Narrativa

SEGRETI DI FAMIGLIA

De Rosnay Tatiana

Descrizione: Quando è avvenuto l’incidente, sua sorella era sul punto di rivelargli un segreto… Adesso è gravemente ferita e mentre aspetta, angosciato, che lei esca dalla sala operatoria, Antoine fa un bilancio amaro della sua vita: la moglie l’ha lasciato, i figli adolescenti gli sfuggono, i lavoro non lo soddisfa più, il padre è ormai anziano e tirannico… Come ha fatto ad arrivare fino a questo punto? E quale segreto stava per confidargli Mélanie? Antoine si sente schiacciare dal peso del passato, ma riceverà un aiuto inatteso nella sua ricerca della verità da Angèle, una persona molto particolare…

Categoria: Narrativa

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2011

ISBN: 9788863801934

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Amo il nostro segreto. […] Ma per quanto tempo ancora? Quanto a lungo lasceremo che duri, questo nostro segreto? […] Faccio scorrere la mano sulla tua pelle di seta e mi domando se davvero voglio che si venga a sapere, che esca allo scoperto. Immagino già cosa ne scaturirebbe. E’ un po’ come annusare la pioggia nel vento che si leva”.

Quanto a lungo può durare un segreto? Sino a quando i ricordi resteranno sommersi nell’acqua molle del tempo.

Tutto ha inizio a Noirmoutier: per Antoine e Mélanie  il luogo dell’estate, il simbolo della perfezione dell’infanzia, “di quei giorni spensierati quando le vacanze estive sembrano infinite, e pareva di avere sempre nove anni”.

Ora però non hanno più nove anni. Antoine ha superato i quaranta, un divorzio alle spalle che non riesce ad accettare, tre figli adolescenti che non comprende ed un lavoro che non gli appartiene. Sua sorella Mélanie festeggia i suoi quarant’anni di solitudine, sospesa tra il desiderio di creare una famiglia e la delusione dei sentimenti.

Nelle vite non riuscite di oggi si annida il germe delle vite mancate del passato. Ad Antoine il destino però darà una seconda possibilità.

Il passaggio a Noirmoutier dopo trent’anni, attraverso la sottile striscia di terra del Gois, visibile solo con la bassa marea, rappresenterà per i due fratelli un viaggio doloroso verso la verità: quella dell’ultima estate della madre trentenne Clarisse,morta in circostanze misteriose.

Antoine e Mélanie possiedono frammenti di ricordi, volti sbiaditi, silenzi vuoti e vivono vite sospese nella menzogna: lascomparsa della madre è avvolta dai segreti di una famiglia ricca e potente che non può permettersi il lusso di una verità sconvolgente.

La verità su Clarisse riaffiorerà come la striscia di terra del Gois dalla marea, restituendo ad Antoine il coraggio di ricostruirsi una vita interrotta.

Il romanzo di Tatiana de Rosnay è una storia di sentimenti, di sofferenza e scelte, passando attraverso temi complicati come la morte e la malattia che l’autrice però tratta con garbo ed in profondità, riuscendo a toccare le corde più intime del lettore.

Una storia di famiglie, segreti e bugie, ma anche di rapporti riscoperti e di vite mancate.

Intenso e commovente. Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tatiana

Rosnay

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Rosnay Tatiana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

WONDER

Palacio R. J.

I bambini osservano muti le giostre dei grandi

Marotta Giuseppe

Messico: Irma, diciannove anni, nata in Canada, vive tutta sola a un passo dal deserto. Suo padre, mennonita imbrigliato da un rigore bacchettone, l’ha ripudiata. Suo marito, spacciatore di basso rango, è sparito nel nulla. Ma Diego, regista-figo del film con cane filosofo, alle prese con un copione sperimentale e un cast internazionale, ingaggia Irma come interprete e tuttofare. L’atmosfera libertaria del gruppo, le chiacchiere notturne, i progetti artistici galvanizzano Irma. Galvanizzano anche la sorellina Aggie, che sogna di mollare mamma e papà, e viver con lei. Anzi, un bel giorno molla tutto davvero, e convince anche Irma a gettarsi in un’avventura a dir poco clamorosa...

MI CHIAMO IRMA VOTH

Toews Miriam

Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.

Mistero napoletano

Rea Ermanno