Narrativa

Se consideri le colpe

Bajani Andrea

Descrizione: «L'eccezionale romanzo di Andrea Bajani – eccentrico e appassionato, spiazzante e destabilizzante, torna di continuo a visitarmi, lasciandomi ogni volta leggermente scosso, ma anche consapevole dell'importanza cruciale dei romanzi nel gettare maggiore chiarezza sulla nostra esistenza. Davvero straordinario» – Richard Ford Un giovane uomo e una madre persa da tempo. A riunirli, infine, la morte di lei, avvenuta lontano, nella Romania che l'aveva allontanata da casa e dall'affetto del figlio per inseguire un sogno di ricchezza, lo stesso di molti italiani partiti alla conquista dell'Est dopo il crollo del blocco comunista. «Mi avevi disegnato il mondo sopra un foglio, la sera prima, e mi avevi fatto vedere dove andavi. Noi siamo qui, avevi detto, e domani io sarò in questo punto quaggiù. Avevi tracciato una riga con un pennarello rosso che partiva da casa e arrivava fin lì. È un ponte, dicevi, è come passare dall'altra parte del fiume.» Ripercorrendo il tragitto che l'ha portata via, osservando i medesimi panorami, occupando i luoghi in cui lei stessa ha vissuto il tempo della loro separazione, Lorenzo cerca di immaginare i pensieri e le emozioni di una donna il cui ritratto elusivo è diventato negli anni sempre più indecifrabile. Un tentativo, in extremis, di ricostruire un ponte che possa finalmente riunire le due metà dell'esistenza della madre.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2021

ISBN: 9788807895401

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Se consideri le colpe di Andrea Bajani

Lorenzo riceve una brutta notizia: la mamma Lula è morta. A Bucarest, dove si era trasferita per impiantare la sua attività con il socio Anselmi. In Italia Lula ha lasciato il figlio e il marito Emilio.

Per partecipare alle esequie (“Mi ha chiesto se volevo vederti l’ultima volta, prima di metterti il coperchio e calarti sotto terra”) Lorenzo vola a Bucarest (“È solo dopo la prima doccia che si è arrivati”), ove lo attendono il factotum Christian (“Credo sia successo anche a te, la prima volta che sei arrivata qui. Che c’era un uomo, appena oltre la zona franca del recupero bagagli, che ti aspettava col tuo nome scritto sopra un foglio bianco”) e la giovane Monica, che faranno da guide al suo soggiorno rumeno (“Christian mi ha portato a vedere il palazzo di Ceausescu”).

È l’occasione per rivedere la propria vita: il progressivo abbandono da parte della madre, figlia eccentrica, creativa – ha ideato e brevettato una macchina dimagrante (“Quando l’uovo ha smesso di centrifugare e tu hai premuto il tasto di spegnimento, il coperchio si è alzato”) – e ribelle di una famiglia benestante (“Eri la figlia scapestrata di una famiglia coi lustrini, i tuoi genitori dicevano ridendo agli amici che eri uscita con un difetto di fabbricazione”), le attese  vane dei suoi ritorni (“Eppure il tuo ritorno noi lo aspettavamo sempre, tu lo rimandavi di continuo”), le telefonate della domenica che via via si diradano, il rapporto con il padre putativo (“Come dal nulla era diventato mio padre, così dal nulla aveva smesso di esserlo”).

È l’occasione per rivedere le ultime fasi della vita della madre: la sua deriva progressiva, l’abbandono del socio-amante, l’alcolismo e il decadimento fisico, un estremo tentativo di amare il figlio (“È là il terreno, indicando la riva opposta oltre il Danubio… tu ci eri andata soltanto per fare quella fotografia, il cartello piantato con sopra scritto il mio nome”), la cerimonia funebre (“Se consideri le colpe, Signore, Signore chi potrà sussistere”).

È l’occasione per conoscere la realtà di un paese che ancora reca le ferite della dittatura (“Le guide dicevano Dittatore sanguinario megalomane… dicevano Terrore, e più aumentava il quoziente di atrocità più i turisti caricavano le macchine, puntavano e fotografavano”), che stenta ad affrancarsi dal passato (“Si vergognano di andarne fieri”) e decollare, che diviene terra di conquista di avventurieri europei, che si identifica in una capitale anonima (“La tua stanza dall’altra parte della strada e intorno la brace delle luci di Bucarest. C’è un’ora del mattino in cui le luci si spengono tutte insieme”) e metafisica (“La luce della tua finestra, invece, è rimasta accesa anche se non ce n’era più bisogno”).

