Narrativa

SENZA PERDONO

Thiesler Sabine

Descrizione: Magda Tiller era una moglie felice. Ora non più. Suo marito l’ha tradita e deve pagare il suo tradimento. Nella villa isolata nella campagna toscana dove i due coniugi trascorrono da anni le vacanze, non è difficile commettere un crimine senza essere visti. E nascondere un cadavere… Magda ha pianificato tutto nei minimi dettagli. Finché un piccolo granello non inceppa la catena perfetta delle sue azioni…

Categoria: Narrativa

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2012

ISBN: 9788863800524

Trama

Le Vostre recensioni

Jonathan è un uomo al quale il destino sembra aver riservato molte fortune.

E’ un fotografo di successo, ricco e appagato, e la moglie Jana è una prima ballerina che incanta i teatri di tutta la Germania condividendo con lui l’ebbrezza di una vita perfetta.

L’esistenza ha però dimensioni più profonde e imperscrutabili del quotidiano piacere di un salotto ben arredato, e una rimescolata di carte da parte del destino trascinerà Jonathan sul fondo. L’incidente mortale che gli strapperà via l’adorata figlia Giselle cancellerà ogni legame con l’equilibrato benessere del suo passato, e gli farà perdere –insieme all’amore della sua vita- anche il contatto con la realtà.

Incapace di superare il lutto per la morte di Giselle, Jonathan abbandonerà tutto e tutti per fuggire in Toscana, dove proverà a cancellare con un colpo di spugna la dolorosa macchia del suo passato, e darà inizio a una nuova vita con Sofia. Ma ci sono dolori che aprono un baratro troppo grande dal quale sfuggire, e il desiderio di trovare vendetta avrà una voce troppo amata per riuscire a resisterle…

“O Fortuna, velut Luna”, dicevano i Carmina Burana: “O sorte, simile alla luna”, perché il caso ci tiene tra le sue mani, e a suo piacimento le stringe o ci lascia andare, con i cambiamenti continui e capricciosi di un astro che talvolta appare e talvolta si nasconde nell’oscurità del cielo.

Sabine Thiesler questo sembra saperlo profondamente, perché ci regala una vicenda complicata e terribile come solo la realtà sa essere, in cui ognuno dei molti personaggi porta con sé il proprio carico di sofferenze e segreti, e si muove perché spinta dalla forza dell’inevitabilità dei grandi sentimenti.

E in “Senza perdono”, di grandi sentimenti ce ne sono molti.

Innanzi tutto amore, di quello tiepido che Jonathan prova per la moglie Jana e che gli consente di mantenersi in equilibrio sulla realtà, di vivere la tanto agognata vita perfetta, socialmente composta, che tutti gli invidiano. Ma soprattutto amore viscerale per la figlia Giselle, quel genere di amore che quando ti viene strappato porta con sé tutto, ogni altra ragione di vita, ogni forma di senno, ogni vittoria faticosamente costruita. Ogni altra bellezza.

E poi terrore, sgomento, rabbia, odio.

Si trascinò fuori come un vecchio, senza sapere cosa fare del proprio odio.”, si dirà ad un certo punto della storia, quando Jonathan vivrà il culmine del suo dolore, quasi come se l’odio fosse il nero dei sentimenti, quel sentimento che racchiude ogni altro, capace di scolorire con il tempo e di declinarsi in altre forme che già conteneva tutte in sé, mescolate le une alle altre. Capace di trascendere anche nell’ostinata follia di una vendetta.

Nella convinzione di potersi liberare dai propri sentimenti il protagonista si allontanerà fisicamente dalla sua vecchia vita, dall’amata Berlino, da una moglie ormai estranea alla sua interiorità, dal suo vissuto. Eppure non siamo padroni di decidere quando chiudere il conto con il passato, e questo potrà ripresentarsi al nostro portone a chiedere udienza finché ne avrà voglia, anche per sempre.

A fare da sfondo alle umane passioni, poi, una Toscana alla quale indifferente bellezza la Thiesler –con descrizioni delicate e suggestive – rende tributo, regalando per un attimo al protagonista la speranza di un posto colmo di calore nel quale ricominciare. Perché “La vita sa essere davvero semplice”, a volte. Ma anche mutevole e capricciosa come la Luna.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sabine

Thiesler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thiesler Sabine


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"In bilico. Storie di animali terrestri" contiene dodici racconti inediti. Questi nuovi racconti italiani, scritti da autori nati tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, descrivono la realtà del nostro paese, tra speranze, desideri, tra crisi del lavoro e volontà di cambiamento, in cerca di un nuovo possibile destino. Con racconti di: Paolo Colavero, Gianluca Conte, Luigi De Gregorio, Marco Goi, Belisario Laveneziana, Angela Leucci, Valentina Luberto, Paolo Merenda, Antonio Montefusco, Annarita Pavone, Marina Piconese.

