Narrativa

Quattro sberle benedette

Vitali Andrea

Descrizione: In quel fine ottobre del 1929 sferzato dal vento e da una pioggerella fastidiosa e insistente, a Bellano non succede nulla di che. Ma se potessero, tra le contrade volerebbero sberle, eccome. Le stamperebbe volentieri il maresciallo dei carabinieri Ernesto Maccadò sul muso di tutti quelli che si credono indovini e vaticinano sul sesso del suo primogenito in arrivo, aumentando il tormento invece di sciogliere l'enigma, perché uno predice una cosa e l'altro l'esatto contrario. Se le sventolerebbero a vicenda, e di santa ragione, il brigadiere Efìsio Mannu, sardo, e l'appuntato Misfatti, siciliano, che non si possono sopportare e studiano notte e giorno il modo di rovinarsi la vita l'un l'altro. E forse c'è chi, pur col dovuto rispetto, ne mollerebbe almeno una al giovane don Sisto Secchia, coadiutore del parroco arrivato in paese l'anno prima. Mutacico, spento, sfuggente, con un naso ben più che aquilino, don Sisto sembra un pesce di mare aperto costretto a boccheggiare nell'acqua ristretta e insipida del lago. Malmostoso, è inviso all'intero paese, perfino al mite presidente dei Fabbriceri, Mistico Lepore, che tormenta il prevosto in continuazione perché, contro ogni buon senso, vorrebbe che lo mandasse via. E poi ci sono sberle più metaforiche, ma non meno sonore, che arrivano in caserma nero su bianco. Sono quelle che qualcuno ha deciso di mettere in rima e spedire in forma anonima ai carabinieri, forse per spingerli a indagare sul fatto...

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni

Anno: 2014

ISBN: 9788811684589

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Andrea Vitali situa le “Quattro sberle benedette” nell’epoca forse più congeniale alla sua narrazione: è l’autunno del ’29, a Bellano si stanno celebrando le festività dei santi, dei morti e della Vittoria e siamo in piena epoca fascista (“Una decina di Balilla, con tanto di moschetto in legno, avrebbero dovuto entrare in chiesa prima della messa commemorativa accogliendo una decina di Piccole Italiane , anche loro in divisa…”).

La vicenda ruota tutta intorno alla locale stazione dei carabinieri e ha per protagonisti il neo-papà Maresciallo Maccadò, il brigadiere sardo Mannu (il magiapecore), l’appuntato Misfatti (il mangiacarrube), il carabiniere Viavattène. Lì, nella caserma, giungono alcune lettere anonime che sembrano riferite a Don Secchia (“Con quel pretino lì, mutacico, spento, sgusciante che sembrava più una spia… piuttosto che un servo del Signore”), il coadiutore: un’autentica spina nel fianco del prevosto don Boldoni…
“Il giovin crapulone
dal lungo canappione
monda il suo vizio intenso
spargendo d’incenso”

Come sempre, la storia principale si dirama nei quadretti che hanno per protagonisti i personaggi minori, quasi sempre designati con nomignoli e soprannomi: l’indovina Farfalà, il guaritore Mezzaluna (“lui si affidava a praticoni o supposte streghe”), la Bitumera, inserviente di casa Maccadò, la perpetua Scudiscia, la strana coppia formata dal Bigé e dalla Ventolina, “la moglie del sacrista”, il soteramòrt (prn: becchino) Biscacchi, l’amica della signora Misfatti, quella Gerolina che “aveva fatto la faccia di chi vede la stria” e che è dedita a una pratica cimiteriale tanto macabra quanto comica…

Il romanzo è la consueta girandola di situazioni comiche, che contornano una storia esile ma divertente, sulla quale Andrea Vitali imbastisce equivoci e situazioni paradossali a partire dalla vicenda madre: possibile che l’emaciato pretino (“quell’essere alto, magro, un po’ storto, con quel naso che sembrava finto tant’era brutto, dallo sguardo spiritato e sfuggente…”) frequenti la casa di tolleranza di Lecco, dalla quale si è irradiata un’epidemia di morbillo?

