Narrativa

SMILE PLEASE

Rhys Jean

Descrizione: Jean Rhys divenne improvvisamente un caso letterario alla metà degli anni Sessanta, con la pubblicazione del romanzo Il grande mare dei Sargassi (un caso diffusosi dall'Inghilterra assieme alla scoperta della letteratura femminile come genere letterario specifico). In quel momento, Jean Rhys era quasi ottantenne, e aveva alle spalle una vita ricca di ferite e delusioni, iniziatasi, come per altre scrittrici del secolo, nel declino del colonialismo europeo. E aveva alle spalle una conclusa stagione di racconti, degli anni Venti e Trenta, i cui ricorrenti protagonisti erano donne vinte in tristi stanze londinesi o parigine. Poi, a trent'anni di distanza, il suo maggior romanzo. E questa autobiografia di un'infanzia e adolescenza in Dominica, in cui il teatro del mondo delle ultime colonie dà un respiro profondo e un orizzonte infinito al racconto di una diversità che si fa progressivamente emarginazione, lontananza spirituale. Smile please, ordinava inutilmente la mamma a una bambina distratta davanti al fotografo; e quella incapacità di sorridere a comando, dal primissimo ricordo infantile, diventa l'emblema di una vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Sellerio

Collana:

Anno: 1992

ISBN: 9788838908385

Trama

Le Vostre recensioni

C’è qualcosa di instabile come l’acqua in me, e quando le cose diventano difficili me ne vado. Non ho ciò che gli inglesi chiamano viscere”.

Smile please” è l’autobiografia – scritta all’età di ottant’anni – di Jean Rhys, divenuta famosa solo nel 1966 con il romanzo “Wide Sargasso Sea”. La stagione creativa della scrittrice inglese Ella Gwendoline Rees Williams, nota appunto con lo pseudonimo di Jean Rhys, inizia però molto tempo prima, negli anni venti e trenta, quando scrisse, tra gli altri i romanzi, “Voyage in the Dark” e “Good Morning, Midnight”.

Nata in Dominica nel 1890, dove visse con la propria famiglia, all’età di diciassette anni, lasciò l’isola caraibica per recarsi in Inghilterra e qui vi rimase sino al 1919, quando si trasferì a Parigi con il primo marito, Jean Lenglet.

L’esperienza londinese fu per la scrittrice una grande delusione: a Londra finirono miseramente i suoi sogni di gloria e felicità. La sua precoce carriera di attrice si concluse fugacemente, come il primo amore della donna per un uomo molto più anziano di lei, il quale l’abbandonò lasciandole un assegno mensile che, nonostante l’offesa di un simile gesto, la scrittrice non poté rifiutare, a causa della propria disastrata situazione economica.

L’Inghilterra si rivelò per Jean Rhys troppo distante dai colori, i sapori, i profumi e la vitalità della terra d’origine: la sua esistenza in Europa rimase ai margini di una società in cui non si sentì mai a proprio agio e a cui preferì la solitudine della propria stanza e il silenzio dei propri pensieri. I personaggi femminili dei suoi romanzi risentono profondamente di questa visione pessimistica e dolorosa della vita: esseri marginali e sottomessi, vittime del cinismo e della crudeltà dei loro carnefici.

Smile please” nasce dall’esigenza della scrittrice, ormai anziana, di raccontarsi e di sottrarre il racconto della sua vita allo sciacallaggio di scrittori pochi accurati. Riesce tuttavia a ultimare per la pubblicazione – come ci spiega la nota al romanzo – solo la prima parte del libro, quella che racconta della sua vita in Dominica. La seconda – che si apre con il trasferimento in Inghilterra – risente molto della mancata rivisitazione dell’autrice, facendosi più pesante e appiattita nella narrazione.

Il ricordo si assottiglia e Jean Rhys fatica a riprodurre con nitidezza momenti della sua lunga vita, che accenna e riporta solo marginalmente. Tuttavia, la scrittura non si improvvisa ma rivela una padronanza e una forza inaspettate.

Jean Rhys merita una lettura: prima che dell’autobiografia, quella degli altri romanzi, uno su tutti “Il grande mare dei Sargassi” edito da Adelphi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jean

Rhys

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rhys Jean


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ad alta voce, la poesia interpretata da Luigi Maria Nastasi Corsanico

In una Venezia magica, si consuma l'ultimo atto di un'antica storia d'amore, rivissuta attraverso l'adagio di un concerto per oboe di un Anonimo del '700, da un uomo e una donna che non hanno mai cessato di amarsi.

Anonimo Veneziano

Berto Giuseppe

La silloge poetica vincitrice del Premio Casinò di Sanremo 2018

Costellazioni di Ilaria Spes

Spes Ilaria

Gira una voce: che Amundsen coltivi lo stesso proposito, ovvero raggiungere il Polo Sud, ma il norvegese nega. Sarà solo il 12 ottobre,a spedizione già lanciata, che Scott riceverà un laconico telegrammada Amundsen: vado a Sud. Che cos'hanno in comune Robert Falcon Scott e re Giovanni Senza Terra? O il principe Gionata e Ron, l'amico del cuore di Harry Potter? L'essere secondi, in maniere, epoche e pagine differenti. Un ruolo che hanno svolto anche tante donne, eroine nascoste oppure pioniere nella loro tenace esistenza. O ancora musicisti e, naturalmente, atleti. A volte persino intere discipline sportive che raramente brillano sotto i riflettori. Ma seconde sono pure le notizie che potrebbero salire sul podio e offrire una speranza, un coraggio diversi. In questo libro Marilena Lualdi esplora vicende di persone - a volte appunto di eroi - con le loro luci e le loro ombre, senza indossare i panni di storica, ma dedicando loro un'attenzione a volte calpestata, deviata o affievolita dal tempo. Un viaggio che attraversa nazioni e continenti, grazie all'esempio del capitano Scott, morto cento anni fa nell'epica gara per la conquista del Polo Sud.

L’importanza di essere secondi

Lualdi Marilena