Narrativa

Scritto sul corpo

Winterson Jeanette

Descrizione: Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 2000

ISBN: 9788804480198

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Indubbiamente originale… però annoia.

La recensione di copertina riferisce di “una sorta di gioco”, di un mistero, del fatto che di questa storia d’amore non conosciamo il soggetto, ma solo l’oggetto: Louise dai capelli rossi…

In realtà, che importanza riveste il sesso dell’Io narrante? Ciò che ci si sforza di capire è dove voglia andare a parare…

La descrizione di una passione, d’accordo. Belle anche molte descrizioni dell’amata e delle sensazioni che l’Io di cui sopra prova standole accanto, ancor di più quando lei è lontana… Purtroppo, lo scoop della malattia ed il finto eroismo che sconfinano nel masochismo patetico di chi sotto sotto ha paura, rubano molta della verve iniziale e rovinano un libro a metà del cammino.

Voto: 5

 “Con gli occhi chiusi cominciai un viaggio lungo la sua spina dorsale, la strada acciottolata che mi condusse a una fenditura e a una vallata umida e poi a un pozzo profondo nel quale annegare”

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeanette

Winterson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Winterson Jeanette

Composto da Albert Camus prima de "Lo straniero" e lasciato intenzionalmente inedito, "La morte felice" è già opera autonoma, sguardo lucido e solidissimo sull'umano nelle sue manifestazioni più estreme. Un romanzo che un altro grande scrittore francese contemporaneo di Camus, Andre Gide, considerava la crisalide nella quale si formava la larva delle sue opere successive. Un romanzo che è dunque al contempo narrazione e progetto di narrazioni.

La morte felice

Camus Albert

Democrazia: il Dio che ha fallito

Hoppe Hans-Hermann

Valentina è una neonata imprigionata nel corpo di un'adulta. A causa di una rara malattia genetica, la sindrome di Rett, vive, fin dalla nascita, in un mondo ovattato, senza la possibilità di parlare, camminare... completamente in balia di chi si prende cura di lei. Assorbe, come una spugna, gli stati d'animo delle persone che ha attorno: felicità, tristezza o dolore. Comunica solo con gli occhi, usa lo sguardo per richiamare l'attenzione, per scegliere ciò che vuole o che non vuole. La sua giornata, con l'immancabile sottofondo musicale, è scandita da movimenti ripetitivi e sempre uguali. Questa è la sua storia ed è anche la storia della sua famiglia che, a volte col sorriso, a volte con il pianto, ha imparato a convivere con la consapevolezza di essere stata scelta per un compito diverso, difficile e impegnativo.

Solo con gli occhi

Vignolo Claudia

Don Fabrizio, principe di Salina, all'arrivo dei Garibaldini, sente inevitaile il declino e la rovina della sua classe. Approva il matrimonio del nipote Tancredi, senza più risorse economiche, con la figlia, che porta con sé una ricca dote, di Calogero Sedara, un astuto borghese. Don Fabrizio rifiuta però il seggio al Senato che gli viene offerto, ormai disincantato e pessimista sulla possibile sopravvivenza di una civiltà in decadenza e propone al suo posto proprio il borghese Calogero Sedara.

Il gattopardo

Tomasi di Lampedusa Giuseppe