Narrativa

SCRITTO NEI SASSI

Fontana Diego

Descrizione: "Scritto nei sassi" raccoglie sessanta brevissimi racconti che non superano le 1000 battute ciascuno. Eppure, quasi fossero sassolini essi stessi, i testi di Diego Fontana riescono ad abbracciare mondi interi, a condensare frammenti di realtà, a vivere di rimandi e citazioni, a raccontare tra le righe, molto più di quanto non si possa scorgere a una lettura superficiale, dando la piacevole sensazione di una scrittura meditata, e di parole selezionate con cura, quasi levigate dal tempo come rocce. Il volume è arricchito dalle tavole illustrate di Stefano Landini.

Categoria: Narrativa

Editore: Incontri

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896855126

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

Sassolini lanciati addosso al lettore, per impedirgli di distrarsi, per dargli fastidio, per svegliarlo nel mezzo della notte…” (Dalla postfazione di Dario Alesani)

Divertente, curiosa, molto ben scritta, irriverente, inattesa, divertente, profonda, agile… Questi aggettivi e molti altri mi sono saltati alla mente man mano che mi addentravo nella raccolta di “pillole” di Diego Fontana “Scritto nei sassi”. Ed in effetti, come tanti sassi, a volte appuntiti e fastidiosi, a volte scivolosi e infidi, altre volte ancora direi quasi simpatici, complici del nostro ‘cammino’, queste gustose illuminazioni narrative ci solleticano, ci incuriosiscono e ci provocano.

I sassi si muovono, i sassi hanno milioni di anni e i fiumi e i venti li portano ovunque...”

Nei sessanta brevi flash narrativi che ci vengono regalati in questa raccolta i sassi sono i protagonisti assoluti: dotati di una volontà determinata che li porta a compiere viaggi attraverso il tempo e la storia, dispettosi a volte, innamorati, vendicativi, appassionati; capaci di sentimenti profondi.

Non pare possibile che il sasso sia guidato da una volontà propria, no di certo. Ma cosa pensereste, sapendo che il sasso proviene dalla stessa cava di marmo con cui il duomo è stato edificato? E ammettiamo sembra proprio commosso, mentre la saggina di una scopa lo disperde tra i rifiuti...”

Presenza discreta quella dei sassi, non si nota, non si sente, ma, se osserviamo lo spazio intorno a noi, è difficile non vederne almeno uno, magari incastrato nelle suole delle scarpe, magari in un angolo della stanza, proprio là dove si fa così fatica ad arrivare con l’aspirapolvere… Lo stesso accade nei brevi racconti di Fontana: situazioni semplici e quotidiane che richiedono un poco di attenzione per cogliere la meraviglia e l’inatteso di cui troppo spesso non ci accorgiamo.

Completano ed arricchiscono la raccolta di Fontana i sassi immaginati e disegnati da Stefano Landini. Sospesi in uno spazio indefinito hanno il pregio di farci rallentare un poco la corsa tra un racconto e l’altro, regalandoci un momento di sosta e di riflessione.

Un testo davvero ‘ricco’ dunque, da sorbire tutto d’un fiato o da centellinare poco alla volta, come una piacevole medicina quotidiana contro la superficialità, la sciatteria e la noia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Fontana

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fontana Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La testimonianza storica di un'esperienza unica e devastante, quale fu per l'esercito italiano la campagna di Russia, e insieme la storia autobiografica di un uomo che in quella prova lotta per non perdere la propria dignità.

Il sergente nella neve

Stern Mario Rigoni

Questa è la storia di una bambina che perde entrambi i genitori a sei anni e viene affidata alle «cure» di nonni e prozii troppo bigotti per distinguere il confine tra la pedagogia e il sadismo, e che in seguito viene salvata da una coppia di nonni più affettuosi e bonari ma altrettanto severi nel loro conformismo sociale. È la storia di un’educazione rigida e di infiniti passaggi, da un collegio religioso all’altro, da Minneapolis a Seattle, da una famiglia cattolica a una protestante. Ma è anche una storia di scoperte e innamoramenti, di accesi litigi e comici malintesi: tra discussioni teologiche con i padri gesuiti sull’esistenza di Dio, recite scolastiche ambientate nell’antica Roma repubblicana, gite istruttive ai parchi naturalistici che si tramutano in rocamboleschi tour de force alcolici, vere o presunte iniziazioni sessuali, letture proibite e appuntamenti clandestini, la personalità della bambina lascia gradualmente il posto a quella di un’adolescente ribelle e infine a quella di una giovane donna lucida e coraggiosa, aliena alle convenzioni e a ogni forma di moralismo. Pubblicato originariamente nel 1957, Ricordi di un’educazione cattolica è un memoir appassionante come i migliori romanzi di formazione, che unisce il ritratto di un’epoca e la dolorosa confessione personale.

Ricordi di un’educazione cattolica

McCarthy Mary

Arthur Bramhall, un professore di letteratura dell’università del Maine, durante il suo anno sabatico lavora, in una fattoria, alla realizzazione di un libro. Ma quando la fattoria brucia il manoscritto segue la sua stessa fi ne. Con i soldi dell’assicurazione, Arthur si costruisce un rifugio dove comincia la seconda stesura del suo libro Destiny and Desire. Una volta fi nito il romanzo lo sotterra sotto un pino prima di andare a festeggiare in paese. Mentre Arthur se la spassa un orso affamato scopre la valigetta con il mascritto e dopo una veloce lettura decide che il libro può diventare un best seller. L’orso, Hal Jam, viaggia fino a New York dove viene acclamato come autore di successo e ospite d’eccezione per i party mondani, mentre la disperazione animalesca di Bramhall cresce sempre di più fino a portalo all’isolamento dai suoi vecchi amici.

L’ORSO CHE VENNE DALLA MONTAGNA

Kotzwinkle William

Il protagonista di Samsa innamorato, un giorno, si sveglia in un letto e scopre con orrore di essersi trasformato in un essere umano. Non ricorda nulla della sua vita precedente. Sa solo che si chiama Gregor Samsa. Che fine ha fatto lo spesso carapace che lo proteggeva? E perché adesso è ricoperto da questa sottile, delicata pelle rosa? Chi, o cosa, era prima di quel risveglio? Insomma, adesso Samsa dovrà adattarsi alla nuova e "mostruosa" condizione di uomo. Quando però alla sua porta bussa una ragazza il cui fisico è deformato da un'enorme gobba, Samsa dovrà fare i conti con qualcos'altro di sconosciuto: il desiderio e l'erotismo visto con gli occhi nuovi di chi sa andare oltre le apparenze. Habara, il protagonista di Shahrazàd, è un uomo solo, confinato in una casa nella quale gli è vietato ogni contatto col mondo. Non sapremo mai perché, e in fondo non è importante: quello che sappiamo è che il suo unico svago sono le visite regolari di una donna misteriosa che lo rifornisce di libri, musica, film... e sesso. Ma soprattutto gli racconta delle storie, come faceva Shahrazàd nelle Mille e una notte. E in queste storie Habara si tuffa come un bambino, finalmente libero.

Uomini senza donne

Murakami Haruki