Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan

Descrizione: Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Categoria:

Editore: Mondadori

Collana: Strade blu

Anno: 2015

ISBN: 9788804653011

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sei la mia vita di Ferzan Ozpetek è una profonda riflessione del regista che qui indossa l’abito dello scrittore in modo naturale, trasfondendo il senso della sceneggiatura in una storia d’amore dalla quale si diramano ricordi (“Perché non andiamo a Venezia, con il primo treno, domani mattina?”) e vicende collaterali (“Vivevo immerso in un mare di storie che chiedevano solo di essere narrate”), nelle quali s’innestano numerosi personaggi.

Il tessuto connettivo della narrazione è un viaggio, che il regista de “Le fate ignoranti” compie con la persona amata. La destinazione è la casa di montagna (“Adesso l’aria pura di montagna ci circonda come un balsamo rigenerante”) ove l’amato ha vissuto da bambino. Durante il viaggio, il compagno è silente e a lui il narratore indirizza il suo racconto nel desiderio ardente di rivelare ogni pagina di un passato che si snoda tra memorie (cit. Simone Signoret: “Non esiste più la nostalgia di una volta”), amori e amicizie, al cospetto di un futuro che aleggia oscuramente nell’abitacolo della vettura.

Scorrono così la solidarietà che nel condominio di via Ostiense (“Quante confessioni, addii, dichiarazioni d’amore e di odio hanno ascoltato le pareti imbiancate a calce della terrazza”) si è instaurata tra inquilini accomunati da esperienze e sorte (“Tra noi, ci chiamiamo le Mummie”), le retrospettive libertarie e naturistiche (“Eravamo come giovani semidei di una civiltà primitiva, splendidi, immortali, e padroni del proprio corpo. Vivevamo allo stato brado, ubbidivamo solo alle leggi universali del piacere”) che nella spiaggia chiamata “Il buco” hanno un teatro naturale, le angosce, le paure e i lutti che l’AIDS seminò negli anni Ottanta (“L’amore che uccide, l’amore che salva… la morte si propagava lungo le stesse vie dell’amore”), le gesta melodrammatiche di una transessuale dal cuore d’oro (Vera, “Una creatura capace di irrompere nelle vite altrui con l’energia di una dea guerriera”), i primi successi nella carriera cinematografica (“Il destino ha tifato per me”), le riflessioni sull’universalità dell’amore e sui pregiudizi che ne ostacolano la libera manifestazione (“Che cosa c’è di più giusto? Perché tutto questo dovrebbe essere negato a chi ha l’unica «colpa» di amare una persona del proprio sesso?”).

In un’opera così concepita non può mancare il colpo di teatro finale, che giunge – presagito da indizi variamente disseminati (“Continuo il mio racconto, perché c’è poco tempo ormai”) – a caricare di tanta umanità gioie e sofferenze di un percorso in saliscendi, delineando una scelta forte e coraggiosa da contrapporre alla tentazione rinunciataria che facilmente può sembrare più allettante di fronte ai duri colpi spesso inferti dalla vita.

Tra frasi d’effetto (“È solo quando riesci a mettere radici in un luogo che puoi davvero andare lontano”), dichiarazioni di principio (“Esistiamo nei ricordi che riusciamo a suscitare negli altri”), intuizioni enunciate a cuore aperto (“È questa la felicità: sentirsi, anima e corpo, in assoluta armonia con l’universo, insieme a chi ami”) e citazioni poetiche (da Pablo Neruda: “Se saprai starmi vicino,/e potremo essere diversi…/Allora sarà amore/E non sarà stato vano aspettarsi tanto”), nell’intensità che sorregge la progressione di una vita ricca di stimoli e di occasioni, “Sei la mia vita” in qualche modo ci riporta implicitamente e vagamente – per assonanza e analogia di temi – alla tragicità delle “Camere separate” di Pier Vittorio Tondelli, mentre sullo sfondo si staglia la figura di un grande regista (“Un altro frequentatore abituale della spiaggia era Pietro Tosi, il costumista preferito di Luchino Visconti…”) che rappresenta un mito per Ozpetek.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ferzan

