Narrativa

SMILE PLEASE

Rhys Jean

Descrizione: Jean Rhys divenne improvvisamente un caso letterario alla metà degli anni Sessanta, con la pubblicazione del romanzo Il grande mare dei Sargassi (un caso diffusosi dall'Inghilterra assieme alla scoperta della letteratura femminile come genere letterario specifico). In quel momento, Jean Rhys era quasi ottantenne, e aveva alle spalle una vita ricca di ferite e delusioni, iniziatasi, come per altre scrittrici del secolo, nel declino del colonialismo europeo. E aveva alle spalle una conclusa stagione di racconti, degli anni Venti e Trenta, i cui ricorrenti protagonisti erano donne vinte in tristi stanze londinesi o parigine. Poi, a trent'anni di distanza, il suo maggior romanzo. E questa autobiografia di un'infanzia e adolescenza in Dominica, in cui il teatro del mondo delle ultime colonie dà un respiro profondo e un orizzonte infinito al racconto di una diversità che si fa progressivamente emarginazione, lontananza spirituale. Smile please, ordinava inutilmente la mamma a una bambina distratta davanti al fotografo; e quella incapacità di sorridere a comando, dal primissimo ricordo infantile, diventa l'emblema di una vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Sellerio

Collana:

Anno: 1992

ISBN: 9788838908385

Trama

Le Vostre recensioni

C’è qualcosa di instabile come l’acqua in me, e quando le cose diventano difficili me ne vado. Non ho ciò che gli inglesi chiamano viscere”.

Smile please” è l’autobiografia – scritta all’età di ottant’anni – di Jean Rhys, divenuta famosa solo nel 1966 con il romanzo “Wide Sargasso Sea”. La stagione creativa della scrittrice inglese Ella Gwendoline Rees Williams, nota appunto con lo pseudonimo di Jean Rhys, inizia però molto tempo prima, negli anni venti e trenta, quando scrisse, tra gli altri i romanzi, “Voyage in the Dark” e “Good Morning, Midnight”.

Nata in Dominica nel 1890, dove visse con la propria famiglia, all’età di diciassette anni, lasciò l’isola caraibica per recarsi in Inghilterra e qui vi rimase sino al 1919, quando si trasferì a Parigi con il primo marito, Jean Lenglet.

L’esperienza londinese fu per la scrittrice una grande delusione: a Londra finirono miseramente i suoi sogni di gloria e felicità. La sua precoce carriera di attrice si concluse fugacemente, come il primo amore della donna per un uomo molto più anziano di lei, il quale l’abbandonò lasciandole un assegno mensile che, nonostante l’offesa di un simile gesto, la scrittrice non poté rifiutare, a causa della propria disastrata situazione economica.

L’Inghilterra si rivelò per Jean Rhys troppo distante dai colori, i sapori, i profumi e la vitalità della terra d’origine: la sua esistenza in Europa rimase ai margini di una società in cui non si sentì mai a proprio agio e a cui preferì la solitudine della propria stanza e il silenzio dei propri pensieri. I personaggi femminili dei suoi romanzi risentono profondamente di questa visione pessimistica e dolorosa della vita: esseri marginali e sottomessi, vittime del cinismo e della crudeltà dei loro carnefici.

Smile please” nasce dall’esigenza della scrittrice, ormai anziana, di raccontarsi e di sottrarre il racconto della sua vita allo sciacallaggio di scrittori pochi accurati. Riesce tuttavia a ultimare per la pubblicazione – come ci spiega la nota al romanzo – solo la prima parte del libro, quella che racconta della sua vita in Dominica. La seconda – che si apre con il trasferimento in Inghilterra – risente molto della mancata rivisitazione dell’autrice, facendosi più pesante e appiattita nella narrazione.

Il ricordo si assottiglia e Jean Rhys fatica a riprodurre con nitidezza momenti della sua lunga vita, che accenna e riporta solo marginalmente. Tuttavia, la scrittura non si improvvisa ma rivela una padronanza e una forza inaspettate.

Jean Rhys merita una lettura: prima che dell’autobiografia, quella degli altri romanzi, uno su tutti “Il grande mare dei Sargassi” edito da Adelphi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jean

Rhys

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rhys Jean


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Carmine Abate dà vita a una grandiosa epopea tra l'Italia e il "mondo grande", che ancora una volta scava nella nostra memoria collettiva e ci racconta di uomini e donne coraggiosi: dal capostipite Carmine Leto, con la sua moglie americana, al figlio Jon e al nipote Carmine, il narratore della storia, che segue le tracce segrete del proprio padre; dal duro lavoro nelle miniere del Meridione alle speranze di riscatto nella "terra promessa" oltreoceano; dalle straordinarie donne del passato a quelle di oggi, come Lina Leto, irrequieta e ribelle, e la figlia Lucy, che ai giorni nostri torna inaspettatamente al paese per riscoprire le proprie radici. Sostenuta da una lingua ricca, fedele all'impasto pieno di sapore che da sempre caratterizza la prosa di Abate, e insieme scandita da un ritmo incalzante, cinematografico, sulle pagine prende forma un'indagine narrativa corale che ha il passo serrato di un giallo – e infatti ruota intorno al mistero di una morte da vendicare – ma che è soprattutto un appassionato apologo sulle partenze e i ritorni, sugli strappi e i sotterranei legami tra le generazioni, sui tempi della vita e sull'amore che può sopravvivere alla morte.

