Narrativa

Serotonina

Hoellebecq Michel

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2019

ISBN: 9788893447393

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Serotonina di Michel Houellebecq

I romanzi di Michel Houellebecq si caratterizzano nel contestualizzare il disagio esistenziale dell’uomo contemporaneo tra i cambiamenti epocali in atto: il progresso scientifico e il neopositivismo filosofico a fronte del fallimento dei movimenti intellettuali e sociali del XX secolo ne Le particelle elementari, la progressiva islamizzazione in Sottomissione.

L’attesissimo Serotonina si concentra sul disagio individuale (“Morire di tristezza è una cosa che esiste, ha un senso?”), mentre l’analisi sociologica rimane sullo sfondo di una società condannata alla progressiva pauperizzazione, tipicamente nel comparto agricolo.

Il protagonista Florent è un quarantaseienne (“Nerval… si era impiccato proprio a quarantasei anni, e anche Baudelaire era morto a quell’età, non è un’età facile”) in crisi d’identità sentimentale  (con la giapponese Yuzu: “La nostra coppia era in fase terminale. Non c’era più niente che potesse salvarla…”) e professionale (“Il mio lavoro al ministero dell’Agricoltura mi aveva stufato più o meno quanto la mia compagna giapponese”): fronteggia il malessere ricorrendo a un farmaco (“Gli effetti secondari indesiderabili del Captorix riscontrati più spesso erano la nausea, la scomparsa della libido, l’impotenza”).

Decide di troncare la relazione in corso e di sparire (“Ogni anno, in Francia, più di dodicimila persone decidevano di sparire”). Si rifugia prima in un albergo parigino, l’hotel Mercure, poi dall’amico Haymeric d’Harcourt nella Svizzera normanna. Nell’atmosfera oceanica della Normandia  (ove si pratica il “fenomeno della pesca a piedi”), la depressione viene esasperata nel contatto con le difficoltà degli agricoltori, delle quali lui – ex funzionario del Ministero dell’Agricoltura – si sente in qualche modo responsabile (“Il mio fallimento nella promozione dell’esportazione dei formaggi della Normandia”).

Con la tentazione strisciante del suicidio (“Gli dissi che avevo voglia di imparare a sparare”), Florent si cimenta con le armi (“Pensai ai bersagli mobili, sulla spiaggia ce n’erano tanti, i più evidenti erano gli uccelli di mare”) e il romanzo si tinge di noir quando – tra Putange e Falaise – il protagonista rintraccia Camille (“La nostra storia durò poco più di cinque anni, cinque anni di felicità è già un bel risultato”), l’antico amore della sua vita  (“Il mondo esterno era duro, spietato con i deboli, non manteneva quasi mai le promesse, e l’amore restava l’unica cosa in cui si potesse ancora, forse, avere fiducia”): pedina la donna (“Stavo probabilmente cercando… di organizzare un minicerimoniale di addio intorno alla mia libido”), pericolosamente la spia e pensa di riallacciare con lei il rapporto, ma è in preda alla follia e alla consunzione nevrotica (“La prima azione di un mammifero maschio, quando conquista una femmina, consiste nel distruggere ogni prole precedente, al fine di garantire la preminenza del proprio genotipo”).

Al di là dei soliti passaggi brutali, sessisti  (“Femminicidio… faceva pensare a insetticida o a ratticida. In ogni caso, diciassette anni mi sembravano tanti”) e maniacali (ma Houellebecq pensa davvero che le gang bande e la zoofilia costituiscano elementi di scandalo che possono fare la fortuna di un romanzo? Oramai dovrebbe fare scalpore soltanto un romanzo che se ne privo in modo assoluto…) il vero tema interessante del romanzo è l’applicazione della teoria freudiana all’analisi socio-individuale: l’uomo (dedito al fumo, all’alcol e all’assunzione di psicofarmaci –  “Il Captorix mi era d’aiuto, era innegabile, le mie dosi quotidiane di alcol restavano moderate”) e la società contemporanea sarebbero regrediti alla fase orale (“L’Occidente regrediva allo stadio orale”). In tale contesto “i ricordi tornavano senza tregua, a ucciderti non è il futuro bensì il passato”…

“Oggi capisco il punto di vista del Cristo, il suo ripetuto irritarsi di fronte all’insensibilità dei cuori… È proprio necessario, per giunta, che dia la mia vita per quei miserabili? È proprio necessario essere così esplicito? Parrebbe di sì

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michel

Hoellebecq

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hoellebecq Michel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

C'è una scena de Il posto delle fragole di Bergman in cui la mente del protagonista è attraversata da un'immagine del passato: il padre e la madre che pescano in un lago. Che cosa significa quest'immagine circonfusa di una bianca luminosità irreale? Che il passato è irrimediabilmente presente, risponde La Capria. Questo è solo uno dei nuclei tematici, dei tanti significati di un libro semplice e complesso, colloquiale e profondo, godibile da leggere e difficile da definire. Che cos'è allora L'estro quotidiano? È apparentemente un diario, un libro d'ore, delle "ore che restano" dopo il compimento dell'ottantesimo anno. È un libro di saggezza, ma scritto da un uomo che non ha mai voluto essere saggio e fa davvero fatica a vedersi nel ruolo dell'ottantenne perché si sente ancora un ragazzo. È un libro pieno di indimenticabili ritratti di amici, di uomini e di donne che non ci sono più, e quindi parla molto della morte, ma lo fa quasi "per esorcismo e con poca vera convinzione", con humour e allegria.

L’estro quotidiano

La Capria Raffaele

Il cavaliere inesistente

Calvino Italo

Cos'hanno in comune gli atti con le azioni? Esistono atti inediti, mai compiuti, che possono divenire autentici mezzi di liberazione e disturbo del "quieto" vivere? E cosa possiamo imparare dagli animali per cambiare lo stato di cose presente? Dal punto di vista della società-grattacielo, le risposte a queste domande dovranno essere qualcosa d'inaccettabile. D'intollerabile, anche solo per un attimo. Quando saranno tollerabili, ecco la filosofia d'accademia, "di cani abbaianti in una cuccia sordomuta, ignoranti allo sbaraglio". La filosofia non cerca soluzioni, ma problemi. Non può prestarsi alla perversione della cura: resta per sua stessa essenza diagnosi.

Flatus vocis

Caffo Leonardo