Narrativa

LE SCARPE SON DESIDERI

Roberti Mara

Descrizione: Un negozio di scarpe in cui scorrono sogni proibiti e aspirazioni segrete. Una festa esclusiva e due sorellastre crudeli. Un fratello combinaguai e una portinaia adorabile come fata madrina. Se Cenerentola vivesse ai giorni nostri, probabilmente dovrebbe scegliere fra il principe dei suoi sogni conosciuto via mail e un vicino molto sexy ma molto meno romantico. E di sicuro non si accontenterebbe di una scarpetta che non abbia almeno un tacco quindici. Una commedia romantica per sorridere, emozionarsi e sognare. Perché andare alla ricerca dell’anima gemella e andare alla ricerca della scarpa giusta non è poi tanto diverso. E Mara Roberti ci insegna che con un paio di scarpe da sogno ai tuoi piedi, nessun desiderio è impossibile.

Categoria: Narrativa

Editore: Emma Books

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788897669470

Trama

Le Vostre recensioni

 

Cecilia fa la commessa di scarpe in un negozio raffinato di Milano e la sua vita non è quello che si potrebbe definire perfetta: poche amiche egoiste, due datrici di lavoro terribili e invidiose, un fratello combinaguai, un’infanzia difficile e una portinaia provvidenziale. 

La consolazione di Cecilia sono le scarpe. Per lei le scarpe sono più che un accessorio, sono uno status, una sensazione. Sono un modo di vivere.
Un bel giorno comincia a chattare con uno sconosciuto che pare conoscerla meglio di quanto non si conosca lei stessa e contemporaneamente un misterioso nuovo vicino sembra renderle la vita ancora più difficile di quella che è. Tuttavia, una volta chiarite le cose, la felicità è dietro l’angolo…  Se poi consideriamo l’invito inatteso all’inaugurazione del nuovo store di uno dei più famosi e sfuggenti stilisti di scarpe, ecco che la vita di Cecilia si trasferisce in un mondo ‘cenerentolesco’…

“Le scarpe son desideri” si fa leggere tutto d’un fiato. Forse troppo.

Allegro, ben scritto, scorrevole. Solo che dopo qualche ora ero già arrivata all’ultima pagina e avrei voluto qualcosa in più. In particolare mi sarebbe pioaciuto conoscere meglio i personaggi. Si parla ad esempio di zia Rita, ma la sua incredibile figura non è approfondita. Il fratello di Cecilia passa, fa guai e se ne va, sembra non avere un suo senso. Le amiche di Cecilia sono intuibili, ma anche loro sembrano solo strumenti e non personaggi che incidono in qualche modo sulla vita della nostra simpatica protagonista e sull’intera storia.

Diciamo che “si va dritti al punto” anche quando ci sarebbe bisogno di qualche fronzolo in più. Lo stile dell’autrice, simpatico, diretto, fresco, avrebbe potuto accompagnarci in un sogno ben più lungo. Veniamo catapultate in una favola moderna, ci immedesimiamo in Cecilia/Cenerentola e vorremmo veramente conoscerla meglio, non solo leggerla tutta d’un fiato.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mara

Roberti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roberti Mara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

“Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall'autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall'impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello ie il sogno di diventare una grande musicista, l'ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l'amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l'emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani?”

Resta anche domani

Forman Gayle

Domande e risposte con Emma Cleave: il PEN come sceglie i libri da supportare?

Un padre ossessivo e brutale che lo vuole numero uno al mondo a ogni costo. Gli allenamenti a ritmi disumani, contro il «drago» sputapalle. La solitudine assoluta in campo che gli nega qualsiasi forma di gioventú. E poi una carriera da numero uno lunga vent'anni e 1000 match. Punteggiata da imprese memorabili ma anche da paurose parabole discendenti. Con l'avversario di sempre: Sampras. E chiacchierati matrimoni: Brooke Shields e Steffi Graf. Una vita sempre sotto i riflettori. Ma non senza dolorosi lati oscuri. «Open è uno dei piú appassionati libri contro lo sport che siano mai stati scritti da un atleta. Non è soltanto il memoir di un atleta, ma un vero e proprio racconto di formazione di grandissima profondità». New York Times Books Review Se colpisci 2500 palle al giorno, cioè 17500 la settimana, cioè un milione di palle l'anno, non potrai che diventare il numero uno. Questo è quello che il padre-padrone di Agassi ripeteva ad Andre bambino, costringendolo ad allenamenti disumani nel cortile di casa, contro una sorta di macchinario sputapalle di sua invenzione. Un padre dispotico e ossessivo che con i suoi metodi brutali diede l'avvio a una delle carriere sportive piú sfolgoranti e anche controverse di tutti i tempi. Perché Andre Agassi con i suoi capelli ossigenati, l'orecchino e le tenute sportive piú da musicista punk che da tennista, ha sconvolto l'austero mondo del tennis. Dei suoi 21 anni di carriera e di alcuni dei piú incredibili match giocati, dei rivali di varie generazioni, da Jimmy Connors a Pete Sampras a Roger Federer, dei suoi matrimoni da rotocalco e di molto altro, Andre Agassi racconta in questo libro. Mettendo in luce, con sorprendente franchezza e onestà, un lato umano del tutto inedito.

Open. La mia storia

Agassi Andre

Ambientato alla fine del Medioevo, all’epoca dell’invenzione della stampa, ci racconta di una misteriosa cospirazione nata per contrastare l’oscurantismo della Chiesa e difendere la cultura e la libertà di pensiero dalla censura dell’Inquisizione. La singolare alleanza coinvolge il trono di Francia, i Medici di Firenze e un gruppo di monaci e di rabbini che operano a Gerusalemme in totale clandestinità, per conservare, ricopiare e diffondere le preziose opere del passato. Il personaggio principale del libro è il poeta François Villon, autore di celebri ballate e fondatore della lingua francese moderna. Figura straordinaria e contraddittoria, letterato e insieme malfattore, all’età di trentun anni venne imprigionato per i suoi crimini e condannato all’impiccagione. Sappiamo che alla fine Luigi XI gli concesse la grazia, ma a quel punto di lui si perdono le tracce. Jerusalmy si diverte a immaginare questa seconda parte della sua vita e gli affida il ruolo d’intermediario tra il sovrano e i membri della confraternita. Villon è uno spirito libero e non si lascia manipolare né si piega agli interessi dei potenti. Affiancato dal burbero Colin e dalla bella e silenziosa Aisha, François persegue uno scopo tutto personale (a salvaguardia di ciò che lui definisce la “Parola”) e conclude la missione in Terra santa in maniera imprevedibile, dimostrando che a volte i libri possono anche cambiare il corso degli eventi

I cacciatori di libri

Jerusalmy Raphael