Fumetti

Sacro terrore

Miller Frank

Descrizione: C'è una minaccia mortale da qualche parte a Empire City e Fixer ha solo fino all'alba per salvare la sua città... e il mondo come lo conosciamo. "Sacro terrore" racconta la disperata missione di un eroe costretto ad affrontare un esercito di fanatici per poter impedire un terribile crimine contro l'umanità.

Categoria: Fumetti

Editore: Bao Publishing

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788865430729

Recensito da Riccardo Melito

Le Vostre recensioni

Che il signor Miller fosse un tipo poco malleabile lo sapevamo tutti, le sue opere sono intrise di un’etica elementare, i suoi personaggi sono manichei così come il mondo in cui vivono, anche se questa netta distinzione tra bene e male non coincide con i rappresentanti della legge e dell’ordine da una parte e i criminali dall’altra. Questa volta però “zio Frankie” l’ha combinata veramente grossa, tanto da suscitare un vespaio nel mondo delle storie illustrate e tanto da far dire a “mamma DC”: “Caro mio non ti sei regolato, far condurre a Batman una crociata contro i musulmani è veramente troppo, questa storia non s’ha da fare!”. Sappiamo anche, però, quanto il vecchio Miller sia cocciuto, così non si è dato per vinto ed ha mandato alle stampe, grazie alla casa editrice Legendary, Sacro Terrore, edito in Italia dalla coraggiosa Bao publishing.

La storia è piuttosto scarna, anzi potremmo dire che è praticamente assente, così come la profondità psicologica dei personaggi. In una notte qualunque la gatta ladra Natalie Stack (inutile dirvi di chi sia il clone) è catturata da Fixer, un vigilante che assomiglia a chi-voi-già-avete-capito e che collabora con un commissario della polizia di Empire City, Dan Donegal. I due si uniscono in un amplesso acrobatico, proprio mentre la città è sconvolta da una serie di esplosioni, che culmineranno nella distruzione della versione locale della Statua della Libertà. I responsabili dello sfacelo sono un gruppo di estremisti islamici facenti capo ad Al-Quaeda (per niente scontato in questo periodo), ma nessuno può permettersi un affronto del genere verso una nazione grande e potente come quella di Empire City, così Fixer e la sua nuova compagna si mettono sulle loro tracce. Vi risparmiamo il finale scoppiettante, ma c’è ben poco da immaginare.

La domanda che sorge dopo aver concluso Sacro Terrore è: cosa è successo al povero signor Miller? La risposta è: niente, sì è solo rincretinito un po’, diciamo che la vecchiaia ha esacerbato tutto il rancore che già covava dai tempi di Sin City e che finalmente ha dato i suoi frutti impazziti. Quel modo oscuro e contrastato di trattare la morale che l’ha reso famoso e grande, ha raggiunto ora dei livelli parossistici. Se all’epoca della Città del Peccato, la morale che spirava dai suoi lavori era elementare e tagliata con l’accetta, almeno i personaggi facevano rizzare i peli sulle braccia e urlare selvaggiamente per il coinvolgimento, le storie erano rocambolesche e facevano sudare freddo per la tensione, ma soprattutto tutto aveva un’aria nietzschiana. Quelle rappresentate erano le gesta di eroi anarchici e individualisti che se ne fregavano delle convenzioni sociali pur di stare dalla parte del giusto e non del bene, si faccia attenzione. Oggi invece è rimasto solo il manicheismo e la paura, assorta al rango del sacro, come chiaramente recita il titolo.

Sparita ogni traccia di superomismo, non rimane che un profondo masochismo, dove la componente sadica, che avrebbe potuto ridare un po’ di sale a questa pietanza sciocca, è quasi assente. Il masochismo è invece imperante sin dalle prime scene, in cui Fixer e la gatta si amano al grido di: “Fammi stare male. Ora”, ma raggiunge il climax quando la ladra viene legata dai terroristi nel classico stile bondage. Se in Sin City il bene e il male non erano confusi, ma erano profondamente intrecciati, qui il loro amplesso è sciolto in una dialettica chiara e granitica: gli Occidentali sono il bene e stanno dalla parte del giusto, i Musulmani sono il male e hanno torto. Questo è quello che rimane di Sacro Terrore, oltre le belle tavole cui Frank ci ha abituato, c’è paura e masochismo, ovvero la necessità di provare dolore per sentirsi ancora vivi. Per assurdo, dopo aver letto il volume, verrebbe da dire che se non ci fosse stato l’11 settembre gli statunitensi (o almeno alcuni di essi) faticherebbero a trovare un senso alle loro esistenze e alle loro ansie. Per concludere, io lo comprerei comunque se non altro per poterlo criticare con cognizione di causa e per avere un’opera controversa e politicamente molto scorretta, senza contare che lo stile grafico milleriano rimane sempre affascinante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Frank

