Letteratura femminile

ROXANNE

Mearini Elena

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

“Io sto nella terra dei panni appesi alle finestre, del detersivo che schiuma nel catino e fa la scimmia alle onde del mare”, l’incipit di Roxanne di Elena Mearini si affaccia sul mare di Capri che Rossana può vedere solo da un occhio. La sua cecità parziale si apre su un mondo interiore di straordinaria ingenuità e il suo viaggio fuori da se stessa è quello che la porterà all’incontro con il suo “angelo biondo” in concerto, il cantante americano che parla anche di lei, di Roxanne. Il suo corpo sa di latte ed esplode fasciato nel vestito da Carioca che le risale lungo i fianchi.

“Mi guardo nella specchiera dell’armadio, prendo nel respiro l’intera aria di una vita. Vale tutte le attese e i fiati corti dei miei vent’anni, questo corpo di Brasile in festa, così riflesso vivo dentro lo specchio. Metto quiete tra la ribellione dei riccioli, uno spruzzo di lacca fa da paciere e due forcine ai lati sanciscono la fine della guerra. Ecco, bandiera bianca in testa e una sventolata di colori addosso. Mancano soltanto le scarpe nuove, tacco alto che mi agganci al cielo […] Mi traballa il seno e la vita trema, al dondolo ultimo che spinge i fianchi e muove i piedi”.

L’esperienza di Roxanne rivive attraverso una confessione silenziosa con la santa Lucia, sorella di cecità. Convivono in lei castità e sensualità, entrambe disarmanti, fino all’incontro con il sesso asciutto e brutale “Tutto caglio e veleno, per chi ha fame d’amore”.

La scrittura matura e dirompente dell’autrice stordisce i sensi: le parole dicono molto di più di quello che ci si aspetta, seducono, nutrono. “Schiaffeggio l’aria con i fianchi, il palmo aperto delle anche e un colpo in faccia a questo giorno. Voglio che sia ben sveglio, ora che il mio corpo sfila lungo il molo e si prepara all’imbarco. Deve vederla con gli occhi tutti pieni, la carne mia che salpa, pronta a stringersi attorno all’osso di un sogno affamato”.

Elena Mearini è nata a Milano nel 1978. Ha lavorato in una compagnia che si occupa di teatro ragazzi, ha svolto laboratori in carceri e comunità. Ha pubblicato i romanzi 360 gradi di rabbia (Excelsior 1881, 2009) e Undicesimo comandamento (Perdisa pop, 2011). Collabora con il settimanale Vita no profit, con la rivista letteraria Atti impuri e con la casa editrice NoReplay per la quale ha curato la raccolta di racconti Latte, chiodo e arcobaleno (2012).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Mearini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mearini Elena

Jean Rhys divenne improvvisamente un caso letterario alla metà degli anni Sessanta, con la pubblicazione del romanzo Il grande mare dei Sargassi (un caso diffusosi dall'Inghilterra assieme alla scoperta della letteratura femminile come genere letterario specifico). In quel momento, Jean Rhys era quasi ottantenne, e aveva alle spalle una vita ricca di ferite e delusioni, iniziatasi, come per altre scrittrici del secolo, nel declino del colonialismo europeo. E aveva alle spalle una conclusa stagione di racconti, degli anni Venti e Trenta, i cui ricorrenti protagonisti erano donne vinte in tristi stanze londinesi o parigine. Poi, a trent'anni di distanza, il suo maggior romanzo. E questa autobiografia di un'infanzia e adolescenza in Dominica, in cui il teatro del mondo delle ultime colonie dà un respiro profondo e un orizzonte infinito al racconto di una diversità che si fa progressivamente emarginazione, lontananza spirituale. Smile please, ordinava inutilmente la mamma a una bambina distratta davanti al fotografo; e quella incapacità di sorridere a comando, dal primissimo ricordo infantile, diventa l'emblema di una vita.

SMILE PLEASE

Rhys Jean

Arrivato da lontano, saggio, elegante, il Professore suscita rispetto e ammirazione in tutti. È una figura venerabile, un maestro, in un tempo che i maestri non li sa riconoscere. Di lui si sa poco, o forse tantissimo. Un giorno il Professore annuncia la sua scomparsa a tutti gli abitanti del paese, e quello che rimane di lui è un quaderno lasciato nelle mani del panettiere Matteo e da lui consegnato al narratore. Il taccuino contiene, in forma di dialogo semifilosofico, la summa della visione del mondo del Professore: di più, una vera e propria storia dell'universo fino ai nostri giorni...

Il professore di Viggiù

Nove Aldo

Iniziato nella primavera del 1972 - durante la crisi petrolifera mondiale - e portato avanti fino alla prematura scomparsa di Pasolini nel 1975, questo romanzo-saggio-zibaldone esistenziale racconta uno spaccato dell'Italia del boom e della sua politica economica tra oscuri complotti di potere e stragi di stato impunite. Pensato come l'opera definitiva, il capolavoro di una vita, l'incompiuto "Petrolio" ricerca nella novellistica medievale i suoi antenati illustri fondendoli con l'attualità più scottante delle cronache giornalistiche in un'opera dai forti contenuti sociali e sessuali che non teme di dare scandalo e che, infatti, suscitò ampie polemiche e dibattiti fin dal suo primo apparire, nel 1992.

Petrolio

Pasolini Pier Paolo

La Rosa del deserto

Annalisa Giordano