Saggi

I SEGRETI DI ROMA

Augias Corrado

Descrizione: I segreti di Roma racchiude un'insospettabile antologia di storie, una galleria di personaggi e di vicende. Sono le pietre e gli oggetti stessi a parlare, in uno snodarsi ininterrotto di ricordi: dal mito di Romolo e Remo alle origini della città, alla gloria intrisa di sangue del Rinascimento; dalla spregiudicatezza di Cesare alla tenebrosa genialità di Caravaggio; dal fascino di Lucrezia Borgia, alla procace sensualità di Anna Fallarino, marchesa Casati Stampa di Soncino, che fu al centro di uno dei più scabrosi delitti del dopoguerra. Rifacendosi alla storia di Roma, ma anche ad alcune esperienze personali vissute in momenti cruciali della nostra epoca (dall'occupazione nazista al boom degli anni Sessanta), Augias ricava da questa congerie di persone e di fatti il racconto complessivo di una città contraddittoria, insieme metropoli e villaggio, dove ogni sentimento umano - l'ardimento e la codardia, la generosità e l'ignavia, l'intraprendenza e la mollezza - ha trovato gli interpreti e la scena per la sua rappresentazione.

Categoria: Saggi

Editore: Mondadori

Collana: Varia

Anno: 2006

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Davvero bella la passeggiata che Corrado Augias offre al lettore che sia disposto a farsi accompagnare tra le storie, i luoghi, i personaggi e i costumi di Roma, città millenaria, culla di una civiltà antica, epicentro di una serie di menti diaboliche e geniali, ventre di una cultura che non appartiene solo al territorio italiano ma al mondo intero.

Se scoprire una città, nel senso turistico del termine, significa individuarne la complessa geologia storica, sfogliandone il vissuto da un punto di vista cronologico in stadi successivi, Augias ci mostra il fascino di carpire i segreti della nostra capitale evitando qualsiasi schema temporale o topografico, e abbandonandosi dunque alle analogie, agli echi, dalla necessità impellente di raccontare un luogo in base alle sensazioni che questo regala al suo spettatore, parlandogli del suo passato, nel momento in cui quest’ultimo si mescola al presente di chi l’osserva.

Nell’introduzione al testo il giornalista esprime con particolare precisione il senso della sua raccolta di memorie, che i ringraziamenti finali ci rivelano esser frutto di intensi studi, ricerche e lunghe conversazioni con esperti. Questo libro – scrive infatti – non è una storia né una guida di Roma, piuttosto una raccolta di vicende legate ora a una strada, ora a un palazzo o a un monumento, in qualche caso alla biografia dell’autore, voglio dire a incontri e accostamenti, spero significativi, ma anche casuali com’è spesso la vita.

Ed è assolutamente con lo stesso spirito avventuroso di accostarsi a questo mondo così vario che la lettura di queste pagine procede, avvinghiando il lettore in una spirale di crescente e morboso interesse. In effetti, le informazioni che il libro contiene non vogliono necessariamente educare e nemmeno offrire quell’ordine, quella freddezza e quell’oggettività che sarebbero i normali presupposti di una guida turistica. Esse mirano piuttosto a ripescare, nella memoria collettiva e individuale, quegli elementi affettivi che rendono più prezioso il dato storico, cronachistico e architettonico, rendendolo, ieri come oggi, vivo e ammirevole.

I quattordici capitoli del libro hanno l’intenzione di quella curiosità necessaria a spingerci a guardare con occhi diversi alcuni angoli della città, dinanzi ai quali siamo più volte passati senza mai davvero realizzare quanto peso potessero avere nell’economia storica della capitale.

I segreti di Roma sono una raccolta di eventi, annotazioni, luoghi e personaggi che hanno segnato, nei secoli, la storia di Roma, consentendole di sviluppare la sua identità a partire da una assai complessa stratigrafia della memoria. Si passa dalla passeggiata tra i colli e i viali dell’antica urbe, alla storia di Romolo e Remo; dalla figura di Ettore Muti, eclettico gerarca fascista, alle complicate vicende politiche della Roma antica, in cui tradimenti, complotti e massacri scandivano i rapporti politici e sociali fino alla pittura di Michelangelo, nata tra le strade del centro storico ed esercitata dal maestro attraverso la vita delle borgate. Qui è lì affiorano i versi in romanesco di Giuseppe Gioacchino Belli: essi raccontano in parole schiette i vizi e le virtù di una città nella quale si consumano ingiustizie, congiure e acute strumentalizzazioni, come quella della giovane Lucrezia Borgia, figlia illegittima di papa Alessandro VI e, molti anni più tardi, della marchesa Anna Casati Fallarino, entrambe vittime di una società sempre più malata e corrotta. Si compirà un percorso nel dedalo dei luoghi più in ombra della città, le torri, gli acquedotti, le chiese fuori dai circuiti del turismo di massa, per poi trovare rifugio nella topografia delle illusioni cinematografiche di Cinecittà e, infine, nell’utopia dell’EUR, il nuovo centro urbano voluto da Mussolini, nel quale doveva rispecchiarsi la potenza del nuovo stato italiano.

