Poesia

Sindrome del distacco e tregua – parte seconda

Cucchi Maurizio

Descrizione: «Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà...

Categoria: Poesia

Editore: Mondadori

Collana: Lo specchio

Anno: 2019

ISBN: 9788804710394

Recensito da Jacopo Ricciardi

Le Vostre recensioni

Sindrome del distacco e tregua – parte seconda

  1. La radiografia.

Il libro risulta, nella successione delle otto sezioni, una progressiva messa a fuoco di quel luogo ‘remoto’ della realtà che lega il rapporto evolvente di persona e poeta, ovvero di Maurizio Cucchi.

Nella prima sezione si cerca il dato di concretezza della persona, e del poeta che ne deriva, dal trasporto del valore poetico di Caproni nel vissuto quotidiano, attraverso la ripetizione di un frammento di un suo verso. Il primo scarto della realtà in se stessa è dato dall’esistenza concreta del poetico, e di questo derivare del poetico tra poeti. Il poetico combacia e crea l’improvviso dell’’lmprovvisa edesione’ del titolo.

Nella seconda sezione, dal concreto ‘ruvido’ del proprio posizionamento a margine, in un ‘remoto’ minimo della realtà, si passa al concreto di una fotografia che prima genererà una immedesimazione biografica per poi far progredire in un’indagine del trauma e della tragedia, individuale e collettiva, degli effetti dell’esplosione nel 1986 della centrale nucleare di Cernobyl, vissuta nel luogo di un distacco generato dalla lontananza fotografica che interrompe il flusso compiuto e ‘stremato’ del desiderio. Il ‘penitente’ del titolo è il poeta che assolve all’orientamento indiretto della persona calata in un luogo spezzato.

La terza sezione è aperta da una poesia in corsivo che dà il campo d’azione contemplativo dove si libera il poeta. Vicino al ponte di un parco l’osservazione degli avvenimenti naturali descritti nel loro dinamismo evanescente e senza nome, primitivo dell’esserci: lo sguardo del poeta contempla attraverso il ricordo della persona che ha vissuto quell’evento, si tratta di Maurizio Cucchi stesso, ma il posizionamento nel parco nella prima poesia è tanto vago quanto invece è attenta e minuziosa l’evanesceza dell’osservazione successiva nelle altre poesie. Ecco lo scarto ulteriore che pone la persona nel vasto indistinto campo del poetico, ‘Minuta gocciola’.

Nella quarta sezione lo stesso schema: poesia iniziale in corsivo che delinea la scena di un’osservazione maggiormente concreta che si situa in un ricordo d’infanzia. Il piccolo Maurizio si confronta con la presenza attiva di un cane definendolo con timore e empatia ‘bestione’. Accade che l’osservazione scrupolosa dell’animale nella sua studiata essenza di presenza estranea all’uomo e di pericolosa presenza viene descritta e guardata attraverso gli occhi del piccolo bimbo dal cresciuto uomo di settant’anni (Maurizio Cucchi è del ‘45), che interpreta e meglio sa esprimere quella condizione di concretezza vitale. Si giunge all’ultima poesia in cui dei ragazzi guardano lo scrivere del poeta, ribaltando in extremis la prospettiva di quel luogo. Sul poeta vengono trasferite le specifiche di concretezza della persona.

Ed eccoci alla quinta sezione, dove prose e poesie in corsivo si alternano, mostrando un luogo in cui persona e poeta convivono in un equilibrio di rimandi tra l’uno e l’altro. Il luogo è reale e la persona attua la visitazione (nelle prose), mentre il poeta (nelle poesie in corsivo) sublima il momento, radicandolo ancora più concretamente. Qui Maurizio Cucchi individua il nocciolo del libro intero ed è il tema della ‘frugalità’ come luogo, e lo fa creando in successione prima un personaggio, poi il suo luogo, la sua storia, passando ai luoghi interni di diverse abitazioni viste in alcuni film, poi a luoghi esterni visitati intorno a Milano, fino a definire, nel baluginio della memoria, un proprio luogo dove abitare, luogo che è realtà di tutto il vissuto. Il titolo è ‘Felicità frugale’.

