Narrativa

SENZA PERDONO

Thiesler Sabine

Descrizione: Magda Tiller era una moglie felice. Ora non più. Suo marito l’ha tradita e deve pagare il suo tradimento. Nella villa isolata nella campagna toscana dove i due coniugi trascorrono da anni le vacanze, non è difficile commettere un crimine senza essere visti. E nascondere un cadavere… Magda ha pianificato tutto nei minimi dettagli. Finché un piccolo granello non inceppa la catena perfetta delle sue azioni…

Categoria: Narrativa

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2012

ISBN: 9788863800524

Trama

Le Vostre recensioni

Jonathan è un uomo al quale il destino sembra aver riservato molte fortune.

E’ un fotografo di successo, ricco e appagato, e la moglie Jana è una prima ballerina che incanta i teatri di tutta la Germania condividendo con lui l’ebbrezza di una vita perfetta.

L’esistenza ha però dimensioni più profonde e imperscrutabili del quotidiano piacere di un salotto ben arredato, e una rimescolata di carte da parte del destino trascinerà Jonathan sul fondo. L’incidente mortale che gli strapperà via l’adorata figlia Giselle cancellerà ogni legame con l’equilibrato benessere del suo passato, e gli farà perdere –insieme all’amore della sua vita- anche il contatto con la realtà.

Incapace di superare il lutto per la morte di Giselle, Jonathan abbandonerà tutto e tutti per fuggire in Toscana, dove proverà a cancellare con un colpo di spugna la dolorosa macchia del suo passato, e darà inizio a una nuova vita con Sofia. Ma ci sono dolori che aprono un baratro troppo grande dal quale sfuggire, e il desiderio di trovare vendetta avrà una voce troppo amata per riuscire a resisterle…

“O Fortuna, velut Luna”, dicevano i Carmina Burana: “O sorte, simile alla luna”, perché il caso ci tiene tra le sue mani, e a suo piacimento le stringe o ci lascia andare, con i cambiamenti continui e capricciosi di un astro che talvolta appare e talvolta si nasconde nell’oscurità del cielo.

Sabine Thiesler questo sembra saperlo profondamente, perché ci regala una vicenda complicata e terribile come solo la realtà sa essere, in cui ognuno dei molti personaggi porta con sé il proprio carico di sofferenze e segreti, e si muove perché spinta dalla forza dell’inevitabilità dei grandi sentimenti.

E in “Senza perdono”, di grandi sentimenti ce ne sono molti.

Innanzi tutto amore, di quello tiepido che Jonathan prova per la moglie Jana e che gli consente di mantenersi in equilibrio sulla realtà, di vivere la tanto agognata vita perfetta, socialmente composta, che tutti gli invidiano. Ma soprattutto amore viscerale per la figlia Giselle, quel genere di amore che quando ti viene strappato porta con sé tutto, ogni altra ragione di vita, ogni forma di senno, ogni vittoria faticosamente costruita. Ogni altra bellezza.

E poi terrore, sgomento, rabbia, odio.

Si trascinò fuori come un vecchio, senza sapere cosa fare del proprio odio.”, si dirà ad un certo punto della storia, quando Jonathan vivrà il culmine del suo dolore, quasi come se l’odio fosse il nero dei sentimenti, quel sentimento che racchiude ogni altro, capace di scolorire con il tempo e di declinarsi in altre forme che già conteneva tutte in sé, mescolate le une alle altre. Capace di trascendere anche nell’ostinata follia di una vendetta.

Nella convinzione di potersi liberare dai propri sentimenti il protagonista si allontanerà fisicamente dalla sua vecchia vita, dall’amata Berlino, da una moglie ormai estranea alla sua interiorità, dal suo vissuto. Eppure non siamo padroni di decidere quando chiudere il conto con il passato, e questo potrà ripresentarsi al nostro portone a chiedere udienza finché ne avrà voglia, anche per sempre.

A fare da sfondo alle umane passioni, poi, una Toscana alla quale indifferente bellezza la Thiesler –con descrizioni delicate e suggestive – rende tributo, regalando per un attimo al protagonista la speranza di un posto colmo di calore nel quale ricominciare. Perché “La vita sa essere davvero semplice”, a volte. Ma anche mutevole e capricciosa come la Luna.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sabine

Thiesler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thiesler Sabine


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

THE TWILIGHT SAGA

Meyer Stephenie

Il giovane Simon vive come un animale ai margini di un bosco preistorico eppure futuribile. Ci vive con il Polacco che dovrebbe essere suo padre. Dopo visite di misteriosi militari, si mette in viaggio per la Capitale al seguito del Polacco, il folle eroe di guerra chiamato a compiere un'oscura missione urbanistica e militare. Nella grande città, la vita di Simon diventa un incubo di lavoro inutile, burocrazia tumorale e sanità alienata. Il risveglio arriverà all'improvviso, sull'orlo di un riscatto mai immaginato.

Genesi 3.0

Calvisi Angelo

Ci sono bar e bar e poi c’è il Bar Sport che tutti li accomuna e li fonde in un solo paradigmatico universo, in una sola grande scena di umanità raccolta sotto la fraterna insegna come intorno a un fuoco, intorno al calore di un’identità minacciata. Stefano Benni, con il suo Bar Sport, ha aperto la porta su un mondo che per tutti è diventato un luogo, anzi il luogo familiare per eccellenza. Il Bar Sport è quello dove non può mancare un flipper, un telefono a gettoni e soprattutto la "Luisona", la brioche paleolitica condannata a un’esposizione perenne in perenne attesa del suo consumatore. Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (proprio così, con due n) che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare. Nel Bar Sport fioriscono le leggende, quella del Piva (calciatore dal tiro portentoso), del Cenerutolo (il lavapiatti che sogna di fare il cameriere) e delle allucinazioni estive. Vagando e divagando Benni ha scritto la sua piccola commedia umana, a cui presto aggiungerà un nuovo capitolo. Ebbene sì, Bar Sport è vivo, è ancora vivo.

BAR SPORT

Benni Stefano

Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto