Saggi

Siete pazzi a mangiarlo

Brusset Christophe

Descrizione: In un momento di grande attenzione all’alimentazione, alla salute e alla cucina, la confessione denuncia di Christophe Brusset è insieme un pugno nello stomaco e un invito a essere sempre vigili. Brusset è un veterano del settore agroalimentare, ha lavorato nelle principali multinazionali del cibo e qui ha deciso di svelare il suo allucinante funzionamento. Ne esce un ritratto spietato in cui nessuna preoccupazione per la salute di chi consumerà il cibo riesce a oscurare l’imperativo principale: smerciare qualsiasi tipo di prodotto o materia prima, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, ottenendone il maggior margine di guadagno possibile. Così nel cibo può finire di tutto: escrementi, antibiotici, diserbanti, ecc. Ancora più impressionante la descrizione della lunga catena che porta a tutto questo: cibo che viaggia per tutto il pianeta, che viene lavorato in luoghi diversi, società intermediarie fittizie, impossibilità per chi lo acquista di sapere da dove venga realmente. Ma grazie ai suoi consigli si può imparare a fare acquisti più oculati e addirittura a orientare l’operato delle multinazionali.

Categoria: Saggi

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788856656404

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Siete pazzi a mangiarlo di Christophe Brusset, ex manager pentito, svela i segreti dell’industria agroalimentare (“È perfettamente legale etichettare la confezione con la dicitura ‘lumache di Borgogna lavorate in Francia’ se l’ultimissima tappa – che consiste nel mettere un po’ di burro erborinato nel guscio – viene eseguita in Francia”), che sfrutta i varchi normativi (“La legislazione europea ritiene che ‘lumaca di Borgogna’… e ‘porcino di Bordeaux… non siano indicazioni di origine geografica, ma comuni designazioni di specie”) per applicare biecamente la legge del profitto: massimizzare il guadagno riducendo i costi, a spese dei consumatori e della loro salute.

Ciò avviene con ogni espediente (“Non abbiamo ancora trovato niente di più economico della buona vecchia acqua del rubinetto”) ai limiti della legalità (“A permettere simili prodezze è l’utilizzo massiccio di additivi, la versione moderna delle polverine magiche”) e della decenza (“I famosi coadiuvanti tecnologici, una categoria di additivi che può non figurare sulla lista degli ingredienti”), sfruttando le dimaniche psicologiche del consumo(“Una delle regole fondamentali del marketing è che l’idea che ci si fa del prodotto è più importante del prodotto stesso”) e con ogni trucco (“Per i nostri prodotti confezionati in vasetti… abbiamo trovato il trucco: stampare il termine minimo di conservazione sul tappo”).

La logica capitalistica (“Questa parola magica era furbo”) è inflessibile (“Non ti chiedo di mangiarli, questi funghi, solo di venderli!”), spregiudicata (“L’Azienda non si faceva scrupoli etici quando c’era di mezzo il business… soltanto il fine, il profitto a breve termine, giustificava i mezzi”) e colonialista (“Siete stati sfortunati, questo stock doveva partire per l’Africa, e l’abbiamo mandato in Europa per sbaglio”).

Vengono così svelati i trucchi per l’origano (“Contiene una buona quantità di sommacco… e delle foglie giovani di ulivo tagliate”), lo zafferano (“Far passare per zafferano i petali di cartamo o di calendula” … “Ci vogliono non meno di 150.000 fiori per ottenere appena un chilo del prezioso stigma… da raccogliere… togliere delicatamente dal fiore, essiccare e confezionare”), le cipolle (“Uno scalogno di Bretagna… una cipolla rosa polacca, che costa tre volte meno… bisognerà trasformare queste cipolle… in scalogni!”), il tè (“Un sacco di pesticidi nel tè cinese”), le mandorle (“Il seme di albicocca o armellina è diverso dalla mandorla”) e altri alimenti (“Per le puree o i concentrati di frutta… yogurt o marmellate… utilizziamo soprattutto frutti guasti o difettati”).

Anche i processi di glassatura, essiccatura e delocalizzazione (“Il liberismo non è l’assenza di regole, è l’appliccazione della legge della giungla” … “Delocalizzare è così vantaggioso… perché si riducono i costi al minimo e si realizza il massimo dei profitti. L’abbiccì del capitalismo”) sono pieni di insidie per i poveri utenti.

