Narrativa

SENZA LUCE

Bernardi Luigi

Descrizione: Giorni nostri, metà ottobre. In un paese dell’hinterland di Bologna, un anziano squilibrato si mette a sparare dalla finestra, uccide alcune persone e tiene in scacco le forze dell’ordine. A sera inoltrata, la polizia decide di passare al contrattacco e, per disorientare il folle, ordina che venga tolta l’energia elettrica all’intero circondario. In questo quadro – realmente accaduto nel giugno 2005 in un paese dell’Italia settentrionale – si sviluppa la finzione narrativa: cento minuti, quattro storie parallele, tutte segnate dalla mancanza di luce. Mario, un dirigente comunale, cerca di sedurre Federica, sua vicina di appartamento e ausiliaria del 118. A casa del professor Umberto, lui, la moglie e i due figli affrontano l’emergenza facendo un gioco che travolgerà la stessa coesistenza famigliare. Nel bar di Loretta, nella piazza del paese, ci si industria per continuare a giocare a carte e a biliardo, ma presto e in modo del tutto imprevedibile si dipanerà una storia completamente diversa. Intanto, Domenico, uno scrittore solitario, si prepara a realizzare il suo desiderio più oscuro...

Categoria: Narrativa

Editore: Perdisa

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788883721069

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

La luce è andata via improvvisamente e quando Mario (o come diavolo si chiama), l’inquilino del piano di sopra, bussa alla sua porta dicendole di avere una torcia, Federica avanza a tentoni lungo il corridoio e lo lascia entrare.

Umberto, invece, nonostante lo scarso entusiasmo della moglie Giuliana, accende le candele e dà il via ad un gioco con i suoi due figli: “Ognuno di voi pensa alle tre cose più importanti che si sarebbe perduto se in quel momento avessero tolto la luce“.

Anche nel bar di Loretta manca la corrente elettrica, però si continua a bere e giocare a carte, mentre Domenico sembra addirittura ispirato dall’oscurità: “Di sotto una torcia fornisce l’illuminazione sufficiente. Se necessario, ha anche una scorta abbondante di pile. Domenico guarda i pezzi che ha sparso sul tavolo, le mani fremono per ricomporli“.

In “Senza luce” Bernardi racconta quattro storie diverse, ciascuna con i propri protagonisti e le proprie comparse, che finiscono con l’intrecciarsi curiosamente sullo sfondo di un buio cupo, inatteso e prolungato che in alcuni casi terrorizza e in altri incoraggia, che sa nascondere la follia e al tempo stesso rivelarla.

La gamma di emozioni contrastanti che l’autore riesce a farci vivere anche all’interno di uno stesso capitolo, grazie ad un’alternanza sapientemente studiata tra ricordi e stati d’animo, è davvero stupefacente. Inoltre, sebbene le storie procedano in parallelo, il lettore non ha mai la sensazione di perdersi né la tentazione di legarsi all’una piuttosto che all’altra, perché la narrazione è molto rapida e indugia sui particolari solo quel tanto che basta a definire l’universo dei personaggi.

Dal blackout voluto per ragioni di ordine pubblico, che dà origine alle varie vicende, sino alla giostra finale dei colpi di scena, la suspense si mantiene costantemente viva, ma forse il vero punto di forza del romanzo è rappresentato dall’analisi intimistica che intervalla gli eventi, un’analisi profonda che però sa mascherare la propria complessità grazie all’estrema perizia dell’autore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Bernardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bernardi Luigi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In quarant’anni è cambiato tutto. Se una volta nelle audizioni discografiche era bandita la cover di un brano famoso, oggi nei pre-casting dei talent show è proibito eseguire un inedito. Negli anni Settanta gli aspiranti talenti erano musicisti, gruppi e cantautori che si esibivano cantando e suonando brani originali. Nei talent show di oggi si è scelti cantando a cappella, a voce nuda, senza l’utilizzo di strumenti musicali di accompagnamento. Le cover di brani noti sono obbligatorie. Il pop televisivo è ormai l’unico codice riconosciuto dai network generalisti. Attraverso le molteplici esperienze dirette dell’autore, “Talent Shop” racconta la storia dei giovani talenti di ieri e di oggi e le diverse quanto opposte modalità di scouting: dalle audizioni negli uffici discografici negli anni Settanta e Ottanta ai “Karaoke casting” televisivi degli anni Novanta, fino ai grandi raduni di massa dei pre-casting dei talent show odierni. Tra romanzo, autobiografia e saggio, il libro si avvale di numerose testimonianze di autorevoli personaggi del mondo discografico e televisivo come Alberto Fortis, Morgan, Mara Maionchi, Ivan Cattaneo, Karima, Marco Mengoni e tanti altri.

Talent shop

Manfredi Roberto

Tamara nasce in una ricca famiglia di Varsavia – nel 1898, dicono i suoi biografi, ma le date non sono fatte per le signore: Tamara è sempre giovane e sempre moderna, sempre bella e spregiudicata. A nove anni, crea dei fiori finti che vende fuori dalla porta di casa perchè è decisa a mantenersi da sola. Il giorno dopo le nozze con un nobile playboy, si lascia corteggiare da un diplomatico siamese. Incontra Marinetti e decide di andare a bruciare il Louvre. Questi e altri brillanti episodi hanno fatto di Tamara un’icona straordinaria dei ruggenti anni Venti, armata di fascino, pennelli e sigarette: la matita e gli acquarelli di Vanna Vinci ne restituiscono perfettamente l’eleganza sfrontata, la sensualità irrequieta, il talento precoce e inesausto. Una graphic novel interamente dedicata alla romanzesca vicenda di Tamara de Lempicka, protagonista del bel mondo di San Pietroburgo, Parigi, Hollywood, New York, e pittrice talentuosa di inconfondibili figure di donne, ricche, emancipate e malinconiche come lei.

Tamara De Lempicka

Vinci Vanna

Montechiasso è un borgo toscano arroccato sulle colline: nelle giornate di cielo nitido, scarno di nubi e con l'aria frizzante e pulita, si scorgono le vette delle Apuane, il mar Tirreno, le colline Metallifere, gli Appennini tosco-emiliani, il Casentino. Lì vive Sara, diciannove anni, figlia di Attilio, un tempo militante comunista nonché voce e chitarra del gruppo rock I Timidi. Ma a Montechiasso sono arrivati anche nuovi abitanti: per esempio il suo amico Averroè, giovane promessa dell'atletica nonché figlio dell'imam. Tutto sembra andare per il meglio, finché non arriva la notizia bomba: nel paese verrà costruita una gigantesca moschea, un'astronave aliena edificata tra le vigne e i campanili. Verranno tutti coinvolti in una discussione che rischia di degenerare, tra razzismi e idealismi, solidarietà e diffidenze: anziani con il pannolone e casalinghe disperate, preti troppo intraprendenti e affaristi senza scrupoli, politicanti di provincia e giornalisti ficcanaso, vecchi militanti e giovani rampanti, sciampiste pettegole e commesse della Coop.

Le querce non fanno limoni

Calamini Cosimo

Secondo incontro del Circolo de i-LIBRI