Saggi

Sette lezioni sul pensiero globale

Morin Edgar

Descrizione: Le nostre conoscenze sull’umano, sulla vita, sull’universo, sono in piena espansione. Sono anche separate e disperse. Come legarle fra loro? Come affrontare problemi che sono nello stesso tempo complessi e vitali? La risposta di Edgar Morin è luminosa di intelligenza e accessibile a tutti. L’autore ci invita a “pensare globale”, cioè a considerare l’umanità nella sua natura “trinitaria”, poiché ciascuno è nello stesso tempo un individuo, un essere sociale e una parte della specie umana. L’umanità è trascinata nella corsa sfrenata della mondializzazione: la riflessione di Morin ci propone di scrutare il suo futuro senza cedere alla facilità dei luoghi comuni né alle ingiunzioni dell’attualità.

Categoria: Saggi

Editore: Raffaello Cortina

Collana: Temi

Anno: 2016

ISBN: 9788860308665

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Edgar Morin, Sette lezioni sul pensiero globale

“Ma oggi, nella nostra conoscenza e nel nostro insegnamento, l’umano è occultato, ignorato, dimenticato nella sua unità e nella sua diversità.”

Oggi più che in altre epoche, siamo cittadini di un mondo complesso, articolato, schiavo di sé stesso ma in continua, avida avanzata senza ormai un futuro certo, ben definito. Siamo chiamati a vivere, a relazionarci, a fare politica, a gestire un pianeta che, per dirla con Moravia, non ha più come fine l’umanità né il suo benessere. Proprio oggi e nella nostra società, dunque, una domanda tanto profonda e articolata, quanto semplice e disinteressata, acquista un valore davvero portante e fondamentale: cosa significa essere uomo? E ancora: cosa significa agire, muoversi, pensare, in una sola parola vivere oggi nel nostro mondo? È proprio il celebre sociologo e filosofo francese Edgar Morin a fornirci una prospettiva, una visione che parte dall’uomo, ma inevitabilmente si estende alla sua globalità e universalità, con Sette lezioni sul pensiero globale. Perché studiamo fin dai primi anni d’istruzione l’uomo, animale complesso e mai del tutto definibile, in tre sfere ben distinte e poco collegabili date dalla biologia, dalla sociologia e dall’antropologia? E perché, per quanto gli studi biologici e scientifici procedano senza alcun arresto, non si riesce ancora a comprendere e a spiegare appieno e in maniera soddisfacente l’uomo in ogni aspetto dell’agire nel mondo, del relazionarsi con altri uomini, del provare sentimenti devastanti e irrazionali? Deliziosa dialettica fra prosa e poesia della vita, l’una compie l’animale uomo, l’altra l’uomo umano.
Viviamo oggi in un momento che è insieme statico e di passaggio, putrido e metamorfico, difficilmente afferrabile e deducibile dall’interno. I fenomeni di mondializzazione e globalizzazione, legati insieme ma distinti e affondanti le radici nella preistoria, vengono qui analizzati e, per certi aspetti, spogliati dalle accezioni negative: la nostra vita è nel mondo, e il mondo costituisce la nostra vita; la crescita, per essere davvero positiva, deve procedere in parallelo sia sul piano globale, sia sul piano individuale. Dobbiamo inoltre comprendere che la proiezione verso il futuro non è più la stessa: il futuro che abbiamo ricevuto in eredità dalla modernità è definitivamente morto e il progresso non costituisce più la nostra speranza. L’uomo, per di più, è ormai totalmente immerso e pervaso dal concetto di trans-umanità, ossia dell’avvento e della fusione definitiva della tecnologia nell’esperienza umana. Cosa ne sarà di noi e della nostra umanità? Forse la nostra è solo un’epoca buia, la preistoria di un’altra umanità in arrivo, imminente, sempre più presente: forse «viviamo l’inizio di un inizio». E tanto basta.

È un libro breve, essenziale, in cui il superfluo e l’esemplificazione sono lasciati da parte, inutile fardello del pensiero, per far posto a una scrittura chiara, leggibile, che mostra una reale visione d’insieme fra il passato e la nostra esperienza quotidiana, anche proiettata verso il futuro. Leggere, appassionarsi, capire diviene qui, oltre che un piacere, anche un imprescindibile dovere morale che abbiamo nei confronti dell’umanità, della nostra civiltà. L’uomo è e resta uomo nel corso della storia: ma cosa succede se più sistemi complessi, universali, si avvicinano per unirsi inscindibilmente? L’uomo resta uomo, è vero, ma il pensiero ha sempre più l’obbligo di divenire complexus, ossia legato, contestualizzato, in grado di comprendere davvero cosa il mondo stesso cerca di comunicarci senza tregua: un pensiero, dunque, che ha sempre di più l’obbligo di divenire globale.

