Saggi

Silenzio, si ruba

Travaglio Marco

Descrizione: Il diario politico del 2011 raccontato dal più corrosivo e implacabile tra i giornalisti italiani. Un appuntamento che ogni lunedì tiene incollate al video migliaia di persone, in diretta sul seguitissimo blog di Beppe Grillo. In molti l'hanno capito, è l'occasione unica per informarsi davvero, rompere con il sistema addomesticato dell'informazione televisiva ed entrare direttamente dentro la cronaca, gli scandali e l'attualità politica. Finalmente senza filtri. Ruby e i festini di Arcore; P2, P3 e P4; Berlusconi e i processi; i referendum e il crollo dei partiti; le elezioni regionali e la sconfitta del Pdl; lodi e leggi ad personam... Tutto quello che dovevate sapere e che nessuno ha raccontato. Anzi, in molti l'hanno nascosto. Ogni intervento di Marco Travaglio è una ricostruzione minuziosa dei fatti e un atto d'accusa contro il potere che pensa solo a se stesso, mai ai cittadini e ancora meno al bene comune.

Categoria: Saggi

Editore: Chiare Lettere

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788861902329

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

“Silenzio, si dorme!” è l’esortazione che i genitori indirizzano ai figlioletti recalcitranti quando non vogliono dormire.

“Silenzio, si gira!” intimavano registi come Fellini sui set cinematografici. “Silenzio, si gira” è anche un film di Campogalliani, datato 1943 e tratto da un soggetto di C. Zavattini.

Entrando in zona ‘decalogo dei comandamenti’, “Silenzio, si uccide” – altrimenti noto come “Assassinio allo specchio”, trasposizione cinematografica con Angela Lansbury nel ruolo di Miss Marple e attori del calibro di Liz Taylor, Geraldine Chaplin, Tony Curtis e Kim Novak – è un giallo nato dalla fantasia dell’insuperabile Agatha Christie.

Balzando dal quinto al settimo comandamento, “Silenzio si ruba” è l’esclamazione grottesca e vagamente cinica di Marco Travaglio, che ci regala la retrospettiva 2011 del governo Berlusconi. E lo fa con la consueta intelligenza lucida, critica e, perché no, anche satirica che tutti – avversari compresi – gli riconoscono.

”Silenzio si ruba” è un saggio breve con un filo conduttore: le puntate di Passaparola; gli argomenti delle puntate della rubrica del lunedì diventano i titoli dei capitoli, attraverso i quali è possibile esaminare in controluce caratteristiche e anomalie di un sistema politico che nel deposto premier ha avuto il suo leitmotiv.

Un governo viene ricordato perché si caratterizza per un intervento normativo specifico (ad esempio, il suffragio universale – per inciso: ma perché viene chiamato ‘universale’ se dal voto erano escluse le donne? – del quarto governo Giolitti), per un atteggiamento politico (il compromesso storico), per un’ideologia (il governo De Gasperi e l’ideologia di Don Sturzo) o per eventi storici.

Il governo che ci ha accompagnato all’attuale collasso sarà ricordato per gli slogan (le cariche politiche sono ostaggio delle toghe rosse!), per aver avvicinato l’opinione pubblica a concetti giuridici quali ‘legittimo impedimento’, ‘processi brevi’ e ‘allungamenti dei processi’ in dubio pro reo, per l’affollamento di scandali e vertenze giudiziarie (Rubygate, Lodo Mondadori; Mediatrade, Mills e chi più ne ha più ne metta). Non bastasse, nel 2011 abbiamo assistito al dilagare di fenomeni di costume alla portata di tutti: i festini con ragazze straordinariamente giovani, belle e retribuite e i celebratissimi bunga bunga, prodotto d’importazione. Non dimenticheremo infine le misure xenofobiche stigmatizzate dalla UE, le repressioni anti-ecologia che vanno sotto la sigla TAV e – questa volta parlo seriamente – gli splendidi, plebiscitari successi referendari su temi importanti come l’energia atomica, il controllo di una risorsa primaria (l’acqua) e l’immancabile ‘legittimo impedimento’.

