Narrativa

SI CHIAMA FRANCESCA, QUESTO ROMANZO

Nori Paolo

Descrizione: Tra macchine per distillare dai romanzi la vita vera, manuali da tradurre dal russo, tutine stringipelle, speranze di vincere il premio Viareggio, Learco e Francesca si telefonano, si incontrano, cantano, decidono di andare a vivere insieme. Ma perché non scrivi un romanzo dove lo scrittore gioca con accostamenti generazionali molto ricercati e ben dosati a vestire ogni volta un sentimento che troppo spesso si dà per scontato di colori infiniti? chiede a Learco una voce di quelle che ha nella testa Eh, perché non lo scrivi? Con un interregionale lanciato sul far della notte nel cuore della vecchia Europa meridionale Learco va a trovare un’amica. Learco con questa sua amica canta tutto il pomeriggio e va in giro in autobus per Bologna, e quando sono insieme sull’autobus Learco sente l’odore del suo respiro. A Learco sentire l’odore del suo respiro è come se il mondo circostante gli arrivasse dopo essere passato per le vie respiratorie e i polmoni e i bronchi e tutti gli organi interessati di questa sua amica, si chiama Francesca, questa sua amica. Che schifo, dice a Learco una voce di quelle che stanno nella sua testa, al posto di un romanzo le cui pagine scorrano via al passo leggero di una lettura dal ritmo gradevole sorprendentemente femminile ma anche tenera aggraziata ironica e originale lui cosa ti scrive? Un romanzo d’amore. Con un titolo con in mezzo una virgola che fa venire gli sgrisori.

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli Alianti

Anno: 2011

ISBN: 9788871686073

Trama

Le Vostre recensioni

“Questo romanzo, gli ho detto, la storia che si racconta, gli ho detto, non è una storia d’amore, che le storie d’amore dentro i romanzi d’amore sono sempre contrastate, vi sembra contrastata la mia storia con Francesca? gli ho chiesto alle voci.”

[…]

“Il fatto che non sia contrastata, la storia d’amore, non vuol dire che questo non è un romanzo d’amore, ha detto una di quelle voci che stanno sulla mia testa. È semplicemente un brutto, romanzo d’amore, ha detto una di quelle voci che tengo io sopra la testa…

Learco Ferrari, 36 anni, è un traduttore annoiato dall’italiano al russo, uno scrittore alienato, partecipa a convegni e presenta libri suoi e di altri autori; è “sociopatico”, appassionato di filosofia sufi e soffre di “tipici esempi di immaginazione”.

Fra i tanti episodi che di cui si narra sin dalle prime pagine, spicca quello dell’incidente, avvenuto durante uno dei suoi numerosi viaggi, che “il trenta percento del corpo faccio fatica che sono ancora tutto convalescente, il settanta percento dal canto suo è sano perfettamente” e che ci viene raccontato lentamente, a piccole dosi, di capitolo in capitolo. L’evento condiziona decisamente il personaggio, tanto fisicamente quanto mentalmente, ma non per questo va a costituire il motivo principale del romanzo e rimane, piuttosto, intessuto sottovoce in tutta la trama.

Anche Francesca, dopotutto, che dà il titolo al libro, non è poi una presenza così costante ed invadente ma proporzionalmente intercalata tra le vicende dei familiari di Learco e le sue stesse vicissitudini o i suoi ricordi.

Già dall’epigrafe che recita “Io, da parte mia, mi sono sempre considerato un paranoico, un iperattivo, una persona che si guadagna da vivere sfruttando in modo opinabile le sue malattie mentali”, capiamo che quello che ci si sta piazzando davanti non è un personaggio comune, che quella che stiamo per leggere non è una storia “normale” per poi renderci conto, durante la lettura, che la storia è, invece, assolutamente consueta mentre è il modo di raccontarla che è insolitamente travolgente.

Se proprio volessimo mettergli un’etichetta, potremmo banalmente dire che si tratta di una storia d’amore, come sostengono le voci che stanno sulla testa di Learco oppure, come afferma lui stesso, che si tratta della “storia di un trasloco” o forse, sarebbe più semplice darne una definizione per negazioni, dicendo, piuttosto, cosa non è.

Il romanzo si scrive da sé mentre noi lo leggiamo. A mano a mano che sfogliamo le vicende del personaggio, queste prendono forma nel testo che il protagonista-scrittore sta buttando giù e che le voci contrastano.

Queste voci sono le sue antagoniste, una sorta di antipatico grillo parlante tutto postmoderno “facci vedere a noi l’atto di proprietà della tua testa, e noi ti lasciamo tranquillo…” o ancora “Oh, gli dico alle voci, ma cosa avete, lì sulla mia testa? Eh, mi dicon le voci, il centro civico. Biblioteca, cineteca, emeroteca, mi dicon le voci…” e sono una presenza così tanto ingombrante da indurrequasi il personaggio a commettere un “vocicidio”.