Infine è l’occasione per una piccola vendetta personale: rifiutare di cedere ad Anselmi la quota della società ereditata dalla madre.

Se consideri le colpe è un romanzo originale per costruzione, stile, profondità. Conquista, inquieta, immalinconisce il lettore, inducendolo a penetrare un rapporto difficile tra madre e figlio, un rapporto tanto viscerale quanto straniante.

Bruno Elpis

________________________________________

Leggi la nostra recensione a Il libro delle case di Andrea Bajani a questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Bajani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bajani Andrea

Roma, aprile del 1944. L'archeologo Filippo Cavalcanti è incaricato dal Ministero di recarsi a Bressanone per controllare gli imballaggi di un carico di opere d'arte destinate alla Germania. Arrivato sul luogo, l'ormai anziano professore conosce Quintino, un intraprendente ragazzo ischitano spedito al confino in Alto Adige. Vista la situazione incerta in cui versa il Paese e il pericolo che minaccia entrambi, i due decidono di scappare insieme per riportare le opere d'arte a Roma. In un avventuroso viaggio da nord a sud, i due uomini, dalla personalità molto diversa, e nonostante la distanza sociale che li separa, avranno modo di conoscersi da vicino e veder crescere pian piano la stima reciproca. Grazie alle capacità pratiche di Quintino e alla saggezza di Cavalcanti, riusciranno a superare indenni diversi ostacoli ma vivranno anche momenti difficili incontrando sulla strada partigiani, fascisti e nazisti, come pure contadini, monaci e gente comune, disposti ad aiutarli nell'impresa. Giunti finalmente a Roma, che nel frattempo è stata liberata, si rendono conto che i pericoli non sono finiti e decidono così di proseguire il viaggio per mettere in salvo il prezioso carico tra imprevisti e nuove avventure. Paesaggi insoliti, valli fiorite e boschi, risvegliati dall'arrivo di una strana primavera, fanno da sfondo a questa vicenda sul valore dell'amicizia.

Non esistono posti lontani

Faggiani Franco

Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

La caduta

Camus Albert

Oltre cinquant’anni di sogni annotati, dal 1875 al 1931. È libera e ondivaga la scrittura di Arthur Schnitzler, descrittiva e autoriflessiva, intima e quotidiana. Nei residui diurni ritrovati dal sogno compaiono scenari insoliti, abitati da contemporanei illustri, animatori della Vienna fin de siècle: Freud, Klimt, von Hofmannsthal, Mahler e molti altri. Sogni che registrano le mode dell’epoca, gli spettacoli di successo, le malattie più comuni del bel mondo, e con brevità magnetica rivelano i desideri, le paure, i turbamenti dello scrittore che sogna. Un libro dei sogni raccolto da un genio attento ai moti della propria anima, ma anche alla forza surreale della narrazione onirica. Pubblicato in versione integrale, introdotto da un saggio di Agnese Grieco e Vittorio Lingiardi su Schnitzler, sulla vita onirica e la psicoanalisi, Sogni è il diario notturno di un’epoca inquieta, l’autobiografia inconscia del primo Novecento europeo.

SOGNI 1875-1931

Schnitzler Arthur

Pierre Boileau e Thomas Narcejac si incontrano alla fine degli anni Quaranta e prendono quasi immediatamente la decisione che farà di loro una delle coppie più famose della letteratura francese, e non solo: quella di realizzare "qualcosa di radicalmente nuovo", inserendo "nel genere poliziesco i temi di quello fantastico". Nei Diabolici compaiono alcuni dei Leitmotiv della loro sterminata, formidabile produzione: l’ambientazione provinciale e piccolo-borghese, il realismo psicologico, la suspense – e soprattutto l’inversione dei ruoli: in un’autentica spirale di angoscia, l’assassino si trasforma in una vittima braccata dalla defunta.

I diabolici

Boileau Pierre, Narcejac Thomas