Narrativa

SE FOSSE PER SEMPRE

Hudson Tara

Descrizione: Da quanto tempo sono qui? Non saprei dirlo. So che sono morta, questo sì. Quindi nessuno può vedermi, nessuno può dirmi cosa mi è successo. Mi sento molto sola, eppure non posso allontanarmi da questo fiume, che è la mia prigione. Non augurerei nemmeno al mio peggior nemico di rimanere per sempre legato a un luogo così triste. Ecco perché, quando ho visto un ragazzo che stava annegando, ho cercato con tutte le mie forze di salvarlo. E ci sono riuscita. Adesso lui mi vede. Dice che mi aiuterà a scoprire la verità e che mi proteggerà dalle ombre oscure che vogliono distruggermi...

Categoria: Narrativa

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2012

ISBN: 9788842918325

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

 

Amelia non ricorda nulla del proprio passato, nulla della sua famiglia o della propria vita. L’unico ricordo che le resta riguarda la sua morte. Sì, perché Amelia è morta. E’ affogata una notte di due anni fa nelle acque gelide di un fiume e da allora vaga in solitudine tra i boschi dell’Oklahoma e le rive assolate di quelle acque che l’hanno strappata alla vita. Amelia conosce il proprio nome, ma non il cognome. Ricorda di avere diciotto anni, ma non conosce la propria data di nascita. Amelia è sola e langue in quella solitudine costretta a rivivere gli attimi agghiaccianti della propria morte. I suoi sono veri e propri incubi che la torturano con l’illusione di una tragedia che si ripete. E’ proprio durante uno di questi incubi, mentre lotta ancora una volta con le acque gelide e oscure una battaglia che sa di aver già perso, che scorge un giovane privo di sensi, in procinto di annegare. Pur sapendo di non poter fare nulla per lui, l’istinto la spinge a tentare di salvarlo. E’ un tentativo che si annuncia vano, Amelia lo sa, eppure non si arrende e i suoi sforzi sono premiati da un miracolo. Il giovane ormai in fin di vita, percepisce i richiami disperati di lei, apre gli occhi e riesce a vederla, a sentire la sua voce e il contatto delle sue mani. Spronato dagli incitamenti di Amelia e dalla sua vicinanza, il ragazzo reagisce e si mette in salvo.

E’ solo l’inizio di una travolgente storia d’amore. Una storia di vita e di morte, al confine tra due mondi destinati a non incontrarsi mai, ma che qui camminano sullo stesso binario mano nella mano, occhi negli occhi.

Joshua, questo il nome del giovane, aiuterà Amelia a rimettere insieme i tasselli della sua vita perduta e le ridarà fiducia in se stessa facendole conoscere l’amore.Un amore che non accetta ostacoli, che supera ogni barriera e che li aiuterà a combattere dure battaglie e affrontare nemici terrificanti. Avversari capaci di mettere in pericolo persino la vita di chi una vita non l’ha più.

“Se fosse per sempre” è una storia godibile, ben scritta, adatta a chi ama sognare e crede nella possibilità che grazie all’amore si possano annientare barriere altrimenti insormontabili. Un racconto ai confini della realtà, capace allo stesso tempo di entusiasmare e angosciare, di divertire e immalinconire. Un romanzo che coinvolge il lettore legandolo ad Amelia e Joshua a doppio filo, fino all’ultimo rigo della loro storia. “Se fosse per sempre” è un Young Adult che dona sensazioni piacevoli e brividi di tensione alimentando il desiderio che ogni bel sogno possa diventare realtà.

E’ l’esordio della trentunenne Tara Hudson, americana, laureata in legge che pare avesse accantonato la sua passione per le storie di fantasmi a favore di una carriera nelle industrie alimentari. Probabilmente spinta dall’antica passione che da ragazzina la induceva a raccontare alle amiche storie sull’aldilà, la Hudson ha ritrovato la sua ispirazione e ci regala quest’opera primache lascia presagire un sequel.
Attualmente Tara Hudson vive in Oklahoma con il marito, i figli e una gran quantità di animali domestici.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tara

Hudson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hudson Tara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lorenzo, padre Pizzarro, Quèlo, il Massone, Vulvia, Aniene e le memorabili interpretazioni di Tremonti, Venditti e Rutelli; queste e altre le voci, vecchie e nuove, di Corrado Guzzanti, raccolte in un unico volume animato da ironia corrosiva e raffinata comicità. Un viaggio satirico attraverso gli ultimi vent'anni di storia italiana, uno specchio del paese immerso nella crisi, un ritratto della sua classe dirigente e dei "mostri" che ne popolano l'apparente normalità, una riflessione sui vizi e i difetti degli italiani attraverso personaggi dall'irresistibile ironia. Una guida completa ai testi dei personaggi di Corrado Guzzanti che contiene il testo completo di "Aniene 2. Molto rigore per nulla" e il meglio delle battute storiche di uno degli attori di satira più amati in Italia.

