Narrativa

Se la vita che salvi è la tua

Geda Fabio

Descrizione: La vista di un quadro di Rembrandt, esposto in una mostra a New York, è la scintilla che innesca una reazione a catena nella vita di Andrea Luna, trentasette anni, insegnante di storia dell'arte in crisi con la moglie Agnese. Arrabbiato con la vita, Andrea non si riconosce più nell'idea di mondo che i suoi genitori, morti anni prima, gli avevano insegnato ad amare. Comincia cosi, per lui, un viaggio nell'esistenza, nelle sue miserie e nella sua infinita ricchezza, che lo tiene lontano dall'Italia e gli regala memorabili incontri, come quelli con Walter, afroamericano addetto alla sicurezza del Met, con Unique e Rita, due ragazze arrivate da Portland cariche di sogni, con Elisabeth, che suona la viola in un quartetto d'archi, e soprattutto con la famiglia Patterson, composta da Ary, la madre, e da due gemelli di tredici anni, Benjamin e Allison. Tra Ary e Andrea nasce una storia d'amore che dura finché lui, all'improvviso, decide di tornare in Italia. Ma quello che aveva lasciato non esiste più. Agnese aspetta un bambino da un altro uomo e Andrea capisce, infine, che "casa" sono i Patterson. Per tornare da loro è disposto a tutto, anche a passare clandestinamente il confine del Messico affidandosi a un coyote, un contrabbandiere di uomini.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi. Stile libero big

Anno: 2014

ISBN: 9788806217747

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Se la vita che salvi è la tua” di Fabio Geda narra il dramma di Andrea, giovane insegnante precario alla ricerca della propria identità esistenziale.

Nella prima parte, Andrea vive il dramma della perdita del figlio, occasione potente per far esplodere la crisi personale (“Come faccio a capire cos’è che non va? Come faccio ad avere un figlio?”) e coniugale. Il successo economico e professionale della moglie Agnese è il detonatore che induce Andrea a mettere in discussione la propria vita: il suo viaggio a New York (“Si decise per il Met… poi sarebbe andato in pellegrinaggio nei luoghi della sua precedente esperienza newyorkese…”) potrebbe essere un momento di riflessione, ma Andrea si rivela troppo debole per reagire ai suoi problemi identitari e si lascia trasportare dagli eventi. A New York, Andrea è soggiogato dal fascino di un quadro, Il figliol prodigo di Rembrandt (“Certo che le piace parecchio questo quadro, signore…”), s’incancrenisce nella propria depressione (“Da anni, vago incapace di realizzare il mio destino con la pienezza che desidero e che mi è dovuta…”), rimanda continuamente il ritorno in patria, finisce per diventare un clochard (“La carta. La transazione è rifiutata”) e viene sottratto dalla strada da una famiglia di origini asiatiche.
Apparentemente riconciliato con la vita, Andrea decide di tornare in Italia (“Benjamin ha ragione, la fuga è il futuro”), ma lì scopre che la moglie non l’ha aspettato (“Chi se ne va di casa in quel modo non ha diritto nemmeno al ricordo”).

Nella seconda parte, la narrazione si fa più macchinosa e, forse, meno credibile: Andrea organizza il proprio ritorno da clandestino negli States, per ricongiungersi alla famiglia che ormai sente come sua…

Questa duplicità del romanzo restituisce un’inquietudine che accentua il senso di angoscia nelle pagine ove alcune originali riflessioni si accalcano a celebrare la precarietà individuale e sociale dei nostri giorni.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabio

Geda

Libri dallo stesso autore

Intervista a Geda Fabio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Shuggie è un adolescente obeso, che racconta la propria storia e quella della sua famiglia, composta dalla madre Glenda e dal patrigno Red, un uomo brutale e ignorante che odia il ragazzo ma lo usa nei suoi furti di medicine e di qualsiasi altra cosa che possa poi rivendere. Glenda tira avanti occupandosi del cimitero locale e passa il tempo cercando di distrarre Red da suo figlio, che lei invece adora: lo chiama Sweet Mister e non fa che promettergli che prima o poi avranno una vita migliore. Ma quando un giorno Glenda vede una Thunderbird verde coi sedili di pelle e il suo giovane guidatore, Jimmy Vin Pearce, si innesca una catena di eventi che potrebbe generare solo dolore e sangue... così la donna deve tenere segreta la sua infatuazione per i soldi e i bei vestiti di Jimmy Vin, mentre lei e suo figlio sognano di scappare dalla loro vita d’inferno per trovarne una priva della violenza che hanno conosciuto finora.

IO E GLENDA

Woodrell Daniel

La vista di un quadro di Rembrandt, esposto in una mostra a New York, è la scintilla che innesca una reazione a catena nella vita di Andrea Luna, trentasette anni, insegnante di storia dell'arte in crisi con la moglie Agnese. Arrabbiato con la vita, Andrea non si riconosce più nell'idea di mondo che i suoi genitori, morti anni prima, gli avevano insegnato ad amare. Comincia cosi, per lui, un viaggio nell'esistenza, nelle sue miserie e nella sua infinita ricchezza, che lo tiene lontano dall'Italia e gli regala memorabili incontri, come quelli con Walter, afroamericano addetto alla sicurezza del Met, con Unique e Rita, due ragazze arrivate da Portland cariche di sogni, con Elisabeth, che suona la viola in un quartetto d'archi, e soprattutto con la famiglia Patterson, composta da Ary, la madre, e da due gemelli di tredici anni, Benjamin e Allison. Tra Ary e Andrea nasce una storia d'amore che dura finché lui, all'improvviso, decide di tornare in Italia. Ma quello che aveva lasciato non esiste più. Agnese aspetta un bambino da un altro uomo e Andrea capisce, infine, che "casa" sono i Patterson. Per tornare da loro è disposto a tutto, anche a passare clandestinamente il confine del Messico affidandosi a un coyote, un contrabbandiere di uomini.

Se la vita che salvi è la tua

Geda Fabio

Sulle sedia sbagliata

Sara Rattaro

Negli anni '30 lo stato di Bahia, terra di cacao e di grandi latifondisti, diviene il miraggio per migliaia di diseredati che accorrono alla ricerca di un lavoro. Amado ha visto, ha studiato quella realtà con l'intelligenza di un etnologo o di un antropologo, e ha poi trasfuso in queste pagine tutta la sua capacità di raccontare, da autentico cantastorie della vita brasiliana. Mettendosi lui stesso nella parte di un bracciante, alfabetizzato ma incolto, nato da famiglia benestante però costretto da un rovescio finanziario a cercare lavoro, Amado racconta di fatiche disumane e di amori travolgenti e sensuali, di crudele violenza e di altruismo, di ingenuità e di fede, di morte e di sofferenza, di prepotenze dei fazendeiros e di spensierata allegria dei giovani, dipingendo con i suoi forti e coinvolgenti colori il quadro di un mondo e di tante vite.

Cacao

Amado Jorge