Narrativa

UN SEGNO INVISIBILE E MIO

Bender Aimee

Descrizione: Mona Gray, vent'anni, è innamorata dei numeri fino all'ossessione: l'ordine e la precisione dell'aritmetica le servono a difendersi dall'instabilità del mondo. Da quando il padre ha contratto una misteriosa malattia, infatti, Mona ha bloccato ogni propria aspirazione, ha paura di innamorarsi e si rifugia in una serie di piccoli gesti e oggetti scaramantici. Ma quando viene assunta come insegnante d matematica alle elementari, la sua vita - grazie a un'allieva fuori dal comune e a un collega capace di fare breccia nella sua timidezza - comincia a cambiare irreversibilmente. Tenero, spassoso, commovente, acclamato dal «Los Angeles Times» come uno dei libri dell'anno, questo romanzo ha lanciato Aimee Bender come una delle migliori voci della nuova narrativa americana. Ne è stato tratto un omonimo film con Jessica Alba, uscito negli Stati Uniti nel 2011.

Categoria: Narrativa

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788865590669

Trama

Le Vostre recensioni

Il giorno del mio ventesimo compleanno mi sono comprata un’ascia.

 È stato il più bel regalo che avessi avuto da dieci anni a quella parte. Prima di vederla luccicare appesa alla parete del negozio di ferramenta come un’amante di legno e acciaio, avevo completamente rinunciato all’idea di festeggiare il mio compleanno.

Il giorno del mio diciannovesimo compleanno mamma mi aveva sbattuto fuori di casa.

Il giorno del mio diciottesimo avevo fatto una festa per due persone. Dopo un’oretta entrambe dissero di avere un’allergia e se ne andarono a casa starnutendo.

Il giorno del mio diciassettesimo mi ero fatta una torta al cioccolato, ma siccome in realtà non volevo affatto mangiarla avevo aggiunto dell’insetticida all’impasto. Lievitò una meraviglia, meglio che mai, e quando la tirai fuori dal forno – perfetta cupola bruna – rimasi a camminarle intorno per ore, inspirando a pieni polmoni l’aria tiepida di burro. Alcune formiche mangiarono le briciole sulla credenza e schiattarono.

Tragico ed esilarante: così potremmo definire l’incipit di questo romanzo surreale, una lettura piacevole e toccante che riesce a smuovere un sentimento ad ogni pagina, un leggero sorriso, un moto di tristezza, una risata godereccia, un gesto d’intima insofferenza e anche, talora, una punta di noia.

Mona Grey ha vent’anni, fa l’insegnante di matematica in una scuola elementare, un mestiere in cui mette a frutto la passione per i numeri che l’accompagna sin da quando era bambina e con la quale misura l’intera sua esistenza, dagli stati d’animo ai rapporti interpersonali:

È tutta una questione di numeri. Tutta questione di sequenze. È la logica matematica dell’essere in vita. Se tutto seguisse il suo andamento regolare riusciremmo a sopravvivere alla tristezza -prima si piange, poi si riprende a camminare – ma quello che davvero ci spiazza più di netto sono le perdite che avvengono al di fuori di quella sequenza ordinata.

Mona prova a pensare alla sua vita come a una concatenazione di avvenimenti, ma nel suo caso l’ordine è andato perso in un lontano pomeriggio, quando aveva solo 10 anni. Quel giorno si esercitava nella corsa insieme al padre ma lui, all’improvviso, si era fermato in pista. Si manifestavano in lui, per la prima volta, i segni di una malattia senza nome, ma non per questo meno grave e invalidante, che non lo avrebbe più abbandonato e che avrebbe presto modificato le abitudini e lo stile di vita dell’intera famiglia.

La reazione di Mona a questi cambiamenti è quella di lasciarsi dominare da una persistente forma di “vigliaccheria” che la spinge ad abbandonare qualsiasi attività scelga di intraprendere, nonostante i risultati sempre brillanti che mostra di poter raggiungere:

Sono innamorata dello smettere. A suo modo è un’arte, se ci pensate. Smettere bene richiede un innato senso della bellezza; bisogna saper sentire il momento della svolta, proprio quando il desiderio fa la sua comparsa, quello è il momento di darci un taglio, giù deciso, l’istante in cui lo smettere è maturo come una pesca che si fa dolce sull’albero: crack, si spacca il picciolo, la pesca cade per terra, nera e argento di mosche.

Solo in una cosa Mona ha continuato imperterrita negli anni: scandire il tempo delle sue giornate, dei suoi pensieri, dei suoi stati d’animo con dei leggeri colpetti dati con le mani su ogni superficie disponibile.

