Narrativa

SIDDHARTA

Hesse Hermann

Descrizione: Chi è Siddharta? È uno che cerca, e cerca soprattutto di vivere intera la propria vita. Passa di esperienza in esperienza, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione filosofica alla vita degli affari, e non si ferma presso nessun maestro, non considera definitiva nessuna acquisizione, perché ciò che va cercato è il tutto, il misterioso tutto che si veste di mille volti cangianti. E alla fine quel tutto, la ruota delle apparenze, rifluirà dietro il perfetto sorriso di Siddharta, che ripete il "costante, tranquillo, fine, impenetrabile, forse benigno, forse schernevole, saggio, multirugoso sorriso di Gotama, il Buddha, quale egli stesso l'aveva visto centinaia di volte con venerazione". Siddharta è senz'altro l'opera di Hesse più universalmente nota. Questo breve romanzo di ambiente indiano, pubblicato per la prima volta nel 1922, ha avuto infatti in questi ultimi anni una strepitosa fortuna. Prima in America, poi in ogni parte del mondo, i giovani lo hanno riscoperto come un loro testo, dove non trovavano solo un grande scrittore moderno ma un sottile e delicato saggio, capace di dare, attraverso questa parabola romanzesca, un insegnamento sulla vita che evidentemente i suoi lettori non incontravano altrove.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Piccola Biblioteca Adelphi

Anno: 1985

ISBN: 9788845901843

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Per poter accettare il mondo, per riuscire ad amarlo, è innanzitutto necessario conoscerlo. C’è un periodo per i consigli e per i maestri, ed un periodo per se stessi e per le esperienze che si sceglie di fare. Che siano sensate o meno. Ognuno di noi deve sentirsi libero di percorrere la propria strada.

Che la saggezza non possa essere insegnata, è un’esperienza che per una volta nella vita ho dovuto raffigurare poeticamente. Questo tentativo è Siddharta” H. Hesse.

India, VI secolo a. C.

Siddharta è il figlio del brahmino, cresciuto all’ombra del fico con l’amico Govinda.

È bello, saggio e tutti sono orgogliosi di lui.

Ma Siddharta non si accontenta della superficie delle cose e, mentre la sua mente è nutrita ed arricchita dagli insegnamenti dei maestri, il suo spirito è insoddisfatto e tormentato. Il giovane principe percepisce la vanità del mondo e si rende conto di non avere alcuna certezza: non sa se sia giusto omaggiare gli dei, non è sicuro di conoscere la via per ottenere la felicità e dubita anche del fatto che gli stessi brahmini siano in grado di raggiungere l’Altman.

Così, nonostante le rimostranze e le perplessità dei genitori, abbandona gli sfarzi del suo palazzo e si unisce ai Samana, seguito dal fedele Govinda.

L’obiettivo che si pone è quello di morire a se stesso, annullando gioia e dolore, e per fare ciò, impara a digiunare, a sospendere il respiro e a ridurre i battiti del cuore attraverso la meditazione. Svuotando i sensi, Siddharta riesce a spersonalizzarsi e ad assumere nella propria anima mille forme differenti. Tuttavia ogni volta, puntualmente, il risveglio lo conduce di nuovo allo stesso Io. La concentrazione, il digiuno e l’economia del respiro, dunque, non sono altro che un’evasione, uno stordimento, un conforto illusorio.

Poiché neanche i Samana sono in grado di rivelare la strada delle strade, la strada che conduce al Nirvana, Siddharta asseconda Govinda ed accetta di ascoltare la dottrina di un uomo chiamato Gotama.

È a questo punto che i due amici si separano: Govinda chiede di essere ammesso nella comunità dei seguaci di Buddha, mentre Siddharta ritiene che nessuno giungerà alla liberazione attraverso una dottrina che non contiene il segreto di ciò che il Sublime ha vissuto.

Siddharta lascia il Buddha, lascia Govinda e lascia tutta la sua vita trascorsa. Non avverte più il bisogno di dottrine e maestri: vuole semplicemente andare a scuola da se stesso. Lui è Siddharta e nient’altro.

