Narrativa

SCRITTO NEI SASSI

Fontana Diego

Descrizione: "Scritto nei sassi" raccoglie sessanta brevissimi racconti che non superano le 1000 battute ciascuno. Eppure, quasi fossero sassolini essi stessi, i testi di Diego Fontana riescono ad abbracciare mondi interi, a condensare frammenti di realtà, a vivere di rimandi e citazioni, a raccontare tra le righe, molto più di quanto non si possa scorgere a una lettura superficiale, dando la piacevole sensazione di una scrittura meditata, e di parole selezionate con cura, quasi levigate dal tempo come rocce. Il volume è arricchito dalle tavole illustrate di Stefano Landini.

Categoria: Narrativa

Editore: Incontri

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896855126

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

Sassolini lanciati addosso al lettore, per impedirgli di distrarsi, per dargli fastidio, per svegliarlo nel mezzo della notte…” (Dalla postfazione di Dario Alesani)

Divertente, curiosa, molto ben scritta, irriverente, inattesa, divertente, profonda, agile… Questi aggettivi e molti altri mi sono saltati alla mente man mano che mi addentravo nella raccolta di “pillole” di Diego Fontana “Scritto nei sassi”. Ed in effetti, come tanti sassi, a volte appuntiti e fastidiosi, a volte scivolosi e infidi, altre volte ancora direi quasi simpatici, complici del nostro ‘cammino’, queste gustose illuminazioni narrative ci solleticano, ci incuriosiscono e ci provocano.

I sassi si muovono, i sassi hanno milioni di anni e i fiumi e i venti li portano ovunque...”

Nei sessanta brevi flash narrativi che ci vengono regalati in questa raccolta i sassi sono i protagonisti assoluti: dotati di una volontà determinata che li porta a compiere viaggi attraverso il tempo e la storia, dispettosi a volte, innamorati, vendicativi, appassionati; capaci di sentimenti profondi.

Non pare possibile che il sasso sia guidato da una volontà propria, no di certo. Ma cosa pensereste, sapendo che il sasso proviene dalla stessa cava di marmo con cui il duomo è stato edificato? E ammettiamo sembra proprio commosso, mentre la saggina di una scopa lo disperde tra i rifiuti...”

Presenza discreta quella dei sassi, non si nota, non si sente, ma, se osserviamo lo spazio intorno a noi, è difficile non vederne almeno uno, magari incastrato nelle suole delle scarpe, magari in un angolo della stanza, proprio là dove si fa così fatica ad arrivare con l’aspirapolvere… Lo stesso accade nei brevi racconti di Fontana: situazioni semplici e quotidiane che richiedono un poco di attenzione per cogliere la meraviglia e l’inatteso di cui troppo spesso non ci accorgiamo.

Completano ed arricchiscono la raccolta di Fontana i sassi immaginati e disegnati da Stefano Landini. Sospesi in uno spazio indefinito hanno il pregio di farci rallentare un poco la corsa tra un racconto e l’altro, regalandoci un momento di sosta e di riflessione.

Un testo davvero ‘ricco’ dunque, da sorbire tutto d’un fiato o da centellinare poco alla volta, come una piacevole medicina quotidiana contro la superficialità, la sciatteria e la noia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Fontana

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fontana Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

I fantasmi

De Amicis, Edmondo – IL TAMBURINO SARDO (Cuore, 1886)

Convocata inaspettatamente dall’unità “Casi irrisolti” della polizia di Charlotte, la dottoressa Temperance Brennan si trova davanti a una storia che la sconvolge: due omicidi di bambini, avvenuti a migliaia di chilometri di distanza l’uno dall’altro, hanno una cosa in comune… l’assassina. Anni prima, Anique Pomerleau ha rapito e ucciso numerose ragazze in Canada, scampando per un soffio alla cattura. E' stata una sconfitta devastante per i suoi inseguitori, Brennan e il detective Ryan. E ora la più letale delle psicopatiche è riemersa dai loro incubi. Quando rapisce un altro bambino, Brennan capisce di doverla fermare a ogni costo. E accetta di inseguirla giù negli oscuri abissi della sua follia.

Le ossa non mentono

Reichs Kathy

È quasi mezzanotte e una nebbia sottile avvolge la metropoli addormentata. In un palazzo di quattro piani, dentro un appartamento disabitato, un frigorifero va in cortocircuito. Le fiamme, lente e invisibili dall'esterno, iniziano a divorare ciò che trovano. Due piani più in alto, Alice scivola nel sonno mentre aspetta il ritorno di Matthias, il ragazzo che ama con una passione per lei nuova e del quale non è ancora riuscita a parlare a sua madre, che abita lontano e vorrebbe sapere tutto di lei. Anche Bastien, il figlio della signora che occupa un altro degli interni, da troppi mesi ormai avrebbe qualcosa di cruciale da rivelare alla madre, ma sa che potrebbe spezzarle il cuore e non trova il coraggio. È un altro tipo di coraggio quello che invece manca a Polina, ex ballerina classica, incapace di accettare il proprio corpo dopo la maternità, tantomeno il pianto incessante del suo bambino nella stanza accanto. Giù in strada, nel negozio di fronte, Hulya sta pensando proprio a lei, come capita sempre più spesso, senza averglielo mai confessato, ma con una voglia matta di farlo. Per tutti loro non c'è più tempo: un mostro di fuoco sta per stravolgere ogni prospettiva, costringendoli a scelte estreme per colmare quei silenzi, o per dare loro un nuovo significato. Simona Sparaco indaga i momenti terribili in cui la vita e la morte si sfiorano diventando quasi la stessa cosa, e in cui le distanze che ci separano dagli altri vengono abbattute dall'amore più assoluto, quello che non conosce condizioni. Vincitore del premio DeA Planeta 2019.

Nel silenzio delle nostre parole

Sparaco Simona