Giallo - thriller - noir

La sindone del diavolo

Leoni Giulio

Descrizione: 1311. In missione segreta per conto dell'imperatore, Dante fa il suo ingresso a Venezia, una città umida e inospitale, che lui detesta. Non ha intenzione di trattenersi a lungo, ma poi viene fermato da un uomo che sembra sapere molte cose su di lui e soprattutto sull'opera che sta scrivendo, l'Inferno, e che lo invita alla riunione di una setta in possesso di una reliquia straordinaria: la Sindone del diavolo. Così, quando alcune persone vengono trovate morte in circostanze misteriose, il poeta capisce che a Venezia sta accadendo qualcosa di molto strano. Qualcosa su cui è necessario indagare...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2014

ISBN: 9788842923213

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ne “La sindone del diavolo” di Giulio Leoni agisce un investigatore d’eccezione: Dante Alighieri (“Fiorentino per nascita, non certo per licenziosi costumi”), qui impegnato in una vicenda che lo porterà a rintracciare un drappo che reca impressa l’immagine del diavolo (“Le corna arricciate di un satiro spuntavano in quella che sembrava una corona di serpenti dell’antica Gorgone, il volto con tre paia di occhi, come l’orrendo Gerione… e tre bocche da cui fuoriuscivano le zanne acuminate…”).

Arrigo VII, imperatore che per Dante incarna “le speranze per l’intera Italia di ritrovare la pace e la giustizia perdute, sotto l’illuminato giudizio dell’aquila”, è gravemente ammalato. A Pisa, il divin poeta apprende da Puccio Cane, un galeotto della flotta, che le “lacrime del Diavolo” hanno poteri straordinari e che il misterioso filtro si trova “a Venezia, nella città sul mare. Lì si dice che sia giunto da oriente, dalla lontana Bassora, uno speziale saraceno… Egli è l’unico in terra d’Occidente a conoscere il rimedio che può forse salvare Arrigo”.
Durante il viaggio verso la Serenissima, il sommo vate s’imbatte in oscuri presagi e trascorre la prima notte veneziana nella locanda Doge Zanni, che scomparirà nei giorni successivi (“Doge Zanni è il nomignolo con cui il popolo chiama Lucifero”): una vera ambascia, visto che lì il poeta ha lasciato il proprio manoscritto (“Persino la sua opera rischiava di essere persa per sempre, in quella locanda del Doge Zanni, che sembrava scomparsa e che tutti negavano di conoscere” ) proprio quando “era giunto all’ultimo canto della narrazione, e quel Male che aveva atteso e cercato per nove cerchi nell’abisso era lì davanti a lui e alla sua guida, nel regno del gelo eterno che aveva sostituito le lande infuocate”.
Tra sette segrete e monaci, delitti crudeli e faide, strane manovre di gondole e il vascello “Medusa” dell’ammiraglio Jacopo Collidor, in una Venezia insidiata dal Demonio, l’Alighieri in improbabile versione detective (“Dante lo colpì con un pugno al volto” – “Il poeta riuscì ad avere ragione con un calcio”!) riesce finalmente a rintracciare lo straniero che dovrebbe possedere il portentoso fluido.

Il romanzo è complesso, a tratti macchinoso; lo stile narrativo s’ispira all’epoca medioevale, i rimandi storico-letterari potrebbero piacere agli appassionati del thriller storico…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giulio

Leoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Leoni Giulio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Premio Andersen 2017 come "miglior libro a fumetti"

La compagnia dei soli

Rinaldi Patrizia, Paci Marco

Solo in cucina Ginny riesce a esprimere se stessa e a ritrovare i sapori di una vita che dopo la morte dei genitori le sembra diventata incomprensibile. E mentre dai fornelli si leva il profumo corposo e piccante della zuppa della nonna, davanti le appare il fantasma della nonna stessa che le sussurra una frase sibillina: Non lasciarglielo fare. Chissà che cosa voleva dire, chissà se ha a che fare con il fatto che la prepotente sorella maggiore di Ginny vuole vendere la casa. Una casa che ha ancora tanti segreti da svelare...

LA CUCINA DEGLI INGREDIENTI MAGICI

McHenry Jael

Storia del nuovo cognome è il seguito dell’amica geniale, pubblicato nel 2011. L’amica geniale racconta l’infanzia e l’adolescenza di due ragazze napoletane, Lila e Lenù, seguite nelle intense peripezie della loro amicizia, in un quartiere povero e feroce negli anni del passaggio a un benessere conquistato con ogni mezzo. Al cuore del romanzo c’è il rapporto tra le due amiche, un rapporto di affetto, di gelosia, di competizione, di emulazione, di rifiuto e di attrazione vertiginosa. Ritroviamo le due protagoniste e la loro straordinaria amicizia nelle nuove prove che la vita mette loro davanti. Lila si sposa a soli diciassette anni con un giovane del quartiere arricchitosi con commerci e traffici non sempre limpidi, e diventa la signora Carracci in una nuova esistenza dove agio e violenza, frustrazione e potere si mischiano. Lenù continua invece a studiare, suscitando l’ammirazione e l’invidia dell’amica. È una gara a chi delle due riuscirà a uscire dal quartiere che le imprigiona, a liberarsi da un ambiente che entrambe odiano. Ameranno anche lo stesso uomo.

Storia del nuovo cognome

Ferrante Elena

Primo maggio 1891, luglio 1924. Sono decenni burrascosi per l'Italia: dopo l'epopea risorgimentale ci si sta avviando verso il disastro della grande guerra e del fascismo. Ma è anche un periodo stimolante come pochi fino ad allora. In questo contesto, dove scienza, tecnologia e società si evolvono a ritmi vertiginosi, Elisa s'impegna con passione nella difesa dei diritti delle donne e dei bambini. Accanto a lei il marito Vittorio, avvocato a parlamentare socialista, le quattro figlie, poi i conoscenti e gli amici, da Costa a Turati, dalla Kuliscioff alla Montessori, da Nathan a D'Annunzio. Le loro vite, il lavoro, le amicizie e gli amori s'inseriscono nella storia più ampia del nostro paese in un intreccio di vicende personali e pubbliche che trasmettono il profumo di un'epoca. Un romanzo che lega insieme storia e fantasia attraverso le vicende di una famiglia particolare, capace di osservare il mondo con sguardo anticonvenzionale e moderno. Postfazione di Anna Foa.

La dama del quintetto

Mori Silvia