Narrativa

Se non ti vedo non esisti

Levante

Descrizione: Anita, redattrice in una rivista di moda, è quello che tutte sognano di essere: bella, giovane, elegante e colta. Ma anche tremendamente complicata. Sua madre e sua sorella, così concrete, non capiscono da dove arrivi la sua inquietudine, quella voglia di mangiarsi ogni attimo come fosse l'ultimo e di scappare a gambe levate non appena qualcuno minaccia di metterla in gabbia. Anita però lo sa bene: quando si guarda allo specchio, le sue "mille me" - così le chiama lei - riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio. Dovrà scavarsi dentro e fare i conti con un passato ancora dolorosissimo, per imparare a prendersi cura di sé senza smettere di innamorarsi e di sbagliare: solo così potrà ricominciare a vedersi, e a esistere, davvero.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2017

ISBN: 9788817092951

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

Se non ti vedo non esisti,  Levante

BIOGRAFIA DELL’AUTRICE DALLA SOVRACCOPERTA DEL ROMANZO: Claudia Lagona in arte Levante, è una cantautrice di origini siciliane ma di stanza a Torino. Dall’esordio esplosivo con il singolo Alfonso (2013), che ha scalato le classifiche, non si è più fermata: i suoi primi due album Manuale Distruzione (2014) e Abbi cura di te (2015), le hanno fatto conquistare i cuori di un pubblico crescente e i più importanti palchi d’Italia. Questo è il suo primo romanzo.

È un periodo che adoro leggere questi romanzetti rosa, tutti uguali. Forse perchè non sopporto più gli imprevisti. La penna di Levante è assai anonima. Si tratta certamente di un libro rosa, basta guardare il colore della copertina per capirlo. Una storia qualunque narrata da una penna qualsiasi. Troppe le coincidenze assurde da commedia americana alla Bridget Jones. Prevedibile l’evoluzione e il succedersi di crisi e risoluzione dei problemi. Equazione scontata, a una sola incognita.

Questo è vero solo in parte.

C’è da ammettere che questo anonimato le concede la possibilità di riuscire a raccontare “a tutti “ in maniera nitida il dissesto emozionale che prima o poi bagna la vita di ognuno di noi. Il narratore in prima persona le permette di  far instaurare nel lettore un’empatia con la protagonista. Nello scorrere delle pagina Anita B. risulta sempre più sincera col foglio. Mette a nudo demoni, fragilità e quello stato di caos interiore gravato dalla mutevolezza di un anima complessa, composta da mille frammenti. Pezzi di lei che ha perso lungo la strada. E forse proprio nel finale Anita capirà il modo per ritrovare il tassello più importante…

La semplicità disarmante di Claudia Lagona alias Levante parla al cuore scardinando le porte ermetiche che tengono  nascosta la verità più scomoda: l’amore non ha regole.
Anita cerca negli uomini se stessa e fugge dalle abitutini di amori stagnanti.
Quella vicinanza ci aveva legati, ci aveva resi altro, di più, la sovrapposizione del blu e del rosso che crea il viola, un colore nuovo.”
E si illude e s’innamora più che del corpo dell’idea.
Cosa mai poteva esserci di peggio del felice ritratto di famiglia, mostrato con orgoglio nel salotto, in casa dell’uomo che mi aveva scopato la testa? Perché sì, di questo si trattava: aveva fatto l’amore con il mio cervello e questo si sa, è molto peggio di tutto il resto.

E crede nelle concidenze tanto da consultare persino un libro sugli arcani.

Per un attimo mi punse la malsana idea di cercarlo, di palesarmi, di dirgli <<Ciao>>, di raccontargli di quella coincidenza incredibile che ci aveva visti divisi da un muretto senza volerlo, di quel sincronismo cosmico che ci aveva fatto incontrare un’altra volta, la terza, anche se a saperlo ero solo io. Volevo liberarmi di quel cazzo di messaggio universale, volevo condividere l’informazione per liberarmi dal suo peso, renderlo partecipe di quello che ci stava capitando. Ma fortunatamente arrestai in tempo la mia dissenteria celebrale. Stavo diventando ridicola, e la verità era che non ci stava capitando niente – al massimo stava capitando a me, nella mia testa.

Anche io, che mi ritrovo a recensirlo, mi domando – specchiandomi nella protagonista – se questo libro non sia una strana coincidenza. Considerando il fatto che quando ho cominciato a leggerlo non sapevo nulla della trama. Ho avuto la sensazione che fosse stato scritto per me. Megalomane.

Forse  le coincidenze non esistono. Sono solo prove per prepararci al nostro destino.

Però se le vedi, le cogli e si palesano agli occhi, allora forse esistono.

