Narrativa

SE FOSSE PER SEMPRE

Hudson Tara

Descrizione: Da quanto tempo sono qui? Non saprei dirlo. So che sono morta, questo sì. Quindi nessuno può vedermi, nessuno può dirmi cosa mi è successo. Mi sento molto sola, eppure non posso allontanarmi da questo fiume, che è la mia prigione. Non augurerei nemmeno al mio peggior nemico di rimanere per sempre legato a un luogo così triste. Ecco perché, quando ho visto un ragazzo che stava annegando, ho cercato con tutte le mie forze di salvarlo. E ci sono riuscita. Adesso lui mi vede. Dice che mi aiuterà a scoprire la verità e che mi proteggerà dalle ombre oscure che vogliono distruggermi...

Categoria: Narrativa

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2012

ISBN: 9788842918325

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

 

Amelia non ricorda nulla del proprio passato, nulla della sua famiglia o della propria vita. L’unico ricordo che le resta riguarda la sua morte. Sì, perché Amelia è morta. E’ affogata una notte di due anni fa nelle acque gelide di un fiume e da allora vaga in solitudine tra i boschi dell’Oklahoma e le rive assolate di quelle acque che l’hanno strappata alla vita. Amelia conosce il proprio nome, ma non il cognome. Ricorda di avere diciotto anni, ma non conosce la propria data di nascita. Amelia è sola e langue in quella solitudine costretta a rivivere gli attimi agghiaccianti della propria morte. I suoi sono veri e propri incubi che la torturano con l’illusione di una tragedia che si ripete. E’ proprio durante uno di questi incubi, mentre lotta ancora una volta con le acque gelide e oscure una battaglia che sa di aver già perso, che scorge un giovane privo di sensi, in procinto di annegare. Pur sapendo di non poter fare nulla per lui, l’istinto la spinge a tentare di salvarlo. E’ un tentativo che si annuncia vano, Amelia lo sa, eppure non si arrende e i suoi sforzi sono premiati da un miracolo. Il giovane ormai in fin di vita, percepisce i richiami disperati di lei, apre gli occhi e riesce a vederla, a sentire la sua voce e il contatto delle sue mani. Spronato dagli incitamenti di Amelia e dalla sua vicinanza, il ragazzo reagisce e si mette in salvo.

E’ solo l’inizio di una travolgente storia d’amore. Una storia di vita e di morte, al confine tra due mondi destinati a non incontrarsi mai, ma che qui camminano sullo stesso binario mano nella mano, occhi negli occhi.

Joshua, questo il nome del giovane, aiuterà Amelia a rimettere insieme i tasselli della sua vita perduta e le ridarà fiducia in se stessa facendole conoscere l’amore.Un amore che non accetta ostacoli, che supera ogni barriera e che li aiuterà a combattere dure battaglie e affrontare nemici terrificanti. Avversari capaci di mettere in pericolo persino la vita di chi una vita non l’ha più.

“Se fosse per sempre” è una storia godibile, ben scritta, adatta a chi ama sognare e crede nella possibilità che grazie all’amore si possano annientare barriere altrimenti insormontabili. Un racconto ai confini della realtà, capace allo stesso tempo di entusiasmare e angosciare, di divertire e immalinconire. Un romanzo che coinvolge il lettore legandolo ad Amelia e Joshua a doppio filo, fino all’ultimo rigo della loro storia. “Se fosse per sempre” è un Young Adult che dona sensazioni piacevoli e brividi di tensione alimentando il desiderio che ogni bel sogno possa diventare realtà.