Molto ancora si potrebbe riassumere di questo libro ma qualsiasi tentativo sarebbe insufficiente a restituirne il contenuto denso e brioso che, come Augias puntualizza a chiusura del suo excursus, non ha alcuna pretesa di creare un percorso, ma vuole essere l’esposizione di una serie di cortocircuiti temporali, di fulminee escursioni attraverso i secoli, mirate a risvegliare l’amore per una città in cui ogni angolo, ogni volto, ogni edificio ha una storia da raccontare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Corrado

Augias

Libri dallo stesso autore

Intervista a Augias Corrado

Anne, Hanna, Anny: tre ragazze, tre spiriti liberi che si scontrano con le chiusure dell'epoca in cui vivono. Anne, nelle Fiandre del XVI secolo, è una mistica che parla con gli animali come San Francesco, fa il bene perché non concepisce altra forma di agire, percepisce Dio nella natura e non comprende la necessità dei riti religiosi. Ma è fuori tempo rispetto al periodo della Controriforma e dell'Inquisizione: la sua estatica serenità viene presto tacciata di eresia. Hanna, nella Vienna inizio Novecento, è una giovane aristocratica alla ricerca di se stessa, insoddisfatta delle serate all'opera e delle convenzioni borghesi. Dopo molta infelicità riuscirà a individuare nella psicoanalisi, nuova strabiliante cura appena inventata dal dottor Freud, il modo per raggiungere le radici del suo malessere. Anny è una star di Hollywood dei nostri tempi, drogata di celebrità e di sostanze stupefacenti, che cerca con l'abbrutimento di dare un senso a una vita in cui l'unico valore è il denaro: ci riuscirà invece attraverso la recitazione, e nel suo travagliato percorso esistenziale troverà l'amore. Le storie delle tre giovani donne si intersecano nonostante i secoli che le dividono in un intreccio sempre più appassionante che in un crescendo di rivelazioni porta le tre vicende a una conclusione congiunta.

LA DONNA ALLO SPECCHIO

Schmitt Eric-Emmanuel

Perché una sacca di sangue costa 3 euro al Sant’Andrea di Vercelli e 12 al Gallicano di Cosenza? E perché la Regione Piemonte dispone di 700 dipendenti e la Sicilia di 6000? Ci sono tante cose che ci fanno arrabbiare: gli sprechi, le inefficienze e ognuna delle mille male-qualcosa che popolano le cronache quotidiane. Una volta si tratta di truffe. Un’altra volta è una partoriente che ci lascia la pelle a causa di un errore o di un disguido. Un’altra ancora sono i treni fermi in mezzo alla campagna per il sistema andato in tilt. Perché tutto questo? La risposta non viene da differenze culturali o caratteriali che, con facile qualunquismo, si potrebbero individuare. La ragione affonda le radici nella storia: proprio quella di 150 anni fa. Se oggi i cittadini si lamentano per l’eccessivo carico fiscale e per le troppe tasse che gravano sul singolo contribuente, diventa inevitabile rammentare che l’andazzo prese il via giusto un secolo e mezzo fa, quando ci si cominciò a inventare imposte con tanta fantasia e nessuna logica. Se adesso tutti parlano di federalismo (e pochi immaginano come farlo) è perché si riconosce implicitamente che sono stati commessi errori imperdonabili che adesso diventa urgente rettificare. Non un’Italia unita e nuova ma un regno sabaudo allargato, che annette, che conquista e che impone le sue regole e le sue misure. Un travisamento degli accordi e del progetto originario, che ha tradito il Nord danneggiando anche il Sud.

Polentoni

Del Boca Lorenzo

I dolori e gli amori della giovane Max. Inquieta, testarda, bellissima. Lasciata da Lili dopo otto anni, così all’improvviso, una mattina di gennaio: come puoi farmi questo per una che conosci da tre giorni? Corse, rincorse, morsi e affanni, la vita che sprofonda e Max che non si rassegna. Fino all’arrivo di Leo, il fuoco nei capelli e un uomo per compagno. Un’altra ventata d’amore, l’illusione che tutto possa ricominciare e la paura che tutto possa franare di nuovo. Un romanzo che è come la sua protagonista: un terremoto di sentimenti e di ironia.

IO SONO MAX

Survive I. W.

2 novembre 1965: sulla spiaggia dell’Idroscalo di Ostia, il corpo massacrato di Pier Paolo Pasolini viene trovato da una donna alle sei e trenta del mattino. Un omicidio, come si sa, che la giustizia ha attribuito a un “ragazzo di vita”, Pino Pelosi detto “la Rana”, ma intorno al quale ruotano ancora dubbi e teorie complottistiche. Ma come si arriva a quella morte? Cos’è successo a Pasolini nelle ultime ore di vita? A questa domanda Lucarelli cerca di rispondere con testimonianze inedite e indagini personali, ma anche attraverso ricordi privati e riflessioni, incontri, storie, frammenti di un mosaico in cui alla fine troveremo rappresentati noi italiani e cosa siamo diventati dopo quella tragica notte.

PPP Pasolini, un segreto italiano

Lucarelli Carlo