Narrativa

Sangue sporco

Aragona Enrica

Descrizione: Roma, fine anni Settanta: un quartiere appena nato che confina con l'inferno, il sogno della casa popolare che diventa subito incubo. Scilla ha quattro anni quando, sul volto di suo padre, vede disegnarsi la rabbia per la vita che li attende. Ma in un luogo dove ognuno ha un dolore a cui sopravvivere, in uno spazio di abbandono che contamina chi ci vive fino a distruggerlo, c'è anche Renata. Ed ecco che quello spazio si dischiude, poco a poco, e quei palazzoni fatiscenti diventano lo scenario in cui nasce e cresce un rapporto fatto di amicizia, desiderio e paura, un rifugio in cui Scilla e Renata si nascondono da una realtà dove nei vasi fioriscono le siringhe e il riscatto si porta sempre dietro la colpa. Perché dove non ci si può permettere di sognare, la vita corrode ogni legame, separa i destini, allontana le persone. Ma lascia, comunque, la speranza di potersi salvare.

Categoria: Narrativa

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2019

ISBN: 9788867005864

Trama

Le Vostre recensioni

Sangue sporco di Enrica Aragona è un romanzo che inquieta e, intanto, s’insinua nell’animo per i temi “forti” che affronta.

Scilla, la protagonista, è nata nel 1974: lo deduciamo da alcuni passaggi (quando Scilla dichiara di avere quindici anni, p. 82) e dalla sequenza degli anni che – dal 1978 – intitolano i capitoli, che si estendono per tre decenni e stabiliscono un andirivieni tra la narrazione di Scilla bambina-adolescente-giovane e il racconto di Scilla donna e madre della piccola Serena (“Mamma più Scilla, uguale Mamilla”).

Tutto comincia quando la famiglia di Scilla s’insedia nella più squallida periferia di Roma (“Isola nuova, agglomerato a sud di Roma, che iniziava dove la città finiva, era ancora un cantiere a cielo aperto ingombro di terrificanti scheletri di cemento”). L’ambientazione abitativa (“Lì c’era la promessa che mio padre aspettava da una vita: la casa popolare”) e il contesto familiare della bimba (“Qualcosa mi rendeva diversa da Monica, e anche da Caterina”), offesa da una matrigna manesca (“1981… Tutti parlavano solo dei tre litri di sangue persi dal Papa durante l’intervento ai Gemelli; del mio, di sangue, non gliene fregava un cazzo a nessuno. D’altronde il mio… era sangue sporco”) e trascurata da un padre debole, sono il necessario riferimento per inquadrare una storia ispida (“Quella che doveva essere la mia famiglia… mi ha fatto capire cosa non sarei mai voluta essere… di essere diventata come loro”), aspra, spesso afflitta dalla violenza.

In questo quadro di riferimento – ove la droga, gli abusi e la morte spadroneggiano – Scilla conosce Renata (“Era Renata, la schizzata. Patrizia era sua sorella, e le era appena crepata davanti”), una ragazza che cattura le attenzioni con i suoi atteggiamenti (“Lei era una di quelle che contavano, al Quadrilatero 3”) e che impone uno strano rapporto di protezione alla nuova arrivata (“Renata, proprio quel giorno, aveva deciso di far comprendere a tutti che io ero roba sua… quasi fossi un insetto che poteva torturare a suo piacimento”).

E, come recita il luogo comune, se è vero che un fiore può nascere anche sull’asfalto, l’amore sboccia nel cuore di Scilla  (“In quel momento il destino faceva un bel nodo stretto attorno alle nostre vite sfilacciate, legandole per sempre”): arduo nelle premesse, contrastato nella dinamica, reso difficile – se non impossibile – dal carattere e dal difensivismo caparbio di Renata (“Renata le domande non le faceva a nessuno: la vita le aveva già dato tutte le risposte necessarie”).  La novità di questo romanzo risiede proprio in questo: non tanto nel lambire e affrontare il tema dell’amore saffico, quanto nel celebrare una drammatica e potente storia d’amore irrituale nei toni (“Odiarci era l’unica scusa che avevamo per non dover ammettere che in realtà ci amavamo”), nella durezza, nella disperazione (“L’unione di due angosce”) e nella crudeltà dell’evoluzione (“Stavo malissimo… da quando si vedeva con l’Indiano”).

E che ne è poi di Scilla dopo l’allontanamento dalla periferia vilipesa sì, ma tuttavia rimpianta (“Per me l’Isola è una ferita che non cicatrizza, una nostalgia a cui nemmeno potevo dare un nome”)?
L’aspettano una storia d’amore con Nicola (“Mi piaceva l’idea di avere incontrato qualcuno che era ancora in grado di sognare, perché io di sogni non ne avevo più”), la maternità (“Io resterò con lei, a raccontarle un’altra montagna di bugie su quanto suo padre le volesse bene”) e la sfida più difficile: quella per il riscatto personale.

