Narrativa

SIDDHARTA

Hesse Hermann

Descrizione: Chi è Siddharta? È uno che cerca, e cerca soprattutto di vivere intera la propria vita. Passa di esperienza in esperienza, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione filosofica alla vita degli affari, e non si ferma presso nessun maestro, non considera definitiva nessuna acquisizione, perché ciò che va cercato è il tutto, il misterioso tutto che si veste di mille volti cangianti. E alla fine quel tutto, la ruota delle apparenze, rifluirà dietro il perfetto sorriso di Siddharta, che ripete il "costante, tranquillo, fine, impenetrabile, forse benigno, forse schernevole, saggio, multirugoso sorriso di Gotama, il Buddha, quale egli stesso l'aveva visto centinaia di volte con venerazione". Siddharta è senz'altro l'opera di Hesse più universalmente nota. Questo breve romanzo di ambiente indiano, pubblicato per la prima volta nel 1922, ha avuto infatti in questi ultimi anni una strepitosa fortuna. Prima in America, poi in ogni parte del mondo, i giovani lo hanno riscoperto come un loro testo, dove non trovavano solo un grande scrittore moderno ma un sottile e delicato saggio, capace di dare, attraverso questa parabola romanzesca, un insegnamento sulla vita che evidentemente i suoi lettori non incontravano altrove.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Piccola Biblioteca Adelphi

Anno: 1985

ISBN: 9788845901843

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Per poter accettare il mondo, per riuscire ad amarlo, è innanzitutto necessario conoscerlo. C’è un periodo per i consigli e per i maestri, ed un periodo per se stessi e per le esperienze che si sceglie di fare. Che siano sensate o meno. Ognuno di noi deve sentirsi libero di percorrere la propria strada.

Che la saggezza non possa essere insegnata, è un’esperienza che per una volta nella vita ho dovuto raffigurare poeticamente. Questo tentativo è Siddharta” H. Hesse.

India, VI secolo a. C.

Siddharta è il figlio del brahmino, cresciuto all’ombra del fico con l’amico Govinda.

È bello, saggio e tutti sono orgogliosi di lui.

Ma Siddharta non si accontenta della superficie delle cose e, mentre la sua mente è nutrita ed arricchita dagli insegnamenti dei maestri, il suo spirito è insoddisfatto e tormentato. Il giovane principe percepisce la vanità del mondo e si rende conto di non avere alcuna certezza: non sa se sia giusto omaggiare gli dei, non è sicuro di conoscere la via per ottenere la felicità e dubita anche del fatto che gli stessi brahmini siano in grado di raggiungere l’Altman.

Così, nonostante le rimostranze e le perplessità dei genitori, abbandona gli sfarzi del suo palazzo e si unisce ai Samana, seguito dal fedele Govinda.

L’obiettivo che si pone è quello di morire a se stesso, annullando gioia e dolore, e per fare ciò, impara a digiunare, a sospendere il respiro e a ridurre i battiti del cuore attraverso la meditazione. Svuotando i sensi, Siddharta riesce a spersonalizzarsi e ad assumere nella propria anima mille forme differenti. Tuttavia ogni volta, puntualmente, il risveglio lo conduce di nuovo allo stesso Io. La concentrazione, il digiuno e l’economia del respiro, dunque, non sono altro che un’evasione, uno stordimento, un conforto illusorio.

Poiché neanche i Samana sono in grado di rivelare la strada delle strade, la strada che conduce al Nirvana, Siddharta asseconda Govinda ed accetta di ascoltare la dottrina di un uomo chiamato Gotama.

È a questo punto che i due amici si separano: Govinda chiede di essere ammesso nella comunità dei seguaci di Buddha, mentre Siddharta ritiene che nessuno giungerà alla liberazione attraverso una dottrina che non contiene il segreto di ciò che il Sublime ha vissuto.

Siddharta lascia il Buddha, lascia Govinda e lascia tutta la sua vita trascorsa. Non avverte più il bisogno di dottrine e maestri: vuole semplicemente andare a scuola da se stesso. Lui è Siddharta e nient’altro.

Questa nuova consapevolezza lo fa sentire solo come non mai però, al tempo stesso, lo rende sicuro del proprio Io: adesso vuole obbedire solo ed unicamente alla voce del proprio cuore, e lo fa immergendosi nel mondo, ossia in quella stessa realtà che aveva sempre evitato.

Diventa un mercante ed apprende l’arte dell’amore dalla bella Kamala. Diventa un giocatore di dadi e poi anche un avaro.

In questo modo si stanca, invecchia, si ammala. Poi, un sogno lo ammonisce: da troppo tempo non sente la voce del proprio cuore e la sua vita è piatta e senza meta. È giunto il momento di allontanarsi dalla città.

Confuso ed abbattuto, Siddharta erra nel bosco, finché non raggiunge il fiume. Il suo unico desiderio è di sparire in quelle acque e mettere fine alla sua penosa esistenza, ma è sfiorato all’orecchio da una parola: Om…

Spesso ho sentito commenti negativi sul Siddharta di Hesse. Uno dei più frequenti è che si tratti di un “libro pesante”.

