Saggi

Silenzio, si ruba

Travaglio Marco

Descrizione: Il diario politico del 2011 raccontato dal più corrosivo e implacabile tra i giornalisti italiani. Un appuntamento che ogni lunedì tiene incollate al video migliaia di persone, in diretta sul seguitissimo blog di Beppe Grillo. In molti l'hanno capito, è l'occasione unica per informarsi davvero, rompere con il sistema addomesticato dell'informazione televisiva ed entrare direttamente dentro la cronaca, gli scandali e l'attualità politica. Finalmente senza filtri. Ruby e i festini di Arcore; P2, P3 e P4; Berlusconi e i processi; i referendum e il crollo dei partiti; le elezioni regionali e la sconfitta del Pdl; lodi e leggi ad personam... Tutto quello che dovevate sapere e che nessuno ha raccontato. Anzi, in molti l'hanno nascosto. Ogni intervento di Marco Travaglio è una ricostruzione minuziosa dei fatti e un atto d'accusa contro il potere che pensa solo a se stesso, mai ai cittadini e ancora meno al bene comune.

Categoria: Saggi

Editore: Chiare Lettere

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788861902329

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

“Silenzio, si dorme!” è l’esortazione che i genitori indirizzano ai figlioletti recalcitranti quando non vogliono dormire.

“Silenzio, si gira!” intimavano registi come Fellini sui set cinematografici. “Silenzio, si gira” è anche un film di Campogalliani, datato 1943 e tratto da un soggetto di C. Zavattini.

Entrando in zona ‘decalogo dei comandamenti’, “Silenzio, si uccide” – altrimenti noto come “Assassinio allo specchio”, trasposizione cinematografica con Angela Lansbury nel ruolo di Miss Marple e attori del calibro di Liz Taylor, Geraldine Chaplin, Tony Curtis e Kim Novak – è un giallo nato dalla fantasia dell’insuperabile Agatha Christie.

Balzando dal quinto al settimo comandamento, “Silenzio si ruba” è l’esclamazione grottesca e vagamente cinica di Marco Travaglio, che ci regala la retrospettiva 2011 del governo Berlusconi. E lo fa con la consueta intelligenza lucida, critica e, perché no, anche satirica che tutti – avversari compresi – gli riconoscono.

”Silenzio si ruba” è un saggio breve con un filo conduttore: le puntate di Passaparola; gli argomenti delle puntate della rubrica del lunedì diventano i titoli dei capitoli, attraverso i quali è possibile esaminare in controluce caratteristiche e anomalie di un sistema politico che nel deposto premier ha avuto il suo leitmotiv.

Un governo viene ricordato perché si caratterizza per un intervento normativo specifico (ad esempio, il suffragio universale – per inciso: ma perché viene chiamato ‘universale’ se dal voto erano escluse le donne? – del quarto governo Giolitti), per un atteggiamento politico (il compromesso storico), per un’ideologia (il governo De Gasperi e l’ideologia di Don Sturzo) o per eventi storici.

Il governo che ci ha accompagnato all’attuale collasso sarà ricordato per gli slogan (le cariche politiche sono ostaggio delle toghe rosse!), per aver avvicinato l’opinione pubblica a concetti giuridici quali ‘legittimo impedimento’, ‘processi brevi’ e ‘allungamenti dei processi’ in dubio pro reo, per l’affollamento di scandali e vertenze giudiziarie (Rubygate, Lodo Mondadori; Mediatrade, Mills e chi più ne ha più ne metta). Non bastasse, nel 2011 abbiamo assistito al dilagare di fenomeni di costume alla portata di tutti: i festini con ragazze straordinariamente giovani, belle e retribuite e i celebratissimi bunga bunga, prodotto d’importazione. Non dimenticheremo infine le misure xenofobiche stigmatizzate dalla UE, le repressioni anti-ecologia che vanno sotto la sigla TAV e – questa volta parlo seriamente – gli splendidi, plebiscitari successi referendari su temi importanti come l’energia atomica, il controllo di una risorsa primaria (l’acqua) e l’immancabile ‘legittimo impedimento’.

