Narrativa

SMILE PLEASE

Rhys Jean

Descrizione: Jean Rhys divenne improvvisamente un caso letterario alla metà degli anni Sessanta, con la pubblicazione del romanzo Il grande mare dei Sargassi (un caso diffusosi dall'Inghilterra assieme alla scoperta della letteratura femminile come genere letterario specifico). In quel momento, Jean Rhys era quasi ottantenne, e aveva alle spalle una vita ricca di ferite e delusioni, iniziatasi, come per altre scrittrici del secolo, nel declino del colonialismo europeo. E aveva alle spalle una conclusa stagione di racconti, degli anni Venti e Trenta, i cui ricorrenti protagonisti erano donne vinte in tristi stanze londinesi o parigine. Poi, a trent'anni di distanza, il suo maggior romanzo. E questa autobiografia di un'infanzia e adolescenza in Dominica, in cui il teatro del mondo delle ultime colonie dà un respiro profondo e un orizzonte infinito al racconto di una diversità che si fa progressivamente emarginazione, lontananza spirituale. Smile please, ordinava inutilmente la mamma a una bambina distratta davanti al fotografo; e quella incapacità di sorridere a comando, dal primissimo ricordo infantile, diventa l'emblema di una vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Sellerio

Collana:

Anno: 1992

ISBN: 9788838908385

Trama

Le Vostre recensioni

C’è qualcosa di instabile come l’acqua in me, e quando le cose diventano difficili me ne vado. Non ho ciò che gli inglesi chiamano viscere”.

Smile please” è l’autobiografia – scritta all’età di ottant’anni – di Jean Rhys, divenuta famosa solo nel 1966 con il romanzo “Wide Sargasso Sea”. La stagione creativa della scrittrice inglese Ella Gwendoline Rees Williams, nota appunto con lo pseudonimo di Jean Rhys, inizia però molto tempo prima, negli anni venti e trenta, quando scrisse, tra gli altri i romanzi, “Voyage in the Dark” e “Good Morning, Midnight”.

Nata in Dominica nel 1890, dove visse con la propria famiglia, all’età di diciassette anni, lasciò l’isola caraibica per recarsi in Inghilterra e qui vi rimase sino al 1919, quando si trasferì a Parigi con il primo marito, Jean Lenglet.

L’esperienza londinese fu per la scrittrice una grande delusione: a Londra finirono miseramente i suoi sogni di gloria e felicità. La sua precoce carriera di attrice si concluse fugacemente, come il primo amore della donna per un uomo molto più anziano di lei, il quale l’abbandonò lasciandole un assegno mensile che, nonostante l’offesa di un simile gesto, la scrittrice non poté rifiutare, a causa della propria disastrata situazione economica.

L’Inghilterra si rivelò per Jean Rhys troppo distante dai colori, i sapori, i profumi e la vitalità della terra d’origine: la sua esistenza in Europa rimase ai margini di una società in cui non si sentì mai a proprio agio e a cui preferì la solitudine della propria stanza e il silenzio dei propri pensieri. I personaggi femminili dei suoi romanzi risentono profondamente di questa visione pessimistica e dolorosa della vita: esseri marginali e sottomessi, vittime del cinismo e della crudeltà dei loro carnefici.

Smile please” nasce dall’esigenza della scrittrice, ormai anziana, di raccontarsi e di sottrarre il racconto della sua vita allo sciacallaggio di scrittori pochi accurati. Riesce tuttavia a ultimare per la pubblicazione – come ci spiega la nota al romanzo – solo la prima parte del libro, quella che racconta della sua vita in Dominica. La seconda – che si apre con il trasferimento in Inghilterra – risente molto della mancata rivisitazione dell’autrice, facendosi più pesante e appiattita nella narrazione.

Il ricordo si assottiglia e Jean Rhys fatica a riprodurre con nitidezza momenti della sua lunga vita, che accenna e riporta solo marginalmente. Tuttavia, la scrittura non si improvvisa ma rivela una padronanza e una forza inaspettate.

