Poesia

Sindrome del distacco e tregua – parte seconda

Cucchi Maurizio

Descrizione: «Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà...

Categoria: Poesia

Editore: Mondadori

Collana: Lo specchio

Anno: 2019

ISBN: 9788804710394

Recensito da Jacopo Ricciardi

Le Vostre recensioni

Sindrome del distacco e tregua – parte seconda

  1. La radiografia.

Il libro risulta, nella successione delle otto sezioni, una progressiva messa a fuoco di quel luogo ‘remoto’ della realtà che lega il rapporto evolvente di persona e poeta, ovvero di Maurizio Cucchi.

Nella prima sezione si cerca il dato di concretezza della persona, e del poeta che ne deriva, dal trasporto del valore poetico di Caproni nel vissuto quotidiano, attraverso la ripetizione di un frammento di un suo verso. Il primo scarto della realtà in se stessa è dato dall’esistenza concreta del poetico, e di questo derivare del poetico tra poeti. Il poetico combacia e crea l’improvviso dell’’lmprovvisa edesione’ del titolo.

Nella seconda sezione, dal concreto ‘ruvido’ del proprio posizionamento a margine, in un ‘remoto’ minimo della realtà, si passa al concreto di una fotografia che prima genererà una immedesimazione biografica per poi far progredire in un’indagine del trauma e della tragedia, individuale e collettiva, degli effetti dell’esplosione nel 1986 della centrale nucleare di Cernobyl, vissuta nel luogo di un distacco generato dalla lontananza fotografica che interrompe il flusso compiuto e ‘stremato’ del desiderio. Il ‘penitente’ del titolo è il poeta che assolve all’orientamento indiretto della persona calata in un luogo spezzato.

La terza sezione è aperta da una poesia in corsivo che dà il campo d’azione contemplativo dove si libera il poeta. Vicino al ponte di un parco l’osservazione degli avvenimenti naturali descritti nel loro dinamismo evanescente e senza nome, primitivo dell’esserci: lo sguardo del poeta contempla attraverso il ricordo della persona che ha vissuto quell’evento, si tratta di Maurizio Cucchi stesso, ma il posizionamento nel parco nella prima poesia è tanto vago quanto invece è attenta e minuziosa l’evanesceza dell’osservazione successiva nelle altre poesie. Ecco lo scarto ulteriore che pone la persona nel vasto indistinto campo del poetico, ‘Minuta gocciola’.

Nella quarta sezione lo stesso schema: poesia iniziale in corsivo che delinea la scena di un’osservazione maggiormente concreta che si situa in un ricordo d’infanzia. Il piccolo Maurizio si confronta con la presenza attiva di un cane definendolo con timore e empatia ‘bestione’. Accade che l’osservazione scrupolosa dell’animale nella sua studiata essenza di presenza estranea all’uomo e di pericolosa presenza viene descritta e guardata attraverso gli occhi del piccolo bimbo dal cresciuto uomo di settant’anni (Maurizio Cucchi è del ‘45), che interpreta e meglio sa esprimere quella condizione di concretezza vitale. Si giunge all’ultima poesia in cui dei ragazzi guardano lo scrivere del poeta, ribaltando in extremis la prospettiva di quel luogo. Sul poeta vengono trasferite le specifiche di concretezza della persona.

Ed eccoci alla quinta sezione, dove prose e poesie in corsivo si alternano, mostrando un luogo in cui persona e poeta convivono in un equilibrio di rimandi tra l’uno e l’altro. Il luogo è reale e la persona attua la visitazione (nelle prose), mentre il poeta (nelle poesie in corsivo) sublima il momento, radicandolo ancora più concretamente. Qui Maurizio Cucchi individua il nocciolo del libro intero ed è il tema della ‘frugalità’ come luogo, e lo fa creando in successione prima un personaggio, poi il suo luogo, la sua storia, passando ai luoghi interni di diverse abitazioni viste in alcuni film, poi a luoghi esterni visitati intorno a Milano, fino a definire, nel baluginio della memoria, un proprio luogo dove abitare, luogo che è realtà di tutto il vissuto. Il titolo è ‘Felicità frugale’.

Nella sesta sezione ‘Chiave di volta’ troviamo una serie di brevi prose che dipanano il campo d’azione del luogo, di persona e poeta accorpati. Sono descrizioni di fusione di spazi, di corrispondenze di fattezze geologiche e biologiche, come a decifrare un’insondabile zona dove i particolari si rispondono e si mischiano fino a determinare l’assenza presente di una realtà più remota ancora, come l’eco di uno spazio più lontano rimanda la dolce essenza dell’esserci stati. Questo vasto spazio determinato, ‘remoto’ nella nostra realtà, è memoria del passaggio di ognuno, fatto dalla concretezza di persona e poeta fusi perché assenti.

La settima sezione ‘Babazouk’ mostra il desiderio enciclopedico del poeta trasportato dal bighellonare per le vie di Nizza dalla persona, da Maurizio. Questo è luogo esotico perché estremo, esterno, e di confronto arduo perché trasforma, la fede nella nozione, nella lotta della memoria. Tutto è incontro, dettaglio, immedesimazione, impronta tra fatto e nome, tra luogo e gente, tra tempi e indizi, ma nel remoto dell’esperienza della realtà, là dove ogni cosa è già fuggita, e ha le fattezze del presente proprio perché ormai non presente, concreta perché assente come nell’ultima poesia ‘La madonna del tombino’ nella quale la madonna scolpita in una via viene cercata nuovamente nello stesso luogo dove era stata vista ma non viene più trovata al suo posto: chi è che non la trova, il poeta o la persona, più l’uno o l’altro?