E quindi … non ci resta che fare silenzio … un silenzio che ha tanti significati: perché sul silenzio si fonda il potere mafioso, sotto il silenzio deve passare il numero crescente di poltrone compiacenti, o forse semplicemente perché la gente – dopo tante chiacchiere – adesso davvero desidera il silenzio dei fatti concreti.

Il libro-saggio di Travaglio è abbinato a un DVD in un cofanetto che potrebbe rappresentare un presente spregiudicato, anticonformista e di protesta.

Da regalare con l’auspicio: “Silenzio, si lavora!” o “Silenzio, si risale la china …”. Questo, per lo meno, é l’augurio di …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Travaglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Travaglio Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Estate 1975. Nello scenario di una Puglia misteriosa, tra la campagna e il mare, quattro ragazzi vivono un'esperienza che segnerà per sempre le loro esistenze. Matteo Leoni, un tredicenne timido e riservato con la passione per la scrittura e la cugina Valentina, sua coetanea bella e intelligente, gli altri amici. L'estate scivola tra escursioni avventurose, corse in bicicletta, presenze inquietanti, bagni notturni, rocambolesche vicende familiari, amori sotterranei, risse e scoperte stupefacenti. Sullo sfondo la traccia misteriosa della foresta, compatta e scura, disegnata a rilievo sulla campagna. Come un cane nero, che corre. Poi arriva settembre, e segnerà la linea di confine, imprevedibile, che dividerà le loro vite.

L’ESTATE DEL CANE NERO

Carofiglio Francesco

Il ventiseienne Garnet Montrose (“Mi chiamo Garnet Montrose. È un nome che sconcerta la gente… ero un gran ballerino… il nome non lega con il cognome… è un nome da donna mentre il cognome suona troppo storico”) vive Come in una tomba, nel romanzo omonimo di James Purdy...

Come in una tomba

Purdy James

“Si guardò intorno impotente, quasi implorando gli alberi di parlare e darle le risposte che desiderava. In ginocchio sulla neve, sentì in lontananza il latrare di un cane. L’?eco di un ricordo formò un’immagine nella sua mente: era già stata lì una volta… Sì. Sì… Mentre il sole scivolava dietro gli alberi, nella valle sottostante, Greta si aggrappò alla lapide. E finalmente cominciò a ricordare…”

L’angelo di Marchmont Hall

Riley Lucinda

Il nostro tempo sembra aver dissolto ogni confine, compresi quelli stabiliti dai tabú. Non esiste piú un limite che non sia possibile valicare. La trasgressione è divenuta un obbligo che non implica alcun sentimento di violazione. La disinibizione diffusa ha preso il posto della reverenza passiva e sacrificale di fronte alle nostre vecchie credenze. Ma i tabú devono semplicemente essere smantellati dalla nuova ragione libertina che caratterizza il nostro tempo oppure conviene provare a ripensarli criticamente senza nutrire alcuna nostalgia per il passato? Ci sono parole chiave come preghiera, lavoro, desiderio, colpa, eutanasia, famiglia, che sono state in modi diversi associate ai tabú e che esigono oggi di essere riattraversate criticamente. Vi sono anche figure mitologiche, storiche o letterarie che sono divenute crocevia essenziali della nostra storia individuale e collettiva e che ci spingono a incontrare in modo nuovo lo spigolo duro del tabú: Ulisse, Antigone, Edipo, Medea, Amleto, Isacco, Don Giovanni, Caino. Dal riferimento a grandi autori dell'Occidente - da Platone a Hegel, da Dostoevskij a Sartre, da Freud a Lacan, da Marx a Calvino, da Molière a Beckett - cosí come nelle miserie della nostra vita quotidiana, Recalcati rintraccia la sparizione del tabú e l'apparizione delle sue nuove maschere.

I tabù del mondo

Recalcati Massimo