Non ho smesso invece di tamburellare sul legno, cosa che facevo sempre. Era il mio modo di sigillare nelle radici e nella corteccia ogni cosa interrotta; ascolta, dico al legno, guarda bene cosa sto facendo. Prendi nota. Notalo.

Tamburellare è un modo di dialogare per questa strana, taciturna e solitaria ragazza. È il modo in cui il mondo dei numeri e gli eventi della sua vita comunicano tra di loro per aiutarla a prendere le sue decisioni.

Quello di Mona è un mondo pieno di sensazioni, oltre che di numeri. Le sue piccole ossessioni condurranno il lettore a guardare la realtà dalla prospettiva di questa ragazza bislacca per scoprire che, in fondo, il suo non è un mondo tanto diverso da quello di ciascuno di noi: chi non ha mai sviluppato un piccolo tic dietro al quale nasconde le proprie insicurezze? Allora la vita della signorina Grey, profumata di sapone fino alla nausea, colorata di tinte spente, scandita da un costante toc toc di sottofondo, ci sembrerà anche un po’ il mondo delle nostre piccole ossessioni quotidiane, dietro le quali si nasconde tutta la profondità dei nostri pensieri, delle nostre scoperte e delle nostre paure.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aimee

Bender

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bender Aimee

Una portinaia, all'apparenza sciatta, scorbutica e teledipendente, assiste allo scorrere della vita in un palazzo elegante abitato da famiglie dell'alta borghesia. Ma all'insaputa di tutti Renée è una coltissima autodidatta che incontrerà Paloma, una dodicenne geniale e brillante che stanca di vivere ha deciso di farla finita.

L’ELEGANZA DEL RICCIO

Barbery Muriel

Enrica è una ragazza di diciassette anni, che vive in uno squallido quartiere di Roma, e studia con poca voglia. Abbandonata a se stessa da un padre eccentrico e stravagante, che passa il tempo a costruire invendibili gabbie per uccelli, e da una madre che si logora in un piccolo impiego, Enrica si ostina a inseguire Cesare, eterno studente in legge, già fidanzato con una ragazza stupida e ricca. Un rapporto soprattutto sessuale, che Enrica vive come in uno stato di freddo sonnambulismo, e che la porterà a subire con la stessa indifferenza le premure di Carlo, un compagno di scuola, e gli sfoghi di Guido, un maturo avvocato in cerca di avventure erotiche. La paura della vita la paralizza, qualsiasi rapporto con gli altri diventa irreale e assurdo: Enrica, come molti adolescenti, non sa capire quanto le accade intorno. Anche se prigioniera di un mondo di sensazioni e gesti estranei, la ragazza muove i suoi passi come seguendo il disegno segreto di una imprevista "educazione sentimentale", alla ricerca di una sua vera identità.

L’ETA’ DEL MALESSERE

Maraini Dacia

Marzo 1953: Flavio Villareale, prestante cinquantenne, attore, regista e proprietario del Teatro Imperiale, un elegante edifi cio liberty in zona Stazione Centrale, viene trovato senza vita nel suo appartamento di via Vitruvio, a due passi dal teatro. A scoprire il cadavere è Umberto Calcaterra, socio di Flavio e amministratore del teatro. L’esame del medico legale riscontra i segni inequivocabili di una morte per soffocamento: Flavio Villareale è stato ucciso. Trovare l’assassino è compito degli uomini del commissariato Porta Venezia, guidati dal commissario capo Mario Arrigoni. I primi colloqui già mettono in evidenza la personalità della vittima, geniale artista ma pessimo soggetto sul piano umano: assatanato di sesso, dedito a pratiche sadomasochistiche, non esita a sfruttare il suo fascino e la sua posizione professionale per sedurre ogni bella donna che incontri sul suo cammino. Come se ciò non bastasse, pesanti ombre arrivano anche dal passato: mussoliniano fi no al fanatismo, pare abbia denunciato oppositori veri e presunti del regime all’Ovra, la polizia segreta fascista, appropriandosi, in cambio dei loro beni. Toccherà al commissario Arrigoni risolvere il mistero, tra giovani e bellissime attrici, vecchi suggeritori, e camerati non troppo pentiti... Per concludere che, ancora una volta, con un po’ di generosità e meno egoismo, non ci sarebbero stati né morti né assassini.

Arrigoni e l’omicidio di via Vitruvio

Crapanzano Dario

Il tema del "sognatore romantico", dell'eroe solitario che trascorre i suoi giorni immerso nella dimensione del sogno, in un paradiso di illusioni, malinconicamente sofferente e lontano dall'incolore e consueta realtà dell'esistenza quotidiana, percorre come un filo d'Arianna questo racconto.

Le notti bianche

Dostoevskij Fëdor