Lo stile di Vitali, in questo romanzo forse più che in altri, è pregno di espressioni popolari e dialettali: così “cippire” sta per bisbigliare, “scartozzello” è il pacchetto, “le betoneghe” sono le pettegole, “menare le tolle” significa allontanarsi e “novo novento” è nuovo fiammante…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea

Come si fa a diventare buoni? E, soprattutto, che cosa significa essere buoni? Katie Carr non se l'è mai chiesto: una donna che ha scelto di diventare medico per aiutare gli altri e che ha cresciuto i figli ai valori morali più profondi non ha nemmeno bisogno di porsi la questione. Finché quella donna non tradisce il marito. E allora il marito, David, decide di dare una svolta alla sua vita. Abbandona le arguzie sarcastiche con le quali non risparmiava nessuno, nemmeno la moglie e i figli, e rinuncia a versare veleno su tutto e tutti nella rubrica che firmava regolarmente su un quotidiano locale; insomma, smette di essere «l'uomo più arrabbiato di Holloway» per diventare buono. Ma buono sul serio. Niente di più azzeccato, a questo punto, dell' entrata in scena di BuoneNuove. Con tanto di piercing alle sopracciglia, una storia di droga alle spalle e tecniche di guarigione dello spirito e del corpo capaci di sfidare tutta la scienza medica, BuoneNuove aiuta David a mettere a punto strategie di bontà e varare progetti piccoli e grandi per contribuire a risolvere il problema della sofferenza umana: lasagne prese dal congelatore di casa per sfamare i barboni del parco, giocattoli e computer sottratti ai figli per intrattenere i bambini meno fortunati, esortazioni agli abitanti della via perché ciascuna famiglia metta a disposizione una stanza per un senzatetto e infine un bel manuale di istruzioni su come redistribuire equamente le ricchezze mondiali. Com'è prevedibile, Katie perde ogni punto di riferimento: il marito è irriconoscibile, i due figli si schierano l'uno con la madre e l'altra col padre, e lei deve sopportare la convivenza coatta con BuoneNuove e un senzatetto che si fa chiamare Scimmia. E, catapultata in una realtà tutta nuova, è costretta a riflettere anche sulla crisi del suo matrimonio.

COME DIVENTARE BUONI

Hornby Nick

Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

SCRITTO SUL CORPO

Winterson Jeanette

Di tasse parlano tutti. Le pagano in molti. Ne capiscono in pochi. Ne sorride nessuno. Questo libro è in debito con quel geniale (e anonimo) studente dell’Università di Torino che, con l’aggiunta di una sola elle, trasformò un burocratico divieto di affiggere campeggiante su un muro in un meraviglioso VIETATO AFFLIGGERE. Fu l’occasione giusta per capire che si possono affrontare cose serie e importanti nel modo meno sadico possibile. A tale ambizioso obiettivo mira il libro che hai tra le mani. E può essere letto sia come una reazione allergica sia come un vaccino contro il dilagare di dibattiti sui temi finanziari e fiscali che imperversano in ogni dove. In televisione e sull’autobus, sui giornali e dal barbiere. In forma ironica, disincantata e non di rado comica vengono affrontati temi che vanno dal debito pubblico alla lotta all’evasione fiscale, passando per “più Stato o più mercato?” e altro ancora. Perché il fisco ci riguarda tutti. Ma delle logiche perverse che ci stanno dietro non sappiamo quasi niente. E forse è arrivato il momento di scoprirle.

Fisco inferno

Marcheselli Andrea

Pedro Páramo è un'opera al meno. È il lavoro della sottrazione continua.Una narrazione senza le astuzie del romanzo.Un brano di Storia senza date e senza eroi.Un tempo immobile.Una metafisica senza mondo. E anche per questo sta, come un sentiero di crinale, alla svolta della narrativa ispanoamericana del Novecento.

PEDRO PARAMO

Rulfo Juan