Miller

Libri dallo stesso autore

Intervista a Miller Frank


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Svegliarsi nel cuore della notte in una stanza mai vista prima, accanto a una sconosciuta nuda, senza ricordare niente delle ore precedenti... Può succedere, quando hai bevuto un po' troppo. Se però la ragazza è morta e la stanza è chiusa a chiave dall'interno, la faccenda si fa preoccupante. E non migliora quando scopri che i cadaveri, in realtà, sono due. È così che Walter Pioggia, scrittore e direttore editoriale di una piccola casa editrice bolognese, si ritrova protagonista di un vero e proprio giallo della camera chiusa in cui, a quanto pare, gli è toccato il ruolo dell'assassino. Ma lui non ha ucciso nessuno. O sì? In una settimana che rischia di portarlo alla follia, Walter è costretto a inseguire le tracce di ben due delitti: il misterioso omicidio di via della Luna e un altro caso, mai davvero risolto, tornato a perseguitarlo dal passato. Minacciando di distruggere il suo presente proprio ora che finalmente tutto sembra andare per il meglio. Una chiave misteriosa, una donna contesa, una villa maledetta, due ragazzi perduti... Sotto i portici e nei bar di una Bologna ricostruita con tagliente affetto si sviluppa un'indagine psicologica che indebolisce il confine tra realtà e immaginazione, investendo di tensione la quotidianità di un uomo divenuto di colpo un bersaglio. Fino alla più sorprendente delle conclusioni.

Lo specchio nero

Morozzi Gianluca

Gaia, 38 anni, porta la taglia 38, vive nel centro di Milano e in equilibrio perfetto sul suo tacco dodici si muove disinvolta tra sfilate e locali alla moda: del resto ha un marito che le garantisce una grande agiatezza, un amante il cui profilo su Facebook dice sempre "innamorato", una figlia che va alla scuola steineriana, due amiche di nome Ilaria e Solaria, un iPhone, un iPod, un iPad e una psicanalista che a ogni seduta pronuncia queste parole: "Sono trecento euro". Madre in carriera, può vantare l'invenzione dell'apericena, rito che ha ormai contagiato l'intera penisola, e la soddisfazione di non avere fatto mancare nulla alla figlia Elettra senza per questo trascurare il lavoro. Nessuna sbavatura, insomma. Eppure il passato bussa, implacabile, nel sonno. Un incubo ricorrente, che sembra voler riportare a galla qualcosa... Prima o poi Gaia dovrà decidersi a parlare di suo padre. E dei suoi tre anni di black-out. Anche perché a un tratto nel suo presente si è aperta una piccola crepa, destinata ad allargarsi come la tela di un ragno e a mandare in pezzi le sue sicurezze: il licenziamento dall'agenzia di comunicazione dove lavora, un'impasse sentimentale inattesa, la carta di credito bloccata, Elettra che lancia segnali di un disagio sempre più ineludibile... Con irresistibile vena satirica, unita qui però a uno sguardo profondamente partecipe, Giuseppe Culicchia dà vita a un personaggio femminile tragico e grottesco, risucchiato in una spirale di menzogne e forzature che mostrano il volto più fasullo della borghesia d'inizio millennio, celebrandone i riti e insieme il declino; e al tempo stesso scrive un libro civile, capace di svelare il bene nascosto sotto la patina del nostro vivere quotidiano come le radici di un albero frondoso che spezzino la crosta dell'asfalto per dare ossigeno alla città. Attraverso una vertiginosa capacità di scavare nei cliché linguistici e umani, Culicchia procede insinuando variazioni minime nell'infinito gioco di specchi nel quale nostro malgrado ci muoviamo. E - in bilico tra il dolore e il sorriso - libera sulla pagina quelle piccole rivelazioni che sono il nucleo di un cambiamento possibile. Perché, toccato il fondo della crisi, si può ricominciare a vivere, spogli di tutto ma ricchi come mai prima.

VENERE IN METRO’

Culicchia Giuseppe

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John