Narrativa

LA SCHIUMA DEI GIORNI

Vian Boris

Descrizione: Colin è un giovane parigino ricco e annoiato. Passa il tempo dedicandosi a ricette inverosimili, strimpellando bizzarri strumenti di sua invenzione, bighellonando con Chick – il suo migliore amico – un ingegnere spiantato e sperperone che ha uno strano pallino: collezionare le opere di Jean-Sol Partre. Poi, nella vita del signorino entra, in modo esplosivo, l'amore. L'incontro con la bella Chloé è un colpo di fulmine: decidono di sposarsi nel giro di pochi giorni. Per la cerimonia nuziale, Colin non bada a spese: ingaggia un Arcivettovo, settantatré musicisti, quattordici Figli della Fede e due pederasti d'onore. Nella chiesa, ridipinta di fresco a strisce gialle e viola, entrano anche le nuvole, profumate di coriandolo e di erbe di montagna. Gli sposini si imbarcano in un lungo e stralunato viaggio di nozze nel Sud della Francia, scortati dal cuoco di Colin, Nicolas. Al ritorno dal viaggio, Chloè si ammala. Nei suoi polmoni si annida un male terribile, fatica a respirare. Mentre il tempo va sempre più veloce, e l'appartamento dove vivono, inizialmente di dimensioni faraoniche, si fa sempre più stretto... Romanzo dolce e pirotecnico, surreale fiaba d'amore e feroce denuncia del conformismo, piena di invenzioni che fanno ridere e piangere, La schiuma dei giorni è il capolavoro di un genio ventisettenne: Boris Vian. Prefazione di Ivano Fossati. Con un'intervista a Daniel Pennac.

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli Alianti

Anno: 1998

ISBN: 9788871680712

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

La schiuma dei giorni non è solo una storia d’amore.

In un mondo inventato, in cui il reale è esasperato, Colin e Chloé si incontrano e si innamorano.

Colin è un ragazzo ricco che passa le sue giornate a sperimentare ricette grazie al suo cuoco Nicolas, a inventare strumenti musicali come il pianoktail e a cercare ragazze carine. Poi un giorno incontra Chloé. E la sua vita cambia completamente. Organizza un matrimonio esagerato e costosissimo e parte per una favolosa luna di miele. Proprio durante la luna di miele Chloé si ammala e si scopre che un male atroce cresce nei suoi polmoni.

Colin è disposto a fare di tutto per curare la sua amata. Anche a spendere tutti i suoi soldi. E il mondo dorato che hanno intorno comincia sbiadire e a rimpicciolire. Come Chloé.

La schiuma dei giorni è un libro tragico, di cui però, apparentemente, non sentiamo affatto la tragicità. Vian crea questo suo mondo fantasioso, in cui riconosciamo in lontananza Parigi, dove in realtà c’è una profonda crudezza e una feroce critica alla società, ma ci scorriamo dentro, semplicemente.

Sguazziamo tra Colin, Chloé e i loro amici, Nicolas, Chick, Alise… Tra fisse, dipendenze, corruzioni e dolori, ma tutto sembra smielato, dolce, colorato, profumato.

Vian ha mascherato tutto ben bene e solo alla fine, dopo Chloé, la strage dei librai, il massacro di Chick, ci rendiamo conto che quella che abbiamo appena letto è una storia drammatica, tragica. Sulle note di Duke Ellington ci chiediamo perché sia dovuta andare per forza così. Perché quella che sembrava una spumeggiante storia d’amore sia finita in questo modo. E poi ripensiamo a quello che abbiamo letto, a come la morte sembri normale in tutto il libro (tranne quella di Chloé, intorno alla quale gira tutto, anche i colori), a come si parla del lavoro (denigrante, degradante), della religione (più paghi, più avrai), delle istituzioni e della violenza delle forze dell’ordine. Non è nascosto proprio niente. Vian, che ha scritto a soli 27 anni questo romanzo, che è morto giovanissimo e non è stato per nulla apprezzato da vivo, ha raccontato tutto, esasperandolo, per farcelo vedere ancora meglio.