Non voglio discutere su questo (de gustibus…), ma semplicemente invitare chi invece non lo ha letto ad avvicinarvisi senza pregiudizi.

In sintesi, non scartatelo solo perché la trama vi sembra noiosa o perché alcuni dei vostri amici vi hanno detto che non sono riusciti a finirlo. Sperimentatelo personalmente e vi insegnerà molto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hermann

Hesse

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hesse Hermann

Gerusalemme, 7 aprile dell’anno 30: Gesù viene crocifisso sul Golgota e deposto in una tomba poco distante. Secondo le testimonianze riportate nei Vangeli, il corpo resta nel sepolcro per circa quaranta ore, dalla sera di venerdì fino all’alba di domenica 9 aprile. Quella mattina, alcune donne che avevano assistito alla crocifissione si recano sul posto per rendergli omaggio, ma con loro grande stupore trovano una tomba vuota. Cos’è accaduto durante questo lasso di tempo? Tante sono le ipotesi, alcune delle quali si fondano sull’idea che il cadavere di Gesù sia stato trafugato. Eppure un’altra teoria, meno nota, vuole far luce su quanto sarebbe accaduto dentro il sepolcro. I Vangeli tacciono completamente su questo punto. Ma oggi, sulla base di alcune prove archeologiche e nuovi risultati scientifici, è possibile indagare più a fondo su tale mistero. Subito dopo la morte, Gesù inizia un viaggio in un altro mondo, in un’altra dimensione. Un viaggio che nasconde ancora un grande segreto da svelare…

IL LIBRO SEGRETO DI GESU’

Venturini Simone

Ciao, io sono Chico, e questo è il mio primo libro! Mi sono fatto aiutare dal mio papà perché non ho le mani…

Ciao, io sono Chico

Taverna Francesco

Dopo i sommovimenti del 1989 e la caduta del Muro di Berlino, l'esistenza di Imre Kertész subisce un'accelerazione e diventa una vita nomade. Proporzionalmente alla sua fama di scrittore, aumentano i suoi viaggi e, tra il 1991 e il 1995, non fa che prendere appunti, annotare osservazioni, fissare nel racconto le proprie impressioni. Il dialogo costante con se stesso e con gli autori amati si amplia nell'osservazione della vita oltre i confini dell'Ungheria, una patria avvertita sempre più in declino e percorsa da sentimenti xenofobi e antisemiti. I viaggi sono l'occasione per confrontarsi, ancora una volta, con la propria identità di ebreo, di ungherese, di europeo dell'Est, di intellettuale a contatto con la cultura tedesca. Ovviamente, la mente non può non tornare all'accadimento che ha marcato la sua esistenza e quella dell'intera umanità: Auschwitz.

IO, UN ALTRO

Kertész Imre

Del mare non sappiamo nulla, però ci illudiamo del contrario: passiamo una giornata in spiaggia e pensiamo di guardare il mare, invece vediamo solo “la sua buccia, la sua pelle salata e luccicante”. Forse perché appena sotto, e poi giù fino agli abissi, c’è una vita così diversa e strabiliante da sembrarci assurda, impossibile. Come per secoli è sembrata impossibile l’esistenza del calamaro gigante, il mostro marino che ha mosso alla sua ricerca gli esploratori più diversi. Come il sacerdote Francesco Negri, chenel 1663 a quarant’anni compiuti parte da Ravenna per la Scandinavia misteriosa, diventando il primo viaggiatore a raggiungere Capo Nord. O come il capitano Bouyer dell’Alecton (a cui si ispirerà Jules Verne per scrivere Ventimila leghe sotto i mari), che mentre naviga verso la Guyana nota all’orizzonte qualcosa di inaudito: è la prima testimonianza del calamaro gigante, dei suoi occhi enormie intelligenti, dei tentacoli come terribili serpenti marini avvinghiati alla nave. Ma nessuno gli crederà. Sono pochi infatti gli scienziati che ascoltano le parole degli uomini di mare – naviganti, pescatori, indigeni… –, i più le credono bugie da marinai o allucinazioni collettive: quel che hanno visto contraddice tutte le teorie che abbiamo scritto finora, e quindi non l’hanno visto. Fabio Genovesi racconta la vera storia di questo impossibile, del calamaro gigante e di chi lo ha cercato a dispetto di tutto, insieme a mille altre storie che come tentacoli si stendono dall’oceano a casa nostra. Ricordandoci che viviamo su un pianetadove esistono ancora i dinosauri, come il celacanto, o animali come gli scorpioni che sono identici e perfetti da quattrocento milioni di anni, invitandoci così a credere nell’incredibile, e a inseguire i nostri sogni fino a territori inesplorati. E lo fa mescolando le vite di questi esploratori stravaganti e scienziati irregolari – tra cui la pioniera Mary Anning, “colei che da sola ha cambiato la storia della Terra”...

Il calamaro gigante

Genovesi Fabio