Racconti

Scena padre

Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...

Descrizione: Scrivere un racconto sulla paternità è come scriverne uno sulla vecchiaia: puoi immaginartela anche a vent'anni, ma non ti scricchiolano le ossa. Per questo motivo fanno parte di "Scena padre" soltanto scrittori che genitori lo sono davvero. Di fronte ai figli "di carta" non c'è bisogno di ricalibrare costantemente le proprie aspettative, o di reinventarsi ogni giorno. Nella vita invece può capitare che, superato lo stupore della prima notte passata in casa con la figlia appena nata, ci si domandi chi diventerà quel fagotto che dorme nella culla. Magari qualcuno con cui non sarà facile parlare, se non con brevi comunicazioni di servizio appiccicate sul frigorifero ("A che ora devo accompagnarti in palestra?", "Ho lasciato il pollo nel forno", "Anche oggi un'altra nota?") cercando di far passare fra le righe prima di tutto l'affetto. In quest'antologia di racconti inediti, otto scrittori affrontano la meraviglia e il divertimento nel constatare quanto un figlio possa esserti alleato e rivale in parti uguali. E mentre affini la creatività e l'ironia necessarie a parare i colpi, ti accorgi dello scarto tra la potenza del generare e l'impotenza dell'allevare, davanti a qualcuno che riesce sempre a spiazzarti. E allora diventare padri può significare anche rimettersi in discussione come figli.

Categoria: Racconti

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2013

ISBN: 9788806217761

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

19 marzo: giornata che la tradizione dedica alla festa del papà. Noi scegliamo di commentare un libro, “Scena padre” (autori vari): una raccolta di racconti che prospetta riflessioni sulla figura e sulla funzione del padre. Il titolo dell’antologia fa il verso a un’espressione in uso nel mondo teatrale, ove la “scena madre” è una delle scene portanti, a volte quella principale. Nella scelta del titolo sembra dunque annidarsi la volontà di valutare se anche il genitore maschio possa esercitare una centralità che natura (“Mater semper certa, pater numquam”), tradizione (“Qualis pater, talis filius” che corrisponde al greco “Κακοῦ κόρακος κακὸν ᾠόν”, “Da una cattiva cornacchia, un uovo cattivo”) e mentalità (“Pater familias vendax sit, non emax”, “Il capofamiglia deve pensare a guadagnare, non a spendere”) spesso riservano alla mamma.

Se è possibile trarre una sintesi delle storie contenute nel libro, in esse si profila un uomo-padre incerto, combattuto, sensibile, spesso impegnato nello sforzo d’inquadrare e interpretare adeguatamente il proprio ruolo.

Dopo il frastuono seguito in questi giorni alle diatribe sulla paternità di stilisti, rockstar e governatori, la lettura di questi racconti può essere una modalità più intima e profonda per affrontare un dibattito oggi vivacizzato dall’evoluzione di costumi sociali e pratiche di fecondazione assistita, accantonando i toni accesi dello scandalismo e del sensazionalismo.
Noi cercheremo di condensare alcuni racconti in una frase: operazione tanto suggestiva, quanto rischiosa.

Diego De Silva in “Diventare è capire di essere”: “Un giorno glielo dico (ndr: alla figlia) che quella volta l’ho seguita”.

Andrea Canobbio in “Madrepatria”: “Assistere al dolore del parto… l’importanza della presenza del padre. Ma quando mai.”

Valerio Magrelli in “Essere padre in ventuno strofe”: diventare padre “è un disastro. Il più splendido disastro che ti possa accadere”. E significa “ritrovare se stesso in un altro: tale esperienza è simile a quella provata dal personaggio mitico di Sosia”. Nel racconto si cita anche Chateaubriand: “Mia madre mi inflisse la vita”.

Sandro Bonvissuto in “Rifiuti ingombranti”: “Guardare un figlio è una visione talmente grande che non c’entra nemmeno negli occhi… Ecco perché a volte i genitori non si accorgono di certe cose dei figli, cose che vedrebbe chiunque.

Marcello Fois in “Tu, me”: “Sei mesi senza mai dormire”.

Ernesto Franco in “Diario del padre”: “Dal figlio al padre non c’è consiglio. Perché non si è mai uomini entrambi nello stesso tempo”. E ancora: “Né figlio né padre. Solo un uomo solo. Perduto nelle generazioni infinite.”