E quindi … non ci resta che fare silenzio … un silenzio che ha tanti significati: perché sul silenzio si fonda il potere mafioso, sotto il silenzio deve passare il numero crescente di poltrone compiacenti, o forse semplicemente perché la gente – dopo tante chiacchiere – adesso davvero desidera il silenzio dei fatti concreti.

Il libro-saggio di Travaglio è abbinato a un DVD in un cofanetto che potrebbe rappresentare un presente spregiudicato, anticonformista e di protesta.

Da regalare con l’auspicio: “Silenzio, si lavora!” o “Silenzio, si risale la china …”. Questo, per lo meno, é l’augurio di …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Travaglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Travaglio Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Julius Hertzfeld, eminente psichiatra, è alle prese con i conti che si fanno quando, come lui, si è affetti da una grave malattia. Per riparare gli errori commessi e per lanciare un'ultima sfida, contatta un ex paziente, Philip, filosofo arrogante, sessuomane e narcisista, e lo coinvolge in una terapia di gruppo. Del gruppo fa parte però anche una delle vittime della sessuomania di Philip, e la situazione genera un livello di tensione e coinvolgimento tali che nessuno resta più lo stesso. Hertzfeld affronta il trattamento di Philip ricorrendo al pensatore che l'arrogante filosofo considera il suo guru personale, il suo alter ego: Arthur Schopenhauer. E la "cura Schopenhauer" inizierà a mostrare i suoi effetti.

La cura Schopenhauer

Yalom Irvin D.

"Ero stata dichiarata irrecuperabile e pericolosa. Per questo mi trovavo imprigionata in una zattera spaziale lanciata oltre i confini del sistema solare. Sarei stata abbandonata sul pianeta Darkside a meno di incontrare qualcuno disposto a salvarmi da questo destino per condurmi con sé, rischiando la morte ogni attimo della sua vita; un Umano talmente forte da resistere alle mie lusinghe. Alle mie mani. Ai miei occhi. Al gelo delle mie labbra. Quando incrociai il cargo spaziale del capitano Thomas Traümer pensai che la mia fine fosse arrivata. Invece era solo un nuovo inizio."

Darkside

Gaggioli Alessandra

“Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo

È una fredda, grigia, nebbiosa giornata di novembre degli anni Trenta a Londra e Miss Pettigrew, il cappotto di un indefinibile, orrendo marrone, l'aria di una spigolosa signora di mezza età e un'espressione timida e frustrata negli occhi, è alla porta di un appartamento al 5 di Onslow Mansions, in uno dei quartieri più eleganti della capitale inglese. Stamani si è presentata come sempre al collocamento e l'impiegata le ha dato l'indirizzo di Onslow Mansions e un nome: Miss LaFosse. L'edificio in cui si trova l'appartamento è tanto esclusivo e ricercato da metterle soggezione. Miss Pettigrew coi suoi abiti logori, il suo mesto decoro e il coraggio perduto nelle settimane trascorse con lo spauracchio dell'ospizio dei poveri, suona ripetutamente prima che la porta si spalanchi e appaia sulla soglia una giovane donna. È una creatura così incantevole da richiamare subito alla mente le bellezze del cinematografo. Miss Pettigrew sa tutto delle dive del cinematografo: ogni settimana per oltre due ore vive nel mondo fatato del cinema, dove non ci sono genitori prepotenti e orridi pargoli a vessarla. Miss LaFosse la fa entrare e poi scompare nella camera da letto, per ricomparire poco dopo seguita da un uomo in veste da camera, di una seta dalle tinte così abbaglianti che Miss Pettigrew deve socchiudere gli occhi. In preda all'ansia, stringendo la borsetta fra le dita tremanti, Miss Pettigrew si sente sconfitta e abbandonata prima ancora che la battaglia per l'assunzione cominci, ma anche elettrizzata.

UN GIORNO DI GLORIA PER MISS PETTIGREW

Watson Winifred