E adesso, dopo aver letto questo libro, chi ci va più al supermercato? Con quale coraggio ci possiamo ritornare?
Niente paura, l’autore fornisce una piccola guida di sopravvivenza al supermercato, un decalogo prezioso:
1- Controllare le origini “Evitate assolutamente i prodotti alimentari cinesi e… quelli indiani, turchi e di altre origini esotiche”

Bruno Elpis

Leggi l’articolo Miele e siete pazzi a mangiarlo cliccando qui

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Christophe

Brusset

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brusset Christophe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una donna, ormai anziana, mostra i primi segni della malattia che le toglie i ricordi, l’identità, il senso stesso dell’esistenza. È tempo per la figlia di prendersi cura di lei e aiutarla a ricostruire la sua storia, la loro storia. Inizia così il racconto quotidiano di piccoli e grandi avvenimenti, a partire dalla nascita della mamma, Esperia, e delle sue cinque sorelle, nate da un reduce tornato comunista dalla Grande Guerra e da una contadina dritta ed elegante, malgrado le fatiche della campagna, degli animali e della casa. I fili delle loro esistenze si svolgono dagli anni Quaranta fino ai nostri giorni, in un Abruzzo “luminoso e aspro”, che affiora tra le pagine quasi fosse una terra mitologica e lontana. Giorno dopo giorno sfilano i personaggi della famiglia, gli abitanti del piccolo paesino ancora senza acqua né luce; personaggi talmente legati a una terra avara, da tollerare a malapena trasferimenti a breve distanza – la ricerca di un lavoro, l’occasione di poter frequentare una scuola “in città” – partenze che si trasformano in vere emigrazioni con il solo scopo del ritorno. Sono ricordi dolcissimi e crudeli, pieni di vita e di verità, che ricostruiscono la storia di un rapporto e di un’Italia apparentemente così lontana eppure ancora presente nella storia di ognuno di noi.

MIA MADRE E’ UN FIUME

Di Pietrantonio Donatella

Siamo arrivati in nove. In apparenza, siamo uguali a voi: vestiamo come voi, parliamo come voi, viviamo come voi. Ma non siamo affatto come voi. Siamo più forti, più veloci e più abili di qualsiasi essere vivente del vostro pianeta. Avete presente i supereroi dei fumetti e quelli che ammirate al cinema? Una cosa del genere, però con una grossa differenza: noi siamo reali. Ci siamo rifugiati sulla Terra e ci siamo divisi per prepararci: dovevamo allenarci, scoprire tutti i nostri poteri e imparare a usarli. Poi ci saremmo riuniti, tutti e nove, e saremmo stati pronti. A combatterli. Ma loro hanno scoperto che siamo qui e adesso ci stanno dando la caccia. Così siamo costretti a scappare, a spostarci in continuazione. Attualmente mi faccio chiamare John Smith, e mi nascondo a Paradise, in Ohio. Credevo di essere al sicuro, ma ho commesso un errore gravissimo: mi sono innamorato di una mia compagna di scuola. E non potevo scegliere un momento peggiore. Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia Il Numero Due in Inghilterra. Il Numero Tre in Kenya. E li hanno uccisi. Io sono il Numero Quattro. Io sono il prossimo...

SONO IL NUMERO QUATTRO

Lore Pittacus

Quando Thomas si sveglia, le porte dell'ascensore in cui si trova si aprono su un mondo che non conosce. Non ricorda come ci sia arrivato, né alcun particolare del suo passato, a eccezione del proprio nome. Con lui ci sono altri ragazzi, tutti nelle sue stesse condizioni, che gli danno il benvenuto nella radura, un ampio spazio limitato da invalicabili mura di pietra. L'unica certezza dei ragazzi è che ogni mattina le porte di pietra vengono aperte, per poi richiudersi di notte. Ben presto il gruppo elabora l'organizzazione di una società ben ordinata e disciplinata dai custodi. Ogni trenta giorni qualcuno si aggiunge a loro dopo essersi risvegliato nell'ascensore. Il mistero si infittisce quando arriva una ragazza, la prima donna a fare la propria comparsa in quel mondo. Ed è il messaggio che porta con sé a stupire. Un messaggio che non lascia alternative...

Il labirinto. Maze Runner

Dashner James

Dracula ed io

Morozzi Gianluca