Ci sarebbero molti altri punti meritevoli di citazione in cui la genuinità delle frasi riesce a commuovere, ma questo è bene che lo scopriate leggendo. In ultima analisi si tratta di un’opera pop, di una lunga canzone in prosa,  il cui “ritornello” parla della ricerca di un sè bambino contornata dalla difficoltà di fare delle scelte,  perché scegliere significa escludere.

Se leggerete Se non ti vedo non esisti
Magari capiterà anche a voi di percepire che è stato il libro a scegliervi e non il contrario
Magari succederà che alla fine vi chiederete se vi abbia curato o ferito
Oppure vi fornirà risposte che avevate sempre avuto davanti agli occhi, ma non riuscivate a scorgere.

Io di certo ormai credo alla sincronicità.
Quando un libro riesce a creare empatia anche con un solo lettore che non sia l’autore, allora è un buon libro.
Buona lettura.

Simone Pozzati

Il sito web di Levante

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Levante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Levante

Uno sguardo affilato e un punto di vista originale danno vita a uno zibaldone di pensieri e giudizi. Barbara Alberti, nota scrittrice e voce di Radio 24, in questo libro analizza a modo suo la contemporaneità complessa che stiamo vivendo attraverso tre grandi temi. Il primo è la politica. La Alberti porta avanti una vera e propria analisi antropologica dell'uomo politico, visto nelle sue sfaccettature e nella sua complessità umana. Il secondo è l'amore, visto come passione travolgente ma anche come percorso consapevole, come viaggio. Con un'attenzione particolare al suo divenire più recente sul versante dell'eros e delle sue manifestazioni più modaiole ed estreme. Il terzo è la letteratura, che dopo un periodo di buio vede in questi anni una rinascita tutta italiana, portata avanti da giovani bravissimi autori.

LA GUARDIANA DEL FARO

Alberti Barbara

Scritto nel 1964 e pubblicato nel 1965 dalla Doubleday, "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è stato osannato come un grande romanzo psichedelico, una navigazione allucinata in un mondo surreale creato dalla droga e dominato dall'inquietante figura di un mostruoso imprenditore-spacciatore, non del tutto umano e forse strumento di un'oscura divinità. Ma dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque... Droghe illegali, stimmate divine, tesi gnostiche, Barbie Dolls: "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è tutto questo e in piú una grandiosa storia di invasione della Terra.

LE TRE STIMMATE DI PALMER ELDRITCH

Dick Philip K.

Come si spiega che nei Paesi occidentali (Italia compresa) l’evoluzionismo sia diventato terreno di scontro politico tra destra e sinistra? Che c’entra Darwin con la politica? In realtà, dicono gli autori, questo è stato il suo destino da sempre, fin da prima della pubblicazione di L’origine delle specie. Da allora la polemica non si è mai estinta. Dai comunisti ai liberali, dalle chiese ai tribunali, dal creazionismo americano a quello di matrice islamica, Compagno Darwin ricostruisce l’accoglienza del darwinismo in politica, mostrando che il naturalista con la barba è buono o cattivo a seconda di chi osserva e di cosa viene osservato attraverso le lenti della sua teoria. Da destra e da sinistra, l’evoluzionismo darwiniano è stato sposato per giustificare – non senza forzature – questa o quella posizione, salvo poi essere attaccato quando risultava scomodo. Lesa maestà nei confronti della scienza? Gli autori credono di no: in parte anche i ricercatori hanno un atteggiamento oscillante; e occuparsi del posto dell’uomo nel mondo, proprio come ha fatto Darwin, è l’essenza stessa della politica. Se si lamenta la distanza tra scienza e cittadini, lo spettacolo di una teoria scientifica che entra prepotentemente nel dibattito pubblico andrebbe guardato con interesse e casomai con sollievo, non temuto.

Compagno Darwin

Nosengo Nicola

Catania, Sicilia, sedici anni. Un diario, la scoperta di un mondo nuovo e diverso: il proprio corpo di adolescente, un viaggio, una ricerca. Il desiderio di afferrare quel sentimento che è l'amore, imprendibile, inafferrabile. L'illusione di trovarlo in molti letti, in molti corpi. L'ingenuità, la segretezza, il dolore, l'umiliazione. Sedici anni. Per Melissa tutto comincia con la sua prima volta: lì capisce (o si illude di capire) che gli uomini non desiderano gustare l'essenza, non sono in grado di amare prescindendo dal corpo. Per questo lo concede a chiunque lo chieda, per questo si dà speranzosa che qualcuno, guardandola negli occhi, si accorga della sua sete d'amore. Nel CD esclusivo, l'intero libro letto da Melissa P.

100 COLPI DI SPAZZOLA PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

P. Melissa