nell’Athalie di Racine compare in sogno alla figlia, che così la descrive: «Non ne aveva, il dolore, smorzato la fierezza; / aveva anzi, ancora, quella finta bellezza / mantenuta con cure, con espedienti labili, / per riparar degli anni le sfide irreparabili». Sì, è ancora molto, molto bella, Gladys Eysenach: il tempo sembra averla «sfiorata come a malincuore, con mano cauta e gentile», quasi si fosse limitato ad accarezzarla teneramente, e le donne presenti nell’aula si sussurrano con invidia i nomi dei suoi innumerevoli amanti. Ma pochi giorni dopo, allorché vengono pronunciate le arringhe, tutta la sua bellezza pare averla abbandonata, e Gladys è ormai soltanto una donna vecchia e sfinita, che a mani giunte supplica i giudici di infliggerle la pena che merita. La condanna sarà lieve, invece, solo cinque anni: il movente passionale ha fatto sì che le venissero concesse le attenuanti previste dalla legge. Ma qual è la verità – quella verità che Gladys Eysenach ha cercato ad ogni costo di occultare? Qual è il vero movente dell’omicidio da lei commesso? Capace come pochi altri scrittori di scavare nel cuore femminile con implacabile, chirurgica precisione, Irène Némirovsky ci svela a poco a poco il segreto di questa donna che ha desiderato più di ogni altra cosa di sconfiggere il tempo, di rimanere immutabilmente bella, di essere amata per sempre – e che per questo è arrivata a uccidere.

Jezabel

Némirovsky Irene

Il romanzo, pubblicato nel 1904, narra la storia di un timido provinciale, Mattia Pascal, che si allontana di casa dopo una delle solite liti con la moglie Romilda e la suocera, e, arrivato a Montecarlo, vince, giocando a caso, diverse decine di migliaia di lire. Il possesso di una grossa somma e la lettura di una notizia di cronaca che annuncia la sua morte (si tratta di un'erronea identificazione del cadavere di un disperato che si è ucciso gettandosi nel pozzo di casa Pascal), lo inducono a simulare davvero la morte e a tentare di cominciare una nuova vita. Mattia Pascal diventa così il signor Adriano Meis, e va a stabilirsi a Roma.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importati e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agita dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui "desaparecidos" che suo padre le ha tassativamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. È lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rio de La Piata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto tra le pieghe di una falsa tranquillità l'aiuterà a rinascere una seconda volta dalle sue ceneri.

LA RAGAZZA DAI CAPELLI DI FIAMMA

De Robertis Carolina

Vic Gamalero è un ragazzo nevrotico e geniale: ossessionato dal denaro, incapace di distinguere la linea che separa la gratuità dell'affetto dalla pervasiva presenza dei soldi, se ne fa prestare continuamente da genitori, amici, fidanzate, sconosciuti, provando ogni volta qualcosa di simile al sentimento amoroso. Imbastisce menzogne di ogni genere, inventa e veste molteplici identità (si improvvisa giornalista e impresario teatrale, si spaccia per architetto e consulente d'impresa), nessuna delle quali pare essere definitiva; nel frattempo, la sua natura camaleontica e la sua stupefacente capacità di entrare nelle vite degli altri lo portano a contatto con persone di ogni tipo: disadattati, miliardari, attori precari, recuperatrici di credito, giovani di buona famiglia, eroine del volontariato. Fino a quando, tra truffe e debiti accumulati in modo sempre più disordinato, Vic si ritroverà sull'orlo del baratro. Scritto con una lingua rapida e avvincente, tra dialoghi battenti, scene indimenticabili e squarci di pura comicità, “Il mio impero è nell'aria” è il ritratto di un formidabile antieroe italiano del terzo millennio: cattolico, borghese ma sempre ai margini della convivenza civile, il suo rapporto patologico col denaro lo conduce nelle viscere di un paese che proprio del denaro - il suo desiderio, la sua cronica mancanza o la sua scandalosa abbondanza - sembra aver fatto una malattia inguaribile.

IL MIO IMPERO E’ NELL’ARIA

Ricuperati Gianluigi