Il Signore delle Mosche

Golding William

Descrizione: Le emozioni, in questo romanzo, ci sono tutte. Poi ci sono coraggio, dolore e piacere. La protagonista è l'ombra. L'ombra da cui ognuno di noi cerca di fuggire, ma che poi ci prende. Ma cosa fare quando la tua parte nascosta finisce dentro il corpo della persona che ami? Forse, non resta che mollare le cime dal pontile e salpare verso la follia. E qual è la follia? Quella di ritrovarsi all'Inferno senza aver peccato? Oppure affidarsi a un sistema non strutturato per la presa in cura, che si affida alla tecnica, che non approfondisce e non si pone troppe domande? In questo romanzo il tempo sembra scandire la vita, ma il tempo qui non c'è. La vita ha un sapore magico e nella vita c'è qualcosa di più forte di tutte le emozioni e di tutti i sistemi, un amore, qualcosa che va contro la morte. Qualcosa che non muore. Il volume è corredato da esclusivi contenuti extra, spunti e approfondimenti nella cultura contemporanea: film e serie TV, musica, arte, libri, fumetti e graphic novel.

Categoria:

Editore: Mondadori

Collana: Classici Chrysalide

Anno: 2014

Traduttore: Filippo Donini

ISBN: 9788804639718

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Ci sono libri che vanno letti, che non si può ignorare e che sono destinati a lasciare una traccia indelebile dentro di noi, cambiando il nostro modo di vedere alcuni aspetti della vita. Il Signore delle Mosche è uno di questi. Nato con il titolo di Stargers for witing, è il primo romanzo di William Golding, premio Nobel per la letteratura nel 1983, e affronta il tema della cattiveria umana come realtà insita nell’uomo sin dalla sua infanzia.

La trama può sembrare quella di un distopico apocalittico, ma in realtà il romanzo è tutt’altro. È uno studio profondo dell’animo umano e il racconto di come le difficoltà estreme rivelino la parte feroce di chiunque, anche se bambino.

Durante un’ipotetica guerra nucleare una nave, s’inabissa sulle coste di un’isola deserta. Sopravvive al naufragio solo un gruppo di bambini. L’isola è un paradiso isolato da tutto il resto del mondo, ricca di alberi da frutto, acqua e animali da cacciare. In quel luogo i bambini lontani dalle brutture della guerra e svincolati dalle regole imposte dagli adulti, hanno la possibilità di vivere una libertà insperata e cooperare tra loro organizzando una gerarchia equa e proba. I più grandi si dividono le responsabilità e decidono le poche leggi utili a far funzionare il loro microcosmo. Presto però si creano le prime fratture e dissapori che riveleranno il desiderio di dominio di alcuni di loro e la parte più buia dei loro animi. I giovani protagonisti si dimostreranno tutt’altro che innocenti mettendo a nudo gli istinti più infidi e feroci che trasformeranno il paradiso nel più terribile degli inferi.

William Golding scrisse questo romanzo forte delle sue convinzioni sulla presenza del male insito nei bambini. Tornato dal fronte, nel 1945 egli iniziò a insegnare in una scuola elementare, esperienza durata diciassette anni che fortificò la sua opinione. In particolare, agli inizi degli anni cinquanta, fu coinvolto come insegnante in un esperimento che interessava le classi di quarta elementare, le cui conseguenze gli lasciarono un segno profondo e seminarono in lui il germoglio di quello che sarebbe poi divenuto Il Signore delle Mosche.  Gli alunni furono divisi in due gruppi e, sotto la supervisione di un insegnante, invitati a discutere su un argomento su cui avevano diversi punti di vista. Golding prese l’iniziativa di lasciare i suoi alunni risolvere la questione senza conciliatori, ma in sua assenza il dibattito divenne una rissa violenta ed egli fu costretto a far rientro in aula. Anni dopo venne a sapere da un ex alunno, che in quell’occasione era mancato poco perché, addirittura, ci scappasse il morto.

Nacque così il Signore delle mosche che però venne per lungo tempo considerato addirittura ‘robaccia’ dagli editori ai quali fu sottoposto. Solo nel 1954 fu notato da un editor che lo portò alla pubblicazione facendolo diventare il best seller che nel 1959 vendette ben quattordici milioni di copie. Dopo il Signore delle Mosche Golding scrisse molti altri romanzi nessuno dei quali però eguagliò il successo della sua prima fatica letteraria.

William Golding morì nel 1993, per un attacco cardiaco all’età di ottantuno anni.

 

Ho avvicinato Il Signore delle Mosche con circospezione. Ne avevo sentito parlare tanto, ascoltando pareri contrastanti, e nonostante ciò mi sono imbattuta in un romanzo completamente diverso da quello che mi ero aspettata. Il Signore delle Mosche è un romanzo che all’inizio appare moderato, quasi bucolico. I bambini sono sì naufraghi, ma vivono questa esperienza quasi come un gioco e come un tentativo di poter dimostrare che non solo possono vivere senza il controllo degli adulti, ma che riescono a farlo addirittura meglio. Intrecciano amicizie, creano regole, designano un capo e si dividono i compiti più ardui e di fondamentale utilità. Tutto sembra filare liscio, quasi monotono, ma la follia e la malignità sono dietro l’angolo. Così, lentamente, mi sono trovata a transitare dal paradiso fino all’inferno.

