Saggi

I SEGRETI DI ROMA

Augias Corrado

Descrizione: I segreti di Roma racchiude un'insospettabile antologia di storie, una galleria di personaggi e di vicende. Sono le pietre e gli oggetti stessi a parlare, in uno snodarsi ininterrotto di ricordi: dal mito di Romolo e Remo alle origini della città, alla gloria intrisa di sangue del Rinascimento; dalla spregiudicatezza di Cesare alla tenebrosa genialità di Caravaggio; dal fascino di Lucrezia Borgia, alla procace sensualità di Anna Fallarino, marchesa Casati Stampa di Soncino, che fu al centro di uno dei più scabrosi delitti del dopoguerra. Rifacendosi alla storia di Roma, ma anche ad alcune esperienze personali vissute in momenti cruciali della nostra epoca (dall'occupazione nazista al boom degli anni Sessanta), Augias ricava da questa congerie di persone e di fatti il racconto complessivo di una città contraddittoria, insieme metropoli e villaggio, dove ogni sentimento umano - l'ardimento e la codardia, la generosità e l'ignavia, l'intraprendenza e la mollezza - ha trovato gli interpreti e la scena per la sua rappresentazione.

Categoria: Saggi

Editore: Mondadori

Collana: Varia

Anno: 2006

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Davvero bella la passeggiata che Corrado Augias offre al lettore che sia disposto a farsi accompagnare tra le storie, i luoghi, i personaggi e i costumi di Roma, città millenaria, culla di una civiltà antica, epicentro di una serie di menti diaboliche e geniali, ventre di una cultura che non appartiene solo al territorio italiano ma al mondo intero.

Se scoprire una città, nel senso turistico del termine, significa individuarne la complessa geologia storica, sfogliandone il vissuto da un punto di vista cronologico in stadi successivi, Augias ci mostra il fascino di carpire i segreti della nostra capitale evitando qualsiasi schema temporale o topografico, e abbandonandosi dunque alle analogie, agli echi, dalla necessità impellente di raccontare un luogo in base alle sensazioni che questo regala al suo spettatore, parlandogli del suo passato, nel momento in cui quest’ultimo si mescola al presente di chi l’osserva.

Nell’introduzione al testo il giornalista esprime con particolare precisione il senso della sua raccolta di memorie, che i ringraziamenti finali ci rivelano esser frutto di intensi studi, ricerche e lunghe conversazioni con esperti. Questo libro – scrive infatti – non è una storia né una guida di Roma, piuttosto una raccolta di vicende legate ora a una strada, ora a un palazzo o a un monumento, in qualche caso alla biografia dell’autore, voglio dire a incontri e accostamenti, spero significativi, ma anche casuali com’è spesso la vita.

Ed è assolutamente con lo stesso spirito avventuroso di accostarsi a questo mondo così vario che la lettura di queste pagine procede, avvinghiando il lettore in una spirale di crescente e morboso interesse. In effetti, le informazioni che il libro contiene non vogliono necessariamente educare e nemmeno offrire quell’ordine, quella freddezza e quell’oggettività che sarebbero i normali presupposti di una guida turistica. Esse mirano piuttosto a ripescare, nella memoria collettiva e individuale, quegli elementi affettivi che rendono più prezioso il dato storico, cronachistico e architettonico, rendendolo, ieri come oggi, vivo e ammirevole.

I quattordici capitoli del libro hanno l’intenzione di quella curiosità necessaria a spingerci a guardare con occhi diversi alcuni angoli della città, dinanzi ai quali siamo più volte passati senza mai davvero realizzare quanto peso potessero avere nell’economia storica della capitale.

I segreti di Roma sono una raccolta di eventi, annotazioni, luoghi e personaggi che hanno segnato, nei secoli, la storia di Roma, consentendole di sviluppare la sua identità a partire da una assai complessa stratigrafia della memoria. Si passa dalla passeggiata tra i colli e i viali dell’antica urbe, alla storia di Romolo e Remo; dalla figura di Ettore Muti, eclettico gerarca fascista, alle complicate vicende politiche della Roma antica, in cui tradimenti, complotti e massacri scandivano i rapporti politici e sociali fino alla pittura di Michelangelo, nata tra le strade del centro storico ed esercitata dal maestro attraverso la vita delle borgate. Qui è lì affiorano i versi in romanesco di Giuseppe Gioacchino Belli: essi raccontano in parole schiette i vizi e le virtù di una città nella quale si consumano ingiustizie, congiure e acute strumentalizzazioni, come quella della giovane Lucrezia Borgia, figlia illegittima di papa Alessandro VI e, molti anni più tardi, della marchesa Anna Casati Fallarino, entrambe vittime di una società sempre più malata e corrotta. Si compirà un percorso nel dedalo dei luoghi più in ombra della città, le torri, gli acquedotti, le chiese fuori dai circuiti del turismo di massa, per poi trovare rifugio nella topografia delle illusioni cinematografiche di Cinecittà e, infine, nell’utopia dell’EUR, il nuovo centro urbano voluto da Mussolini, nel quale doveva rispecchiarsi la potenza del nuovo stato italiano.

Molto ancora si potrebbe riassumere di questo libro ma qualsiasi tentativo sarebbe insufficiente a restituirne il contenuto denso e brioso che, come Augias puntualizza a chiusura del suo excursus, non ha alcuna pretesa di creare un percorso, ma vuole essere l’esposizione di una serie di cortocircuiti temporali, di fulminee escursioni attraverso i secoli, mirate a risvegliare l’amore per una città in cui ogni angolo, ogni volto, ogni edificio ha una storia da raccontare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Corrado

Augias

Libri dallo stesso autore

Intervista a Augias Corrado


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

IL CIRCOLO DE I-LIBRI – PROBLEMI DI SERVER

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

«Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà...

Sindrome del distacco e tregua – parte seconda

Cucchi Maurizio

È una primavera torrida a Milano, e succedono cose strane. Una suora viene trovata sgozzata in convento, truccata e vestita in abito da sera. Il commissario Boe finisce per bussare alla porta di Johnny Santini, professore di lettere in un liceo. Un professore particolare: si stordisce con l’hashish, allaccia relazioni con le allieve dell’ultimo anno, ed è segretamente a capo del Free Beagle, fantomatica organizzazione animalista che assalta i laboratori della vivisezione. Ma Santini non ne sa nulla. Anzi. Anche a lui stanno accadendo cose strane: qualcuno lo ha ricattato per recuperare una valigetta in un laboratorio e, invece, ci ha trovato un cadavere. E, mentre gli omicidi si susseguono e portano tutti a lui, scopre l’esistenza di una vecchia leggenda della malavita. Una leggenda dimenticata da decenni e che striscia e si sussurra ancora solo nei corridoi dei manicomi criminali, in cui orde di derelitti continuano invano a gridarsi innocenti. È lì la chiave dell’enigma. Johnny Santini corre incontro a una verità atroce e soffocante, a cui tutti, prima di lui, hanno resistito solo impazzendo. O suicidandosi.

L’ILLUSIONISTA

Montolli Edoardo