Narrativa

SEGRETI DI FAMIGLIA

De Rosnay Tatiana

Descrizione: Quando è avvenuto l’incidente, sua sorella era sul punto di rivelargli un segreto… Adesso è gravemente ferita e mentre aspetta, angosciato, che lei esca dalla sala operatoria, Antoine fa un bilancio amaro della sua vita: la moglie l’ha lasciato, i figli adolescenti gli sfuggono, i lavoro non lo soddisfa più, il padre è ormai anziano e tirannico… Come ha fatto ad arrivare fino a questo punto? E quale segreto stava per confidargli Mélanie? Antoine si sente schiacciare dal peso del passato, ma riceverà un aiuto inatteso nella sua ricerca della verità da Angèle, una persona molto particolare…

Categoria: Narrativa

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2011

ISBN: 9788863801934

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Amo il nostro segreto. […] Ma per quanto tempo ancora? Quanto a lungo lasceremo che duri, questo nostro segreto? […] Faccio scorrere la mano sulla tua pelle di seta e mi domando se davvero voglio che si venga a sapere, che esca allo scoperto. Immagino già cosa ne scaturirebbe. E’ un po’ come annusare la pioggia nel vento che si leva”.

Quanto a lungo può durare un segreto? Sino a quando i ricordi resteranno sommersi nell’acqua molle del tempo.

Tutto ha inizio a Noirmoutier: per Antoine e Mélanie  il luogo dell’estate, il simbolo della perfezione dell’infanzia, “di quei giorni spensierati quando le vacanze estive sembrano infinite, e pareva di avere sempre nove anni”.

Ora però non hanno più nove anni. Antoine ha superato i quaranta, un divorzio alle spalle che non riesce ad accettare, tre figli adolescenti che non comprende ed un lavoro che non gli appartiene. Sua sorella Mélanie festeggia i suoi quarant’anni di solitudine, sospesa tra il desiderio di creare una famiglia e la delusione dei sentimenti.

Nelle vite non riuscite di oggi si annida il germe delle vite mancate del passato. Ad Antoine il destino però darà una seconda possibilità.

Il passaggio a Noirmoutier dopo trent’anni, attraverso la sottile striscia di terra del Gois, visibile solo con la bassa marea, rappresenterà per i due fratelli un viaggio doloroso verso la verità: quella dell’ultima estate della madre trentenne Clarisse,morta in circostanze misteriose.

Antoine e Mélanie possiedono frammenti di ricordi, volti sbiaditi, silenzi vuoti e vivono vite sospese nella menzogna: lascomparsa della madre è avvolta dai segreti di una famiglia ricca e potente che non può permettersi il lusso di una verità sconvolgente.

La verità su Clarisse riaffiorerà come la striscia di terra del Gois dalla marea, restituendo ad Antoine il coraggio di ricostruirsi una vita interrotta.

Il romanzo di Tatiana de Rosnay è una storia di sentimenti, di sofferenza e scelte, passando attraverso temi complicati come la morte e la malattia che l’autrice però tratta con garbo ed in profondità, riuscendo a toccare le corde più intime del lettore.

Una storia di famiglie, segreti e bugie, ma anche di rapporti riscoperti e di vite mancate.

Intenso e commovente. Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tatiana

Rosnay

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Rosnay Tatiana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lina ha appena compiuto quindici anni quando scopre che basta una notte, una sola, per cambiare il corso di tutta una vita. Quando arrivano quegli uomini che la costringono ad abbandonare tutto. E a ricordarle chi è, chi era, le rimane soltanto una camicia da notte, qualche disegno e la sua innocenza. È il 14 giugno del 1941 quando la polizia sovietica irrompe con violenza in casa sua, in Lituania. Lina, figlia del rettore dell’università, è sulla lista nera, insieme a molti altri scrittori, professori, dottori e alle loro famiglie. Sono colpevoli di un solo reato, quello di esistere. Verrà deportata. Insieme alla madre e al fratellino viene ammassata con centinaia di persone su un treno e inizia un viaggio senza ritorno tra le steppe russe. Settimane di fame e di sete. Settimane di pianti, urla, e morte. Fino all’arrivo in Siberia, nel campo di lavoro dell’Altaj, dove tutto è grigio, dove regna il buio, dove il freddo uccide, sussurrando. E dove non resta niente, se non la polvere della terra che i deportati sono costretti a scavare, giorno dopo giorno. Ma c’è qualcosa che non possono togliere a Lina. Ci sono la sua dignità. La sua forza. La luce nei suoi occhi. E il suo coraggio. Quando non è costretta a lavorare, Lina disegna. Documenta tutto. Deve riuscire a far giungere i disegni al campo di prigionia del padre. È l’unico modo, se c’è, per salvarsi. Per gridare che sono ancora vivi. Circondata dall’odore della morte, Lina si batte per la propria vita, decisa a non consegnare la sua paura alle guardie, giurando che, se riuscirà a sopravvivere, onorerà la sua famiglia, e le migliaia di famiglie sepolte in Siberia, per mezzo dell’arte e della scrittura.

AVEVANO SPENTO ANCHE LA LUNA

Sepetys Ruta

Il tema del "sognatore romantico", dell'eroe solitario che trascorre i suoi giorni immerso nella dimensione del sogno, in un paradiso di illusioni, malinconicamente sofferente e lontano dall'incolore e consueta realtà dell'esistenza quotidiana, percorre come un filo d'Arianna questo racconto.

Le notti bianche

Dostoevskij Fëdor

Si avvicina il Natale, e come ogni anno Luca Cupiello si accinge a preparare il presepe nonostante l'insofferenza di sua moglie Concetta e suo figlio Tommasino. Per Luca il presepe rappresenta una priorità assoluta del suo vivere quotidiano, ma in realtà la quiete famliare è turbata da un dramma che sua moglie Concetta - chissà come - riesce a tenere nascosto al marito. La figlia di Luca e Concetta, Ninuccia è sposata con Nicolino, un facoltoso commerciante, ma non lo ama, ed anzi ha intenzione di fuggire con il suo amante, Vittorio Elia, comunicando la sua decisione al marito per lettera. Concetta riesce a strappare dalle mani di Ninuccia la lettera, per impedire che il peggio accada, ma nella confusione - e senza sapere nulla - Luca consegna la missiva al genero...

Natale in casa Cupiello

De Filippo Eduardo

Tre personaggi in cerca d’amore. A modo loro, ognuno in fuga dal destino, che riuscirà comunque a scegliere per tutti, a discapito dei progetti e delle ambizioni personali. Un romanzo scritto a più voci, che racconta i tortuosi e imprevedibili percorsi che la vita a volte riserva. L’autore ci regala uno spaccato di vita italiana lungo vent’anni, nelle esistenze di Matteo, Lorenza e Ferdinando, una “Meglio gioventù” che tenta di sopravvivere nelle complesse evoluzioni dell’ esistenza.

Il destino trova sempre la sua strada

Florio Gianfabio