Libri per ragazzi

L’uomo che piantava gli alberi

Giono Jean

Descrizione: Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono ha incontrato una personalità indimenticabile: un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che provava piacere a vivere lentamente, con le pecore e il cane. Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine nella quale viveva, quest'uomo stava compiendo una grande azione, un'impresa che avrebbe cambiato la faccia della sua terra e la vita delle generazioni future. Una parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta "come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione". Età di lettura: da 10 anni.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Salani Editore

Collana:

Anno: 2017

ISBN: 9788893811651

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

L’uomo che piantava gli alberi

Siamo come gli alberi - Oggi le parole letterarie di Lilly sono dedicate agli alberi, come grande metafora della vita. La sorgente delle parole è il libro di Jean GionoL’uomo che piantava gli alberi. La storia inizia nel 1913, più di un secolo fa, quando il giovane narratore intraprende un’escursione a piedi nell’alta Provenza. A un certo punto si trova senza scorte d’acqua, tra le pietre corrose dal tempo di un villaggio abbandonato e un paesaggio impervio, abitato dal vento aspro e da qualche ciuffo di lavanda selvatica. La fortuna del narratore è quella di incontrare un pastore solitario e silenzioso, che gli offre l’acqua della sua borraccia e che lo ospita per la notte nella sua modesta casa. Il giorno successivo il giovane decide di seguire il pastore nelle sue attività e scopre che quest’uomo pianta ogni giorno 100 ghiande. La curiosità semplice e spontanea riesce a fare breccia nel silenzio del pastore, che rivela il suo progetto. Il pastore, divenuto vedovo, ha deciso di dedicare la sua vita a ripopolare di piante quel luogo desolato facendovi ricrescere una foresta, un albero per volta. Il nome di questo signore è Elzéard Bouffier, ha cinquantacinque anni, ed è già riuscito a piantare in tre anni centomila ghiande. Si aspetta che diano vita a diecimila querce.

Dopo questo primo incontro il narratore deve combattere per anni durante la prima guerra mondiale. Tempo dopo la fine della guerra, si trova a ripensare al pastore che piantava querce e decide di tornare in quei luoghi nella speranza di ritrovarlo, ma col timore che sia morto durante il conflitto. Non era morto. Era anzi in ottima forma aveva cambiato mestiere. Gli erano rimaste solo quattro pecore ma, in cambio, possedeva un centinaio di alveari. Si era sbarazzato delle bestie che mettevano in pericolo i suoi alberi. Perché, mi disse (e lo constatai), non s’era per nulla curato della guerra. Aveva continuato imperturbabilmente a piantare. Le querce del 1910 avevano adesso dieci anni ed erano più alte di me e di lui. Lo spettacolo era impressionante. Ero letteralmente ammutolito e, poiché lui non parlava, passammo l’intera giornata a passeggiare in silenzio per la sua foresta. Misurava, in tre tronconi, undici chilometri nella sua lunghezza massima. Se si teneva a mente che tutto era scaturito dalle mani e dall’anima di quell’uomo, senza mezzi tecnici, si comprendeva che gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre alla distruzione.

Elzéard Bouffier continua a piantare alberi, non solo querce, ma anche faggi e betulle. Nel 1935 la nuova foresta, che le genti dei villaggi vicini pensano cresciuta spontaneamente, viene visitata da una delegazione governativa.... non si fece nulla, tranne l’unica cosa utile: mettere la foresta sotto la tutela dello Stato e proibire che si venisse a farne carbone….

Il nostro narratore però non vuole lasciare che il lavoro di Bouffier rimanga sconosciuto, quindi mette al corrente una persona fidata: un capitano forestale mio amico faceva parte della delegazione. Gli spiegai il mistero. Un giorno della settimana seguente, andammo insieme a cercare Elzéard Bouffier. Lo trovammo in pieno lavoro, a venti chilometri da dove aveva avuto luogo l’ispezione…. mi ricordavo l’aspetto di quelle terre nel 1913, il deserto…. Il lavoro calmo e regolare, l’aria viva d’altura, la frugalità e soprattutto la serenità dell’anima avevano conferito a quel vecchio una salute quasi solenne. Era un atleta di Dio. Mi domandavo quanti altri ettari avrebbe coperto d’alberi.