Questa nuova consapevolezza lo fa sentire solo come non mai però, al tempo stesso, lo rende sicuro del proprio Io: adesso vuole obbedire solo ed unicamente alla voce del proprio cuore, e lo fa immergendosi nel mondo, ossia in quella stessa realtà che aveva sempre evitato.

Diventa un mercante ed apprende l’arte dell’amore dalla bella Kamala. Diventa un giocatore di dadi e poi anche un avaro.

In questo modo si stanca, invecchia, si ammala. Poi, un sogno lo ammonisce: da troppo tempo non sente la voce del proprio cuore e la sua vita è piatta e senza meta. È giunto il momento di allontanarsi dalla città.

Confuso ed abbattuto, Siddharta erra nel bosco, finché non raggiunge il fiume. Il suo unico desiderio è di sparire in quelle acque e mettere fine alla sua penosa esistenza, ma è sfiorato all’orecchio da una parola: Om…

Spesso ho sentito commenti negativi sul Siddharta di Hesse. Uno dei più frequenti è che si tratti di un “libro pesante”.

Non voglio discutere su questo (de gustibus…), ma semplicemente invitare chi invece non lo ha letto ad avvicinarvisi senza pregiudizi.

In sintesi, non scartatelo solo perché la trama vi sembra noiosa o perché alcuni dei vostri amici vi hanno detto che non sono riusciti a finirlo. Sperimentatelo personalmente e vi insegnerà molto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hermann

Hesse

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hesse Hermann


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina

Non ci pensa due volte la terribile, dispotica signora Pontreau a spingere giù dalla finestrella del granaio il genero immobilizzato da una crisi di epilessia. La morte di quel buono a nulla, di quella «marionetta» dalle gambe molli, le permetterà di annettersi la sua proprietà e soprattutto di riprendere il controllo sulle tre figlie. Ma c’è un’altra donna, altrettanto terribile, una vecchia domestica rancorosa, che ha dei sospetti e che potrebbe parlare, o ricattarla. Il prezzo da pagare perché tutto venga soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e i colpevoli, e perché ogni cosa – il paese come la grande casa dalle finestre sprangate – ripiombi in una calma sinistra, sarà altissimo.

Il grande male

Simenon Georges

«Se siete pronti partiamo, vi avverto però che le cose si faranno complicate». L'avvertimento di Wes, consulente di polizia chiamato a indagare su un caso di bambini scomparsi, è più che mai fondato, visto che ci si trova da subito immersi in una storia in cui niente è come sembra e il male si confonde col bene, in un crescendo vorticoso di colpi di scena inquietanti ed enigmi che implorano una soluzione. Le sue capacità investigative e l'aiuto di forze invisibili che lo accompagnano fin dalla sua infanzia aiuteranno Wes a sciogliere il tremendo intrico di delitti e minacciose presenze.

LA NOTTE DELL’ERBA CREMISI

Bussini Mario

Cosa c'è di divino nell'essere giovane madre di un figlio arrivato per grazia o per caso, e poi sperare per lui una vita buona, abbastanza buona e insieme temere per lui con tutte le paure di tutte le madri, che non incontri il male, che non sia troppo speciale, che il mondo lo accolga o almeno lo lasci in pace. Vivere in pace. È la storia umanissima di ogni madre ed è la storia di Maria raccontata in poesia, in pittura, in musica, nel vetro, nel ghiaccio immacolato, a punto croce, sulle volte delle cattedrali e sui selciati delle piazze, a chiacchierino e col tombolo. Qui parla Maria, Madre di Dio bambino, ma per ogni madre il suo bambino è Dio, vita che si consegna fragilissima e si promette eterna. Intorno a Maria uomini e donne che pensano di capire e poi gli angeli che fanno corona ma le loro ali non riescono a tenere lontano il gran male del mondo che si addensa in questo punto della terra in tutto simile a tanti altri punti della terra in cui in ogni tempo si è gridato «Uccidilo». Quel che resta è un corpo rotto senza grazia, consegnato a una madre ancora giovane, anche lei simile a tante. Ma la fine non è scritta e i bambini nascono ogni giorno.

Lei

Veladiano Mariapia