Racconti

Scena padre

Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...

Descrizione: Scrivere un racconto sulla paternità è come scriverne uno sulla vecchiaia: puoi immaginartela anche a vent'anni, ma non ti scricchiolano le ossa. Per questo motivo fanno parte di "Scena padre" soltanto scrittori che genitori lo sono davvero. Di fronte ai figli "di carta" non c'è bisogno di ricalibrare costantemente le proprie aspettative, o di reinventarsi ogni giorno. Nella vita invece può capitare che, superato lo stupore della prima notte passata in casa con la figlia appena nata, ci si domandi chi diventerà quel fagotto che dorme nella culla. Magari qualcuno con cui non sarà facile parlare, se non con brevi comunicazioni di servizio appiccicate sul frigorifero ("A che ora devo accompagnarti in palestra?", "Ho lasciato il pollo nel forno", "Anche oggi un'altra nota?") cercando di far passare fra le righe prima di tutto l'affetto. In quest'antologia di racconti inediti, otto scrittori affrontano la meraviglia e il divertimento nel constatare quanto un figlio possa esserti alleato e rivale in parti uguali. E mentre affini la creatività e l'ironia necessarie a parare i colpi, ti accorgi dello scarto tra la potenza del generare e l'impotenza dell'allevare, davanti a qualcuno che riesce sempre a spiazzarti. E allora diventare padri può significare anche rimettersi in discussione come figli.

Categoria: Racconti

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2013

ISBN: 9788806217761

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

19 marzo: giornata che la tradizione dedica alla festa del papà. Noi scegliamo di commentare un libro, “Scena padre” (autori vari): una raccolta di racconti che prospetta riflessioni sulla figura e sulla funzione del padre. Il titolo dell’antologia fa il verso a un’espressione in uso nel mondo teatrale, ove la “scena madre” è una delle scene portanti, a volte quella principale. Nella scelta del titolo sembra dunque annidarsi la volontà di valutare se anche il genitore maschio possa esercitare una centralità che natura (“Mater semper certa, pater numquam”), tradizione (“Qualis pater, talis filius” che corrisponde al greco “Κακοῦ κόρακος κακὸν ᾠόν”, “Da una cattiva cornacchia, un uovo cattivo”) e mentalità (“Pater familias vendax sit, non emax”, “Il capofamiglia deve pensare a guadagnare, non a spendere”) spesso riservano alla mamma.

Se è possibile trarre una sintesi delle storie contenute nel libro, in esse si profila un uomo-padre incerto, combattuto, sensibile, spesso impegnato nello sforzo d’inquadrare e interpretare adeguatamente il proprio ruolo.

Dopo il frastuono seguito in questi giorni alle diatribe sulla paternità di stilisti, rockstar e governatori, la lettura di questi racconti può essere una modalità più intima e profonda per affrontare un dibattito oggi vivacizzato dall’evoluzione di costumi sociali e pratiche di fecondazione assistita, accantonando i toni accesi dello scandalismo e del sensazionalismo.
Noi cercheremo di condensare alcuni racconti in una frase: operazione tanto suggestiva, quanto rischiosa.

Diego De Silva in “Diventare è capire di essere”: “Un giorno glielo dico (ndr: alla figlia) che quella volta l’ho seguita”.

Andrea Canobbio in “Madrepatria”: “Assistere al dolore del parto… l’importanza della presenza del padre. Ma quando mai.”

Valerio Magrelli in “Essere padre in ventuno strofe”: diventare padre “è un disastro. Il più splendido disastro che ti possa accadere”. E significa “ritrovare se stesso in un altro: tale esperienza è simile a quella provata dal personaggio mitico di Sosia”. Nel racconto si cita anche Chateaubriand: “Mia madre mi inflisse la vita”.

Sandro Bonvissuto in “Rifiuti ingombranti”: “Guardare un figlio è una visione talmente grande che non c’entra nemmeno negli occhi… Ecco perché a volte i genitori non si accorgono di certe cose dei figli, cose che vedrebbe chiunque.

Marcello Fois in “Tu, me”: “Sei mesi senza mai dormire”.

Ernesto Franco in “Diario del padre”: “Dal figlio al padre non c’è consiglio. Perché non si è mai uomini entrambi nello stesso tempo”. E ancora: “Né figlio né padre. Solo un uomo solo. Perduto nelle generazioni infinite.”