Credibile nella costruzione, sorretto da una narrazione ben lontana da ogni accenno di retorica, sulle rime della poesia maledetta (“Non sei tu, è la vita che fa male. E se sono condannata a farmi male, ho almeno il diritto di scegliere da chi voglio farmi ferire”) e con il timbro di un naturalismo tutto contemporaneo (“Quel sogno sarebbe durato solo il tempo di un orgasmo, il più dolce e il più doloroso di tutta una vita”), il romanzo di Enrica Aragona scardina le difese di chi legge e scandisce la partitura di una tragedia urbana dal finale aperto.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Enrica

Aragona

Libri dallo stesso autore

Intervista a Aragona Enrica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Catania, Sicilia, sedici anni. Un diario, la scoperta di un mondo nuovo e diverso: il proprio corpo di adolescente, un viaggio, una ricerca. Il desiderio di afferrare quel sentimento che è l'amore, imprendibile, inafferrabile. L'illusione di trovarlo in molti letti, in molti corpi. L'ingenuità, la segretezza, il dolore, l'umiliazione. Sedici anni. Per Melissa tutto comincia con la sua prima volta: lì capisce (o si illude di capire) che gli uomini non desiderano gustare l'essenza, non sono in grado di amare prescindendo dal corpo. Per questo lo concede a chiunque lo chieda, per questo si dà speranzosa che qualcuno, guardandola negli occhi, si accorga della sua sete d'amore. Nel CD esclusivo, l'intero libro letto da Melissa P.

100 COLPI DI SPAZZOLA PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

P. Melissa

Terra di miele

Elena Gaddi

La vita di Caterina è scandita in due tempi, ben separati tra loro. Nel primo c’è una bambina che insegue una fila di formiche. Un cane che guaisce oltre la porta, i rami di un melo, sei anni d’infanzia muta cancellati dal fuoco. Nel secondo ci sono un lavoro, un marito, due figli. C’è la donna che Caterina è diventata, dopo aver imparato faticosamente i passi e le parole. Tutto ciò che sta in mezzo è merito di una straordinaria madre adottiva, la donna vitale e insaziabile il cui corpo giace oggi in una stanza d’albergo, accanto a quello del suo uomo. Ed è proprio qui che Caterina si ritrova insieme a Daniele, il figlio di lui, per cercare di ricostruire il corso degli eventi. E’ in questo pugno di giorni che la sua vita per la prima volta le si rivela intera. Daniele ha un’allegria forsennata, un’energia che rompe il guscio delle cose, e Caterina una capacità strana, la facoltà visionaria d’indovinare gli sconosciuti. La morte dei loro genitori è l’unica cosa che hanno in comune, ma la libertà disperata di quei pochi giorni insieme insegnerà ad entrambi un modo nuovo di stare al mondo.

Essere vivi

Comencini Cristina

"Tanto per cominciare, Zooey era un giovanotto piccolo, dal corpo estremamente esile. Da dietro (soprattutto dove gli si vedevano le vertebre) sarebbe quasi potuto passare per uno di quegli sparuti bambini di citta che ogni estate vengono spediti alle colonie a ingrassarsi e prendere il sole. Visto in primo piano, di faccia o di profilo, era straordinariamente, spettacolosamente bello. La sorella maggiore mi ha pregato di dire che assomigliava all'"esploratore mohicano ebreo-irlandese dagli occhi azzurri che mori tra le vostre braccia al tavolo della roulette di Montecarlo".A salvare in extremis quel volto dall'eccessiva bellezza, se non addirittura dallo splendore, era un orecchio che sporgeva leggermente piu dell'altro. Per conto mio, comunque, non condivido affatto ne l'uno ne l'altro di questi punti di vista. Ammetto che il volto di Zooey fosse un volto bellissimo, quasi perfetto. Come tale, naturalmente, era passibile di quella stessa varieta di giudizi scorrevoli, imperterriti e spesso capziosi cui e soggetta ogni autentica opera d'arte. Penso resti solo da aggiungere che una qualunque delle cento minacce giornaliere - un incidente d'auto, un raffreddore di testa, una bugia prima di colazione - avrebbe potuto deturpare o imbruttire la sua generosa bellezza nel giro di un giorno o di un minuto. Ma quello ch'era deteriorabile, quello che qualcuno ha categoricamente definito una gioia di tipo imperituro, era un autentico esprit impresso su tutto il viso, specie negli occhi, dove attirava l'attenzione come una maschera di Arlecchino, e a volte disorientava".

FRANNY E ZOOEY

Salinger Jerome D.