La schiuma dei giorni quindi non è solo una storia d’amore, è una visione riveduta e corretta di una società corrotta, vittima delle dipendenze e in preda al consumismo. La società del 1946, certo. Ma non solo.

E sembra proprio che l’amore spensierato di Colin e Chloé non abbia nessuna possibilità di vivere in quel mondo lì. Sembra tutto, alla fine, una corsa al suicidio.

Vian ci racconta, fantasticamente e con genialità, un mondo dove riescono a continuare a cantare solo i ciechi, mentre la morte si fa strada. 

E un libro così va letto, per nutrire la nostra fantasia e la nostra coscienza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Boris

Vian

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vian Boris


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Luna

Lory Costabile

Vivono a Roma, madre e figlia. Laury si cura con le alghe, racconta di viaggi a Goa e cena con gli amici hippy. Un dettaglio: ha quasi settant’anni. Sua figlia Elena ne ha trentasette ed è l’opposto. Fa l’impiegata e ha poche ambizioni. Nasconde un’inquietudine che viene dal passato: non sa chi è suo padre. Yves invece sta a Parigi, in una chiatta sulla Senna che affitta a turisti russi, mangia nel bistrot della bella Yvonne ma ogni tanto si sente solo. Anche lui sta cercando qualcosa, una compagna o una famiglia… Personaggi tragicomici e indimenticabili, pagine piene di ritmo, per un romanzo che racconta un conflitto attualissimo, quello tra due generazioni che non si capiscono ma devono provarci.

Il futuro di una volta

Dandini Serena

Gaia, 38 anni, porta la taglia 38, vive nel centro di Milano e in equilibrio perfetto sul suo tacco dodici si muove disinvolta tra sfilate e locali alla moda: del resto ha un marito che le garantisce una grande agiatezza, un amante il cui profilo su Facebook dice sempre "innamorato", una figlia che va alla scuola steineriana, due amiche di nome Ilaria e Solaria, un iPhone, un iPod, un iPad e una psicanalista che a ogni seduta pronuncia queste parole: "Sono trecento euro". Madre in carriera, può vantare l'invenzione dell'apericena, rito che ha ormai contagiato l'intera penisola, e la soddisfazione di non avere fatto mancare nulla alla figlia Elettra senza per questo trascurare il lavoro. Nessuna sbavatura, insomma. Eppure il passato bussa, implacabile, nel sonno. Un incubo ricorrente, che sembra voler riportare a galla qualcosa... Prima o poi Gaia dovrà decidersi a parlare di suo padre. E dei suoi tre anni di black-out. Anche perché a un tratto nel suo presente si è aperta una piccola crepa, destinata ad allargarsi come la tela di un ragno e a mandare in pezzi le sue sicurezze: il licenziamento dall'agenzia di comunicazione dove lavora, un'impasse sentimentale inattesa, la carta di credito bloccata, Elettra che lancia segnali di un disagio sempre più ineludibile... Con irresistibile vena satirica, unita qui però a uno sguardo profondamente partecipe, Giuseppe Culicchia dà vita a un personaggio femminile tragico e grottesco, risucchiato in una spirale di menzogne e forzature che mostrano il volto più fasullo della borghesia d'inizio millennio, celebrandone i riti e insieme il declino; e al tempo stesso scrive un libro civile, capace di svelare il bene nascosto sotto la patina del nostro vivere quotidiano come le radici di un albero frondoso che spezzino la crosta dell'asfalto per dare ossigeno alla città. Attraverso una vertiginosa capacità di scavare nei cliché linguistici e umani, Culicchia procede insinuando variazioni minime nell'infinito gioco di specchi nel quale nostro malgrado ci muoviamo. E - in bilico tra il dolore e il sorriso - libera sulla pagina quelle piccole rivelazioni che sono il nucleo di un cambiamento possibile. Perché, toccato il fondo della crisi, si può ricominciare a vivere, spogli di tutto ma ricchi come mai prima.

VENERE IN METRO’

Culicchia Giuseppe

Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei... Questo è il secondo attesissimo volume della trilogia Cinquanta sfumature, il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo.

Cinquanta sfumature di nero

James E. L.