Narrativa

UN SEGNO INVISIBILE E MIO

Bender Aimee

Descrizione: Mona Gray, vent'anni, è innamorata dei numeri fino all'ossessione: l'ordine e la precisione dell'aritmetica le servono a difendersi dall'instabilità del mondo. Da quando il padre ha contratto una misteriosa malattia, infatti, Mona ha bloccato ogni propria aspirazione, ha paura di innamorarsi e si rifugia in una serie di piccoli gesti e oggetti scaramantici. Ma quando viene assunta come insegnante d matematica alle elementari, la sua vita - grazie a un'allieva fuori dal comune e a un collega capace di fare breccia nella sua timidezza - comincia a cambiare irreversibilmente. Tenero, spassoso, commovente, acclamato dal «Los Angeles Times» come uno dei libri dell'anno, questo romanzo ha lanciato Aimee Bender come una delle migliori voci della nuova narrativa americana. Ne è stato tratto un omonimo film con Jessica Alba, uscito negli Stati Uniti nel 2011.

Categoria: Narrativa

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788865590669

Trama

Le Vostre recensioni

Il giorno del mio ventesimo compleanno mi sono comprata un’ascia.

 È stato il più bel regalo che avessi avuto da dieci anni a quella parte. Prima di vederla luccicare appesa alla parete del negozio di ferramenta come un’amante di legno e acciaio, avevo completamente rinunciato all’idea di festeggiare il mio compleanno.

Il giorno del mio diciannovesimo compleanno mamma mi aveva sbattuto fuori di casa.

Il giorno del mio diciottesimo avevo fatto una festa per due persone. Dopo un’oretta entrambe dissero di avere un’allergia e se ne andarono a casa starnutendo.

Il giorno del mio diciassettesimo mi ero fatta una torta al cioccolato, ma siccome in realtà non volevo affatto mangiarla avevo aggiunto dell’insetticida all’impasto. Lievitò una meraviglia, meglio che mai, e quando la tirai fuori dal forno – perfetta cupola bruna – rimasi a camminarle intorno per ore, inspirando a pieni polmoni l’aria tiepida di burro. Alcune formiche mangiarono le briciole sulla credenza e schiattarono.

Tragico ed esilarante: così potremmo definire l’incipit di questo romanzo surreale, una lettura piacevole e toccante che riesce a smuovere un sentimento ad ogni pagina, un leggero sorriso, un moto di tristezza, una risata godereccia, un gesto d’intima insofferenza e anche, talora, una punta di noia.

Mona Grey ha vent’anni, fa l’insegnante di matematica in una scuola elementare, un mestiere in cui mette a frutto la passione per i numeri che l’accompagna sin da quando era bambina e con la quale misura l’intera sua esistenza, dagli stati d’animo ai rapporti interpersonali:

È tutta una questione di numeri. Tutta questione di sequenze. È la logica matematica dell’essere in vita. Se tutto seguisse il suo andamento regolare riusciremmo a sopravvivere alla tristezza -prima si piange, poi si riprende a camminare – ma quello che davvero ci spiazza più di netto sono le perdite che avvengono al di fuori di quella sequenza ordinata.

Mona prova a pensare alla sua vita come a una concatenazione di avvenimenti, ma nel suo caso l’ordine è andato perso in un lontano pomeriggio, quando aveva solo 10 anni. Quel giorno si esercitava nella corsa insieme al padre ma lui, all’improvviso, si era fermato in pista. Si manifestavano in lui, per la prima volta, i segni di una malattia senza nome, ma non per questo meno grave e invalidante, che non lo avrebbe più abbandonato e che avrebbe presto modificato le abitudini e lo stile di vita dell’intera famiglia.

La reazione di Mona a questi cambiamenti è quella di lasciarsi dominare da una persistente forma di “vigliaccheria” che la spinge ad abbandonare qualsiasi attività scelga di intraprendere, nonostante i risultati sempre brillanti che mostra di poter raggiungere:

Sono innamorata dello smettere. A suo modo è un’arte, se ci pensate. Smettere bene richiede un innato senso della bellezza; bisogna saper sentire il momento della svolta, proprio quando il desiderio fa la sua comparsa, quello è il momento di darci un taglio, giù deciso, l’istante in cui lo smettere è maturo come una pesca che si fa dolce sull’albero: crack, si spacca il picciolo, la pesca cade per terra, nera e argento di mosche.

Solo in una cosa Mona ha continuato imperterrita negli anni: scandire il tempo delle sue giornate, dei suoi pensieri, dei suoi stati d’animo con dei leggeri colpetti dati con le mani su ogni superficie disponibile.

