Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan

Descrizione: Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Categoria:

Editore: Mondadori

Collana: Strade blu

Anno: 2015

ISBN: 9788804653011

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sei la mia vita di Ferzan Ozpetek è una profonda riflessione del regista che qui indossa l’abito dello scrittore in modo naturale, trasfondendo il senso della sceneggiatura in una storia d’amore dalla quale si diramano ricordi (“Perché non andiamo a Venezia, con il primo treno, domani mattina?”) e vicende collaterali (“Vivevo immerso in un mare di storie che chiedevano solo di essere narrate”), nelle quali s’innestano numerosi personaggi.

Il tessuto connettivo della narrazione è un viaggio, che il regista de “Le fate ignoranti” compie con la persona amata. La destinazione è la casa di montagna (“Adesso l’aria pura di montagna ci circonda come un balsamo rigenerante”) ove l’amato ha vissuto da bambino. Durante il viaggio, il compagno è silente e a lui il narratore indirizza il suo racconto nel desiderio ardente di rivelare ogni pagina di un passato che si snoda tra memorie (cit. Simone Signoret: “Non esiste più la nostalgia di una volta”), amori e amicizie, al cospetto di un futuro che aleggia oscuramente nell’abitacolo della vettura.

Scorrono così la solidarietà che nel condominio di via Ostiense (“Quante confessioni, addii, dichiarazioni d’amore e di odio hanno ascoltato le pareti imbiancate a calce della terrazza”) si è instaurata tra inquilini accomunati da esperienze e sorte (“Tra noi, ci chiamiamo le Mummie”), le retrospettive libertarie e naturistiche (“Eravamo come giovani semidei di una civiltà primitiva, splendidi, immortali, e padroni del proprio corpo. Vivevamo allo stato brado, ubbidivamo solo alle leggi universali del piacere”) che nella spiaggia chiamata “Il buco” hanno un teatro naturale, le angosce, le paure e i lutti che l’AIDS seminò negli anni Ottanta (“L’amore che uccide, l’amore che salva… la morte si propagava lungo le stesse vie dell’amore”), le gesta melodrammatiche di una transessuale dal cuore d’oro (Vera, “Una creatura capace di irrompere nelle vite altrui con l’energia di una dea guerriera”), i primi successi nella carriera cinematografica (“Il destino ha tifato per me”), le riflessioni sull’universalità dell’amore e sui pregiudizi che ne ostacolano la libera manifestazione (“Che cosa c’è di più giusto? Perché tutto questo dovrebbe essere negato a chi ha l’unica «colpa» di amare una persona del proprio sesso?”).

In un’opera così concepita non può mancare il colpo di teatro finale, che giunge – presagito da indizi variamente disseminati (“Continuo il mio racconto, perché c’è poco tempo ormai”) – a caricare di tanta umanità gioie e sofferenze di un percorso in saliscendi, delineando una scelta forte e coraggiosa da contrapporre alla tentazione rinunciataria che facilmente può sembrare più allettante di fronte ai duri colpi spesso inferti dalla vita.

Tra frasi d’effetto (“È solo quando riesci a mettere radici in un luogo che puoi davvero andare lontano”), dichiarazioni di principio (“Esistiamo nei ricordi che riusciamo a suscitare negli altri”), intuizioni enunciate a cuore aperto (“È questa la felicità: sentirsi, anima e corpo, in assoluta armonia con l’universo, insieme a chi ami”) e citazioni poetiche (da Pablo Neruda: “Se saprai starmi vicino,/e potremo essere diversi…/Allora sarà amore/E non sarà stato vano aspettarsi tanto”), nell’intensità che sorregge la progressione di una vita ricca di stimoli e di occasioni, “Sei la mia vita” in qualche modo ci riporta implicitamente e vagamente – per assonanza e analogia di temi – alla tragicità delle “Camere separate” di Pier Vittorio Tondelli, mentre sullo sfondo si staglia la figura di un grande regista (“Un altro frequentatore abituale della spiaggia era Pietro Tosi, il costumista preferito di Luchino Visconti…”) che rappresenta un mito per Ozpetek.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ferzan

Ozpetek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ozpetek Ferzan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una vasta insurrezione si estende dagli Stati Uniti all’America Centrale a un epicentro maghrebino. Effetto collaterale di un mondo occidentale che “col pretesto del controllo” ha istituito ovunque stati di polizia, i “ragazzi selvaggi” si evolvono presto in una fantasmagorica sottospecie umanoide: ragazzi con pistole-laser, ragazzi-gatto con artigli “curvi e cavi imbottiti di pasta di cianuro”, ragazzi-serpente, ragazzi che si spostano su alianti, su biciclette alate, su pattini a propulsione. In un romanzo che suona oggi di allarmante forza profetica, ancora una volta Burroughs incenerisce processi e mutamenti storici al rogo della sua immaginazione e della sua allucinata, inconfondibile scrittura.

