Giallo - thriller - noir

La sindone del diavolo

Leoni Giulio

Descrizione: 1311. In missione segreta per conto dell'imperatore, Dante fa il suo ingresso a Venezia, una città umida e inospitale, che lui detesta. Non ha intenzione di trattenersi a lungo, ma poi viene fermato da un uomo che sembra sapere molte cose su di lui e soprattutto sull'opera che sta scrivendo, l'Inferno, e che lo invita alla riunione di una setta in possesso di una reliquia straordinaria: la Sindone del diavolo. Così, quando alcune persone vengono trovate morte in circostanze misteriose, il poeta capisce che a Venezia sta accadendo qualcosa di molto strano. Qualcosa su cui è necessario indagare...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2014

ISBN: 9788842923213

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ne “La sindone del diavolo” di Giulio Leoni agisce un investigatore d’eccezione: Dante Alighieri (“Fiorentino per nascita, non certo per licenziosi costumi”), qui impegnato in una vicenda che lo porterà a rintracciare un drappo che reca impressa l’immagine del diavolo (“Le corna arricciate di un satiro spuntavano in quella che sembrava una corona di serpenti dell’antica Gorgone, il volto con tre paia di occhi, come l’orrendo Gerione… e tre bocche da cui fuoriuscivano le zanne acuminate…”).

Arrigo VII, imperatore che per Dante incarna “le speranze per l’intera Italia di ritrovare la pace e la giustizia perdute, sotto l’illuminato giudizio dell’aquila”, è gravemente ammalato. A Pisa, il divin poeta apprende da Puccio Cane, un galeotto della flotta, che le “lacrime del Diavolo” hanno poteri straordinari e che il misterioso filtro si trova “a Venezia, nella città sul mare. Lì si dice che sia giunto da oriente, dalla lontana Bassora, uno speziale saraceno… Egli è l’unico in terra d’Occidente a conoscere il rimedio che può forse salvare Arrigo”.
Durante il viaggio verso la Serenissima, il sommo vate s’imbatte in oscuri presagi e trascorre la prima notte veneziana nella locanda Doge Zanni, che scomparirà nei giorni successivi (“Doge Zanni è il nomignolo con cui il popolo chiama Lucifero”): una vera ambascia, visto che lì il poeta ha lasciato il proprio manoscritto (“Persino la sua opera rischiava di essere persa per sempre, in quella locanda del Doge Zanni, che sembrava scomparsa e che tutti negavano di conoscere” ) proprio quando “era giunto all’ultimo canto della narrazione, e quel Male che aveva atteso e cercato per nove cerchi nell’abisso era lì davanti a lui e alla sua guida, nel regno del gelo eterno che aveva sostituito le lande infuocate”.
Tra sette segrete e monaci, delitti crudeli e faide, strane manovre di gondole e il vascello “Medusa” dell’ammiraglio Jacopo Collidor, in una Venezia insidiata dal Demonio, l’Alighieri in improbabile versione detective (“Dante lo colpì con un pugno al volto” – “Il poeta riuscì ad avere ragione con un calcio”!) riesce finalmente a rintracciare lo straniero che dovrebbe possedere il portentoso fluido.

Il romanzo è complesso, a tratti macchinoso; lo stile narrativo s’ispira all’epoca medioevale, i rimandi storico-letterari potrebbero piacere agli appassionati del thriller storico…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giulio

Leoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Leoni Giulio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

MALAMORE

De Gregorio Concita

Protetti e intoccabili. Sono 2 milioni di italiani divisi nelle 25 sacche di privilegio degli ordini professionali. Avvocati, ingegneri, psicologi, medici, farmacisti, notai, giornalisti, chimici, commercialisti... Rappresentano il 12,5 per cento del Pil. Hanno enti previdenziali propri, che gestiscono un tesoro di 40 miliardi di euro investiti in immobili e titoli finanziari. Il solo patrimonio dell'ordine dei medici vale 9,3 miliardi di euro. 4,5 quello degli avvocati; 4,3quello di architetti e ingegneri. Il presidente della Cassa dei medici guadagna circa 10.000 euro lordi al mese più 600 euro a ogni riunione a cui partecipa. L’élite al comando annovera 18,000 persone, impegnate in quotidiani giochi di potere, lotte interne, investimenti occulti, vere e proprie azioni di spionaggio e controspionaggio. Questo libro entra per la prima volta dentro gli ordini, ne racconta il funzionamento, i soldi e i traffici finanziari, gli scandali e le inchieste, i poteri forti che li animano, tra logge massoniche e gruppi religiosi come Opus Dei e Comunione e Liberazione, la presenza in Parlamento. Un sistema che risale a più di un secolo fa. Ancora oggi potentissimo e mai raccontato.

I veri intoccabili

Stefanoni Franco

Clary Fray vorrebbe soltanto che qualcuno le restituisse la sua vecchia, normalissima, vita. Ma non c'è niente di normale nella tua vita se puoi vedere licantropi, vampiri e altri Nascosti, se tua madre è in un coma magicamente indotto e tu scopri di essere uno Shadowhunter, un cacciatore di demoni. Se Clary si lasciasse il mondo dei Cacciatori alle spalle avrebbe più tempo per Simon (forse più di un amico ormai). Ma è il mondo dei Cacciatori che non è disposto a lasciar andare lei, soprattutto Jace, il suo affascinante, permaloso fratello appena ritrovato. Per Clary l'unico modo di salvare la madre è inseguire Valentine, il cacciatore ribelle, che è probabilmente pazzo, sicuramente malvagio e anche, purtroppo, suo padre. A complicare le cose a New York si moltiplicano gli omicidi dei figli dei Nascosti. E la città diventa sempre più pericolosa, anche per uno Shadowhunter come Clary. Età di lettura: da 13 anni.

Shadowhunters. Città di cenere

Clare Cassandra

Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

La caduta

Camus Albert