Attraverso la trasposizione grafica che Paolo Nori fa del linguaggio verbale così come siamo abituati ad ascoltarlo, l’uso personale della punteggiatura, il puzzle di episodi a volte ripresi da altri suoi romanzi, la costruzione di dialoghi seriosamente esilaranti, la costruzione di personaggi sopra le righe come lo stesso Learco, la nonna o lo studente Giordano Maffini, viene fuori uno stile decisamente esuberante, vorticoso, incalzante e spiazzante.

“…i critici già adesso mi dicono sempre Ti ripeti ti ripeti, Ti ripeti ti ripeti ti ripeti, Ti ripeti ti ripeti ti ripeti ti ripeti, mi dicono i critici…” 

Ma, queste ripetizioni, insieme alle altre particolarità sopra elencate, costituiscono certamente la forza del romanzo, dell’autore e del suo alter ego Learco:

“Guarda, secondo me la cosa migliore è non dire proprio niente, mi sono detto, e poi mi sono chiesto Ragiono male? Ragioni bene, mi sono risposto…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Nori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nori Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO – di Elettra Groppo

Una giovane bellissima, che lavora nel mondo dell'arte, viene uccisa nel proprio appartamento a Roma. Tre personaggi coinvolti per ragioni diverse nell'omicidio forniscono la loro interpretazione dei fatti. Chi nasconde la verità. Chi la manipola. Chi sembra non curarsene. Il commissario Davide Brandi è un poliziotto molto abile, e molto ambizioso. È lui che conduce le indagini. A dargli la parola è Giancarlo De Cataldo. Marco Valerio Guerra è l'amante della vittima. Un uomo d'affari ricchissimo, potente, odiato. A dargli la parola è Maurizio De Giovanni. Anna Carla Santucci è la moglie di Guerra. Scoprire il tradimento del marito non l'ha stupita affatto. A darle la parola è Cristina Cassar Scalia. Le loro versioni non concordano. Ma tutte rappresentano un piccolo passo per arrivare alla soluzione del caso.

Tre passi per un delitto

De Cataldo, De Giovanni, Cassar Scalia

Una donna, ormai anziana, mostra i primi segni della malattia che le toglie i ricordi, l’identità, il senso stesso dell’esistenza. È tempo per la figlia di prendersi cura di lei e aiutarla a ricostruire la sua storia, la loro storia. Inizia così il racconto quotidiano di piccoli e grandi avvenimenti, a partire dalla nascita della mamma, Esperia, e delle sue cinque sorelle, nate da un reduce tornato comunista dalla Grande Guerra e da una contadina dritta ed elegante, malgrado le fatiche della campagna, degli animali e della casa. I fili delle loro esistenze si svolgono dagli anni Quaranta fino ai nostri giorni, in un Abruzzo “luminoso e aspro”, che affiora tra le pagine quasi fosse una terra mitologica e lontana. Giorno dopo giorno sfilano i personaggi della famiglia, gli abitanti del piccolo paesino ancora senza acqua né luce; personaggi talmente legati a una terra avara, da tollerare a malapena trasferimenti a breve distanza – la ricerca di un lavoro, l’occasione di poter frequentare una scuola “in città” – partenze che si trasformano in vere emigrazioni con il solo scopo del ritorno. Sono ricordi dolcissimi e crudeli, pieni di vita e di verità, che ricostruiscono la storia di un rapporto e di un’Italia apparentemente così lontana eppure ancora presente nella storia di ognuno di noi.

MIA MADRE E’ UN FIUME

Di Pietrantonio Donatella

Amerigo cammina per le vie di Napoli dietro la madre Antonietta, donna di poche parole («le chiacchiere non sono arte sua»), spiando le scarpe della gente. È il suo gioco preferito: scarpa sana, punto vinto, scarpa rotta, punto perso. Le sue, di scarpe, lo fanno camminare un po' storto, perché sono di seconda mano, e mai del numero giusto. Il padre non ce l'ha, è partito per l'America a cercar fortuna, ma in compenso nel vicolo ha molti amici. Tutti lo conoscono e lo chiamano Nobèl, perché parla tanto e sa un sacco di cose, dato che ascolta le storie di chiunque. Un giorno, però, Amerigo deve lasciare il vicolo e soprattutto la madre. È il 1946 e, come migliaia di altri bambini del Sud, sale su uno dei treni che attraversano l'intera penisola per andare a trascorrere un anno in una famiglia del Nord. Il Partito Comunista ha creato una rete di solidarietà per strappare i piccoli alla miseria delle zone più devastate dall'ultima guerra. Prima smarrito e nostalgico, poi sempre più curioso, a Modena Amerigo si affeziona alla nuova famiglia e, attraverso il «papà del Nord», scopre pure un talento per la musica. Sarà proprio questo, al suo ritorno a Napoli, a segnare il distacco doloroso da Antonietta, che non riesce più a capirlo. Fino a quando, cinquant'anni dopo, lui non tenta di ricomporre quella lacerazione, anche se è ormai troppo tardi.

Il treno dei bambini

Ardissone Viola