Poesia

Sindrome del distacco e tregua – parte terza

Cucchi Maurizio

Descrizione: «Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà...

Categoria: Poesia

Editore: Mondadori

Collana: Lo specchio

Anno: 2019

ISBN: 9788804710394

Recensito da Jacopo Ricciardi

Le Vostre recensioni

 Sindrome del distacco e tregua – parte terza

  1. L’equazione.

Nel libro Sindrome del distacco e tregua Maurizio Cucchi rende visibili sia il poeta creatore che la persona che si nasconde dietro di esso e da cui il poeta prende ispirazione e crea. In Cucchi lo sguardo del poeta è rivolto alla realtà quotidiana della persona, solo che a differenza di altri poeti della sua generazione fugge dal chiaro contorno biografico, volendo trovare un’oggettività di situazione e di condizione che cattura la persona e paralizza la biografia, in cui lo scorrere del tempo, pur mantenendo il suo tradizionale ordine di passato presente futuro, si dilata fino a specificarsi nei suoi particolari minimi, così lenti da portarsi fin quasi a una paralisi. Cucchi, dalla prima raccolta, ‘Il disperso’, ha colto la realtà esterna del mondo rallentata nei suoi particolari, per metterli a fuoco. Egli mai ha voluto attardarsi nell’interno della biografia, ma piuttosto immergersi nell’esterno dove abita una biografia. E in questo ultimo libro trova un luogo dove un ampio itinerario d’indagine è permesso che sviluppa notevolmentequegli elenchi paralizzanti di cose minime del primo libro di ben quarant’anni prima.

Non è un unicum questo far apparire testualmente sia poeta che persona, gli altri poeti della sua generazione lo hanno applicato, ma certo lo è rivolgere l’attenzione poetica al luogo che intrappola la persona e la sua biografia pur dandole ossigeno e libertà di movimento. Questo luogo è ‘remoto’ e i suoi passaggi sono ‘ruvidi’, a tal punto concreti e tangibili da essere poetici.

Quindi Cucchi ci accompagna con la sua persona come un Virgilio e ci colpisce con il lampo schiarente della poesia come se fosse Dante. Dante e Virgilio portano con loro il lettore, ma qui il poeta e la persona sono indissolubilmente legati e distanti tra loro. Dante immagina se stesso in viaggio, mentre Cucchi scende dall’immaginazione per restare nella realtà. Se Dante racconta, Cucchi formula. Se la realtà ha una sua invenzione Cucchi vuole giungere in quel luogo di essa dove si apre un itinerario che la percorre. Quell’itinerario ha i segni di un essere biografico capace di essere sia persona che poeta. Nella penultima poesia del libro Cucchi dice: ‘Avrebbe voluto esprimere, saperlo/fare, il suo sentimento dell’esserci.’ riferito a un senzatetto. Nell’ultima strofa della stessa poesia Cucchi si sovrappone a una persona che guarda da un balcone, e quella persona è sia un’altra rispetto a Cucchi sia la persona-Cucchi sia il poeta-Cucchi. Quindi Cucchi è una persona come tutti ma è anche poeta, e il poeta non va a modificare la realtà della persona, ma soltanto a creare, scrivere, attraverso la ‘lente’ della persona, il suo occhio. Il poeta non è un alimentatore della persona come può essere in William Blake o in Arthur Rimbaud, ma un osservatore clinico che perde ogni propria ideologia, per esempio di sguardo trasformativo. Nella penultima poesia della terza sezione ‘Minuta gocciola’ Cucchi dice: ‘…Si increspa/soltanto un minimo lo specchio [specchio d’acqua di un laghetto cittadino]/e la mia lente poco dopo esplode’. Qui il poeta delinea niente più di quello che accade a un iride partecipe del paesaggio che sta fissando, senza interpretazioni ulteriori, soltanto perché esiste quel rapporto di dipendenza tra paesaggio e iride, l’uno non può esistere senza l’altro. La persona è il filtro del luogo.

In questo libro non si cerca l’identità di Maurizio Cucchi, bensì come si manifesta il suo essere concreto di persona.

La sua biografia funziona nel luogo ‘remoto’ della realtà per gradi di concretezza, cosicché il poeta non deve fare altro che trasportare al lettore quella concretezza. Interessante è come questa concretezza della persona Maurizio Cucchi annunci il materiale poetico nella terza e quarta sezione per poi dover materializzarsi più volte nella quinta sezione, e ancora per far emergere dalla sesta sezione ‘Chiave di volta’ una materia che ha in sé risolta la concretezza della persona Maurizio Cucchi, come se il poeta avesse digerito la persona e si liberasse da essa.

Ecco apparire una dinamica che mette la persona e il poeta uno davanti all’altro, muovendosi uno verso l’altro dall’inizio del libro, incrociandosi alla quinta sezione, e di nuovo uno davanti all’altro allontananadosi in posizione opposta. Il libro procede mentre il poeta guarda il dato personale specificarsi in Maurizio Cucchi, per poi interrompersi quando trova il dato individuale, ossia quell’elemento biografico che è chiuso in lui, e che non è più aperto al luogo ‘remoto’ e ‘ruvido’.

