Narrativa

Se non ti vedo non esisti

Levante

Descrizione: Anita, redattrice in una rivista di moda, è quello che tutte sognano di essere: bella, giovane, elegante e colta. Ma anche tremendamente complicata. Sua madre e sua sorella, così concrete, non capiscono da dove arrivi la sua inquietudine, quella voglia di mangiarsi ogni attimo come fosse l'ultimo e di scappare a gambe levate non appena qualcuno minaccia di metterla in gabbia. Anita però lo sa bene: quando si guarda allo specchio, le sue "mille me" - così le chiama lei - riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio. Dovrà scavarsi dentro e fare i conti con un passato ancora dolorosissimo, per imparare a prendersi cura di sé senza smettere di innamorarsi e di sbagliare: solo così potrà ricominciare a vedersi, e a esistere, davvero.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2017

ISBN: 9788817092951

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

Se non ti vedo non esisti,  Levante

BIOGRAFIA DELL’AUTRICE DALLA SOVRACCOPERTA DEL ROMANZO: Claudia Lagona in arte Levante, è una cantautrice di origini siciliane ma di stanza a Torino. Dall’esordio esplosivo con il singolo Alfonso (2013), che ha scalato le classifiche, non si è più fermata: i suoi primi due album Manuale Distruzione (2014) e Abbi cura di te (2015), le hanno fatto conquistare i cuori di un pubblico crescente e i più importanti palchi d’Italia. Questo è il suo primo romanzo.

È un periodo che adoro leggere questi romanzetti rosa, tutti uguali. Forse perchè non sopporto più gli imprevisti. La penna di Levante è assai anonima. Si tratta certamente di un libro rosa, basta guardare il colore della copertina per capirlo. Una storia qualunque narrata da una penna qualsiasi. Troppe le coincidenze assurde da commedia americana alla Bridget Jones. Prevedibile l’evoluzione e il succedersi di crisi e risoluzione dei problemi. Equazione scontata, a una sola incognita.

Questo è vero solo in parte.

C’è da ammettere che questo anonimato le concede la possibilità di riuscire a raccontare “a tutti “ in maniera nitida il dissesto emozionale che prima o poi bagna la vita di ognuno di noi. Il narratore in prima persona le permette di  far instaurare nel lettore un’empatia con la protagonista. Nello scorrere delle pagina Anita B. risulta sempre più sincera col foglio. Mette a nudo demoni, fragilità e quello stato di caos interiore gravato dalla mutevolezza di un anima complessa, composta da mille frammenti. Pezzi di lei che ha perso lungo la strada. E forse proprio nel finale Anita capirà il modo per ritrovare il tassello più importante…

La semplicità disarmante di Claudia Lagona alias Levante parla al cuore scardinando le porte ermetiche che tengono  nascosta la verità più scomoda: l’amore non ha regole.
Anita cerca negli uomini se stessa e fugge dalle abitutini di amori stagnanti.
Quella vicinanza ci aveva legati, ci aveva resi altro, di più, la sovrapposizione del blu e del rosso che crea il viola, un colore nuovo.”
E si illude e s’innamora più che del corpo dell’idea.
Cosa mai poteva esserci di peggio del felice ritratto di famiglia, mostrato con orgoglio nel salotto, in casa dell’uomo che mi aveva scopato la testa? Perché sì, di questo si trattava: aveva fatto l’amore con il mio cervello e questo si sa, è molto peggio di tutto il resto.

E crede nelle concidenze tanto da consultare persino un libro sugli arcani.

Per un attimo mi punse la malsana idea di cercarlo, di palesarmi, di dirgli <<Ciao>>, di raccontargli di quella coincidenza incredibile che ci aveva visti divisi da un muretto senza volerlo, di quel sincronismo cosmico che ci aveva fatto incontrare un’altra volta, la terza, anche se a saperlo ero solo io. Volevo liberarmi di quel cazzo di messaggio universale, volevo condividere l’informazione per liberarmi dal suo peso, renderlo partecipe di quello che ci stava capitando. Ma fortunatamente arrestai in tempo la mia dissenteria celebrale. Stavo diventando ridicola, e la verità era che non ci stava capitando niente – al massimo stava capitando a me, nella mia testa.

