Narrativa

SCRITTO NEI SASSI

Fontana Diego

Descrizione: "Scritto nei sassi" raccoglie sessanta brevissimi racconti che non superano le 1000 battute ciascuno. Eppure, quasi fossero sassolini essi stessi, i testi di Diego Fontana riescono ad abbracciare mondi interi, a condensare frammenti di realtà, a vivere di rimandi e citazioni, a raccontare tra le righe, molto più di quanto non si possa scorgere a una lettura superficiale, dando la piacevole sensazione di una scrittura meditata, e di parole selezionate con cura, quasi levigate dal tempo come rocce. Il volume è arricchito dalle tavole illustrate di Stefano Landini.

Categoria: Narrativa

Editore: Incontri

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788896855126

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

Sassolini lanciati addosso al lettore, per impedirgli di distrarsi, per dargli fastidio, per svegliarlo nel mezzo della notte…” (Dalla postfazione di Dario Alesani)

Divertente, curiosa, molto ben scritta, irriverente, inattesa, divertente, profonda, agile… Questi aggettivi e molti altri mi sono saltati alla mente man mano che mi addentravo nella raccolta di “pillole” di Diego Fontana “Scritto nei sassi”. Ed in effetti, come tanti sassi, a volte appuntiti e fastidiosi, a volte scivolosi e infidi, altre volte ancora direi quasi simpatici, complici del nostro ‘cammino’, queste gustose illuminazioni narrative ci solleticano, ci incuriosiscono e ci provocano.

I sassi si muovono, i sassi hanno milioni di anni e i fiumi e i venti li portano ovunque...”

Nei sessanta brevi flash narrativi che ci vengono regalati in questa raccolta i sassi sono i protagonisti assoluti: dotati di una volontà determinata che li porta a compiere viaggi attraverso il tempo e la storia, dispettosi a volte, innamorati, vendicativi, appassionati; capaci di sentimenti profondi.

Non pare possibile che il sasso sia guidato da una volontà propria, no di certo. Ma cosa pensereste, sapendo che il sasso proviene dalla stessa cava di marmo con cui il duomo è stato edificato? E ammettiamo sembra proprio commosso, mentre la saggina di una scopa lo disperde tra i rifiuti...”

Presenza discreta quella dei sassi, non si nota, non si sente, ma, se osserviamo lo spazio intorno a noi, è difficile non vederne almeno uno, magari incastrato nelle suole delle scarpe, magari in un angolo della stanza, proprio là dove si fa così fatica ad arrivare con l’aspirapolvere… Lo stesso accade nei brevi racconti di Fontana: situazioni semplici e quotidiane che richiedono un poco di attenzione per cogliere la meraviglia e l’inatteso di cui troppo spesso non ci accorgiamo.

Completano ed arricchiscono la raccolta di Fontana i sassi immaginati e disegnati da Stefano Landini. Sospesi in uno spazio indefinito hanno il pregio di farci rallentare un poco la corsa tra un racconto e l’altro, regalandoci un momento di sosta e di riflessione.

Un testo davvero ‘ricco’ dunque, da sorbire tutto d’un fiato o da centellinare poco alla volta, come una piacevole medicina quotidiana contro la superficialità, la sciatteria e la noia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Fontana

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fontana Diego

Una madre parla alla figlia tra le mura di una clinica serba. Al di là di una porta stanno preparando la sala operatoria. Eva ha appena compiuto diciotto anni e da quando è nata aspetta questo momento. Vuole cambiare sesso sottoponendosi all'intervento che la renderà come si è sempre sentita: uomo. Sua madre le parla col corpo, perché è il corpo ad essere sbagliato, ingannevole, traditore, un corpo come il suo che la natura stessa vuole negare. In un dialogo senza risposte, sospeso tra l'immaginato e il reale, la madre racconta la loro vita fino a quel momento, ne ripercorre i sentieri come muovendosi in una terra straniera. La sua voce è concreta, toccante, vivida e parla di una lotta che non ha vincitori né vinti, per cui non esiste resa, in cui la forma più pura dell'amore diventa bifronte e feroce.

La madre di Eva

Ferreri Silvia

De Amicis, Edmondo – LA PICCOLA VEDETTA LOMBARDA (Cuore, 1886)

Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan

Amélie torna in Giappone ma abbandona i tragicomici panni di impiegata nella multinazionale Yumimoto, vicenda narrata in Stupore e Tremori, e si concentra sulle peripezie sentimentali di quel periodo. Rinri è il suo fidanzato giapponese, bello e ricco, li lega un amore bizzarro ma non privo di poesia, raccontato con il solito umorismo, affondando lo sguardo chirurgico che le è proprio nell'incandescente universo dell'amore. Ma l'emozione più grande e la relazione più forte è ancora una volta quella che lega l'autrice al paese in cui è nata, e dove ha trascorso gli anni mitici dell'infanzia.

Né di Eva né di Adamo

Nothomb Amélie