Non ho smesso invece di tamburellare sul legno, cosa che facevo sempre. Era il mio modo di sigillare nelle radici e nella corteccia ogni cosa interrotta; ascolta, dico al legno, guarda bene cosa sto facendo. Prendi nota. Notalo.

Tamburellare è un modo di dialogare per questa strana, taciturna e solitaria ragazza. È il modo in cui il mondo dei numeri e gli eventi della sua vita comunicano tra di loro per aiutarla a prendere le sue decisioni.

Quello di Mona è un mondo pieno di sensazioni, oltre che di numeri. Le sue piccole ossessioni condurranno il lettore a guardare la realtà dalla prospettiva di questa ragazza bislacca per scoprire che, in fondo, il suo non è un mondo tanto diverso da quello di ciascuno di noi: chi non ha mai sviluppato un piccolo tic dietro al quale nasconde le proprie insicurezze? Allora la vita della signorina Grey, profumata di sapone fino alla nausea, colorata di tinte spente, scandita da un costante toc toc di sottofondo, ci sembrerà anche un po’ il mondo delle nostre piccole ossessioni quotidiane, dietro le quali si nasconde tutta la profondità dei nostri pensieri, delle nostre scoperte e delle nostre paure.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aimee

Bender

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bender Aimee

Questa è la terza avventura per l’investigatrice Stella Spada, apparsa sulla scena con “L’Ombra della Stella”, ritrovata poi in “Terra alla Terra”. Questo romanzo si svolge nella periferia estrema di Bologna, in un enorme palazzo grigio cemento, in una zona trascurata e degradata. In questo grande condominio, troppe persone negli ultimi anni sono rimaste vittime di incresciosi incidenti. Stella viene chiamata da una inquilina per indagare su queste morti, apparentemente non collegate tra loro. E Stella indaga, in quel suo modo così personale, fino alla soluzione del mistero. Nel suo percorso si appoggia al commissario Marconi, con il quale ha un rapporto di amore e odio, ma che le è indispensabile per le informazioni che le occorrono nell’indagine. Ritroviamo anche la precedente proprietaria dell’agenzia investigativa, Silvia, uccisa da Stella nel primo romanzo, che continua ad apparire accanto a lei nei momenti meno prevedibili. Molti sono i personaggi che ruotano attorno a Stella, portati all’estremo nella loro caratterizzazione, facenti parte del sottobosco di una grande città.

Grigio come il sangue

Lusetti Lorena

In una fortezza ai limiti del deserto una guarnigione aspetta l'arrivo dei Tartari invasori. Ma sarà una lunghissima, vana, logorante attesa.

Il deserto dei tartari

Buzzati Dino

Gli ospiti dell’Hotel Haworth hanno trascorso un Capodanno davvero indimenticabile. L’albergo non è tra i più lussuosi, e oltre tutto è in via di ristrutturazione, ma le tariffe, cenone compreso, sono un affare e l’offerta di intrattenimenti ricca e varia. Così una nutrita clientela composta di famiglie con pargoli al seguito, pensionati e coppie più o meno regolari si è ritrovata, la notte del 31, nella sala ristorante dell’albergo per partecipare all’eccitante serata in maschera a tema, questa volta dedicata al «Misterioso Oriente». Alla luce soffusa delle candele, si sono susseguite portate dai nomi pretenziosi, alcol a volontà, giochi e danze, il tutto pervaso dall’allegria un po’ sopra le righe delle feste comandate. Insomma, un vero successo. Ma il programma per il primo dell’anno ha in serbo una sorpresa di troppo per gli ospiti ancora frastornati dai postumi della lunga nottata. In una delle stanze dell’hotel riposa - in eterno - un uomo per il quale l’anno nuovo si è già concluso con un brutale colpo alla testa. Neanche per Morse e Lewis l’anno inizia sotto i migliori auspici, costretti come sono ad abbandonare le innocenti distrazioni delle vacanze natalizie dall’infaticabile quotidianità del male. La caccia all’assassino insinuatosi tra seducenti danzatrici del ventre, finti sceicchi e misteriose donne velate, tuttavia, sarà abbastanza intrigante da non far rimpiangere al capo ispettore l’abituale Quizzone del primo dell’anno al suo pub preferito. Mentre il povero sergente Lewis, strappato al calore della vita familiare, riuscirà a superare la malinconia solo grazie al suo impeccabile senso del dovere e alla ruvida amicizia di Morse. Tra le tante maschere e menzogne che occultano la realtà, non sarà facile per i due poliziotti dare un volto e un nome al cadavere sfigurato della stanza numero 3 e al suo misterioso carnefice.

Il segreto della camera 3

Dexter Colin

Buon compleanno Barbara, dalla redazione di www.i-libri.com

Aurora nel buio

Baraldi Barbara