Letteratura femminile

LA SETTIMA NOTTE

Reyes Alina

Descrizione: Mezzanotte. Nell'ascensore di un albergo una donna si alza la gonna per controllare le autoreggenti. Sta salendo al quinto piano. Ad attenderla, nella stanza 58, c'è un uomo che ha conosciuto un anno e mezzo prima. I due non si sono più visti da allora; per sei mesi non si sono nemmeno cercati, poi hanno cominciato a scriversi, per e-mail. La stanza è immersa nella penombra, così come hanno concordato. La donna entra. Si guardano, si spogliano. Lui le chiede di sdraiarsi sul letto. Lei cerca di trascinarlo con sé, lo desidera da troppo tempo. È questo l'inizio di un travolgente gioco al rialzo lungo sette notti di passione e disciplina della volontà, esplorazione reciproca del corpo e della mente. Sette notti in cui una donna e il suo amante si seducono e si scoprono, in una vertiginosa ascesa verso il culmine del piacere, verso una pienezza mai paga di se stessa.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Guanda

Collana: Prosa contemporanea

Anno: 2004

ISBN: 9788882467784

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“Ma il vero amore è una faccenda d’arte, è la persona in quanto opera d’arte, […], che è in grado di amare e di essere amata davvero. E l’arte non smette di distruggere il suo oggetto per trasformarlo in perpetua fonte di vita. L’arte è il vento, che soffia, pulisce e passa, ed è così che l’oggetto d’amore è in verità inafferrabile e tuttavia eternato dall’eternità stessa dell’amore, graziato dal tempo a forza di essere amato”.

Amore inafferrabile come la passione che lentamente si consuma in una camera d’albergo senza mai bruciarsi del tutto. Un incontro anticipato solo dalle parole. Un uomo ed una donna che si rivedono dopo un anno e mezzo e che non si sono ancora posseduti, fino alla prima notte, la prima di sette notti in cui – per gioco – sveleranno lentamente i loro corpi senza darsi e ricevere completamente.

La prima notte, non succede nulla: solo i loro corpi nudi a respirarsi, senza toccarsi. La seconda, baci e carezze, ovunque, ma senza raggiungere l’orgasmo. La terza, ci sono solo le  mani tra e su di loro.

La notte di mezzo, la quarta, “faccia a faccia, ognuno per sé, l’uno per l’altra, il più a lungo possibile ci siamo parlati, siamo rimasti insieme, fino al momento in cui, al culmine dell’orgasmo, ciascuno è stato ghermito come sempre dalla propria assoluta solitudine”. La quinta notte tutto è permesso, ma il sesso di lui non può penetrare quello di lei.

La sesta, “appena entrata nella stanza, a mo’ di bacio l’ho fatto sdraiare per terra, e mi sono seduta sulla sua faccia. […] Aprivo e chiudevo le cosce sulle sue orecchie, mi dondolavo, mi masturbavo contro il suo naso, gli posavo le natiche sugli occhi, perché imparasse un po’, mi sollevavo infilandomi dentro le dita affinché vedesse bene come andavano le cose lì, tornavo sulla sua bocca”.

Tutto ciò accade fino alle settima notte, quella della sorpresa, dell’amore che si alimenta nell’attesa e dell’attesa.  

Nel romanzo della Reyes l’amore e il sesso sono atti necessari e l’orgasmo è la massima aspirazione dell’unione dei due corpi, un unione armoniosa e provvidenziale.

Alina Reyes è naturalmente erotica: descrive la passione amorosa e il godimento in tutte le sue forme con uso sapiente delle parole che si fanno, esse stesse, veicolo di piacere. Leggere i testi della Reyes è come vivere un viaggio inatteso nelle pieghe più profonde della libido e delle emozioni, senza manie di protagonismo o cadute di stile.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alina

Reyes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Reyes Alina

"Se veramente un giorno riusciremo a sapere quale opinione hanno di noi gli animali, sono certo che non ci resterà da fare altro che sparire dalla faccia del pianeta, sconvolti dalla vergogna. Sempre che, tra cinquant'anni, gli uomini saranno ancora in grado di provare questo sentimento. Io, fortunatamente, non ci sarò. Ma vorrei che qualche mio pronipote consegnasse agli animali una copia di questo libretto perché di me, e di moltissimi altri come me, possano avere un'opinione sia pure leggermente diversa". (Andrea Camiller). Lo zoo personale di Andrea Camilleri è fatto di animali e di storie che entreranno nella nostra vita per sempre. Sono ritratti en plein air: impossibile leggerli e vederli senza sentire dentro qualcosa di fortissimo, perché sono pieni di affetto, confondono il confine tra la coscienza umana e quella degli animali e sono sempre a favore di questi ultimi, nel senso di un'armonia della vita solo nel rispetto di tutte le specie viventi. Cani, gatti, cardellini, ma anche volpi, serpenti e tigri sono descritti come portatori di uno spirito ricco di amore e di intelligenza, molto più complesso e profondo di quanto pensiamo: una 'magaria' inesauribile. Ciascuno di loro sembra comprendere la logica degli uomini, che di volta in volta sfrutta a suo favore o prova a sconfiggere con varie strategie, sempre vincenti: dalla dignità dei tacchini al canto riconoscente di un cardellino, dall'astuzia di un lepro alla commovente compostezza di un gatto innamorato, dalla mite bellezza di una capra alla puntualità discreta di un serpente...

I tacchini non ringraziano

Camilleri Andrea

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Una grande storia sulla possibilità di cambiare il proprio destino. Ma soprattutto una favola, una delle più commoventi che siano mai state scritte. Protagonista è il vecchio e tirchio finanziere Ebenezer Scrooge - personaggio che servirà da modello per il Paperon de' Paperoni disneyano - che nella notte di Natale viene visitato da tre spettri. Lo indurranno a un cambiamento radicale, a una conversione che ne farà uno dei più grandi personaggi letterari di tutti i tempi. Ma forse parte del segreto, della magia ineludibile di questo romanzo è nella ricomposizione dei ricordi, nella restituzione di senso alla storia, nella ridefinizione del posto dell'uomo nel tempo.

Un canto di Natale – A Christmas Carol

Dickens Charles

Chi è Siddharta? È uno che cerca, e cerca soprattutto di vivere intera la propria vita. Passa di esperienza in esperienza, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione filosofica alla vita degli affari, e non si ferma presso nessun maestro, non considera definitiva nessuna acquisizione, perché ciò che va cercato è il tutto, il misterioso tutto che si veste di mille volti cangianti. E alla fine quel tutto, la ruota delle apparenze, rifluirà dietro il perfetto sorriso di Siddharta, che ripete il "costante, tranquillo, fine, impenetrabile, forse benigno, forse schernevole, saggio, multirugoso sorriso di Gotama, il Buddha, quale egli stesso l'aveva visto centinaia di volte con venerazione". Siddharta è senz'altro l'opera di Hesse più universalmente nota. Questo breve romanzo di ambiente indiano, pubblicato per la prima volta nel 1922, ha avuto infatti in questi ultimi anni una strepitosa fortuna. Prima in America, poi in ogni parte del mondo, i giovani lo hanno riscoperto come un loro testo, dove non trovavano solo un grande scrittore moderno ma un sottile e delicato saggio, capace di dare, attraverso questa parabola romanzesca, un insegnamento sulla vita che evidentemente i suoi lettori non incontravano altrove.

SIDDHARTA

Hesse Hermann