Narrativa

SENZA PERDONO

Thiesler Sabine

Descrizione: Magda Tiller era una moglie felice. Ora non più. Suo marito l’ha tradita e deve pagare il suo tradimento. Nella villa isolata nella campagna toscana dove i due coniugi trascorrono da anni le vacanze, non è difficile commettere un crimine senza essere visti. E nascondere un cadavere… Magda ha pianificato tutto nei minimi dettagli. Finché un piccolo granello non inceppa la catena perfetta delle sue azioni…

Categoria: Narrativa

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2012

ISBN: 9788863800524

Trama

Le Vostre recensioni

Jonathan è un uomo al quale il destino sembra aver riservato molte fortune.

E’ un fotografo di successo, ricco e appagato, e la moglie Jana è una prima ballerina che incanta i teatri di tutta la Germania condividendo con lui l’ebbrezza di una vita perfetta.

L’esistenza ha però dimensioni più profonde e imperscrutabili del quotidiano piacere di un salotto ben arredato, e una rimescolata di carte da parte del destino trascinerà Jonathan sul fondo. L’incidente mortale che gli strapperà via l’adorata figlia Giselle cancellerà ogni legame con l’equilibrato benessere del suo passato, e gli farà perdere –insieme all’amore della sua vita- anche il contatto con la realtà.

Incapace di superare il lutto per la morte di Giselle, Jonathan abbandonerà tutto e tutti per fuggire in Toscana, dove proverà a cancellare con un colpo di spugna la dolorosa macchia del suo passato, e darà inizio a una nuova vita con Sofia. Ma ci sono dolori che aprono un baratro troppo grande dal quale sfuggire, e il desiderio di trovare vendetta avrà una voce troppo amata per riuscire a resisterle…

“O Fortuna, velut Luna”, dicevano i Carmina Burana: “O sorte, simile alla luna”, perché il caso ci tiene tra le sue mani, e a suo piacimento le stringe o ci lascia andare, con i cambiamenti continui e capricciosi di un astro che talvolta appare e talvolta si nasconde nell’oscurità del cielo.

Sabine Thiesler questo sembra saperlo profondamente, perché ci regala una vicenda complicata e terribile come solo la realtà sa essere, in cui ognuno dei molti personaggi porta con sé il proprio carico di sofferenze e segreti, e si muove perché spinta dalla forza dell’inevitabilità dei grandi sentimenti.

E in “Senza perdono”, di grandi sentimenti ce ne sono molti.

Innanzi tutto amore, di quello tiepido che Jonathan prova per la moglie Jana e che gli consente di mantenersi in equilibrio sulla realtà, di vivere la tanto agognata vita perfetta, socialmente composta, che tutti gli invidiano. Ma soprattutto amore viscerale per la figlia Giselle, quel genere di amore che quando ti viene strappato porta con sé tutto, ogni altra ragione di vita, ogni forma di senno, ogni vittoria faticosamente costruita. Ogni altra bellezza.

E poi terrore, sgomento, rabbia, odio.

Si trascinò fuori come un vecchio, senza sapere cosa fare del proprio odio.”, si dirà ad un certo punto della storia, quando Jonathan vivrà il culmine del suo dolore, quasi come se l’odio fosse il nero dei sentimenti, quel sentimento che racchiude ogni altro, capace di scolorire con il tempo e di declinarsi in altre forme che già conteneva tutte in sé, mescolate le une alle altre. Capace di trascendere anche nell’ostinata follia di una vendetta.

Nella convinzione di potersi liberare dai propri sentimenti il protagonista si allontanerà fisicamente dalla sua vecchia vita, dall’amata Berlino, da una moglie ormai estranea alla sua interiorità, dal suo vissuto. Eppure non siamo padroni di decidere quando chiudere il conto con il passato, e questo potrà ripresentarsi al nostro portone a chiedere udienza finché ne avrà voglia, anche per sempre.

A fare da sfondo alle umane passioni, poi, una Toscana alla quale indifferente bellezza la Thiesler –con descrizioni delicate e suggestive – rende tributo, regalando per un attimo al protagonista la speranza di un posto colmo di calore nel quale ricominciare. Perché “La vita sa essere davvero semplice”, a volte. Ma anche mutevole e capricciosa come la Luna.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sabine

Thiesler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thiesler Sabine

30 kg

Bravo Simona

Se il giallo all’inglese l’avessero inventato i ferraresi, probabilmente assomiglierebbe a questo. Una vicenda ironica e delittuosa che intende sottolineare un fatto: in provincia non si crepa solo di noia. E poco importa se l’investigatore non porta il trench e se il suo braccio destro ha quattro zampe: a volte le cose serie richiedono improvvisazione e senso dell’umorismo. Sullo sfondo di una Ferrara in festa, un killer, sfigato ma con tanta buona volontà, appende per il collo un losco individuo, proprio lì, nella libreria del centro. Così, a suon di vittime, la vicenda ci condurrà a spasso per Ferrara, in compagnia di un fotografo della Scientifica costretto a riallacciare i contatti col parentado ferrarese: solo scoprendo l’autore di quell’omicidio, e di quelli che seguiranno, potrà salvare il buon nome dei suoi familiari, presunti colpevoli di una faida libresca. Tra gare di sbandieratori e aperitivi, dalla Ferrara da bere a quella dei sobborghi, dalla Caritas locale alla Sacca di Goro, l’ambientazione reale e i nomi – storpiati ma non troppo – di alcune location permetteranno al lettore di passeggiare, e investigare, assieme ai protagonisti. E poi gattare, poliziotti imbranati, un commissario privo di scrupoli e dalle pessime maniere, ragazze in abiti succinti e indizi che rimandano ai personaggi delle fiabe. Un giallo all’inglese in salsa ferrarese che vuole essere un omaggio a Ferrara e alla ferraresità dei suoi abitanti.

Giallo di zucca

Converti Gaia

Ellie è la migliore cacciatrice di vampiri di New York, perché possiede il dono innato di «fiutare» la brama di sangue. Ma ora persino lei si trova in difficoltà: deve infatti neutralizzare Uram, un arcangelo che si è trasformato in un efferato assassino. Una missione praticamente impossibile, cui lei però non può sfuggire. Perché le è stato affidato da Raphael, l’affascinante arcangelo della città, uno degli immortali più potenti della Terra. Che vuole Ellie anche come sua nuova amante…

IL PROFUMO DEL SANGUE

Singh Nalini

A parte la bravura come immobiliarista, Nikla Poggiardo è odiosa nell'insofferenza verso i bambini, autolesionista nell'ingozzarsi fino al vomito, inadeguata nella scelta scellerata del compagno di vita, il plurimaritato notaio Cesare de Nistris, con il quale intrattiene rapporti intimi, dapprima incandescenti, poi via via sempre più degradanti. Vittima di un abuso che la lascia tramortita, fugge da Roma verso il Salento. Ma anche qui, nella terra natia, i demoni che la perseguitano non le danno tregua. Dopo svariate peripezie, sarà l'avventura con un uomo rozzo e volgare a segnare per Nikla un prima e un dopo, lasciandola alla deriva con un regalo avvelenato. Qualcosa di così inaspettato da costringerla a ribaltare, tra rabbia e sbalordimenti, l'intera sua esistenza.

Graffio

Rosenfeld Tessa