PAROLA DI CORRADO

Guzzanti Corrado

Lidio Cervelli è figlio unico di madre vedova. Un bravo ragazzo, finché alla festa organizzata al Circolo della Vela non arriva Helga: bella, disinibita e abbastanza ubriaca. Lirica, la severa madre di Lidio, abile e ricca imprenditrice dell'edilizia, ha vedute molto diverse. Suo figlio deve trovare una moglie "made in Italy", una ragazza come si deve. Magari la nipote del professor Eugeo Cerretti, Eufemia, un ottimo partito con un piccolo difetto: è brutta da far venire il mal di pancia solo a guardarla. Ma forse Lidio ha trovato il modo per uscire dalla trappola e realizzare tutti i suoi sogni: durante un sopralluogo per un lavoro di ristrutturazione, in un muro maestro scova un gruzzolo di monete d'oro, nascosto chissà da chi e chissà quando. Intorno a questo quintetto e al tesoro di Lidio, un travolgente coro di comprimari. A cominciare dalle due donne più belle del paese: Olghina, giovane sposa del potente professor Cerretti, che fa innamorare Avano Degiurati, direttore della Banca del Mandamento; e Anita, la moglie del muratore Campesi, di cui si incapriccia Beppe Canizza, il focoso segretario della locale sezione del Partito. E poi l'Os de Mort, di professione "assistente contrario", cuochi e contrabbandieri, l'astuto prevosto e l'azzimato avvocato... Immancabili, a vigilare e indagare, i carabinieri guidati dal maresciallo Maccadò.

GALEOTTO FU IL COLLIER

Vitali Andrea

Basato in parte su una storia autobiografica, questo libro mette in scena, in modo estremo, il muro che separa il mondo aspro della ribellione adolescenziale dalle regole della vita sociale degli adulti: è la cronaca dell'esistenza di una diciassettenne "ragazza perduta". Chloe viene strappata alla strada - dove si prostituisce, dopo essere scappata di casa a causa degli abusi sessuali del patrigno e della morte della sorella, che questi ha ucciso - e rinchiusa insieme a un manipolo di "ragazze sbandate" in un istituto per personalità autodistruttive. Qui, invece di redimersi, ingaggia ad armi pari una furiosa battaglia psicologica contro il suo terapeuta.

STORIA DI CHLOE

Phillips Suzanne

Nata per essere assediata. È così che si sente Amira, diciotto anni e un grande sogno da realizzare nella città di Sarajevo del '93, lacerata dalle rappresaglie fra serbi e bosniaci. Il cuore della suonatrice di cigar box guitar batte all'unisono con i colpi di mortaio e le raffiche di mitra, ma Amira canta la sopravvivenza, la speranza. Della band Senza Strumenti fanno parte anche il colonnello Mustafa Setka, mago del basso, e il gigantesco ballerino di kolo, Masne, alle percussioni. I due per tutto il giorno seguono Jack, meglio conosciuto come Mozambik l'irlandese, fidanzato di Amira, spacciatore. All'occorrenza, Jack si offre come guida agli inviati di guerra che affollano l'Holiday Inn semidistrutto. Così conosce Carlo e Oscar, due fotoreporter italiani che inseguono uno scoop davvero straordinario: intendono trovare una vacca indiana che si dice abbia poteri da chiromante. Sarà per caso la zebù gir che il vecchio Ivan nasconde nella corte interna del suo negozio di tabacchi, adattato a fumeria d'oppio dopo l'inizio del conflitto? Del resto, non è la sola ospite che il commerciante cela a sguardi e orecchie indiscrete. In uno sgabuzzino è segregato, infatti, un serbo fuori di testa che, dopo una scorpacciata di funghi allucinogeni, si è ritrovato al di là delle linee nemiche. Lo scopo di Ivan è rispedirlo al mittente in cambio di un riscatto, da chiedere a un oscuro cecchino dei servizi segreti serbi, che trova la concentrazione solo canticchiando le hit di Barbra Streisand...

Il muggito di Sarajevo di Lorenzo Mazzoni

Mazzoni Lorenzo