E’ l’esordio della trentunenne Tara Hudson, americana, laureata in legge che pare avesse accantonato la sua passione per le storie di fantasmi a favore di una carriera nelle industrie alimentari. Probabilmente spinta dall’antica passione che da ragazzina la induceva a raccontare alle amiche storie sull’aldilà, la Hudson ha ritrovato la sua ispirazione e ci regala quest’opera primache lascia presagire un sequel.
Attualmente Tara Hudson vive in Oklahoma con il marito, i figli e una gran quantità di animali domestici.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tara

Hudson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hudson Tara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Trascorsi tre anni dalla Sciagura che ha distrutto la civiltà, nel piccolo borgo di Piedimulo, una comunità di contadini sopravvissuti vive nascosta, protetta dai grandi massi di una frana. Oltre il villaggio, verso l'alta montagna, c'è il ruscello e oltre ancora i lupi. Scampata dalla metropoli in fiamme, Nina ha dodici anni. Persi i genitori durante gli anni della ferocia, ora vive con i nonni. Ma la ragazzina riconosce i segnali nel cielo e sa che un oscuro nemico sta bussando di nuovo alle porte. Nina sarà costretta a crescere in fretta, a vivere tra i lupi e - dopo la riconquista del villaggio caduto in mano a una falange di mercenari - a essere la protagonista della rinascita di quella comunità autarchica e pacifica.

NINA DEI LUPI

Bertante Alessandro

Un paparino profondamente materno che prende in contropiede l'incipiente vecchiaia - nonché il figlio - a suon di collant, gonna, rossetto e tacchi a spillo. Un principe azzurro che tenta inutilmente di risvegliare la principessa dal suo sonno profondo con mille prodezze erotiche, e finisce per addormentarsi lui, per sempre. Uno scrittore esordiente pronto a rinnegare il suo idolo - che ha contribuito in modo sostanziale al suo decollo - non appena ne ha preso il posto nel firmamento letterario. Un uomo che decide di sposare l'ex fidanzata perché scopre che è malata terminale, e quando lei guarisce grazie all'amore, non sa proprio che pensare, che pesci pigliare... Che si tratti di vecchi rincretiniti, vitelloni incalliti o Madonne ribelli al destino di future madri di Gesù Cristo, Quim Monzó entra nelle vite dei suoi personaggi con occhio acuto, parole al vetriolo, balsami di tenerezza.

MILLE CRETINI

Monzò Quim

Cresciuto nello studio legale del padre nella cittadina di York, in Pennsylvania, Kyle McAvoy è un giovane con un roseo futuro davanti. Intelligente e di bell'aspetto, è anche direttore dello "Yale Law Journal", la rivista della scuola di legge. Ma nel suo passato c'è un segreto che lui avrebbe voluto dimenticare, e quando alcuni loschi personaggi lo avvicinano annunciandogli di avere le prove del suo coinvolgimento in uno stupro di gruppo negli anni del college, Kyle avverte la sgradevole sensazione di non essere più l'unico padrone del suo destino. Gli uomini che lo hanno contattato affermano di essere agenti dell'FBI e danno prova di conoscere molte cose che riguardano la sua vita. A poco a poco, però, il colloquio assume contorni ambigui, soprattutto quando entra in scena il sedicente detective Bennie Wright, che, minacciandolo di rendere pubblico un video compromettente, lo costringe a piegarsi alla sua volontà. Ben presto i giochi saranno a carte scoperte. I ricattatori, in realtà, agiscono per conto di un misterioso committente interessato a una causa che vede due prestigiose società darsi battaglia per il possesso dei progetti di un avveniristico bombardiere commissionato dal Pentagono. Kyle, semplicemente, dovrà fare ciò che sogna ogni giovane avvocato: accettare l'offerta di lavorare a New York nel più prestigioso studio legale del mondo, che gli ha offerto un impiego strapagato. Questo gli consentirà di passare ai suoi ricattatori preziose informazioni riguardo al contenzioso in atto. Trovandosi costretto a commettere un crimine per nasconderne un altro, Kyle si rende conto che la sua carriera e la sua libertà sono in pericolo. Ribellarsi al diabolico meccanismo che rischia di stritolarlo significherà ridare un senso al suo codice etico e mettersi una volta per tutte alla ricerca della verità, anche su se stesso.

IL RICATTO

Grisham John

Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc