Narrativa

Se avessero

Sermonti Vittorio

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: La Biblioteca della Spiga

Anno: 2016

ISBN: 9788811670179

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Romanzo finalista al premio Strega 2016, Se avessero di Vittorio Sermonti è un esercizio mentale e narrativo per immaginare cosa avrebbe potuto essere una vita se un evento avesse avuto uno svolgimento diverso da quello reale.

L’evento: dopo la liberazione (“E alla fine di aprile di quel 1945 non successe la liberazione…?”), si presentano nella casa del narratore, allora adolescente, tre partigiani con il mitra spianato. Cercano il fratello più grande, un ragazzo dal passato non proprio limpido (“Si era arruolato… nell’esercito tedesco onde evitare di essere associato, sosteneva, alla fellonia del re fellone”). Assiste alla scena l’intera famiglia: genitori e numerosa figliolanza. Con un espediente (“Egli, come attestava il tesserino nero e rosso… era da un po’ clandestinamente comunista libertario”) il fratello la fa franca e i partigiani abbandonano il campo senza sparare.
Ne seguono ragionamenti e divagazioni sulla vita, su amori e rapporti familiari (“L’amica della mia piccola sorella sabauda. Be’, era ebrea”), sulla storia del dopoguerra, a ruota libera, ma con alcune tracce: “α) temino Fumo, β) temino Confidenze e Balle, per ritornare all’insaziabile temone dell’Amore, γ)… il tema eponimo:… il che cosa avrei fatto, il chi sarei diventato se avessero sparato a mio fratello”.

Come spesso accade, il periodo ipotetico del terzo tipo è rischioso, non soltanto nelle coniugazioni di protasi e apodosi, ma anche nei romanzi. L’esperimento di Sermonti è lì, da giudicare, e il giudizio di chi sceglie le cinquine finaliste non è uniforme al mio, evidentemente. Io – quanto alla letteratura del dopoguerra – continuo a rimpiangere il neorealismo, così come magistralmente descritto da Calvino: “Mai fu tanto chiaro che le storie che si raccontavano erano materiale grezzo: la carica esplosiva di libertà che animava il giovane scrittore non era tanto nella sua volontà di documentare o informare, quanto in quella di esprimere. Esprimere che cosa? Noi stessi, il sapore aspro della vita che avevamo appreso allora, tante cose che si credeva di sapere o di essere, e forse veramente in quel momento sapevamo ed eravamo.”

Sul piano stilistico, lo sperimentalismo del terzo tipo fa domandare: ma, dopo tanti esperimenti più o meno riusciti, non è ora di tornare all’espressione lineare in bell’italiano?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorio

Sermonti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sermonti Vittorio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'errore di Glover è un gustoso e raffinato dramma psicologico ambientato nel mondo dell'arte londinese. David Pinner, trentacinquenne di scarso fascino, aspirante artista e blogger frustrato, incontra dopo anni Ruth Marks, una sua ex insegnante, ultraquarantenne di alta classe e pittrice dal successo internazionale, di cui è infatuato da sempre; cominciano a frequentarsi in amicizia, ma proprio quando David le si sta per dichiarare, lei gli confessa di essersi innamorata del coinquilino di lui, James Glover: giovanissimo, belloccio, senza alcuna aspirazione creativa (e vergine!). David assiste all'evoluzione della storia fra Ruth e Glover con apparente simpatia ma malanimo sempre crescente, e il triangolo amoroso deflagrerà proprio alla vigilia delle nozze. Con una penna di rara grazia e potenza, Laird rilegge la più classica storia shakespeariana di gelosia trasferendola in un mondo di intellettuali patinato e pretenzioso di cui ci offre una satira degna del miglior Woody Allen.

L’ERRORE DI GLOVER

Laird Nick

Dopo "Non chiamarmi zingaro", Petruzzelli prosegue il suo viaggio alla ricerca degli ultimi, coloro che sono ai margini, che non hanno potere né voce, e nemmeno rappresentanza, ma solo la vita, la vita nuda. Leggere le loro testimonianze procura un effetto di straniamento perché non siamo abituati a misurarci con una dimensione totalmente altra: non consumistica, assoluta, povera, esclusivamente valoriale. Il libro è il racconto del periplo di geografie umane che l’autore ha fatto attraversando l’Europa e il Mediterraneo, a cominciare da Mauthausen per andare poi in Marocco, Algeria, Israele, Palestina, e tornare in Italia, alla ricerca di un’umanità autentica. “Ho vissuto un’infanzia di umiliazioni, insulti e disprezzo, rubando, fumando kif, bevendo, frequentando prostitute, prostituendomi io stesso. A sette anni ero già adulto” racconta Mohamed Choukri, analfabeta fino all’età di vent’anni, oggi considerato uno dei maggiori scrittori del Marocco. “E’ tutto allo sfascio. Noi in alpeggio andiamo anche a fare pulizia, a tagliare le erbacce. Siamo noi e questo ragazzo che teniamo in vita quei posti. Siamo soli. Resistiamo, ma per quanto?” racconta Cristina, pastora sarda. E chi è Zeidan? Un muratore palestinese che sta costruendo il Muro, quello tra Israele e Palestina, che lo chiuderà al mondo, ma che in questo momento gli dà da vivere. Sul Muro c’è scritto: “To exist is to resist”. Petruzzelli ricompone il quadro di un’umanità ferita ma non senza speranza. Le vite degli ultimi ci aiutano a immaginare un altro futuro. Possibile.

Gli ultimi

Petruzzelli Pino

E’ questione di pelle

Gabriella Franceschini

Che cos'è la verità? Pensi davvero di avere la risposta ad una domanda così apparentemente banale? Quella che leggerai è la storia di un uomo che un tempo era e aveva tutto ciò che desiderava per poi perdere ogni cosa macchiandosi delle colpe e dei crimini più gravi. Attraverso pezzi di quel passato e dei suoi sentimenti mescolati ad un presente senza speranza, ripercorrerai la sua storia finché troverà la chiave per riprendere in mano la sua vita. A quel punto, però, per la seconda volta si troverà di fronte ad una domanda che rimetterà tutto in discussione: che cos'è la verità? E Aidan capirà che trovare quella risposta, come spesso avviene con tutte le domande più importanti, non rappresenta affatto la fine della ricerca, ma solo l'inizio.

Di notte si vede più lontano

Pezzolla Indro