Il narratore incontra Bouffier per l’ultima volta nel 1945. Alla fine della seconda guerra mondiale, anche quel angolo di mondo sembra differente e il nostro autore stenta a credere di essere nei luoghi che aveva conosciuto nel 1913. Ebbi bisogno del nome di un villaggio per concludere che invece mi trovavo proprio in quella zona un tempo in rovina e desolata…. nel 1913 quella frazione contava tre abitanti. Erano dei selvaggi, si odiavano, vivevano di caccia con le trappole; più o meno erano nello stato fisico e morale degli uomini preistorici. Le ortiche divoravano attorno a loro le case abbandonate….ora tutto era cambiato. L’aria stessa. Invece delle bufere secche e brutali che mi avevano accolto un tempo, soffiava una brezza docile carica di odori. …vidi che avevano costruito una fontana; l’acqua vi era abbondante e, ciò che soprattutto mi commosse, vidi che vicino a essa avevano piantato un tiglio di forse quattro anni, già rigoglioso, simbolo incontestabile di una resurrezione…..la speranza era dunque tornata. Avevano sgomberato le rovine, abbattuto i muri crollati e ricostruito case…circondate da orti in cui crescevano…verdure e fiori, cavoli e rose, porri e bocche di leone, sedani e anemoni. Era ormai un posto dove si aveva voglia di abitare.

Questa storia, raccontata in prima persona e particolarmente toccante, ha dato sempre l’impressione di essere autobiografica. Anche per un certo parallelismo della vita di Giono con quella del narratore.

L’autore però ha svelato in una lettera del 1957 che Elzéard Bouffier è un personaggio di fantasia. L’obiettivo, dichiara Giono, era quello di rendere piacevoli gli alberi, o meglio, rendere piacevole piantare gli alberi. Questo libricino di circa cinquanta pagine, è stato tradotto in una moltitudine di lingue, anche distribuito gratuitamente e divenuto un grande successo. Recentemente è stato realizzato un film d’animazione molto bello, perfettamente aderente al testo scritto. Jean Giono aggiunge, nella lettera del 57, che sebbene questo libro non gli avesse fatto guadagnare nemmeno un centesimo, era stato uno dei testi di cui andava maggiormente fiero.

La delicatezza con cui chiude la sua narrazione ne è testimonianza efficace. Quando penso che un uomo solo, ridotto alle proprie semplici risorse fisiche e morali, è bastato a far uscire dal deserto quel paese di Canaan, trovo che, malgrado tutto, la condizione umana sia ammirevole. Ma, se metto in conto quanto c’è voluto di costanza nella grandezza d’animo e d’accanimento nella generosità per ottenere questo risultato, l’anima mi si riempie d’un enorme rispetto per quel vecchio contadino senza cultura che ha saputo portare a buon fine un’opera degna di Dio. Elzéard Bouffier è morto serenamente nel 1947, all’ospizio di Banon.

La lezione di Giono è un seme prezioso, gli alberi sono maestri e custodi di vita. Compagni degli uomini e specchi del loro spirito.

Gli alberi sono lo sforzo infinito della terra
Per parlare al cielo in ascolto
(Tagore “Le lucciole”)

_____________________________________________________

Tra sogni e materia di Paola e Laura Monteleone

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jean

Giono

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giono Jean


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Gli Implaccabili sono stati - e sono - così tanti che hanno costretto a un sequel. Dicono sia il sintomo di un successo iniziale e tutto sommato è stato proprio così. Forse non sarà l’unico perché il pianeta ovale è più grande di Giove, più misterioso di Marte, più ammantato di nebbie da squarciare di Mercurio, più fascinoso del Parnaso dipinto da Mantegna. E così, se il professor Umberto Eco si è lanciato nella classificazione delle terre e dei luoghi leggendari, è venuto naturale proseguire su questa strada di uomini e fatti che leggendari non sono, ma che il trascorrer del tempo sta mutando in ruvidi semidei, in momenti che val la pena tornare a accarezzare. La nostalgia non è tristezza, è solo l’amo per ripescare dentro di noi Nelson Mandela che diventa Springbok, Jean Prat che smonta gli All Blacks, Danie Craven che, come lo zio Sam, invita ad arruolarsi, i Natives che giocano una partita lunga un anno e mezzo. Tra gli attori di Implaccabili 2 ci sono anche loro e non solo loro.