Nella sesta sezione ‘Chiave di volta’ troviamo una serie di brevi prose che dipanano il campo d’azione del luogo, di persona e poeta accorpati. Sono descrizioni di fusione di spazi, di corrispondenze di fattezze geologiche e biologiche, come a decifrare un’insondabile zona dove i particolari si rispondono e si mischiano fino a determinare l’assenza presente di una realtà più remota ancora, come l’eco di uno spazio più lontano rimanda la dolce essenza dell’esserci stati. Questo vasto spazio determinato, ‘remoto’ nella nostra realtà, è memoria del passaggio di ognuno, fatto dalla concretezza di persona e poeta fusi perché assenti.

La settima sezione ‘Babazouk’ mostra il desiderio enciclopedico del poeta trasportato dal bighellonare per le vie di Nizza dalla persona, da Maurizio. Questo è luogo esotico perché estremo, esterno, e di confronto arduo perché trasforma, la fede nella nozione, nella lotta della memoria. Tutto è incontro, dettaglio, immedesimazione, impronta tra fatto e nome, tra luogo e gente, tra tempi e indizi, ma nel remoto dell’esperienza della realtà, là dove ogni cosa è già fuggita, e ha le fattezze del presente proprio perché ormai non presente, concreta perché assente come nell’ultima poesia ‘La madonna del tombino’ nella quale la madonna scolpita in una via viene cercata nuovamente nello stesso luogo dove era stata vista ma non viene più trovata al suo posto: chi è che non la trova, il poeta o la persona, più l’uno o l’altro?

Nell’ottava e ultima sezione accade che questo viaggio nel remoto della realtà, che ha trovato in ogni sezione rinnovamento nella seguente, si interrrompa al dato finalmente concreto, quello biografico. Di lì non si passa, anzi si rimbalza indietro, certo alla bellezza del libro, alla sua esattezza, ai suoi meandri, ma non può andare oltre quel ‘remoto’. Certamente il libro, di sezione in sezione, non ci ha illuso di essere un viaggio, ma più in un movimento, spostamento, ‘minimo’ sprofondamento o elevazione che sia. Nella realtà si resta, non si esce. Anche il poeta resta ancorato alla persona, come l’intera realtà. Il ritratto di Maurizio Cucchi è compiuto, in esso rintracciamo il nostro, tra aspirazione e gravità, tra mente e realtà, carcerati dalla realtà, nel ‘remoto’ di quest’ora d’aria in apnea nel tempo.

2 – continua

Leggi la parte prima del commento cliccando su questo link

Leggi la terza parte del commento cliccando su questo link

 Jacopo Ricciardi, Tre finestre, acrilico su tavola, 2016

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maurizio

Cucchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cucchi Maurizio

Scritto neI 1917 e pubblicato nel 1919, "Demian" è la storia di un ragazzo combattuto fra due mondi, quello bello e pulito del bene e quello terribile, enigmatico eppur allettante del male. Protagonista è il giovane EmiI Sinclair, caduto sotto l'influsso di un cattivo compagno di scuola, Franz Kromer, che lo spinge a ingannare i genitori, rubare e discendere la china del peccato. Sarà un altro compagno, Max Demian, che sembra vivere fuori del tempo o uscire da un passato senza età, ad attrarre Sinclair e a liberarlo dal nefasto influsso di Kromer, guidandolo verso una concezione della vita straordinariamente complessa e misteriosa.

