Letteratura femminile

LA SETTIMA NOTTE

Reyes Alina

Descrizione: Mezzanotte. Nell'ascensore di un albergo una donna si alza la gonna per controllare le autoreggenti. Sta salendo al quinto piano. Ad attenderla, nella stanza 58, c'è un uomo che ha conosciuto un anno e mezzo prima. I due non si sono più visti da allora; per sei mesi non si sono nemmeno cercati, poi hanno cominciato a scriversi, per e-mail. La stanza è immersa nella penombra, così come hanno concordato. La donna entra. Si guardano, si spogliano. Lui le chiede di sdraiarsi sul letto. Lei cerca di trascinarlo con sé, lo desidera da troppo tempo. È questo l'inizio di un travolgente gioco al rialzo lungo sette notti di passione e disciplina della volontà, esplorazione reciproca del corpo e della mente. Sette notti in cui una donna e il suo amante si seducono e si scoprono, in una vertiginosa ascesa verso il culmine del piacere, verso una pienezza mai paga di se stessa.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Guanda

Collana: Prosa contemporanea

Anno: 2004

ISBN: 9788882467784

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“Ma il vero amore è una faccenda d’arte, è la persona in quanto opera d’arte, […], che è in grado di amare e di essere amata davvero. E l’arte non smette di distruggere il suo oggetto per trasformarlo in perpetua fonte di vita. L’arte è il vento, che soffia, pulisce e passa, ed è così che l’oggetto d’amore è in verità inafferrabile e tuttavia eternato dall’eternità stessa dell’amore, graziato dal tempo a forza di essere amato”.

Amore inafferrabile come la passione che lentamente si consuma in una camera d’albergo senza mai bruciarsi del tutto. Un incontro anticipato solo dalle parole. Un uomo ed una donna che si rivedono dopo un anno e mezzo e che non si sono ancora posseduti, fino alla prima notte, la prima di sette notti in cui – per gioco – sveleranno lentamente i loro corpi senza darsi e ricevere completamente.

La prima notte, non succede nulla: solo i loro corpi nudi a respirarsi, senza toccarsi. La seconda, baci e carezze, ovunque, ma senza raggiungere l’orgasmo. La terza, ci sono solo le  mani tra e su di loro.

La notte di mezzo, la quarta, “faccia a faccia, ognuno per sé, l’uno per l’altra, il più a lungo possibile ci siamo parlati, siamo rimasti insieme, fino al momento in cui, al culmine dell’orgasmo, ciascuno è stato ghermito come sempre dalla propria assoluta solitudine”. La quinta notte tutto è permesso, ma il sesso di lui non può penetrare quello di lei.

La sesta, “appena entrata nella stanza, a mo’ di bacio l’ho fatto sdraiare per terra, e mi sono seduta sulla sua faccia. […] Aprivo e chiudevo le cosce sulle sue orecchie, mi dondolavo, mi masturbavo contro il suo naso, gli posavo le natiche sugli occhi, perché imparasse un po’, mi sollevavo infilandomi dentro le dita affinché vedesse bene come andavano le cose lì, tornavo sulla sua bocca”.

Tutto ciò accade fino alle settima notte, quella della sorpresa, dell’amore che si alimenta nell’attesa e dell’attesa.  

Nel romanzo della Reyes l’amore e il sesso sono atti necessari e l’orgasmo è la massima aspirazione dell’unione dei due corpi, un unione armoniosa e provvidenziale.

Alina Reyes è naturalmente erotica: descrive la passione amorosa e il godimento in tutte le sue forme con uso sapiente delle parole che si fanno, esse stesse, veicolo di piacere. Leggere i testi della Reyes è come vivere un viaggio inatteso nelle pieghe più profonde della libido e delle emozioni, senza manie di protagonismo o cadute di stile.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alina

Reyes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Reyes Alina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel 1960 Celia Taylor è una giovane ereditiera americana che, dopo aver sposato l’aristocratico inglese Richard Marsdon, decide di andare a vivere nell’antico maniero dei Marsdon nel Sussex, in Inghilterra. Il tempo di sistemarsi in un’ala del castello che bizzarri fenomeni cominciano ad accadere. Richard si comporta in una maniera decisamente fuori dell’ordinario e Celia comincia a soffrire di strani accessi di follia e visioni. Lily Taylor, la madre di Celia, chiede allora aiuto al dottor Akananda, un guru indiano suo amico, che scopre quello che non va nella giovane coppia. Le angustie del presente possono essere superate solo ponendo fine a una tragedia accaduta in un lontanissimo passato. Precisamente quattro secoli prima, quando in Inghilterra regnava Edoardo VI, e la giovane affascinante Celia de Bohun si innamorò del cappellano Stephen Marsdon, che spasimava ardentemente per lei, ma non voleva rompere il suo voto di castità.

Verde oscurità

Seton Anya

L’impronta, un racconto di Patrizia Rinaldi

Nei villaggi delle Alpujarras è esploso il grido della ribellione. Stanchi di ingiustizie e umiliazioni, i moriscos si battono contro i cristiani che li hanno costretti alla conversione. È il 1568. Tra i rivoltosi musulmani spicca un ragazzo di quattordici anni dagli occhi incredibilmente azzurri. Il suo nome è Hernando. Nato da un vile atto di brutalità – la madre morisca fu stuprata da un prete cristiano –, il giovane dal sangue misto subisce il rifiuto della sua gente. La rivolta è la sua occasione di riscatto: grazie alla sua generosità e al coraggio, conquista la stima di compagni più o meno potenti. Ma c’è anche chi, mosso dall’invidia, trama contro di lui. E quando nell’inferno degli scontri conosce Fatima, una ragazzina dagli immensi occhi neri a mandorla che porta un neonato in braccio, deve fare di tutto per impedire al patrigno di sottrargliela. Inizia così la lunga storia d’amore tra Fatima ed Hernando, un amore ostacolato da mille traversie e scandito da un continuo perdersi e ritrovarsi. Ma con l’immagine della mamma bambina impressa nella memoria, Hernando continuerà a lottare per il proprio destino e quello del suo popolo. Anche quando si affaccerà nella sua vita la giovane cattolica Isabel...

LA MANO DI FATIMA

Falcones Ildefonso

Leggenda di J.L. Borges