Anche io, che mi ritrovo a recensirlo, mi domando – specchiandomi nella protagonista – se questo libro non sia una strana coincidenza. Considerando il fatto che quando ho cominciato a leggerlo non sapevo nulla della trama. Ho avuto la sensazione che fosse stato scritto per me. Megalomane.

Forse  le coincidenze non esistono. Sono solo prove per prepararci al nostro destino.

Però se le vedi, le cogli e si palesano agli occhi, allora forse esistono.

Ci sarebbero molti altri punti meritevoli di citazione in cui la genuinità delle frasi riesce a commuovere, ma questo è bene che lo scopriate leggendo. In ultima analisi si tratta di un’opera pop, di una lunga canzone in prosa,  il cui “ritornello” parla della ricerca di un sè bambino contornata dalla difficoltà di fare delle scelte,  perché scegliere significa escludere.

Se leggerete Se non ti vedo non esisti
Magari capiterà anche a voi di percepire che è stato il libro a scegliervi e non il contrario
Magari succederà che alla fine vi chiederete se vi abbia curato o ferito
Oppure vi fornirà risposte che avevate sempre avuto davanti agli occhi, ma non riuscivate a scorgere.

Io di certo ormai credo alla sincronicità.
Quando un libro riesce a creare empatia anche con un solo lettore che non sia l’autore, allora è un buon libro.
Buona lettura.

Simone Pozzati

Il sito web di Levante

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Levante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Levante

Lolita

Nabokov Vladimir

Svegliarsi nel cuore della notte in una stanza mai vista prima, accanto a una sconosciuta nuda, senza ricordare niente delle ore precedenti... Può succedere, quando hai bevuto un po' troppo. Se però la ragazza è morta e la stanza è chiusa a chiave dall'interno, la faccenda si fa preoccupante. E non migliora quando scopri che i cadaveri, in realtà, sono due. È così che Walter Pioggia, scrittore e direttore editoriale di una piccola casa editrice bolognese, si ritrova protagonista di un vero e proprio giallo della camera chiusa in cui, a quanto pare, gli è toccato il ruolo dell'assassino. Ma lui non ha ucciso nessuno. O sì? In una settimana che rischia di portarlo alla follia, Walter è costretto a inseguire le tracce di ben due delitti: il misterioso omicidio di via della Luna e un altro caso, mai davvero risolto, tornato a perseguitarlo dal passato. Minacciando di distruggere il suo presente proprio ora che finalmente tutto sembra andare per il meglio. Una chiave misteriosa, una donna contesa, una villa maledetta, due ragazzi perduti... Sotto i portici e nei bar di una Bologna ricostruita con tagliente affetto si sviluppa un'indagine psicologica che indebolisce il confine tra realtà e immaginazione, investendo di tensione la quotidianità di un uomo divenuto di colpo un bersaglio. Fino alla più sorprendente delle conclusioni.

Lo specchio nero

Morozzi Gianluca

Mizar, assistente capo, ha sempre desiderato far parte di una squadra investigativa. Fin da quando è entrata in Polizia, spinta da un evento terribile che le ha sconvolto la fanciullezza, ha sentito forte la passione per la giustizia, il desiderio di trovare sempre la verità. E così, quando ha la possibilità di lavorare con il vice ispettore Andrea Suarez, famoso per riunire gli uomini migliori del reparto, non può lasciarsela scappare: rischierà la vita ma dovrà andare sotto copertura in una missione molto pericolosa. Mizar conosce però un segreto di Andrea e questo la rende inquieta tanto da perdere il controllo delle cose. Ma nessuno può rischiare la vita dell'altro, ognuno si fida del proprio compagno e la regola numero uno è non farsi mai coinvolgere da sentimenti personali...

Il gioco del ragno

Perullo Donatella

Sullo sfondo di una Lione degli anni sessanta, le vite di Jean ed Eloise vengono intrecciate da un filo invisibile e allo stesso tempo separate da un muro sottile, che divide i loro appartamenti un tempo uniti. Non si conoscono, eppure la vita dell'uno entra in quella dell'altra attraverso i suoni, i rumori e le parole che il muro lascia filtrare. Sono anime logorate dalla solitudine, dall'attesa dei rispettivi amori e oscurate dalle loro esistenze, come il sole a mezzanotte.

Come il sole a mezzanotte

Warner Jason