Luigi Bianco

_____________________________________________________

Qui trovate il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Edgar

Morin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morin Edgar


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando, nel 1925, Virginia Woolf si accinse a scrivere Gita al Faro era decisamente giunta alla soglia della maturità artistica: in questa sua opera riuscì infatti mirabilmente a mostrare il suo sapiente dominio delle possibilità del monologo interiore e la straordinaria capacità di muoversi liberamente tra il flusso delle coscienze dei personaggi. Con tutta la sua avvolgente bellezza, questo romanzo è una commossa elegia all'Assenza: assenza innanzitutto della madre, morta quando la Woolf aveva solo tredici anni, lasciandole un vuoto incolmabile. Ed è proprio tale immagine cara a legare le diverse solitudini dei protagonisti di questa rievocazione corale, tutti chiusi in un proprio mondo isolato da cui è difficile comunicare. Fluido e ritmato come il mare sotto il raggio ora breve ora lungo del Faro che fende l' oscurità della notte, il romanzo si impone al lettore con la forza della memoria, il fascino del ricordo, la voce struggente della nostalgia.

Gita al faro

Woolf Virginia

Calabretto ricostruisce L’Histoire du soldat

Dieci minuti al giorno. Tutti i giorni. Per un mese. Dieci minuti per fare una cosa nuova, mai fatta prima. Dieci minuti fuori dai soliti schemi. Per smettere di avere paura. E tornare a vivere. Tutto quello con cui Chiara era abituata a identificare la sua vita non esiste più. Perché, a volte, capita. Capita che il tuo compagno di sempre ti abbandoni. Che tu debba lasciare la casa in cui sei cresciuto. Che il tuo lavoro venga affidato a un altro. Che cosa si fa, allora? Rudolf Steiner non ha dubbi: si gioca. Chiara non ha niente da perdere, e ci prova. Per un mese intero, ogni giorno, per almeno dieci minuti, decide di fare una cosa nuova, mai fatta prima. Lei che è incapace anche solo di avvicinarsi ai fornelli, cucina dei pancake, cammina di spalle per la città, balla l'hip-hop, ascolta i problemi di sua madre, consegna il cellulare a uno sconosciuto. Di dieci minuti in dieci minuti, arriva così ad accogliere realtà che non avrebbe mai immaginato e che la porteranno a scelte sorprendenti. Da cui ricominciare. Con la profonda originalità che la contraddistingue, Chiara Gamberale racconta quanto il cambiamento sia spaventoso, ma necessario. E dimostra come, un minuto per volta, sia possibile tornare a vivere.

Per dieci minuti

Gamberale Chiara

Aprire un cassetto, una scatolina rossa, una bella cassapanca coi piedi di leone, un'angoliera - tutti oggetti che stavano nella vecchia casa di famiglia - e trovarci dentro "un richiamo come all'indietro". Un richiamo a un passato ricevuto in eredità ma di cui il cinquantenne Ugo ha solo pochi ricordi: la casa di Guzzano, un tempo piena di vita ma già vuota dopo la sua nascita, già solamente casa di vacanze, e poi la zia Bruna, la zia Maria, la zia Fila, il nonno, lo zio Renato, lo zio Arrigo... Di fronte a questo vuoto, a questo buco impossibile da riempire ma che è ormai necessario attraversare, Ugo non può che inventarsi il proprio modo per creare "un piccolo centro d'ordine in mezzo alle forze del caos". E il modo che si inventa è raccontare. Allora ecco che dal passato sorgono frammenti, piccole avventure, le corse in macchina con il nonno, l'aia di notte, il favo dei calabroni nel sottotetto, l'amore alla falsa diga del Limentra, visi in penombra, frasi che ritornano, che non si è mai finito, sembra ieri, forza e coraggio. Ma soprattutto emozioni, piccole angosce, malinconie, un po' di sollievo. Sennonché chi racconta ha l'abitudine di evitare, di scantonare, di "slaterare", perciò alle emozioni sigillate dentro a quei cassetti antichi arriva piano e slaterando, appunto, parlando di chi ha conosciuto appena per arrivare infine alla perdita dei genitori: allo smantellamento degli affetti più cari.

Buchi

Cornia Ugo