DEMIAN

Hesse Hermann

«L'amore, mia cara, è un sentimento di lusso!»: questo cerca di spiegare una madre che ha molto vissuto (e che dalla vita ha imparato una grande lezione: «Dare pochissimo e pretendere ancora meno») alla figlia innamorata e infelice. Ma lei, Denise, non lo capisce: quando suo marito glielo ha presentato sulla spiaggia di Hendaye, Yves le è apparso come un giovanotto elegante, raffinato, di bell'aspetto; e poiché alloggiava nel suo stesso albergo, ha creduto che fosse ricco quanto l'uomo che ha sposato, e a cui la lega un affetto tiepido e un po' annoiato. Poi il marito è stato richiamato a Londra da affari urgenti, e quelle giornate di settembre «piene e dorate» sono state come un sogno: la scoperta della reciproca attrazione, le passeggiate, le notti d'amore. Il ritorno a Parigi ha significato anche un brusco ritorno alla realtà: no, Yves non è ricco, tornato dal fronte si è reso conto di aver perduto tutto, ed è stato costretto (lui, cresciuto in un mondo in cui «c'erano ancora persone che potevano permettersi di non fare niente») a trovare un impiego che lo avvilisce e lo mortifica. In questa cronaca di un amore sghembo, in cui si fronteggiano due inconsapevoli egoismi, la giovanissima Irène Némirovsky sfodera già il suo sguardo acuminato e una perfetta padronanza della tecnica narrativa.

Il malinteso

Némirovsky Irène

Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento un poeta di origini greche, Costantinos Kavafis si fa portavoce della storia della città di Alessandria, del suo destino di straordinario sviluppo e inarrestabile decadenza. Con una voce malinconica, consapevole di qualcosa che è andato perso per sempre, Kavafis decide di raccogliere le sue poesie in un corpus collettivo, il suo "Canone": 154 componimenti brevi divisi in scritti filosofici, storici ed erotici. Se con le prime due sezioni, il poeta alessandrino si fa conoscere ed apprezzare per lo stile e per i memorabili ritratti di personaggi del passato, è con la terza che raggiunge una grande notorietà, per quanto prevalentemente postuma. La scabrosità esibita di alcuni testi, l'esplicita omosessualità, la ricercata inattualità e l'eccentrica solitudine dell'autore, gli hanno infatti valso critiche e difficoltà in vita, superate infine dal riconoscimento di una superiore purezza stilistica e sentimentale, distillata nella musicalità di componimenti di assoluta perfezione formale. Il Canone, proposto qui nella nuova traduzione di Massimo Scorsone, innalza Kavafis tra i più prestigiosi poeti del Novecento e mostra tutta l'originalità di una voce irrequieta, commovente e capace di parlare ancora oggi al nostro cuore.

Le poesie di Kostantinos Kavafis

Kavafis Konstantinos

Un mosaico di amori, litigi, storie di vite ordinarie nella Mosca contemporanea. Uno scrittore privo di ispirazione fissa la pagina bianca del computer: non c’è verso di scrivere una riga del romanzo che gli hanno commissionato, meglio uscire a fare quattro passi. Da quando la moglie Tamara lo ha lasciato per un affarista pragmatico e vincente, il dolore della perdita si è fatto sottofondo dolce e amaro di giornate vuote passate a fumare, pensare, ricordare… ma poi tutto attorno pare risvegliarsi e alla piccola vita triste, sfaccendata bussano storie fino allora invisibili. Un incontro fugace in ascensore, una chiacchierata al parco con una giovane madre, la gita alla dacia, il rito della sigaretta sul balcone, le voci e il baccano del condominio, gli aperitivi a scrocco nei club letterari, la quotidiana passeggiata con il cane e il romanzo, come la vita, si scrive da sé. Un mosaico di incontri, litigi, flirt, coincidenze, vite ordinarie di personaggi usa-e-getta raccontati per un istante e persi nella megalopoli: la Mosca contemporanea, tra quartieri d’élite e casermoni periferici, caotica, sulfurea, e sensuale. Il protagonista sembra adagiarsi in una rassegnazione apparentemente pacata eppure pronta, nel caso, a riprendersi il maltolto: alla fine l’occasione arriva, come un frutto maturo sarà proprio la felicità a cadere dritta fra le mani aperte.

FELICITA’ POSSIBILE

Zajonckovskij Oleg