Jean Rhys merita una lettura: prima che dell’autobiografia, quella degli altri romanzi, uno su tutti “Il grande mare dei Sargassi” edito da Adelphi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jean

Rhys

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rhys Jean


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questa storia inizia nel 1919, con il trattato di St Germain che avanza il confine italiano sul crinale alpino, stabilendo che gli altoatesini, pur essendo di lingua e cultura tedesca, non sono più austriaci ma italiani. È soltanto l’inizio di un’assurdità che dura un secolo, dall’“italianizzazione forzata” del Fascismo alla collaborazione coi nazisti in fuga, fino alle bombe negli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta. Una regione in cui la politica, di ogni colore, anziché eliminare i contrasti li ha lasciati proliferare insieme all’odio. Vassalli ripercorre questo paradosso e arriva ad oggi con una proposta concreta per chiudere i conti con la Storia e andare finalmente avanti.

Il confine

Vassalli Sebastiano

Dai poemi omerici alla fantascienza contemporanea, dai testi sacri ai fumetti, passando per tutti i capisaldi della nostra educazione alla lettura (dai "Ventimila leghe sotto i mari" ad "Alice nel paese delle meraviglie", dal "Milione" di Marco Polo a Tolkien), l'umanità ha continuamente inventato terre immaginarie e leggendarie, proiettando lì desideri, sogni, utopie, incubi troppo ingombranti e impegnativi per il nostro limitato mondo reale. Umberto Eco ci conduce in un vero e proprio viaggio illustrato in queste terre lontane e sconosciute, facendoci scoprire da chi sono abitate, quali passioni le attraversano, quali eroi le abitano e, soprattutto, quale importanza rivestono per noi. Un percorso erudito e godibile insieme che accosta testi antichi e medievali a testi contemporanei, film a poemi, fumetti a romanzi che hanno segnato la sensibilità e la formazione di tutti noi.

Storia delle terre e dei luoghi leggendari

Eco Umberto

In tutta la sua carriera, l'ispettore di Polizia Jeanette Kihlberg non ha mai visto niente di simile: il corpo giace seminascosto in un cespuglio in uno squallido quartiere periferico di Stoccolma. Un ragazzo, una vittima di un omicidio brutale, un cadavere perfettamente mummificato. Jeanette capisce che da sola non può farcela, il suo intuito investigativo non basta per capire quali abissi nasconde la mente che ha concepito questa messa in scena. Chiede aiuto a Sofia Zeltelund. psichiatra, esperta di personalità multipla. Al primo omicidio ne seguono altri, tutti con le stesse modalità. Jeanette e Sofia incominciano insieme un viaggio all'inferno, alla ricerca di un serial killer. Tutte e due si pongono le stesse domande: quanto deve soffrire una persona per trasformarsi in un mostro? E quanto stravolgerà la loro vita questa caccia all'uomo, questa guerra contro il tempo e contro la distruzione? Un libro duro e cupo dal ritmo incalzante, un thriller che spicca in un panorama letterario nordico ricco di autori di bestseller come Stieg Larsson e Lars Kepler. Un esordio che è diventato un caso editoriale nel Nord Europa, che ha stupito la critica e che è balzato in vetta alle classifiche. Un romanzo sul male che trasforma la vittima in carnefice, che si insinua nel lettore e che non lo abbandona più...

LA STANZA DEL MALE

Sundquist Hakan Axlander

Un giallo-verità che l’autore racconta vent’anni dopo esserne venuto a conoscenza: questo è Il caso Piegari, coda imprevista di un vecchio libro che a suo tempo sollevò scandalo e indignazione, Mistero napoletano. Un omissis finalmente svelato? Proprio così, lungo soltanto sei brevi capitoli ma non meno drammatici e incalzanti di quelli relativi alla storia del suicidio di Francesca Spada. Raccontano la follia che colse il geniale fondatore del Gruppo Gramsci dopo la sua espulsione dal Partito comunista (1954) per volontà di Giorgio Amendola, accusato da Guido Piegari di essere l’ispiratore di un meridionalismo “perverso”. Una storia che sembra appartenere soltanto al passato e che in effetti si svolge in gran parte in un’Italia che non esiste più. Ma il presente, lo sappiamo, ha un cuore antico. Soprattutto in una città come Napoli dove il Gruppo Gramsci continua a sopravvivere, sia pure in forma traslata, attraverso l’Istituto italiano per gli studi filosofici fondato da Gerardo Marotta che fu, all’alba degli anni cinquanta, il braccio destro di Guido Piegari e magna pars del Gruppo stesso.

Il caso Piegari

Rea Ermanno