Letteratura femminile

ROXANNE

Mearini Elena

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

“Io sto nella terra dei panni appesi alle finestre, del detersivo che schiuma nel catino e fa la scimmia alle onde del mare”, l’incipit di Roxanne di Elena Mearini si affaccia sul mare di Capri che Rossana può vedere solo da un occhio. La sua cecità parziale si apre su un mondo interiore di straordinaria ingenuità e il suo viaggio fuori da se stessa è quello che la porterà all’incontro con il suo “angelo biondo” in concerto, il cantante americano che parla anche di lei, di Roxanne. Il suo corpo sa di latte ed esplode fasciato nel vestito da Carioca che le risale lungo i fianchi.

“Mi guardo nella specchiera dell’armadio, prendo nel respiro l’intera aria di una vita. Vale tutte le attese e i fiati corti dei miei vent’anni, questo corpo di Brasile in festa, così riflesso vivo dentro lo specchio. Metto quiete tra la ribellione dei riccioli, uno spruzzo di lacca fa da paciere e due forcine ai lati sanciscono la fine della guerra. Ecco, bandiera bianca in testa e una sventolata di colori addosso. Mancano soltanto le scarpe nuove, tacco alto che mi agganci al cielo […] Mi traballa il seno e la vita trema, al dondolo ultimo che spinge i fianchi e muove i piedi”.

L’esperienza di Roxanne rivive attraverso una confessione silenziosa con la santa Lucia, sorella di cecità. Convivono in lei castità e sensualità, entrambe disarmanti, fino all’incontro con il sesso asciutto e brutale “Tutto caglio e veleno, per chi ha fame d’amore”.

La scrittura matura e dirompente dell’autrice stordisce i sensi: le parole dicono molto di più di quello che ci si aspetta, seducono, nutrono. “Schiaffeggio l’aria con i fianchi, il palmo aperto delle anche e un colpo in faccia a questo giorno. Voglio che sia ben sveglio, ora che il mio corpo sfila lungo il molo e si prepara all’imbarco. Deve vederla con gli occhi tutti pieni, la carne mia che salpa, pronta a stringersi attorno all’osso di un sogno affamato”.

Elena Mearini è nata a Milano nel 1978. Ha lavorato in una compagnia che si occupa di teatro ragazzi, ha svolto laboratori in carceri e comunità. Ha pubblicato i romanzi 360 gradi di rabbia (Excelsior 1881, 2009) e Undicesimo comandamento (Perdisa pop, 2011). Collabora con il settimanale Vita no profit, con la rivista letteraria Atti impuri e con la casa editrice NoReplay per la quale ha curato la raccolta di racconti Latte, chiodo e arcobaleno (2012).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Mearini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mearini Elena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Poker Faces

Luca Moricca

È un annuncio surreale quello che un lunedì come tanti compare sul Metroquadro, rivista milanese di inserzioni immobiliari: una vecchia contessa caduta in miseria mette in vendita un loculo cimiteriale della tomba di famiglia al Monumentale di Milano. Il cliente ideale? Secondo lei il pendolare che, intrappolato ogni giorno sui treni sovraffollati che fanno la spola tra Milano e l'hinterland, troverà in quell'offerta la soluzione ai suoi problemi. Almeno fino a quando l'anziana morirà. Allora, e solo allora, l'inquilino dovrà restituirle la dimora del suo eterno riposo. Colpevole della svista che ha permesso la pubblicazione dell'inserzione è Federico Plomb, impiegato alla redazione del Metroquadro e pendolare lui stesso. Dopo aver rischiato il licenziamento per questo errore, Federico assiste inerme alle reazioni a catena che ha innescato, a partire dall'atteggiamento dei media che, dapprima interessati al lato folkloristico della vicenda, ne fanno poi oggetto di serie discussioni nei talk show. Ha inizio un nuovo fenomeno: i milanesi che possiedono un loculo trovano l'idea della contessa ottima per guadagnare, e i pendolari, stanchi delle risse quotidiane per un posto sul treno regionale, rispondono alle inserzioni. E comprano. Le leggi di mercato fanno il resto. È il boom di un nuovo mercato immobiliare.

Comodo, silenzioso, vicinanze metrò

Spinaci Antonio

Stoccolma, 1767. Deve lasciare la città, subito. Per il giovane compositore, l’unica possibilità di salvezza è affrontare un lungo cammino e rifugiarsi a Trondheim. Lì cambierà identità e, con il nome di Jon Blund, potrà dedicarsi anima e corpo al suo grande amore: la musica. Ma il destino è sempre in agguato e, alla fine, le strade della vita conducono tutte alla stessa destinazione: la morte… Trondheim, oggi. Il detective Odd Singsaker stenta a crederci. Eppure è proprio lì: un antico carillon – risalente al XVIII secolo – adagiato sul petto di una donna barbaramente assassinata, cui sono state asportate le corde vocali. Oltre a quell’indizio inquietante, i suoi uomini non hanno trovato nulla: non ci sono impronte digitali né tracce di DNA, né testimoni che possano fornire un identikit del killer. Per risolvere il mistero, Singsaker deve quindi aggrapparsi a quell’unica, flebile traccia: l’ipnotica melodia suonata dal carillon. E ben presto scopre non solo chi l’ha composta – un certo Jon Blund –, ma anche che, nel corso dei secoli, è stata considerata una musica maledetta. Perché promette il sonno eterno a chiunque l’ascolti…

IL SILENZIO DEL CARNEFICE

Brekke Jørgen

Una vasta insurrezione si estende dagli Stati Uniti all’America Centrale a un epicentro maghrebino. Effetto collaterale di un mondo occidentale che “col pretesto del controllo” ha istituito ovunque stati di polizia, i “ragazzi selvaggi” si evolvono presto in una fantasmagorica sottospecie umanoide: ragazzi con pistole-laser, ragazzi-gatto con artigli “curvi e cavi imbottiti di pasta di cianuro”, ragazzi-serpente, ragazzi che si spostano su alianti, su biciclette alate, su pattini a propulsione. In un romanzo che suona oggi di allarmante forza profetica, ancora una volta Burroughs incenerisce processi e mutamenti storici al rogo della sua immaginazione e della sua allucinata, inconfondibile scrittura.

I ragazzi selvaggi

Burroughs William S.