Letteratura femminile

ROXANNE

Mearini Elena

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

“Io sto nella terra dei panni appesi alle finestre, del detersivo che schiuma nel catino e fa la scimmia alle onde del mare”, l’incipit di Roxanne di Elena Mearini si affaccia sul mare di Capri che Rossana può vedere solo da un occhio. La sua cecità parziale si apre su un mondo interiore di straordinaria ingenuità e il suo viaggio fuori da se stessa è quello che la porterà all’incontro con il suo “angelo biondo” in concerto, il cantante americano che parla anche di lei, di Roxanne. Il suo corpo sa di latte ed esplode fasciato nel vestito da Carioca che le risale lungo i fianchi.

“Mi guardo nella specchiera dell’armadio, prendo nel respiro l’intera aria di una vita. Vale tutte le attese e i fiati corti dei miei vent’anni, questo corpo di Brasile in festa, così riflesso vivo dentro lo specchio. Metto quiete tra la ribellione dei riccioli, uno spruzzo di lacca fa da paciere e due forcine ai lati sanciscono la fine della guerra. Ecco, bandiera bianca in testa e una sventolata di colori addosso. Mancano soltanto le scarpe nuove, tacco alto che mi agganci al cielo […] Mi traballa il seno e la vita trema, al dondolo ultimo che spinge i fianchi e muove i piedi”.

L’esperienza di Roxanne rivive attraverso una confessione silenziosa con la santa Lucia, sorella di cecità. Convivono in lei castità e sensualità, entrambe disarmanti, fino all’incontro con il sesso asciutto e brutale “Tutto caglio e veleno, per chi ha fame d’amore”.

La scrittura matura e dirompente dell’autrice stordisce i sensi: le parole dicono molto di più di quello che ci si aspetta, seducono, nutrono. “Schiaffeggio l’aria con i fianchi, il palmo aperto delle anche e un colpo in faccia a questo giorno. Voglio che sia ben sveglio, ora che il mio corpo sfila lungo il molo e si prepara all’imbarco. Deve vederla con gli occhi tutti pieni, la carne mia che salpa, pronta a stringersi attorno all’osso di un sogno affamato”.

Elena Mearini è nata a Milano nel 1978. Ha lavorato in una compagnia che si occupa di teatro ragazzi, ha svolto laboratori in carceri e comunità. Ha pubblicato i romanzi 360 gradi di rabbia (Excelsior 1881, 2009) e Undicesimo comandamento (Perdisa pop, 2011). Collabora con il settimanale Vita no profit, con la rivista letteraria Atti impuri e con la casa editrice NoReplay per la quale ha curato la raccolta di racconti Latte, chiodo e arcobaleno (2012).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Mearini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mearini Elena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Da nove anni, Jeanie vive in una prigione di silenzio. Da quando, una fredda sera di autunno, suo marito George è rientrato a casa e ha iniziato a comportarsi come se lei non esistesse. Ancora oggi, lui non la guarda, non le parla, dorme in un'altra stanza. Per Jeanie, gli unici momenti di gioia sono i giovedì al parco insieme con la nipotina. Ed è proprio in una di quelle occasioni che lei conosce Ray, anche lui lì col nipote. Ray è galante, spiritoso, gentile. Per la prima volta dopo tanto tempo, Jeanie si sente di nuovo apprezzata e, settimana dopo settimana, sente nascere dentro di sé una passione che credeva non avrebbe mai più provato. Eppure la felicità ha un prezzo. Ben presto, infatti, Jeanie si rende conto che, per vivere in pieno un nuovo amore, deve recidere ciò che la lega al passato, mettendo così a rischio tutto ciò che ha costruito nel corso di una vita. Come l'affetto dei figli, che non capiscono cosa stia succedendo alla madre, o la stima degli amici, che le suggeriscono di non dare peso a un sentimento effimero. Ma, soprattutto, Jeanie deve ricominciare a comunicare col marito, e l'unico modo per farlo è scoprire cosa sia successo quella notte di nove anni prima...

I nostri giovedì al parco

Boyd Hilary

Chi sono i protagonisti di questa epopea dell'immaginario se non i grandi maestri e le loro opere? Hugo Pratt, Moebius, Will Eisner, Enrique Breccia, Frank Miller, Andrea Pazienza, Josè Muñoz… e tanti altri grandi autori. Questo volume narra storie di vita e professionali di quarantuno maestri del fumetto occidentale, raccontati in un volume che arricchisce la nostra esperienza del fumetto indagando le ragioni e lo stile dei grandi autori. Perché capire più cose di quello che leggiamo è sempre anche un modo per goderne di più. Scritta con un linguaggio accessibile a tutti, la stimolante panoramica storico-critica attraversa la storia e i generi della nona arte. Il volume è organizzato per aree linguistiche: Inglese (britannici e statunitensi), francese (belgi e francesi), spagnola (argentini) e italiana.

Maestri del fumetto

Barbieri Daniele

Un investigatore infallibile, i suoi colleghi ottusi e altezzosi, un delitto raccapricciante la cui vittima è un bambino di sette anni e, infine, la rivelazione dell'assassino.

LA PROMESSA

Dürrenmatt Friedrich

Milano, anno del Signore 1576. Sono giorni oscuri quelli che sommergono la capitale del Ducato. La peste bubbonica è al suo culmine, il Lazzaretto Maggiore rigurgita di ammalati, i monatti stentano a raccogliere i morti. L'aria è un miasma opaco per il fumo dei roghi accesi ovunque. In questo scenario spettrale il notaio criminale Niccolò Taverna viene convocato dal capitano di Giustizia per risolvere un difficile caso di omicidio. La vittima è Bernardino da Savona, commissario della Santa Inquisizione che aveva il compito di far valere le decisioni della Corona di Spagna sul suolo del Ducato di Milano. Bernardino aveva ricevuto l'incarico di occuparsi degli ordini ecclesiastici in odore di eresia, come quello misterioso degli Umiliati, messi al bando dall'arcivescovo Carlo Borromeo e desiderosi di vendetta. Contemporaneamente, Niccolò Taverna deve riuscire a individuare il responsabile del furto del Candelabro del Cellini trafugato dal Duomo di Milano. Ma ben presto si accorge che sta seguendo una pista sbagliata perché un altro oggetto, ben più prezioso, è stato sottratto... Nella Milano piagata dalla peste e su cui grava l'incubo della Santa Inquisizione, Taverna deve fare appello a tutte le sue sorprendenti capacità investigative per venire a capo di questi casi che rischiano di compromettere la sua carriera e la sua stessa incolumità, ma che conducono anche sul suo cammino la giovane e intrigante Isabella, nei cui occhi Niccolò ha l'impressione di annegare. Ventiquattro ore, non una di più: questo è il tempo incalzante nel quale si svolge l'indagine, e con essa l'intero romanzo. Un libro in cui l'esattezza della ricostruzione storica si unisce alla descrizione di tecniche investigative antiche incredibilmente simili a quelle sofisticate di oggi. Il notaio criminale Niccolò Taverna si prepara a sezionare con il bisturi della logica e l'intelligenza del cuore misteri oscuri e inquietanti, che allungano la loro ombra fino a noi...

IL SEGNO DELL’UNTORE

Forte Franco