Nell’ottava e ultima sezione accade che questo viaggio nel remoto della realtà, che ha trovato in ogni sezione rinnovamento nella seguente, si interrrompa al dato finalmente concreto, quello biografico. Di lì non si passa, anzi si rimbalza indietro, certo alla bellezza del libro, alla sua esattezza, ai suoi meandri, ma non può andare oltre quel ‘remoto’. Certamente il libro, di sezione in sezione, non ci ha illuso di essere un viaggio, ma più in un movimento, spostamento, ‘minimo’ sprofondamento o elevazione che sia. Nella realtà si resta, non si esce. Anche il poeta resta ancorato alla persona, come l’intera realtà. Il ritratto di Maurizio Cucchi è compiuto, in esso rintracciamo il nostro, tra aspirazione e gravità, tra mente e realtà, carcerati dalla realtà, nel ‘remoto’ di quest’ora d’aria in apnea nel tempo.

2 – continua

Leggi la parte prima del commento cliccando su questo link

Leggi la terza parte del commento cliccando su questo link

 Jacopo Ricciardi, Tre finestre, acrilico su tavola, 2016

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maurizio

Cucchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cucchi Maurizio

Milano, oggi. È la crisi più grave che il mondo abbia mai attraversato. Disorientati, giovani e anziani, credenti e atei si pongono tutti le stesse, angoscianti domande: cosa faranno ora che il più grande sogno dell’umanità si è trasformato in un incubo? Cosa succederà allo scoccare dell’ultimo giorno? Boston, qualche mese prima. È l’indagine più complessa che Cyrus O’Malley abbia mai affrontato. Sconvolto, il detective dell’FBI osserva le foto delle vittime: per l’ennesima volta, si chiede perché, dopo averle strangolate, il serial killer abbia praticato loro un minuscolo foro alla base del cranio. Per Cyrus, quel caso è diventato un’ossessione. E non importa se, per risolverlo, sarà costretto a rinunciare a tutto ciò che gli è caro… Londra, 1988. È la sensazione più travolgente che Alex Weller abbia mai provato. In estasi, il ragazzo osserva il fiume di luce che scorre davanti a lui: sull’altra sponda c’è suo padre, che lo esorta a raggiungerlo. Ma, per quanto si sforzi, Alex non riesce a muoversi e, d’improvviso, si trova di nuovo incastrato fra le lamiere, sul luogo del terribile incidente d’auto che ha causato la morte dei genitori. Da quel momento, Alex avrà un solo obiettivo: rivivere quell’esperienza. E non importa se, per farlo, sarà costretto a uccidere…

L’ultimo giorno

Cooper Glenn

E se il matrimonio da sogno che fantasticavi da una vita andasse improvvisamente a monte per colpa della tua (ex) migliore amica? E se ti ritrovassi tra le mani un biglietto già pagato per fare il giro del mondo in quella che avrebbe dovuto essere la tua luna di miele? Avresti mai il coraggio di partire da sola? È quello che accade a Bianca, biologa marina all’acquario di Londra, ormai senza un lavoro e prossima alle nozze. Lei decide di partire: donna impulsiva e determinata, col suo tacco 12 è pronta a sfidare il mondo intero anzi, il giro del mondo, che una delle navi da crociera più lussuose del mondo, la Queen Victoria, percorrerà in 109 lunghi giorni. Un’anziana coppia sempre in vena di litigare, un galante scrittore in cerca di ispirazione, un affascinante e scorbutico pianista, una bionda tutto pepe e una misteriosa vecchietta saranno alcuni dei suoi compagni di avventura. Riuscirà Bianca ad arrivare alla fine del viaggio, tra serate di gala, ladri di gioielli, persone che scompaiono misteriosamente e i ricordi dolorosi di un passato che cerca di tornare prepotentemente a galla?

UNA CROCIERA SUI TACCHI

Conti Valeria Angela

E se Michelangelo Merisi da Caravaggio, quel lontano 18 luglio 1610, non fosse morto? Se, ferito e febbricitante, fosse stato trovato sulla sabbia del Tombolo della Feniglia da un'affascinante quanto misteriosa giovinetta in grado di riportarlo in salute? Forse il suo temperamento "maledetto" si sarebbe addolcito di fronte alla disarmante sincerità, all'affetto genuino e alla totale dedizione della sconosciuta. Probabilmente la mutata concezione della vita avrebbe generato altri capolavori assoluti, vibranti di luce diversa, ricchi di una serenità che mai egli stesso avrebbe immaginato di poter vivere e comunicare. Finalmente arriva la grazia, l'agognato ritorno a Roma e una commissione grandiosa e totalmente appagante: un sogno incredibile, una possibilità insperata. Ma ogni sogno è destinato a svanire con la notte: i debiti col passato sono fantasmi mai sconfitti. Il tempo è come un cerchio, chiuso e perfetto e il Caravaggio lo sa bene...

Il sogno di Caravaggio

Montecchi Rossella

Il volume raccoglie testi di: Cristina Babino, Maria Angela Bedini, Allì Caracciolo, Alessandra Carnaroli, Elena Frontaloni, Maria Lenti, Enrica Loggi, Maria Grazia Maiorino, Franca Mancinelli, Caterina Morgantini, Renata Morresi, Natalia Paci, Anuska Pambianchi, Daniela Simoni, Eleonora Tamburrini, Lucia Tancredi, Luana Trapè.

Femminile plurale. Le donne scrivono le Marche

a cura di Babino Cristina