In bilico. Storie di animali terrestri

Autori Vari

A Fercolo, piccolo centro dell’entroterra calabrese, vive l’umanità del romanzo. Un’umanità complessa e dolorosa, caratterizzata da situazioni irrisolte e trasversali nell’incertezza dei rapporti. Un professore precario, un politico navigato, una prostituta, un ragazzino alla ricerca del vero padre, due studenti dagli opposti destini, un maresciallo a caccia di un omicida. Un viaggio in pulmino, tra strade e paesi di Calabria, una terra con le sue smemoratezze, “i suoi caratteri, il rammarico profondo per tutto quello che potrebbe essere e non è.” Un viaggio che, seppur breve, rimescola le carte e i rapporti, rimette in discussione le singole vite, stravolgendole: dopo non sarà più come prima. Vicende umane, tra derive e riscatti, paesaggi del cuore e di una regione che, aspra e dura, cerca tenerezza. Prefazione di Pino Aprile.

L’assenza che volevo

Talarico Olimpio

Quando, puntando il telescopio contro il cielo, Galileo Galilei edificava le basi della teoria destinata a rivoluzionare il modo di concepire l’universo, l’astronomo sapeva che, per affermare la sua dignità di uomo di scienza, avrebbe dovuto fronteggiare i pregiudizi di una vetusta tradizione e i minacciosi strali della Chiesa, ancora convinta di poter dominare la sete di sapere con le torture e i roghi accesi dalla Santa Inquisizione. Gli strali della Curia romana, insieme allo zelo oscurantista dei gesuiti, rivivono nel grande romanzo di Jacob Popper: ricostruzione quanto mai avvincente e accurata degli uomini che, nel clima arroventato del Diciassettesimo secolo, opposero la loro stessa vita alla feroce politica dei tribunali della fede, acerrimi nemici di ogni cambiamento. In un affresco costruito con rara sapienza, tra le pagine di “Ereticus” sfilano, insieme a Galileo Galilei, Marina, la concubina dell’astronomo, Simon Marius, l’alchimista e fra’ Paolo Sarpi, il monaco scettico. Mentre le figure di Filippo Salviati, scienziato progressista, e Giovan Francesco Sagredo, nobile veneziano di idee illuminate, danno un corpo e un’anima alle voci contenute nel “Dialogo su i massimi sistemi”, il libro di Galileo messo all’indice nel 1633, la furia del papato irrompe sulla nuova scienza. E se gli irrequieti studenti di Padova sono pronti persino a sguainare la spada per difendere la concezione copernicana della Terra, Galileo resta solo con la sua ultima profezia, alla ricerca di una verità nemica di ogni dogma, eternamente straniera ad ogni scuola di pensiero e a qualunque confessione religiosa.

Ereticus

Popper Jacob

Questo romanzo comincia il 6 luglio 777 in un'abbazia sull'isola di Vectis (Inghilterra), quando il piccolo Octavus, accolto dai monaci per pietà, prende una pergamena e comincia a scrivere un'interminabile serie di nomi affiancati da numeri. Un elenco enigmatico e inquietante. Questo romanzo comincia il 12 febbraio 1947, a Londra, quando Winston Churchill prende una decisione che peserà sulla sua coscienza sino alla fine dei suoi giorni. Una decisione atroce ma necessaria. Questo romanzo comincia il 28 marzo 1949, a Washington, quando Harry Truman, il presidente della prima bomba atomica, scopre un segreto che, se divulgato, scatenerebbe il panico nel mondo intero. Un segreto lontano e vicinissimo. Questo romanzo comincia il 22 maggio 2009, a New York, quando il giovane avvocato David Swisher riceve una cartolina su cui ci sono una bara e la data di quel giorno. Poco dopo, muore. E la stessa cosa succede ad altre cinque persone. Un destino crudele e imprevedibile. Questo romanzo è cominciato e forse tutti noi ci siamo dentro, anche se non lo sappiamo.

LA BIBLIOTECA DEI MORTI

Cooper Glenn