GLI IMPLACCABILI

Cimbrico Giorgio

The White Album è un intenso reportage giornalistico che indaga i grandi miti dell'America degli anni Sessanta, la cultura, gli idoli, la vita quotidiana, le icone pop. Joan Didion descrive e analizza gli eventi chiave e le principali tendenze di quell'epoca, soffermandosi sulle vicende di alcuni personaggi cruciali. Da Charles Manson a Doris Lessing, dalla pittrice Georgia O'Keeffe alla storica organizzazione afroamericana delle Pantere Nere, dai centri commerciali "che fluttuano nel paesaggio come piramidi" alla Villa Getty di Malibu: ogni cosa è vista attraverso il suo sguardo lucido e impietoso, fragile e inquieto. The White Album è un reportage attuale e imprescindibile, un grande classico moderno del giornalismo narrativo, con cui Didion ha contribuito a raccontare l'America e il suo immaginario.

The White Album

Didion Joan

La formula del radium, un libro con una annotazione a matita che rimanda a un altro libro che contiene l'elenco di quattro ville storiche di Bologna e del suo territorio: Villa Aldini, Villa delle Rose, Casa Beroaldo e la Rocchetta Mattei. Questo è ciò che hanno in mano un fotografo conosciuto come "Duescatti" e un ricercatore universitario di nome Rosas, detto "il talpone". E con queste tracce Rosas arriva a un episodio storico documentato: un furto di radium commesso dall'esercito tedesco all'ospedale Sant'Orsola nel luglio 1944. Radium sottratto ai malati e destinato alla macchina bellica di Hitler. Solo che, arrivati a questo punto, Duescatti trova una morte orribile a Casa Beroaldo e Sarti Antonio, sergente, si trova di fronte a una scena del delitto enigmatica, mentre Rosas, che in Questura viene indicato come colpevole della morte del fotografo, è misteriosamente scomparso...

DELITTI DI GENTE QUALUNQUE

Macchiavelli Loriano

Milano, 2014. Valerio ha ventisette anni e una vita vuota e vive in un monolocale su cui aleggia la presenza del precedente proprietario: lo zio Willy, morto in odore di satanismo, che si dice avesse accumulato un tesoro mai ritrovato. Per guadagnare qualcosa, Valerio affitta l’appartamento per brevi periodi. Ha però un vizio: entrare in casa di nascosto dai suoi ospiti, per curiosare fra i loro oggetti e immergersi con la fantasia in esistenze diverse dalla sua. Una di loro, la bella ed enigmatica Viola, lo colpisce al cuore. I due si confidano, sembra nascere qualcosa; poi Viola scompare lasciandogli la speranza di tornare da lui, un giorno. Ma Viola è una donna sposata e in fuga dal marito, e forse il suo passaggio dalla casa di Valerio non è stato casuale. Che c’entri in qualche modo la leggenda del tesoro dello zio Willy? Ma com’è possibile? Per Valerio comincia un viaggio alla ricerca della donna, che dalle strade di Milano lo porta al Rio delle Amazzoni, un viaggio in cui fra scoperte dolorose e squarci di inattesa felicità, la sua vita precaria cambierà per sempre. Un libro dove i fondamenti della narrazione romanzesca (il denaro, l’amore, l’avventura, il mistero, la comicità) catturano il lettore e si fondono nel ritratto di un personaggio vero e tenerissimo. E di una generazione derubata del proprio futuro e costretta a inventarsi il presente ogni giorno, con rabbia ma anche con ironia.

Sempre più vicino

Montanari Raul