Abbiamo esordito la nostra celebrazione con aforismi latini e scelto citazioni tratte dall’opera segnalata. Per connessione d’argomento, concludiamo questa rassegna con il pre-romanticismo di Friedrich Schiller (“Non è la carne e il sangue, ma il cuore che ci rende padri e figli”), con l’ironia di Mark Twain (“Quando avevo 14 anni, mio padre era tanto ignorante che mi dava fastidio averlo attorno. Ma quando ebbi 21 anni, mi sorprese vedere quanto lui aveva imparato”) e con l’elementare saggezza popolare di un anonimo: “Ogni uomo può essere padre. Ci vuole una persona speciale per essere un papà”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fois

Valerio,

Magrelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...

Gialla, veloce, imprendibile: un’Audi rubata semina il panico nelle strade del Nord Est. L’ispettore Stucky e la sua squadra le danno la caccia, ma il bolide sfreccia nella notte, sguscia tra le dita. Tra un inseguimento e l’altro Stucky frequenta (per ragioni di servizio!) bordelli cinesi e aiuta un’amica poliziotta in un’indagine spinosa: un collega ha ucciso la moglie e si è suicidato. Dietro questo gesto disperato, l’ombra di un uomo misterioso: colto, elegante, cinese. Ha un attico con vista su Porto Marghera, e conquista il Nord Est, pezzetto dopo pezzetto, come un giocatore di go. Quando siamo diventati così facili prede? si chiede Stucky. E si addentra pericolosamente nella rete. Sul filo della cronaca recente, l’avventura più ‘gialla’ con l’ispettore Stucky. Con contorno di vicine di casa belle e smaliziate, giovani colleghi di variegata simpatia, poliziotte notevoli in molti sensi, cani perfettamente all’altezza, uno zio persiano in crisi, alle prese con un innamoramento tardivo. Mentre il crimine finisce per porre le domande giuste, la vita si svela nelle chiacchiere notturne su un pavimento di legno, con l’odore di un alcolico pregiato che dura a lungo nelle narici. Un romanzo pieno di azione, di atmosfera, di spunti stimolanti sulla fragile realtà che ci circonda. Una lettura di piacere e di sostanza, tutta da gustare.

Pericolo giallo

Ervas Fulvio

La notte in cui in Sudafrica muore Mandela, Massimo Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come stella del varietà televisivo ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora domestica, a aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel bimbo che dice di chiamarsi come lui e sembra possedere una saggezza fuori dal comune? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Cruz riceverà quella notte... Sospeso tra il Canto di Natale di Dickens e la magia del Piccolo Principe, Cugia scrive un libro meraviglioso e inatteso come il più bello dei regali. Una favola incantata che contiene una parte di confessione autobiografica e una riflessione sul destino.

Nessuno può sfrattarci dalle stelle

Cugia Diego

Francesco è un quarantenne che si è appena lasciato, a un passo dalle nozze. Una mattina di primavera, mentre passeggiando a San Gimignano cerca di riafferrare il senso della sua vita, incontra un signore francese con il quale entra subito in sintonia e che gli propone di lavorare per lui, presso la sua azienda vinicola in Borgogna. Quella per la Francia è una passione che Francesco ha sempre coltivato. Si trova quindi di fronte alla possibilità di realizzare veramente il sogno di una vita. Così lascia il suo lavoro e si trasferisce pieno di entusiasmo. Le sue aspettative sono subito appagate: il posto è splendido, la collega Ludivine affascinante, il lavoro interessante. Fino a quando, oltre i colori pastello di quel paesaggio così tipicamente francese, non cominceranno a emergere i segni di un passato inquietante che riguarda sia il suo datore di lavoro, sia la bella Ludivine, della quale si sta ormai innamorando. Una prova decisiva per Francesco che, in un crescendo di colpi di scena, riuscirà a portare luce nel passato della donna e nel suo presente.

Primavera in Borgogna

Terenzoni Luca

Il suo nome è associato ai più gravi episodi della strategia della tensione. Gli hanno dato la caccia le polizie di mezzo mondo. Gli hanno attribuito rapporti opachi con apparati deviati dello Stato. Ora, dopo una lunghissima attesa, Delle Chiaie racconta la sua versione dei fatti. Dagli esordi in politica, con la fondazione di Avanguardia Nazionale, al Golpe Borghese, di cui fornisce la sua "verità"; poi la fuga nella Spagna franchista e l'avventurosa attività da protagonista in Cile, Portogallo, Spagna, Bolivia e Angola. E, ovviamente, in Italia, allora stritolata dagli "opposti estremismi".

L’aquila e il condor

Delle Chiaie Stefano