Narrativa

Segmenti di coscienza

Sabatini Federico

Descrizione: Un giovane italiano si trasferisce a Londra, lavora in un museo e sogna di scrivere un romanzo mentre scrive brevi ritratti dei personaggi che incontra. Ma l'esperienza di vita si fa dirompente e l'arte sembra passare in secondo piano. Un lungo percorso fuori e dentro se stesso, accompagnato da una moglie idealizzata e platonica, da amici, amanti e pseudo-fidanzati che lo porteranno a rivelazioni circa se stesso, la sua sfera sentimentale e sessuale, e il suo rapporto con l'arte. Londra equivale a mille possibilità: di una storia d'amore tanto cercata, di solitudine produttiva o lacerante, di estasi e profonda malinconia, di violenza omofobica e razziale.

Categoria: Narrativa

Editore: Faligi

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788857419008

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

“Segmenti di coscienza” è un romanzo particolare, dove manca una caratterizzazione dei personaggi, soppiantata da ritratti vaghi, dove il tempo non è scandito ordinariamente dallo scorrere delle lancette dell’orologio, bensì dalla coscienza mai serena di un uomo, e dove agli spazi chiusi di una casa (soprattutto la camera da letto), di un museo o di qualche anonimo locale, si alternano quelli aperti della città. 

La frammentarietà, intuibile dal titolo enigmatico, si esprime in una serie di episodi che via via il narratore-protagonista ricostruisce dopo aver presentato un particolare personaggio attraverso un ritratto introduttivo. Spesso il narratore si esprime per frasi secche, quasi proverbiali, e l’episodio assume in sé la forma nell’aneddoto: insomma tutto è ricondotto ad un frammento.

“Segmenti di coscienza” è la storia di un ragazzo che si trasferisce dall’Italia a Londra. Qui lavora in un museo e nel museo (ma anche fuori, perché la città è fonte immensa di incontri/scontri) ha modo di fare conoscenze che incideranno in qualche modo sulla sua vita. L’amore gli si manifesta nei modo più diversi, da quello per una donna a quello omosessuale.

Nel libro si esprime la necessità incalzante di sentire la vita scorrere ancora dentro le vene e nel cuore dell’uomo. La città cosmopolita manifesta (e allo stesso tempo oscura) questa vita, e si pone come lo scenario in cui avviene la ricerca, tutta interiore, e in cui spesso solo la parola sembra essere l’unico mezzo di indagine.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Federico

Sabatini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sabatini Federico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.

Cecità

Saramago José

Elena è una ragazza madre. Giulio, il suo primo amore, ha abbandonato lei e il piccolo Giovanni, detto Anni. Elena ha bisogno di un lavoro, per inseguire il suo sogno di fare l’attrice decide di lasciare la pellicceria di Margoni, e lui che pure è innamorato di lei, fa di tutto per aiutarla procurandole un lavoro come attrice. Un giorno Elena incontra Pietro, ricco bello e sfrontato, che la corteggia insistentemente e lei, anche se sa di essere solo una delle tante conquiste, si lascia sedurre. Nel frattempo, rifiuta le avances del suo capo Tauscher e perde il lavoro. Scopre che Pietro sta per sposarsi con un’altra donna e si ritrova sola. Senza lavoro e senza protezione inizia una carriera nel cabaret. Solo un colpo di fortuna la salva: il suo capo la aiuta, Margoni la riprende a lavorare in pellicceria e Pietro, di cui ormai è innamorata, torna per vivere con lei qualche mese d’amore, finché la loro storia non si scontra con le comodità di una vita troppo bella per potervi rinunciare, e Pietro scappa. Così, sconfitta e delusa, Elena torna a quello che conosce e che spera di riuscire ad amare: il lavoro, l’affezionato Margoni, la casa, il figlio. Tranquilla e rassegnata, vive anni sereni, finché un nuovo vecchio amore, il terzo amore appunto, non torna a risvegliare in lei il suo inesausto bisogno di avventura.

Appuntamento a Trieste

Scerbanenco Giorgio

L’evoluzione tecnologica sta portando un grande progresso in molti campi della vita dell’uomo, ma ha anche un impatto crescente sul suo comportamento. Gli smartphone su cui passiamo la maggior parte del nostro tempo sono oggi vere e proprie protesi di corpo e mente e stanno creando una pericolosa divisione “tra due cervelli”...

Incontrare Vittorino Andreoli

Andreoli Vittorino

La chiave bianca

Erica Story