Ozpetek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ozpetek Ferzan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un’epoca non troppo lontana ci si spostava dal Meridione al Nord in cerca di lavoro. E a lasciare case e famiglie non erano solo ragazzi e uomini pronti all’esperienza e alla vita, ma anche bambini, spesso di meno di dieci anni di età, che partivano da soli, senza genitori e fratelli. Questo romanzo è la storia di uno di loro, Ninetto detto Pelleossa, che da bambino abbandona la Sicilia e si reca a Milano. Come racconta lui stesso, “non è che un picciriddu piglia e parte in quattro e quattro otto. Prima mi hanno fatto venire a schifo tutte cose, ho collezionato litigate, digiuni, giornate di nervi, e solo dopo me ne sono andato via. Era la fine del ’59, avevo nove anni e uno a quell’età preferirebbe sempre il suo paese, anche se è un cesso di paese e niente affatto quello dei balocchi. Ma c’è un limite e quando la miseria ti sembra un cavallone che ti vuole ingoiare è meglio che fai la valigia e fuggi, punto e basta”. Ninetto a Milano scoprirà la vita, e se stesso, come può scoprire le cose un bambino che non capisce più se è “picciriddu” o adulto, e si trova lì nel mezzo, con gli occhi spalancati su un mondo nuovo e sorprendente e il cuore stretto dalla timidezza, dal timore, dall’emozione dell’ignoto.

L’ultimo arrivato

Balzano Marco

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi, Iride, ed. Rubbettino

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi

Ricciardi Jacopo

Sono passati solo due anni, e di tutto ciò che è stata non è rimasto nulla. Lena era brillante, determinata, brava a detta di tutti, curata, buona. Poi nella sua vita era entrato Saverio, e tutto era stato stravolto. Quel ragazzo più giovane, che viveva per essere contro qualsiasi regola, pregiudizio, conformità, l'aveva trasformata. E non erano solo i vestiti, i capelli, le parole. Era lei, le sue sicurezze, il suo amor proprio. Tutto calpestato in nome di un amore che agli occhi di tutti gli altri era solo nella sua testa. Il giorno in cui lui era finito in Arno, dato per disperso prima e per morto poi, qualcosa in Lena si era spento definitivamente. Sono passati due anni, e di Saverio le resta il cane Argo, che ancora la vive come un'usurpatrice, e un senso di vuoto dolente e indistruttibile. La sera in cui trova nella cassetta della posta un cellulare, Lena pensa che si tratti di uno scherzo, oppure di uno sbaglio. Ma bastano pochi minuti per rendersi conto che quell'oggetto può cambiare la sua vita. Perché i messaggi che arrivano, e a cui lei non può rispondere, parlano di cose che solo Saverio può sapere. E quindi è vivo. È tornato. Così, senza che Lena se ne accorga, quell'oggetto diventa l'unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace. Perché se lei farà la brava, lui rientrerà nella sua vita. O questo è ciò che pensa. Almeno fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire. E il gioco si fa sempre più crudele...

Io so chi sei

Barbato Paola

In un sobborgo di Tokyo il giovane Okada Toru ha appena lasciato volontariamente il suo lavoro e si dedica alle faccende di casa. Due episodi apparentemente insignificanti riescono tuttavia a rovesciare la sua vita tranquilla: la scomparsa del suo gatto e la telefonata anonima di una donna dalla voce sensuale. Toru si accorgerà presto che oltre al gatto, a cui la moglie Kumiko è molto affezionata, dovrà cercare Kumiko stessa. Lo spazio limitato del suo quotidiano diventerà il teatro di una ricerca in cui sogni, ricordi e realtà si confondono e che lo porterà a incontrare personaggi sempre più strani: dalla prostituta psicotica alla sedicenne morbosa, dal politico diabolico al vecchio e misterioso veterano di guerra. A poco a poco Toru dovrà risolvere i conflitti della sua vita passata di cui nemmeno sospettava l'esistenza. Un intrigante romanzo che illumina quelle zone d'ombra in cui ognuno nasconde segreti e fragilità.

L’UCCELLO CHE GIRAVA LE VITI DEL MONDO