Narrativa

SCRITTO NEI SASSI

Fontana Diego

Descrizione: "Scritto nei sassi" raccoglie sessanta brevissimi racconti che non superano le 1000 battute ciascuno. Eppure, quasi fossero sassolini essi stessi, i testi di Diego Fontana riescono ad abbracciare mondi interi, a condensare frammenti di realtà, a vivere di rimandi e citazioni, a raccontare tra le righe, molto più di quanto non si possa scorgere a una lettura superficiale, dando la piacevole sensazione di una scrittura meditata, e di parole selezionate con cura, quasi levigate dal tempo come rocce. Il volume è arricchito dalle tavole illustrate di Stefano Landini.

Categoria: Narrativa

Editore: Incontri

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896855126

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

Sassolini lanciati addosso al lettore, per impedirgli di distrarsi, per dargli fastidio, per svegliarlo nel mezzo della notte…” (Dalla postfazione di Dario Alesani)

Divertente, curiosa, molto ben scritta, irriverente, inattesa, divertente, profonda, agile… Questi aggettivi e molti altri mi sono saltati alla mente man mano che mi addentravo nella raccolta di “pillole” di Diego Fontana “Scritto nei sassi”. Ed in effetti, come tanti sassi, a volte appuntiti e fastidiosi, a volte scivolosi e infidi, altre volte ancora direi quasi simpatici, complici del nostro ‘cammino’, queste gustose illuminazioni narrative ci solleticano, ci incuriosiscono e ci provocano.

I sassi si muovono, i sassi hanno milioni di anni e i fiumi e i venti li portano ovunque...”

Nei sessanta brevi flash narrativi che ci vengono regalati in questa raccolta i sassi sono i protagonisti assoluti: dotati di una volontà determinata che li porta a compiere viaggi attraverso il tempo e la storia, dispettosi a volte, innamorati, vendicativi, appassionati; capaci di sentimenti profondi.

Non pare possibile che il sasso sia guidato da una volontà propria, no di certo. Ma cosa pensereste, sapendo che il sasso proviene dalla stessa cava di marmo con cui il duomo è stato edificato? E ammettiamo sembra proprio commosso, mentre la saggina di una scopa lo disperde tra i rifiuti...”

Presenza discreta quella dei sassi, non si nota, non si sente, ma, se osserviamo lo spazio intorno a noi, è difficile non vederne almeno uno, magari incastrato nelle suole delle scarpe, magari in un angolo della stanza, proprio là dove si fa così fatica ad arrivare con l’aspirapolvere… Lo stesso accade nei brevi racconti di Fontana: situazioni semplici e quotidiane che richiedono un poco di attenzione per cogliere la meraviglia e l’inatteso di cui troppo spesso non ci accorgiamo.

Completano ed arricchiscono la raccolta di Fontana i sassi immaginati e disegnati da Stefano Landini. Sospesi in uno spazio indefinito hanno il pregio di farci rallentare un poco la corsa tra un racconto e l’altro, regalandoci un momento di sosta e di riflessione.

Un testo davvero ‘ricco’ dunque, da sorbire tutto d’un fiato o da centellinare poco alla volta, come una piacevole medicina quotidiana contro la superficialità, la sciatteria e la noia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Fontana

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fontana Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

James ha 18 anni e vive a New York. Finita la scuola, lavoricchia nella galleria d’arte della madre, dove non entra mai nessuno: sarebbe arduo, d’altra parte, suscitare clamore intorno a opere di tendenza come le pattumiere dell’artista giapponese che vuole restare Senza Nome. Per ingannare il tempo, e nella speranza di trovare un’alternativa all’università («Ho passato tutta la vita con i miei coetanei e non mi piacciono granché»), James cerca in rete una casa nel Midwest dove coltivare in pace le sue attività preferite – la lettura e la solitudine –, ma per sua fortuna gli incauti agenti immobiliari gli riveleranno alcuni allarmanti inconvenienti della vita di provincia. Finché un giorno James entra in una chat di cuori solitari e, sotto falso nome, propone a John, il gestore della galleria che ne è un utente compulsivo, un appuntamento al buio... I puntini di sospensione sono un espediente abusato, ma in questo caso procedere oltre farebbe torto a uno dei pochi scrittori sulla scena che, come sa bene chi ha amato Quella sera dorata, chiedono solo di essere letti. Anticipare le avventure e i pensieri di James rischierebbe di mettere in ombra la singolare grazia che pervade questo libro, e da cui ci si lascia avvolgere molto prima di riconoscere, nella sua ironia inquieta e malinconica, qualcosa che pochi sanno raccontare: l’aria del tempo.

UN GIORNO QUESTO DOLORE TI SARA’ UTILE

Cameron Peter

Questa è la storia di un individuo dal destino già scritto. Un ragazzino che ha avuto come scuola la strada. Come madre una zoccola. Come padre un bidello cornuto. Come miglior amico la coca. Come amante un trans. È così che si vive nella periferia nord di Napoli. La coca non è sballo a Scampia. È il mezzo attraverso il quale diventare ricchi. Acquisire denaro e potere. Questa è la storia di uno spacciatore improvvisato. Uno spacciatore per scelta - la scelta di non aver scelto - che, come Pablo Emilio Escobar Gaviria, si rivela bravissimo nel commercio della cocaina. Perché la droga è un business. Anzi, è il business del millennio. Si guadagna molto perché il rischio è alto. Molto alto. I creditori. Gli sbirri. La concorrenza. La galera. I debitori. Ma non finisce ammazzato come El Patron. Finisce a Milano, cambia lavoro, mette su famiglia e scrive un libro. Un manuale che parla di un'attività particolare, per di più illegale, analizzandola con un approccio manageriale. "Per farvi accumulare una vera fortuna senza farvi arrestare. Perché, come ogni altra impresa, anche vendere la droga è un'attività che deve essere pianificata con cura e attenzione. Quindi anche con un business-plan." Manuale del perfetto venditore di droga è un romanzo autobiografico con business plan. La prima parte è il diario degli anni raminghi dell 'autore, un Gomorra raccontato da protagonista, la seconda è un vero manuale di management, se non fosse per il tema potrebbe essere edito dalla Harvard University Press.

MANUALE DEL PERFETTO VENDITORE DI DROGA

Esposito Alessandro

Mara Abbiati, scultrice italiana, e suo marito Craig Nolan, famoso antropologo inglese, hanno una piccola casa di vacanza vicino a Canciale, paesino ligure arrampicato tra il mare e l’Appennino. Un mattino d’estate Craig sale sul tetto per controllare da dove sia entrata la pioggia di un temporale estivo, e la vecchia copertura gli cede sotto i piedi. I Nolan, alla ricerca di qualcuno che gli aggiusti la casa, vengono in contatto con Ivo Zanovelli, un costruttore dall’aspetto ribelle e con molte ombre nella vita. Nel corso di pochi giorni di un luglio incandescente l’equilibrio già precario di ognuno dei tre si rompe, facendo emergere con violenza dubbi, desideri, contraddizioni fino a quel momento dormienti.

Cuore primitivo

De Carlo Andrea

Le avventure e disavventure di Penelope, detta Pepe. Pasticciona, per nulla romantica, fanatica di Lost, Pepe si troverà a vivere una strana avventura per conquistare il cuore di un uomo.

TORNO INDIETRO PER UN BACIO

Franceschinelli Cinzia