Abbiamo esordito la nostra celebrazione con aforismi latini e scelto citazioni tratte dall’opera segnalata. Per connessione d’argomento, concludiamo questa rassegna con il pre-romanticismo di Friedrich Schiller (“Non è la carne e il sangue, ma il cuore che ci rende padri e figli”), con l’ironia di Mark Twain (“Quando avevo 14 anni, mio padre era tanto ignorante che mi dava fastidio averlo attorno. Ma quando ebbi 21 anni, mi sorprese vedere quanto lui aveva imparato”) e con l’elementare saggezza popolare di un anonimo: “Ogni uomo può essere padre. Ci vuole una persona speciale per essere un papà”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fois

Valerio,

Magrelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una raccolta che prende il via dai ricordi, dal vissuto recente e passato, dal mondo di oggi e da quello scomparso. Un Sepulveda al suo meglio, con 1a sua consueta e straordinaria capacità di convertire ogni riflessione, ogni denuncia in un racconto affascinante. Come nel brano che dà il titolo alla raccolta. Nel 1990 torna per la prima volta in Cile, dopo quattordici anni di esilio,con una fotografa, che otto anni prima ha catturato un'immagine in cui si vedono cinque bambini. Lo scopo del viaggio è ritrovare quei cinque bambini e fotografarli. Uno di loro, però, non c'è più... La sua storia è il pretesto per raccontare che cos'è successo al Cile, e com'è il paese dopo diciassette anni di dittatura...

RITRATTO DI GRUPPO CON ASSENZA

Sepùlveda Luis

Paura, solitudine, sopraffazione. Questo libro di Riccardo Iacona entra dritto in una dimensione che purtroppo vediamo in versione patinata solo nei salotti televisivi e dopo le tragedie, quando scatta il gioco macabro della caccia al colpevole in prima serata. Cosa c'è prima? Qual è il contesto? Lo si può scoprire solo andando nei luoghi, conoscendo le persone (parenti, amici, vicini), le regole imperscrutabili di quei paesi, o di quei quartieri, al Sud come al Nord, che vivono di vita propria, di leggi proprie e non scritte. Dove l'apparenza è tutto. Iacona propone un libro scritto in prima persona, un reportage narrativo drammatico e spiazzante. Un libro che per la prima volta entra in un mondo invisibile ma reale, e più vicino a noi di quanto pensiamo.

Se questi sono gli uomini

Iacona Riccardo

Diego De Silva fa un passo a lato, si allontana dalle irresistibili vicende di Vincenzo Malinconico e ci regala una semplice storia d'amore. Semplice per modo di dire, perché la scommessa è tutta qui: nel nascondere la profondità in superficie, nel tratteggiare desideri e dolori, speranze e rovine, con poche parole essenziali, dritte e soprattutto vere. Perché, come diceva Fanny Ardant ne La signora della porta accanto, solo i racconti scarni e le canzoni dicono la verità sull'amore: quanto fa male, quanto fa bene. Solo lí si cela l'assoluto. Cosí De Silva prende i suoi due personaggi e li osserva con pazienza, li pedina, chiedendoci di seguirlo - e di seguirli - senza fare domande. La perfetta storia d'amore di due persone che si sfiorano senza incontrarsi mai. Nicola e Irene sono fatti l'uno per l'altra, ma non lo sanno. Probabilmente se ne accorgerebbero, se s'incrociassero anche solo una volta. Non dovrebbe essere difficile, visto che frequentano regolarmente lo stesso bistrot...

MANCARSI

De Silva Diego

Siamo nel 1992, tra maggio e luglio. A Bari, come altrove, sono giorni di fuoco, fra agguati, uccisioni, casi di lupara bianca. Quando arriva la notizia che un bambino, figlio di un capo clan, è stato rapito, il maresciallo Pietro Fenoglio capisce che il punto di non ritorno è stato raggiunto. Adesso potrebbe accadere qualsiasi cosa. Poi, inaspettatamente, il giovane boss che ha scatenato la guerra, e che tutti sospettano del sequestro, decide di collaborare con la giustizia. Ma le dichiarazioni del pentito non basteranno a far luce sulla scomparsa del bambino. Per scoprire la verità Fenoglio sarà costretto a inoltrarsi in quel territorio ambiguo dove è più difficile distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. Ambientato al tempo delle stragi di Palermo, L’estate fredda offre uno sguardo pauroso sulla natura umana, ma ci regala anche un protagonista di straordinaria, commovente dignità. E, alla fine, un inatteso bagliore di speranza.

L’estate fredda

Carofiglio Gianrico