La felicità dell’attesa

Abate Carmine

Il commissario Ricciardi è il protagonista indiscutibile della scena criminale della Napoli anni Trenta. I casi che prende in consegna vengono risolti con abilità e precisione che lascia sconcertati i suoi colleghi e le istituzioni. A non tutti piace questa sua capacità che si dice sia innaturale, dettata addirittura dal demonio. Certo Ricciardi ha dalla sua un dono, quello di ascoltare le ultime parole del morto assassinato nel luogo del delitto. Un’abilità divinatoria che lo inserisce quasi in una categoria stregonesca. Eppure a volte neanche questi mezzi sembrano bastare di fronte ai misteri di certi crimini. Il Giorno dei Morti viene rinvenuto il cadavere di un bambino. Ricciardi è allertato e parte subito con la ricerca degli indizi. È un’indagine che però nasce in nefaste condizioni. Le autorità fermano ogni tipo di inchiesta perché sta per arrivare in città Benito Mussolini. Non è il caso di distogliere l’attenzione e a Ricciardi viene sottratta la pratica. Al giovane e coraggioso commissario toccherà indagare in modo clandestino, ma soprattutto dovrà indagare senza alcun indizio perché nel luogo del delitto, per la prima volta non viene avvertita alcuna voce. A questo punto un interrogativo: ha esaurito il suo dono oppure quel bambino non è stato ucciso lì? Maurizio De Giovanni torna con la sua voce inconfondibile e le atmosfere di una Napoli ipnotica e affascinante al quarto romanzo sul commissario che di storia in storia conquista e avvince sempre più lettori.

Il giorno dei morti

De Giovanni Maurizio

Siamo arrivati in nove. In apparenza, siamo uguali a voi: vestiamo come voi, parliamo come voi, viviamo come voi. Ma non siamo affatto come voi. Siamo più forti, più veloci e più abili di qualsiasi essere vivente del vostro pianeta. Avete presente i supereroi dei fumetti e quelli che ammirate al cinema? Una cosa del genere, però con una grossa differenza: noi siamo reali. Ci siamo rifugiati sulla Terra e ci siamo divisi per prepararci: dovevamo allenarci, scoprire tutti i nostri poteri e imparare a usarli. Poi ci saremmo riuniti, tutti e nove, e saremmo stati pronti. A combatterli. Ma loro hanno scoperto che siamo qui e adesso ci stanno dando la caccia. Così siamo costretti a scappare, a spostarci in continuazione. Attualmente mi faccio chiamare John Smith, e mi nascondo a Paradise, in Ohio. Credevo di essere al sicuro, ma ho commesso un errore gravissimo: mi sono innamorato di una mia compagna di scuola. E non potevo scegliere un momento peggiore. Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia Il Numero Due in Inghilterra. Il Numero Tre in Kenya. E li hanno uccisi. Io sono il Numero Quattro. Io sono il prossimo...

SONO IL NUMERO QUATTRO

Lore Pittacus

Inutile negarlo: l’essere ipersensibili può portare a risvolti problematici. Nonostante queste persone tendano a rinunciare a se stesse rivolgendo la loro attenzione all’esterno e agli altri, non sono rari rimproveri del tipo: Devi essere sempre così emotivo? Eppure, l’ipersensibilità non è necessariamente un “tallone d’Achille” che espone a sofferenze, delusioni, o irragionevoli inibizioni: se la si usa bene, può rivelarsi una dote incredibile. Rolf Sellin, che per anni ha studiato questa predisposizione soffrendone lui stesso, guida gli ipersensibili verso l’adozione di un nuovo atteggiamento che permetta loro di contenere gli effetti più negativi della loro condizione. Insegna a smettere di acconsentire a richieste eccessive, ponendo confini più netti tra sé e il mondo. Spiega come uscire vincitori, anche quando si ha la netta impressione di essere affetti da una forma inguaribile di “altruismo patologico”, indesiderato, incompreso e, per giunta, gratuito. Aiuta a valorizzare la capacità di empatia, senza esserne sopraffatti, a vivere le emozioni proprie e altrui, con maggiore equilibrio. Invita a trasformare le sensibilissime antenne in dotazione agli ipersensibili, eccezionali nel captare ciò che ai più resta sconosciuto, in un talento da spendere in ogni ambito dell’esistenza. Gli spunti di riflessione, i numerosi suggerimenti sono utili a chi vuole imparare a gestire da solo e in modo costruttivo la propria sensibilità, sia nella vita privata sia professionale, e a proteggersi in modo più efficace a livello mentale ed energetico, così che l’ipersensibilità possa tornare a essere quello che realmente è: un’incomparabile risorsa interiore.

Le persone sensibili hanno una marcia in più

Sellin Rolf