Il libro è diviso in due, prima della quinta sezione e dopo la quinta sezione. Se la prima parte si apre con una citazione di Caproni la seconda parte si apre con una citazione di Baudelaire ‘“foreste di simboli”’. Caproni citato in quanto frammento di verso ripetuto savrappensiero, mentre il frammento di verso di Baudelaire è citato in quanto riferimento riflessivo. Da una parte l’individuo di Caproni si confronta con la persona di Cucchi, dall’altra il poeta Cucchi si confronta ritrovando sul suo cammino un’espressione che ha centocinquant’anni. Cucchi sembra dirci che ilsuo essere poeta non è lontano da quell’essere poeta di tanto tempo fa.

Quindi le persone sono legate, persona e individuo sono legate e la persona discende dall’individuo, e la condizione di poeta rimane stabile nei secoli.

Quindi se il poeta è da sempre un’anima, questa da sempre si adatta a differenti interlocutori, questi potrebbero essere corpi di quell’anima, interlocutori che sono uomo o individuo o persona, o testo stesso, o nulla, o altro ancora, specificati con perizia nei migliori poeti. ‘Come ‘foreste di simboli’ ai più sconosciute’ descrive bene l’indefinitezza della carne della poesia, che dietro nasconde il luogo ‘dove, il nostro evento, mirabilmente si riproduce a nostra insaputa.’, siamo all’inizio e alla fine delle sesta sezione.

Nella settima sezione ‘Babazouk’ il dato concreto della persona, più si fissa nel luogo più si perde poeticamente nei confini che lo circondano. Poche strade di Nizza, vissute dal visitatore che è proprio Maurizio Cucchi, sono inglobate e sospese nella poesia, ed anzi l’indefinitezza della poesia vi penetra fino a moltiplicare e a perdere i confini di quei particolari, nomi su targhe che danno su brevi ricordi di biografie, parziali rimandi ad altri fatti e nomi, altri contesti. Eppure tutto è concreto nell’amplificazione del poeta che, trascinato fin lì dalla persona, vive e filtra quei particolari, fino a che la persona non viva il trauma dell’indefinitezza della poesia, appunto quella ‘Madonna del tombino’ di cui già si è detto: trauma gentile, accettato come parte della propria persona che è anche poeta. ‘[…]La pioggia/forse, o la sorte comune del bello/venuto dal basso, da povere mani/sapienti ormai sciolto, […]’ definisce bene la poesia come combinazione di persona e poeta che si influenzano a vicenda creando l’accettazione della realtà.

3 – fine

Leggi la prima parte del commento a questo link

Leggi la seconda parte del commento a questo link

Jacopo Ricciardi, Tre finestre, acrilico su tavola, 2016

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maurizio

Cucchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cucchi Maurizio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

De Amicis, Edmondo – IL PICCOLO PATRIOTA PADOVANO

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, il sentimento nazionalistico, il decoro, la grettezza, le meschinità, i pregiudizi, osservati e descritti con mordente ironia e profondo senso poetico. Ogni storia, dove pare nulla succeda, rivela in realtà una complessità di sentimenti che smascherano, agli occhi e al cuore di Joyce, la vera anima di Dublino. Introduzione di Giorgio Melchiori.

Gente di Dublino

Joyce James

Un pericoloso maniaco, detto il Collezionista di occhi, rapisce i bambini e li nasconde. Uccide la madre. Il padre ha quarantacinque ore a disposizione per scoprire il nascondiglio. Questo è il gioco. Quando l’ultimatum scade, la vittima muore. Ma l’orrore non finisce qui, perché al cadavere del bambino manca qualcosa: l’occhio sinistro. L’assassino però non vuole essere considerato un collezionista, ma un giocatore. E in questo gioco sinistro è intrappolato anche il reporter Alexander Zorbach, un ex poliziotto, narratore in prima persona, che man mano che la storia procede si rende conto che sta diventando sempre di più una pedina in un duello mortale. Il Collezionista di occhi finora non ha lasciato tracce. Ma improvvisamente compare una testimone misteriosa: Alina Gregoriev, una psicoterapeuta cieca, che sostiene di poter vedere nel passato dei suoi pazienti attraverso il semplice contatto fisico. E forse, ieri, ha avuto in terapia proprio il Collezionista di occhi…

IL GIOCO DEGLI OCCHI

Fitzek Sebastian

Nel dicembre 1988, un violentissimo terremoto colpì la Repubblica Armena. Una intera regione fu rasa al suolo. Leggere questo testo porta a riflettere sull’entità incalcolabile delle catastrofi così lontane da noi spazialmente ed emotivamente, a considerare i popoli altri non come una massa indistinta, ma come un insieme di volti e di voci. Gli eventi di quei lunghi mesi hanno cambiato per sempre il corso della vita di molti protagonisti, mentre il mondo intorno a loro era in profonda trasformazione. Questa è la storia di una rinascita. Quest’opera è finalista al concorso letterario “Mangiaparole” (2012) e vincitrice della XI edizione del premio letterario diaristico “La Lanterna Bianca” (2012).

IL LUNGO INVERNO DI SPITAK

Simonelli Mario Massimo