Narrativa

Segmenti di coscienza

Sabatini Federico

Descrizione: Un giovane italiano si trasferisce a Londra, lavora in un museo e sogna di scrivere un romanzo mentre scrive brevi ritratti dei personaggi che incontra. Ma l'esperienza di vita si fa dirompente e l'arte sembra passare in secondo piano. Un lungo percorso fuori e dentro se stesso, accompagnato da una moglie idealizzata e platonica, da amici, amanti e pseudo-fidanzati che lo porteranno a rivelazioni circa se stesso, la sua sfera sentimentale e sessuale, e il suo rapporto con l'arte. Londra equivale a mille possibilità: di una storia d'amore tanto cercata, di solitudine produttiva o lacerante, di estasi e profonda malinconia, di violenza omofobica e razziale.

Categoria: Narrativa

Editore: Faligi

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788857419008

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

“Segmenti di coscienza” è un romanzo particolare, dove manca una caratterizzazione dei personaggi, soppiantata da ritratti vaghi, dove il tempo non è scandito ordinariamente dallo scorrere delle lancette dell’orologio, bensì dalla coscienza mai serena di un uomo, e dove agli spazi chiusi di una casa (soprattutto la camera da letto), di un museo o di qualche anonimo locale, si alternano quelli aperti della città. 

La frammentarietà, intuibile dal titolo enigmatico, si esprime in una serie di episodi che via via il narratore-protagonista ricostruisce dopo aver presentato un particolare personaggio attraverso un ritratto introduttivo. Spesso il narratore si esprime per frasi secche, quasi proverbiali, e l’episodio assume in sé la forma nell’aneddoto: insomma tutto è ricondotto ad un frammento.

“Segmenti di coscienza” è la storia di un ragazzo che si trasferisce dall’Italia a Londra. Qui lavora in un museo e nel museo (ma anche fuori, perché la città è fonte immensa di incontri/scontri) ha modo di fare conoscenze che incideranno in qualche modo sulla sua vita. L’amore gli si manifesta nei modo più diversi, da quello per una donna a quello omosessuale.

Nel libro si esprime la necessità incalzante di sentire la vita scorrere ancora dentro le vene e nel cuore dell’uomo. La città cosmopolita manifesta (e allo stesso tempo oscura) questa vita, e si pone come lo scenario in cui avviene la ricerca, tutta interiore, e in cui spesso solo la parola sembra essere l’unico mezzo di indagine.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Federico

Sabatini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sabatini Federico

Colorare di giallo…

Una raccolta di paradossali colloqui di lavoro, domande singolari, annunci bizzarri. Consigli utili per districarsi fra i "lei è troppo per la nostra azienda", i "lei è una persona instabile, ha viaggiato troppo" e i "dobbiamo tornare tutti all'agricoltura". Un modo per riflettere, sorridendo, sui cambiamenti del mondo del lavoro e della nostra società, ma soprattutto per non arrendersi di fronte all'incertezza. Mal comune, mezzo gaudio? Forse, ma anche consapevolezza che dalla crisi si esce solo credendo in se stessi e nelle proprie capacità. Il libro è diviso in tre parti, suddivise a loro volta in capitoli. La prima parte è intitolata "Dei colloqui e degli altri demoni". La seconda: "Storie di ordinaria follia lavorativa". La terza: "Lavoro o son desto?". Qui sono raccolti una serie di consigli su come sopravvivere ai colloqui, agli stage, nonché una guida semiseria per capire quando è ora di darsela a gambe e fuggire dagli annunci-truffa.

Papà mi presti i soldi che devo lavorare?

Bottone Alessia

Per una lettura condivisa di Cormac McCarthy

ALMENO IL CAPPELLO – di Andrea Vitali