La capacità narrativa di Golding è sconvolgente, ma lo è ancor di più la sua abilità nel descrivere la natura umana e il suo lento involversi, degenerare a causa dei più infimi istinti.  Non a caso la scelta del titolo è ricaduta su uno dei molteplici nomi del re degli inferi, egli, infatti, sembra strisciare subdolo tra i naufraghi e trascinarli a sé verso l’oscurità.  Non c’è salvezza per i giovani protagonisti e non è percepita come tale neanche la nave che giunge a recuperarli alla fine del racconto, perché essi non potranno mai fuggire dal buio che li muove, né dalle cicatrici indelebili che ne deturperanno l’animo, per sempre.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

William

Golding

Libri dallo stesso autore

Intervista a Golding William


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A Fercolo, piccolo centro dell’entroterra calabrese, vive l’umanità del romanzo. Un’umanità complessa e dolorosa, caratterizzata da situazioni irrisolte e trasversali nell’incertezza dei rapporti. Un professore precario, un politico navigato, una prostituta, un ragazzino alla ricerca del vero padre, due studenti dagli opposti destini, un maresciallo a caccia di un omicida. Un viaggio in pulmino, tra strade e paesi di Calabria, una terra con le sue smemoratezze, “i suoi caratteri, il rammarico profondo per tutto quello che potrebbe essere e non è.” Un viaggio che, seppur breve, rimescola le carte e i rapporti, rimette in discussione le singole vite, stravolgendole: dopo non sarà più come prima. Vicende umane, tra derive e riscatti, paesaggi del cuore e di una regione che, aspra e dura, cerca tenerezza. Prefazione di Pino Aprile.

L’assenza che volevo

Talarico Olimpio

David, orfano di padre, vive una infanzia felice con la madre, ma questa poi si risposa con il signor Murdstone, un uomo crudele che la porta alla tomba. Privo di affetti, David sperimenta la dura scuola del maestro Creakle. Il patrigno gli impone un lavoro avvilente in un negozio di Londra. Disperato fugge a piedi a Dover, dove una zia, Betsey, accetta di occuparsi di lui. Lo manda a Canterbury, per educarlo, in casa del suo avvocato, padre di Agnes, una dolce fanciulla. Divenuto cronista parlamentare e conquistata anche fama letteraria, David sposa Dora che pochi anni dopo muore. Il giovane allora si accorge della dolce Agnes che sposa, dopo aver salvato il futuro suocero dalle trame del suo amministratore.

David Copperfield

Dickens Charles

Capolavoro di letteratura inglese e unico romanzo di Emily Brontë, con un saggio di Virginia Woolf e la prefazione di Charlotte Brontë. Cime tempestose appare nel 1847 in una Inghilterra già frenata dai pudori vittoriani; è l'unico romanzo di una scrittrice di ventotto anni prossima alla morte perché consumata dalla tisi. Il libro, stampato in proprio e in poche copie, non desta, come del resto quelli delle sorelle, grande interesse; in seguito si imporrà come singolare capolavoro della letteratura inglese. Nella solitaria e selvaggia brughiera dello Yorkshire si consuma una tumultuosa e distruttiva passione amorosa. Tutti i tormentati contrasti che s'innescano tra gli abitanti di una agiata dimora a fondo valle e quelli di una fattoria su di un colle ventoso convergono nella figura del trovatello Heathcliff. Le contraddittorie e velenose passioni umane innestano nell'amore la sofferenza e la crudele vendetta.

Cime tempestose

Brontë Emily

Dopo la liberazione doveva essere tutto finito. Ma non è stato così. Sono passati dieci anni da quando Sarah è fuggita da quello scantinato, il teatro delle torture fisiche e psicologiche che Jack Derber le ha inferto per oltre mille giorni. Ma per Sarah non esiste ancora un «dopo»: vittima delle proprie fobie, vive rinchiusa nel suo appartamento di Manhattan. Fino a quando l’FBI non la informa che Jack Derber, accusato e imprigionato per rapimento, sta per essere rilasciato. Sarah non può consentirlo, perché lei sa. Sa che Derber non è soltanto un rapitore. È un assassino. Lo sa perché lei non era da sola, in quello scantinato. Con lei c’erano altre due ragazze, Christine e Tracy, e per i primi mesi di reclusione ce n’era stata anche una terza: Jennifer, la sua migliore amica. E Sarah sa, con certezza, che Jennifer è morta per mano di Derber. C’è una sola speranza, per tenere Derber in prigione: ritrovare il corpo di Jennifer. Per questo, Sarah deve trovare la forza di riallacciare i contatti con le altre sopravvissute, nonostante l’odio che loro provano per lei e nonostante i segreti che le dividono. Perché quel capitolo della loro vita non si è mai veramente chiuso. Perché quello che succede dopo è ancora più terribile.

Dopo

Zan Koethi