I ragazzi selvaggi

Burroughs William S.

Milano, estate 1981: siamo nella fase più tarda, e più feroce, della stagione terroristica in Italia. Non ancora quarantenne, Giacomo Colnaghi a Milano è un magistrato sulla linea del fronte. Coordinando un piccolo gruppo di inquirenti, indaga da tempo sulle attività di una nuova banda armata, responsabile dell’assassinio di un politico democristiano. Il dubbio e l’inquietudine lo accompagnano da sempre. Egli è intensamente cattolico, ma di una religiosità intima e tragica. È di umili origini, ma convinto che la sua riuscita personale sia la prova di vivere in una società aperta. È sposato con figli, ma i rapporti con la famiglia sono distanti e sofferti. Ha due amici carissimi, con i quali incrocia schermaglie polemiche, ama le ore incerte, le periferie, il calcio, gli incontri nelle osterie. Dall’inquietudine è avvolto anche il ricordo del padre Ernesto, che lo lasciò bambino morendo in un’azione partigiana. Quel padre che la famiglia cattolica conformista non poté mai perdonare per la sua ribellione all’ordine, la cui storia eroica Colnaghi ha sempre inseguito, per sapere, e per trattenere quell’unica persona che ha forse amato davvero, pur senza conoscerla. L’inchiesta che svolge è complessa e articolata, tra uffici di procura e covi criminali, tra interrogatori e appostamenti, e andrà a buon fine. Ma la sua coscienza aggiunge alla caccia all’uomo una corsa per capire le ragioni profonde, l’origine delle ferite che stanno attraversando il Paese. Si risveglia così il bisogno di immergersi nella condizione degli altri, dall’assassino che gli sta davanti al vecchio ferroviere incontrato al bar, per riconciliare la giustizia che amministra con l’esercizio della compassione. Una corsa e un’immersione pervase da un sentimento dominante di morte. Un lento disvelarsi che segue parallelo il ricordo della vicenda del padre che, come Giacomo Colnaghi, fu dominato dal desiderio di trovare un senso, una verità. Anche a costo della vita.

Morte di un uomo felice

Fontana Giorgio

Settembre 2010. Tempo di vendemmia, ma a Bari fa ancora molto caldo e si continua ad andare al mare Lolita compie trentasette anni e finalmente scopre che il suo cuore è ancora capace di innamorarsi. A modo suo, si sa. Ma non è solo l'amore a far battere il cuore di Lolita: un bambino e il suo gattino sono scomparsi nel nulla e il dovere chiama. La bellissima madre del bambino. scura e carnosa come un chicco di uva nera, ha amici intimi molto particolari su cui indagare. Sullo sfondo della nuova inchiesta, una Bari sempre più bella e intrigante, qualcuno che gioca un brutto tiro a Lolita e una giostra di personaggi coloratissimi. Oltre alle immancabili. deliziose ricette della commissaria più scorretta – ma di gran cuore d’Italia.

UVA NOIR

Genisi Gabriella

Bellano 1916. In una fredda serata di metà dicembre una fedele parrocchiana, la Stampina, si presenta in canonica: ha urgente bisogno di parlare con il prevosto. Suo figlio Geremia, che in trentadue anni non ha mai dato un problema, da qualche settimana sembra aver perso la testa per una donna: vuole sposarla o si butterà nel lago. L'oggetto del suo desiderio è Giovenca Ficcadenti, che insieme alla sorella Zemia ha appena aperto in paese un bottonificio, suscitando un putiferio di chiacchiere e sospetti. Come fanno ad avere prezzi così bassi per prodotti così buoni? Qual è l'origine di quel "Premiata" di cui fregiano la loro ditta? Quali traffici nascondono il giovedì sera? E come si può impedire all'ingenuo Geremia di finire vittima di qualche inganno? Sul loro passato si allungano molte ombre e servirà tutta l'astuzia dei compaesani - ma anche la loro ironia - per evitare guai più seri.

Premiata ditta sorelle Ficcadenti

Vitali Andrea